nr 1 - Contiene:

 

L’ultimo spurugghiafacenni

Lu zu Ninu e lu tilifuninu

Lu parap..sicolugu

 

 

 

                                     L'ultimo spurugghia-facenni

                                         

 

 

                                             Commedia in tre atti

 

                                                         di

 

 

 

Versione in siciliano della commedia dello stesso autore: 

 

                          “                             A.A.A.A.A                       “

                              Antica Affermata Agenzia Affari & Affini

 

 

 

 

 

 

 

 Personaggi:

 

 

Orazio Fatuzzo.....................Titolare Ag.d'affari;

 

Tanu Gebbia.........................scrivano di Fatuzzo;

 

Vennera................................moglie di Fatuzzo;

 

Tina......................................figlia di Fatuzzo;

 

Angelino...............................figlio di Tanu;

 

Giacomo Clisteri..................possidente;

 

Melo Marcio........................puzzone zolforoso;

 

Una cliente...........................esigente;

 

Un rapinatore.......................cortese;

 

E, inoltre, Sant'Onofrio, in effigie, che parla soltanto.......protettore dei spurugghia-

 facenni.

 La vicenda si svolge a Catania, agli inizi degli 60.

 

 

                                                          Atto  I

 

 

Sulla scena e` stato ricostruito un piccolo locale adibito ufficio. E` la sede dell'agenzia.

A destra c'e` la porta d'ingresso. A sinistra una piccola tenda porta nel retro. Nel locale sono sparsi piccoli e vecchi mobili da ufficio: Una piccola scrivania, un  tavolinetto, un'etager, e una vetusta macchina da scrivere.

Un quadro di Sant'Onofrio e` appeso alla parete di destra. A sinistra vi e` un attaccapanni in parte schiodato. Una radiolina e` posta sul tavolinetto. Montagne di vecchie pratiche sono ammucchiate nell'etager, nello scrittoio e nel tavolinetto.

All'apertura del sipario, vi e` in scena Tanu Gebbia, intento a lavorare su una pratica e, intanto ascolta la musica proveniente da una radiolina posta sul suo tavolinetto. Egli canticchia il motivetto emesso, ma inventa parole a modo suo. 

Tan.- E gira e gira e gira quant'è beddu, tarararararara`, a  femmini sinni iu  Angelinu e quasi quasi ce la  indovinu, taratazzitazu`, tarattazitazzu`.. Ci dissi  Angelinu statti attento, sinno` fai a fini di to cuscinu, ca ci appizzo` li pinni e lu mulinu,  taraattatatatazza`! Ezi, ezi` e zo`, ezi ezi e zzo`!-

Entra dalla porta d'ingresso Orazio.

Ora.- Gente allegra...Dio l'aiuta... -

Tan.- ( smettendo di cantare e alzando il capo) Oh,  principali salutamu.-

Ora.- Salutamu, salutamu. ( si toglie la giacca e tenta  d'appenderla nell'attaccapanni, ma quello si schioda e  finisce tutto a terra) Malanova a mia!-

Tan.- Chi fu? Cascau?-

Ora.- No ca quali, si sta sulu ripusannu... Cappoi quannu ti decidi a mettirici  'n chiovu, mo fai sapiri.-

Tan.- Ju? Nonzi, principali, ju sunu scrivanu, e no carpinteri.-

Ora.- Certo, ca ora si ci metti 'n chiovu ti sfili tuttu, pi casu?.. Tanu  cà, 'na sta antica Agenzia, tu si statu assuntu in qualità di  factotum, fattillu trasiri 'n testa 'na bona vota!-

Tan.- 'N mumentu, 'n mumentu, l'anno passatu m' aviti promossu scrivanu, chi fu? Vu scurdasturu?- 

Ora.- Fu un errore! Mi sbagghiai! (per tutta la durata della commedia, quando Orazio vuole mettere in risalto la sua qualità di datore di lavoro, con Tanu, si esprimerà in italiano, possibilmente ricercato per dare maggior peso all'intervento) E ora, Tanu Gebbia, ti retrocedo ad aiutante factotum- 

Tan.- Pi 'n chiovu?-

Ora.- Esattamente! E ti riduco anche lo stipendio, così impari!-

Tan.- E no, nonzi, chissu nun u putiti fari.-

Ora.- Ahu, bistiuni, io sono il tuo principale e posso tutto!-

Tan.- Principali, sintiti a mia, nun putiti.-

Ora.- Ah no? e allura dimmilu tu picchì nun pozzu. Ti rivolgi, forse, ai sindacati? Al Tar,  al Presidente?-

Tan.- Ca quali. Vui nun mi putiti dari menu di chiddu ca mi dati: cioe` niente!-

Ora.- Niente?-

Tan.- Esatto! Sunu cincu misi ca nun mi pavati a simanata.-

Ora.- Ah, si?-

Tan.- Ah, no? A unni u truvati a nautru cretinu comu a mia?-

Ora.- Pi chissu hai perfettamente ragione!-

Tan.- Principali, dicevu cretino comu pi diri scemo, cioe` 'n fissa ca travagghia gratisi.-

Ora.- Travagghia? A quannu mai! Tuttalpiù passa tempo.-

Tan.- Brevi, principali, cchi m'aiu a mettiri a giacca?-

Ora.- Chi c' hai friddu?-

Tan.- Dicevu: mittermi a giacca, comu si dicissi: M'aiu a cunsidirari licenziatu?-

Ora.- (pensandosi su) Pi sta vota no. Ma accura, da questo momento sei aiutante factotum in prova!(posa tutto sulla sedia)  Ed ora abbessa tuttu, picchì nte to manu st'ufficiu addivintau na stadda! Ma 'n vidi cchi  disordine?  cchi pruvulazzu, cchi fumeri? Eppoi nun a senti sta puzza?  fammi addunari na stu casciolu, Tanu  Gebbia!-

Tan.- E pirchì? Ju ci aiu li me cosi pirsunali e  riservate... Voi dovete rispettare la mia privativa...-

Ora.- Si, va bè: sali e tabacchi! Tanu si dire “privacy” e ora, sulu pi sta lezioni di 'nglisi, m'a vissutu a travagghiari gratisi autri sei misi. Tanu Gebbia, accuzzamu, tu ccà nta stu casciolu ci ammucci scocci di furmaggiu picurinu, tozzi di pane  duru di sei misi e nozzoli d'alivi virdi da passata annata... e se il mio naso non  m'inganna, anche reschi d'angiovi salate. Questo non è un cassetto e` 'na pattumiera!-

Tan.- E a culpa e`da sò!-

Ora.- Mia?-

Tan.- Ca comu, vostra! Si vui m'avissaru datu rigularmenti a pava,  il salario, lo stipendio, la pecunia, ju putevu fare dei pasti  decenti, decorosi, 'nvece, datu a cinghia ca aiu a stringiri, jornu doppu jornu, mi pozzu primmettiri sulu u manciari de puvireddi.-

Ora.- Ma varda cchi faccia tosta! Ma si tu nun ai mai mangiato autru nta to vita. Tanu, ti sanu tutti ca tu pi na lira...-

Tan.- E ci aviti ancora raggiuni, sugnu indiggerenti - finu all'ossu...

Ora.- Tanu, si dice indigente; indiggerenti ci addiventi si cuntinui a manciari sti purcarii.-

Tan.- U sacciu, u sacciu, ma nicissità obbliga liggi. Principali, principali, appena me figghiu Angilinu va ne carrabbineri e pigghia a prima pava, vaddassi chi ci dicu: m'accattu na fedda di carne, - principali a vinnunu  ancora a carni, veru?- po mi fazzu nun gran piattu di maccarruni co sugu di porcu e, pi finiri, nu quartu di vinu e na cazzusa. Inzumma, principali, nu pranzu da Re!-

Ora.- ( che ascoltava  Tanu con l'espressione di chi non mangia da una settimana e tenta d'annusare per vedere se almeno sente l’odore del cibo) Biatu tu, ca ammenu manci ca fantasia.-

Tan.- Beh, principali, se ci primmititi anvitu puru a vui...a biviri a cazzusa...-

Ora.- (fortemente ironico) Grazi Tanu, grazie assai e...non ti sciupare, accura. ( riprendendo le sue funzioni) Piuttosto, scrivano, ci sono stati clienti?-

Tan.- Si, unu!-

Ora.- ( interessatissimo) Unu? ( tra se) varda ca forsi stamatina si mancia.... E dimmi scrivano, che voleva? Forse una transizione?  ( Tanu fa no col capo) Una sensalia? ( Tanu Idem) Una pratica matrimoniale?-

Tan.- No-o.-

Ora.- E annunca parra tu, botta di sangu!-

Tan.- Voleva... na firi i nascita.-

Ora.- Un semplice certificato di nascita? E pezzu di sceccu, e mi dai tanta speranza?.. ( annichilito) E ju ca mi cridevu gia`u pranzu assicuratu.-

Tan.- Eccu, taliatulu, nun è mai cuntentu! Principali a ta sapiri ca  ogni figatinu di musca e` sostanza...-

Ora.- Si dice macari ca u bongiornu si vedi do matinu.-

Tan.- Ma ca a spiranza e` l'ultima a morire...-

Ora.- Cu di spiranza campa...-

Tan.- Eh, la speranza... ( sospirando)-

Ora.- Ti inchi l'occhi, e la panza... Eh, Tanu, Tanu, comu si po` campare muggheri e se figghi ca to spiranza? –

Tan.- E mu diciti a mia? Ju cu Angilinu aiu i me duluri,  e cchi ni sapiti vui. Ha studiatu è struitu...  e ancora aspetta u postu, ca nun  arriva mai. Ju ci dissi: Trasi nte carrabbineri, ddà` hai a pava e a carriera assicurata. Ma iddu nisba! E, testa di chiuppuru, s'arrifiuta.-

Ora.- Tanu, to figghiu si voli fari a vita a modu so, e un so dirittu, infunnu.-

Tan.- 'N funnu, ma assai 'n funnu, doppu ca mangiau...-

Entra da destra una cliente.

Cli.- Bongiorno, c'aviti pumata pe scarpe?-

Ora.- ( pazientemente) Signora, lei ha sbagliato. A putia e` appressu porta.-

Cli.- Vih, cchi sfasulata, v'ava pigghiatu pa putia do scarparu...-

Tan.- Cappoi tanta differenza non c'e`...-

Ora.- (fulminadolo con lo sguardo) Grazie a tia! (poi alla cliente) E avete sbagliato ancora: la putia do scarparu è a porta prima. Chista è un'agenzia d'affari.-

Cli.- E chi travagghiu saresse?-

Ora.- Sarebbe che noi non siamo nel ramo commerciale.-

Cli.- Allura chista nun è na putia?-

Ora.- Signora, ci arripetu ca questa e` un'Agenzia...-

Cli.- E cchi vinniti?-

Tan.- Nenti. Noi non vendiamo niente... La nostra Agenzia produce servizi...-

Cli.- Ah, faciti i sirvizzi? A dumiciliu?-

Tan.- Ni scanciau pi cammareri.-

Ora.- Ma no, noi sbrighiamo pratiche varie. Transazioni,  sensalie, pratiche matrimoniali, disbrigo documenti...ecc. ecc.-

Cli.- A siti spurugghia-facenni! E picchì nun mo dicisturu prima? Sintite, ju avissi nicissità di nu sussidio di  poverta`...

Tan.- ... macari nuatri... (sottovoce)-

Cli.- ... mo putiti fare aviri?-

Ora.- Noi possiamo sbrigarvi i documenti necessari, al resto  ci dovete pensare voi e il sindaco.-

Cli.- Bih, malanova, sulu questo? Ma cchi ci stati a fari vuatri?-

Ora.- ( pazientemente) Signora, avete sbagliato nuovamente  porta. Andatevene, che e` meglio.-

Cli.- Ca certu ca minni vaiu. 'Mbrugghiuni, ciarlatani di piazza, approfittatori da povira genti!  Vonu uscari senza travagghiari! Parassiti! ( esce)-

Ora.- (sconsolato) E ora a jurnata e` proprio accuminzata.-

Entra Vennera, la moglie di Orazio. Donna forse ancora piacente, ma trasandata nel vestire e nel pettinarsi.

Ven.- Bonciornu a tutti.-

Ora.- Vennera, vinisti truppu prestu. Ancora nenti! ( fa  cenno con le dita per dire niente soldi) -

Tan.- Bongiornu signora Vennera.-

Ven.- Propriu... nenti? -

Ora.- Finu a stu mumentu, nenti!.-

Ven.- E cchi ci fazzu manciari ai picciriddi?-

Ora.- Vai na latteria, fatti dare qualche litru di latti a cridenza e arrangiati con chiddu.-

Ven.- E pi 'n mossu di pani?-

Ora.- Cuntaccillu a iddu.( indica Tanu), Cretinu tuttu! Pigghiau nu travagghiu e nun si fici dari a caparra.-

Tan.- Ca ora, si non manciati a culpa e`da me! Ma cchi m'ava fari dari? Cento, duecento lire  di caparra? Su quattrucentu di tariffa? Principali: fu po bon nnomi dell'Agenzia.-

Ven.- Tanu, lassati iri, nun v'affinniti, vui non ci trasiti...-

Ora.- Scusami Tanu, sugnu dispiratu, ju, o m'ammazzu, o cangiu misteri.-

Ven.- Prufissioni, caro, prufissioni. Tu si 'n  prufessionista, comu l'avvocato Rizza, l'ingegnere Puzzo, il dottore Bozza...-

Tan.- Comu a Saru u pazzu..-

Ora.- E cchi c'entra Saru?-

Tan.- Avi u so propriu ufficiu persunali (facendo il saputello).-

Ven.- Tanu, nun diri sbafiri.-

Tan.- Vo giuru ca e` veru, Giuru su sant'Onofriu. Si pigghiau n'ufficiu cu tantu di tabella!-

Ora.- E cchi ci scrissi? Saru Scalora, intisu u pazzu?-

Tan.- No, no.. c'e` scrittu... c'e` scrittu... Ah, eccu. C'e`  scrittu: Studio di parapi...-

Ven.- Parachi?-

Ora.- Parapigghia! E cchi autru po fari unu comu a chissu.-

Tan.- E facitimi arriurdari. Aspittati. Benissimu. Dunchi, c'è scrittu: studio di parapipi`...-

Ven.- Ohu, parrati pulitu.-

Tan.- Aspittati, aspittati, mi desi u so' biglietto. ( tira fuori,  dopo molti tentativi in tante tasche, un  biglietto da  visita) Ecco, vi lu leggiu: Studio di parapsicologia e scienze occulte. Riceve tutti i giorni, escluso Natale,  Pasqua, e per la Madonna del Rosario. Prezzi modici. Taliati ccà.-

Ven.- E tutti sti paruluni pi diri " numinavintura"?-

Ora.- ... Mago, veggente, " mavaru"...  Ca certu, abbasta mettiri nnomi in bell'italiano, o megghiu  in lingua straniera, e la gente, fissa, curri comu i pesci alla lampara... (pomposo)  Anch'io potrei mettere nell'insegna: Studio di consulenza burocratica e di pubbliche relazioni. Il nostro motto e`: Veloci e solerti!"-

Tan.- E ci faciti puru i biglietti?-

Ora.- Naturalmente...-

Tan.- E ci mettiti macari  u me nnomu?-

Ora.- E tu cosa c'entri? Sei solo un dipendente...-

Tan.- Piccatu. Piccatu. Principali, pirche`si ci trasevu macari ju avissuru scrittu, pi sicuru: " Studio di consiglienza borotalchica, pubblici  reazioni, morti vostra, veloci e conserti, macari cunfetti: riceviamo tutto, anche in natura, comu diri: puddastreddi, cunigghi, pasta e pani di casa. Firmato Orazio Fatuzzo e Tanu   Gebbia" . Ah? Cchi diciti sona bonu?-

Ora.- (espressione schifata) Tanu, tu si completamente scemu!-

Ven.- Orazio, ma varda ca forsi forsi st'idea do studiu 'n'è malazza. Cangia attivita`curaggiu!-

Ora.- E pi fari cosa? U sai ca pi rapiri uno studio ci vole un  titolo accademico... (guardando Tanu)  Sceccu!, prima ca parri tu, tu dici ju. Significa avere un titolo di  studio, una laurea, un diploma... E ju aiu appena appena a terza avviamentu prufissiunali.-

Tan.- Mih cche idea. Facimu accussì: Vui andati vinni iti a studiare, all'ufficiu ci penzu ju e Angilinu, appoi facemu a mita`...-

Ora.- ( schifato) Tanu, vo cucchiti!-

Entra da destra Angelino. e` un ragazzo smilzo di circa vent'anni.

Ang.- Buongiorno signora Vennera, principale...papa`...-

Saluti a soggetto.

Tan.- Soldi nun n'aiu!-

Ang.- Ma papa` sono senza una lira...-

Tan.- Tu fai a dumanna pi carrabbineri e ju, chiddu ca pozzu di dugnu.-

Ang.- Papa`, io il carabiniere non lo faro` mai!-

Ven.- Poviru figghiu u vuliti fare " sbirru"?-

Tan.- U vogghiu fari 'n'omu ca mancia tutti i jorni.-

Ven.- Carni vinnuta.... povirazzu...-

Tan.- Da sti parti si dici: Cu mi duna a manciari, e` u me pattruni.-

Ang.- Ma si dice anche: Digiuno e liberta`!-

Tan.- Chissa s'avvidiri tutta. Brevi, chissa t'anvintasti ora.- 

Ora.- Chiù` liberta` d'accussi.... sunu tri ure ca semu a spassu.-

Ven.- Riprendennu u discussu: picchì 'n ci penzi seriamenti?-

Ora.- Apriri nu studiu nun sinni parra. Forsi si putissi cangiari attivita`? E cchi fazzu? U canchieri? U varveri? U scarparu? C'appoi, chistu e` un  momentaccio,  passera`.-

Ang.- ( che aveva ascoltato attentamente) A proposito di cambiare attività, oggi passando dalla via Garibaldi, ho  visto un'Agenzia che si occupa di pratiche  automobilistiche, ed era affollatissima. Oggi tutti vogliono la patente, e` una mania, ma anche una  necessita`, e code non ne vuol fare nessuno...  Sapete avevano la prima stanza piena di gente, e  nell'altra, il titolare riceveva i clienti di riguardo.  Signor Fatuzzo, perche` non ci fate un pensierino anche  voi?-

Ven.- U vidisti? Non sarebbe un'idea?-

Ora.- ( a Tanu) E tu a stu brillante giovane, u voi  fare carabiniere. Cretino! Angilinu, l'idea mi piace, ma s'avissa a cangiari i mobili, macari cangiari zona,  cangiari...-

Tan.- ...Testa...-

Ora.- ( occhiataccia a Tanu)... Cangiari scrivanu... certo,  certo... si putissi fare...-

Tan.- ... ju macari sociu...-

Ora.-... tu bestia!-

Ven.- U vidi ca si sempri arditu?-

Tan.- ( tra se) Ma 'n'era bissaglieri?-

Ang.- Signor Fatuzzo, se volete vi porto informazioni più  precise, notizie certe.-

Ora.- Tanu, si sicuru ca stu carusu d'ingegnu e to figghiu? D'accordo   Angelino, informati. Ora bisognerebbe pensare  all'insegna... -

Tan.-... e ai bigliettini...-

Ora.- ( pensieroso) Si potrebbe mettere cosi`: Ufficio  disbrigo pratiche tecniche, comunali e statali...-

Ang.- Signor Fatuzzo, ci vorrebbe una sigla, quella dizione  e` troppa lunga.-

Ora.- D'accordo. Angelino, siediti e scrivi: Disbrigo grattacapi sia statali quindi comunali.. Come  viene la sigla?-

Ang.- Viene: Dis-gra-sia... sta- qui... comu...-

Tan.- ...Sempri.-

Ora.- Cancella. Scrivi: Disbrigo speciale rapido documenti   importanti... leggi.-

Ang.- Di-spe-ra-d-i.-

Tan.- Comu a nuatri.-

Ora.- Muto Tanu Gebbia, sceccu vistutu pulitu. Scrivi  Angelino: Disbrigo speciale pratiche sicura accettazione... Come va`?-

Ang.- Allora: Di-spe-p-si-a.-

Tan.- Bello. Dispepsia. Sona bene...-

Ven.- Veramenti stu nnomu l'aiu sintutu diri...-

Ang.- Lo avra` sentito nello studio del dottor Bozza.-

Ora.- Perche` u dutture Bozza ci misi st'insegna?-

Ang.- Non e` un'insegna, e` una malattia dello stomaco, mi  pare...-

Tan.- Ma allura a mia forsi  'n' e` fami, e` dispe- pi- tia.-

Ora.- Si, disperazioni mia! Muto, ignorante!  Allora cambiamo sigla... anzi no, prima cambiamo i  locali... Dove andiamo?-

Tan.- A villa, a passiari...-

Ven.- Ju, a via Etnea, avissi aducchiatu na putia...-

Ora.- Venira lassa stari a via Etnea, ddà ci vonu sordi a palati.-

Tan.- Ju a  piazza Lanza aiu vistu nu localinu...-

Ora.- Tanu ddà ci vaiu ju, carzarato, picchì ora t'affucu- si pipii ancora.-

Ang.- Perche` non mettiamo un annuncio sul giornale? Puo` darsi che si presenti una buona occasione...-

Ora.- A mia s'apprisenta sulu l'ufficiali giudiziariu! Basta amici miei,  abbiamo sognato...-

Ang.- Ma no, ma no. Se e` per il locale, quello ve lo  trovero` io. Sara` solo questione di tempo.-

Tan.-... e di picciuli...-

Ora.- Senti, Angilinu, tanto pi capirini, ossia, affinche` tu   sappia... nzumma,  per regolarti... per conoscere le mie esigenze.  Ecco... aviss'a truvari un locale di almeno due vani,  in una strada commerciale, con vetrina esposta bene...- 

Tan.- ...vista panoramica...-

Ora.- ...con fitto non superiore, diciamo, alle trentamila lire  mensili, senza anticipo, cauzione e mensilita` morte.  Poi dovrebbe essere ben messa...-

Tan.- ...asciuttizza e suleggiata...-

Ora.- ... Di recente costruzione, o almeno, ristrutturata da poco... fitto bloccato...-

Tan.- ...ariusa e senza blatte e suggi.-

Ang.- Signor Fatuzzo, non state esagerando?-

Ven.- No, ma quali! Me maritu sapi chiddu ca fa. Vero  Orazio?-

Ora.- (pensieroso) Tutta l'idea e` un'esagerazione. Stiamo  tentando, no? Tanto vale tentare bene.-

Tan.- Ma, v'arrivordu, ca senza picciuli nun si canta missa.-

Ora.- Tu pigghia bonu pi tia. Anzi, a proprositu di picciuli, vistu ca ta buscari a jurnata, varda cchi fai, vai  alla  anagrafe e nescici ddu certificato a ddà clienti ca dicisti. O ritornu, passa da pischeria e vidi  si ci sono masculini frischi. Si ci sunu, ni pigghi na chilata... Bastanu? ( a Vennera, che alza le spalle, poi a Tanu) Si na chilata... e ti li fai macari puliziari per benino, e intantu ca ci si, fatti dare un pocu di puddrisinu e du lumii...Picchì i masculini, senza puddrisinu e lumia, di cchi cosa  sanu?-

Tan.- Ju dicu di nente!-

Ora.- Esattu, di nenti.-

Tan.- Ca certu di nenti! Picchì i masculini senza picciuli p'accattarli, sanu forsi di qualchicosa?-

Ora.- I picciuli, sempre ai soldi penzi, ma comu non ti stanchi  mai... i soldi, roba da uomini venali.-

Tan.- Brevi principali, cu cchiccosa accattu i masculini?-

Ora.- Ah, e` solu pi chistu? ( con aria annoiata) Senti, scrivano per il momento non ho spiccioli, anticipa tu, dopo ti  rimborsero`.   Anzi intanto che prepari la nota di rimborso spese,  aggiungi due chili di pane e un litro di vino bianco... sai sulle alici. Vai caro.-

Tan.- Principale, chista e` l'ultimissima nota spisi. Doppu, mi putiti anche licenziare a tappu, ma nun apprisentu cchiu`.-

Ora.- (c.s.) E fai bene. E` meschineria richiedere certi piccoli  rimborsi a chi vi da pane, lavoro, e dignità, e, perdippiu` vi  pone su un gradino piu` alto, nella scala sociale,  nel mondo del lavoro, in societa`...-

Tan.- Ohu, a vidiri  ca ora l'aiu stipendiari ju? E va bene, brevi principale, pi sta jurnata si mancia a sbafu! Tantu Tanu  Gebbia e` cretinu... Ni videmu dopu.-

Ang.- Vengo con te, aspettami papa`. Arrivederci signora  Vennera, arrivederci principale.-

Ora.- Angilinu, ti raccumannu...-

Ang.- State tranquillo.-

Ven.- Che bravo giovane...-

Ora.- Ma si sicura ca e` figghiu di Tanu Gebbia?-

Ven.- Sicura, sicura, aiutai ju a livatrici quannu lu sgravau a bonanna...-

Ora.- Mah, a mia nun mi cunvinci... -

Ven.- Orazio, allora ju m'arritiru a casa. Tu quannu veni, vuol diri ca porti i  pisci.-

Ora.- Ca mangiamu sicuramenti. Vai, vai. I pisci i portu, picchì Tanu  parra, parra, ma appoi l'accatta. Ni videmu Vennera.-

Ven.- Ciao Orazio.-

Vennera esce.

Ora.- Ora ma ta diri ca fari n pattri di famigghia pi purtari u pani a casa... signori miei...s'è giustu ca   un onest'uomu  s'approfittari di nu so dipendente mezzu babbasunazzu, pi sbarcare u lunariu. Ma vi pari bellu, vi pari dignitusu? Ju, mentri mpapocchiu du puvirazzu, m'affruntu comu nu vastasi criminali.( al quadro di  Sant'Onofrio.) E tantu pi capirini, parru cu vui. Cu vui, sant'Onofrio,  prutitturi de spuruggia-facenni. Fino a qualchi annu  fa, ci a davuru na manu. Ma, grazie a Diu, c'era macari tanta gente gnuranti, analfabeta, ca si affidava a nuatri littirati pi qualsiasi pratica e noi li servivamo e ci buscavano onestamenti la jurnata. Ma ora nun si fa piu` nenti di nenti. Ora tutti sanu  leggiri e scriviri, tutti sanu di tuttu, tutti sunu  smaliziati, e nuattri? I spurugghia-facenni, cchi facemu, ah? A fami, naturalmenti!  Ma dicu ju, cchi semu figghi di nuddu? Forsi ci ama ncaccatu i chiovi o signuruzzu? Nun avemu diritto a mangiari? Semu poviri urfaneddi? Ma appoi, rraggiunamu, chiccosa addumannamu di strabilianti, forsi l'automobile? I pranzi al ristorante? a pilliccia pa muggheri? No, addumannamu sulamenti di manciari du voti o jornu...pa famigghia. Poi, si fussi pi mia, vardati, Sant'Onofrio, parrannu cu vui in cunfirenza, a mia bastassi macari di manciari na vota o jornu. Ma vui, senza offisa, faciti u ... Nofriu, pi nun pavari i daziu, voi nicchiate, fate lo gnorri,  siete distratto... ma chistu cchi è cumportamentu giustu pi n santu prutetturi? Allora, vardassi cchi vi dicu, vi dugnu un ultimatum. Chi significa? Significa o manci sta minestra o ti jetti da finestra. Annunca, pi capirini na vota pi tutti: O mi  fate travagghiari e campari a me famigghia, oppuru vi cangiu facci, e mi affidu a qualched'un'altro menu stiticu di vui. Chissacciu, pi esempiu a San Cirinu. Semu d'accordu? Benissimu, allura: Patti avanti e amicizia longa!- 

Entra, di corsa, trafelata, una ragazza sui diciott'anni. Belloccia, vestita molto modestanemte. E` Tina, la figlia di Orazio.

Tin.- Ciao papa`, cchi stai facennu? ( tiene d'occhio la  porta d'ingresso)-

Ora.- Staiu cuntannu biglietti da mille...-

Tin.- Davvero? Ma varda cchi si  bravu.( non ha capito  nulla) E come riesci a fare bene le cose, tu...-

Ora.- Ca fantasia. Tina cchi c'hai?-

Tin.- Io? Nenti, nenti...( guarda sempre l'ingresso) 

Dalla porta si affaccia un uomo sui quarant'anni, alto, moro, ben vestito, accuratamente pettinato, profumato, parla con voce da basso. E` Melo Marcio.

Mel.- Permesso?-

Ora.- ( premuroso) S'accomodi signore. Buongiorno, in cosa  posso servirla?- ( Tina si gira di  spalle)-

Mel.- Buongiorno a voi, buon uomo. A cosa potete servirmi?  Beh, ancora non so, ma ci pensero`. Intanto, fatemi  salutare questa bella fanciulla... Signorina, i miei  omaggi.-

Tin.- ( sempre girata) Chissi ci dassi a so soru!-

Ora.- Ma Tina, che modi sono? Il signore e` un cliente.  Perche` voi siete un cliente, vero? ( a Melo)-

Mel.- Ma certo che lo sono. E, non faccio per dire, anche  molto facoltoso. Quindi, buon uomo, voi conoscete  questa scontrosa fanciulla?-

Ora.- E` mia figlia Tina. E non e` scontrosa, e` che non da  confidenza agli estranei. Mia figlia e` stata educata  all'antica: occhi bassi e bocca chiusa. Allora,  signore, mi vuole dire a cosa puo` esserle utile la mia  modesta agenzia?-

Mel.- Io faccio affari con molte persone. Il mio giro e` di  centinaia di milioni, e avrei bisogno di un punto  d'appoggio ... e lo sto cercando...-

Ora.- ( sedendosi a bocca semiaperta) Centinaia? Miliuni? Ntisi bbonu? (riprendendosi) Un punto  d'appoggio? Sedetevi signor... signor...-

Mel.- Melo Marcio. Sono un miliardario stravagante e... capriccioso. ( osserva la reazione di Tina, che si  gira appena)-

Ora.- Molto lieto. Io sono Orazio Fatuzzo, titolare di questa  agenzia. Sono un famoso  procacciatore d'affari in  questa citta`. Sono molto quotato tra i... tra...i... -

Mel.- ...spurugghia-facenni, lo so già.-

Ora.- Voi siete spiritoso e molto simpatico. Diciamo sensale  e affini. Vi sta bene?-

Mel.- A me sta benissimo anche spurugghia-facenni. Tanto, se  voglio, vi faccio diventate milionario lo stesso...-

Ora.- Co...come? Mi... mi... milionario? A mia?-

Mel.- A voi e a vostra figlia. Signorina, vi piacerebbe  diventare milionaria? ... Bei vestiti...gioielli, teatro,  villa al mare, chalet in montagna, appartamento di  lusso, macchine fuori serie...Eh? Vi piacerebbe?-

Tin.- ( alza le spalle) E cu vi canusci...-

Ora.- ( che ha seguito il discorso di Melo a bocca aperta)  E tutte queste cose per mia figlia? Ma allora voi siete  interessato alla mia Tinuzza?-

Mel.- Diciamo che potrebbe interessarmi (guarda allusivo Tina).- 

Tin.- E a me non interessate voi, sciò!-

Ora.- Un momento, un momento, che fretta! Parliamone con  calma, riflettiamo, discutiamone in famiglia. Questo  signore, mi sembra un vero signore, non si puo'  offenderlo con risposte affrettate, vero? Eh, caro  signore, e` ancora una bambina, datemi il tempo di  parlarle, di esaminare la vostra richiesta, di valutare  il caso...-

Mel.- Come volete, io ho a disposizione tutto il tempo che  voglio. Voi. piuttosto...( allusivo alle pessime  condizioni economiche che si vedono dall'ufficio  malandato)-

Ora.- Eh, ve ne siete accorto, vero? ( Melo fa spallucce come  per dire: ci voleva tanto) Certo, voi siete un uomo di  mondo e avete capito subito la mia situazione. E cosa  posso farci? Io ci metto tutta la buona volonta` per lavorare e guadagnare onestamente, ma, lo vedete voi   stesso, non entra nemmeno una mosca a chiedere un  bicchiere d'acqua di rubinetto. E che faccio, me li  invento io gli affari, le sensalie, le transizioni, il  rilascio di documenti magari per un concorso, un   matrimonio, una licenza di ambulante? Ci vorrebbe un  aiuto, ma nessuno m'aiuta, neppure il mio santo  protettore... Ma a lui glielo ho detto chiaro e tondo:  sant'Onofrio, o m'aiuti o ti cambio faccia e mi cerco  un altro protettore meno stitico di te.   Ma, credo che, santi o non santi, mi restano poche  alternative: O cambio mestiere o m'ammazzo!-

Mel.- Interessante, molto interessanti... quasi quasi siete  piu` interessante di vostra figlia... -

Ora.- ( sospettoso) Ju? ( Mel annuisce) Ahu, ma cchi vi mittistiru in testa? (equivocando) Taliati...signore...ca vi stati  sbagghiannu assai, assaiuni! Cu mia nun ci nesce nenti. A mia, miliuni o non miliuni, puppi e finocchi mi sunu indigesti!-

Mel.- Vedremo, vedremo... intanto vi propongo, diciamo cosi`,  una transizione a cento milioni, che ne dite?- 

Tin.- Papa`, scusami a mamma mi aspetta. Ciao ( esce di  corsa)-

Mel.- Ossequi signorinella scontrosa... dunque a noi.- 

Ora.- Fremmu unni siti o v'struppiu! Ju sugnu masculu normali, ripetu nor-ma.li!-

Mel.- Lo so, lo so... ( si guarda attorno sornione)- 

Entra Tanu.

Tan.- Principale, tutto fatto! Oh, buongiorno signoreee..  ( a Orazio sottovoce) Ma che e` sta  puzza?-

Ora.- Tanu, Tanuzzu, mio diletto scrivano. Vieni, vieni,  questo signore ha bisogno di qualcosa e forse tu potresti essergli utile. Evvero che lui potrebbe, eh?  ( allusivo) E` ancora forte, e`  muscoloso, aitante... anche giovane, se vogliamo. E` forte, intelligente,  salutivu...-.

Tanu lo guarda imbambolato e esegue i movimenti che gli fa fare Orazio, intanto che declama le sue possibilita`. Melo, invece resta impassibile, seduto con le gambe accavallate, con un enigmatico sorriso in bocca.  Poi Orazio continuera` la dimostrazione di Tanu, solo con la mimica.  Musica adatta, e sipario che lentamente si chiude.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                        Atto  II

 

 

Sulla scena e` stato ricostruito l'interno di un moderno ufficio. Al centro troneggia una grande scritta:A.A.A.A.A.  Antica Affermata Agenzia Affari e Affini di Fatuzzo e  Gebbia Casa fondata nel 1962.

Sempre a sinistra c'e` la porta d'ingresso, mentre a destra vi e` una porta con la scritta " O. Fatuzzo - Privato". 

Mobili nuovi sono sparsi nell'ufficio. Il ritratto di sant'Onofrio e` appeso sempre a destra.

All'apertura del sipario la scena e` vuota e buia e si sente squillare il telefono. Da sinistra si ode scattare la serratura e si apre la porta. Entrano Orazio e Tanu. Ambedue sono vestiti con abiti nuovi.

Ora.- (accendendo la luce) Tanu, annacati arrispunni o telefono.-

Tan.- ( esegue) Pronto? si qui e` l'A.A.A.A.A. di  Fatuzzo e Gebbia... cosa desiderate? Ah, sei tu Angelinu? e cchi voi?.. ritardi? Va bene, vuoli dire che ti luvamu da pava l'uri di ritardu. Ciau, ciau. ( a Orazio) Era Angelinu, dice ca  ritarda.-

Ora.- E tu, omu pricchiu e miserabili, cchi fai, ci levi a paga?-

Tan.- Sissignore. Semu na giovane azienda e se nun na sapemu quartiari, in quattru e quattr'ottu, fallemu.-

Ora.- Ca ora fallisci pi  qualche ora di assenza di to figghiu.-

Tan.- A liggi e` oquali pi tutti... Caro sociu Fatuzzo.-

Ora.- Senti Tanu, se ti mittisti nta testa di camurriarimi ogni  mumentu: socio Fatuzzo di ccà, sociu Fatuzzo di ddà, varda, ju sciogghiu a societa`...e appoi cchi sunu sti cunfirenzi...(infastidito)-

Tan.- Ma semu soci o no?-

Ora.- Semu soci pa liggi, pi l'occhio sociali, inzumma pa genti. Ma per i nostri  rapporti, tu sei lo scrivano e io il  principale. Mettitelo bene in testa!-

Tan.- Ma quannu anticipai i picciliuli, voi mi dicisturu: Tu i soldi, Angelinu u travagghiu e io l'ingegno, e saremu stati soci con nome in ditta...-

Ora.- Ma non ti dissi macari ca nun ti dovevi prendere  eccessiva confidenza? E allora, in privato, stai al tuo  posto...scrivano...-

Entra un cliente. E` Giacomo Clisteri, possidente, quasi analfabeta , vestito da contadino. Porta la coppola che si toglie entrando.

Gia.- Permesso, si puo`, pozzu trasiri?-

Ora.- Avanti signore, s'accomodi...-

Gia.- Dissi a mia?-

Ora.- Naturalmente. Ecco, si segga qui. ( lo fa sedere vicino  a Tanu) Signor Gebbia, veda cosa desidera il signore,  poi mi riferisca nel mio ufficio privato. Con  permessoo.- ( entra dove c'e` scritto privato) 

Tan.- (dandosi delle arie) Allora, chiccosa pozzu fare per vossia?-

Gia.- ( a disagio) Ecco eccellenza...commendatore...ju vulissi  sapiri na cosa...-

Tan.- L'indovinaventura e` cchiù sutta, a sinistra.-

Gia.- Ma no, ju vulissi sapiri... cchi  cosa vinni a fare cca?-

Tan.- ( alzando gli occhi dal foglio dove prendeva appunti) E  u vuliti sapiri di mia? Chista è bella.-

Gia.- ( trasalendo) No, eminenza u dissi tantu pi diri, picch' nun sacciu cchi diri. Dunchi, aspittati, Ah, si. Parrannu cu vui, vulissi sapiri comu pozzu fare pi fare un affare cu voscenza.-

Tan.- Con nuatri, caro signori, nun si ponu fari sulu affari d'affari pi fari stuffari, pi cui nun avi cchi fari comu a vui, ma si vuliti fari affari d'affari, pi diri: di soldi, e non di  pazzi, e allura parrati chiaru - ma a mia mi pari ca vui...( fa segno per dire che siete  pazzo e squattrinato)-

Gia.- ( come un automa) Eccu a voscenza, ci abbastunu? (  tira fuori dalla tasca una mazzetta di biglietti da  diecimila lire)-

Tan.- (Senza alzare gli occhi) In primis in primis, ma ta diri cchi affari vuliti fare, in secundis...-

Ora.- ( uscendo a precipizio dalla sua stanza) ... In secundis  tu si sempre cchiù` bestia...( adocchia la mazzetta)- 

Tan.- Ma sociu Fatuzzo, cchi cosa diciti?-

Ora.- Dico che quando un cliente ti mostra una mazzetta...  (allusivo) tu devi avere l'educazione di .. guardarla e  u bon sensu di nun fare cchiu` dumanni cretine. Dite a me signore, io  sono Orazio Fatuzzo, titolare di questa Antica  agenzia...-

Tan.- Prego, contitolare.-

Gia.- Piacere Eminenza, ju sugnu Clisteri Giacomo fu Salvatori classi 1917, e nun sacciu  picchì vinni ccà.( dispiaciuto) 

Ora.- Mutu tu!- ( riferito a Tanu che stava per dire  qualcosa).-

Gia.- Sissignore! ( che ha capito male)-

Ora.- Ma no signore, dicevo al mio vice assistente aggiunto  in prova, (guardando Tanu ferocemente) prossimo disoccupato.  Allora, signore, concentratevi e cercate di ricordare, intanto se volete  poggiare qui questi soldi?-

Gia.- Ah, ora m'arricordu. Aviss' accattari na cosa...-

Tan.- Cchi cosa?-

Ora.- Cosa?-

Gia.- Una.. una.. nun m’arricordu cchiu`...Eccu, u truvai: una automobile?-

Ora.- Un'automobile, voi?-

Gia.- Già. Nun m'arricordu picchì, ma mj l'aiu accattari...-

Tan.- Ma i picciuli l'aviti?-

Gia.- Chisti nun bastanu?-

Ora.- A occhio e croce direi di no...-

Gia.- Allora ripassu n'autra vota.-

Ora.- Ma no, restate seduto. Guardate, facciamo cosi`: noi avviamo la pratica, voi ci date un anticipo, e quando  sarete disposto, ci salderete la parcella e poi andrete a ritirare la vettura che desiderate presso la  filiale. Ora dateci le generalita` e diteci quale vettura volete acquistare.-

Gia.- Eminenza, ju vulissi n' automobile, non na vittura...-

Ora.- E la stessa cosa.-

Gia.- Nonzi, a vittura va a cavalli...-

Tan.- ...e l'automobile a pedi. Ci aviti raggioni.-

Ora.- Tanu, mutu! Calma, eh? Dunque volete un'automobile, e noi vi daremo  un'automobile. Poi ci direte come la volete. Scrivano,  istruisci la pratica!-

Tan.- Ju?-

Ora.- Tu.-

Tan.- Ma u sapeti ca sugnu  gnoranti ( piano).-

Ora.- Cretino, prendigli le generalita`. Dai annacati prima ca cangia idea...Poi fatti dare un congruo anticipo.-  ( rientra nel suo ufficio)

Tan.- Capitu. Mezza parola. Dunque... nnome?-

Gia.- Clisteri Giacomo, classe 1917, abitante a Bello Sito,  cuntrada Fragola, via senza nummero, agricoltore.-

Tan.- Piano piano... Clisteri... Giacomo... classi...eeeeh, via....eeeeh,..,agricoltore.  Che tipu d'automobile?-

Gia.- Nun m'arricordu. Voscenza cchi dici?-

Tan.- E si facissimu na seicentu?-

Gia.- Ah, m'arricurdai, vogghiu una macchina grossa grossa, una  automobile tedesca, una merceria.-

Tan.- Vuliti un'automobile o una merceria?-

Gia.- Una merceria con le ruote...-

Tan.- Siti ambulanti?-

Gia.- E a vossia cchi ci interessa? Comunque ci l'aiu i mutanti.-

Tan.- Bonu va, chistu è macari suddu. Allura l'avete gia` detto: siti agricoltore e non ambulanti...bene... sintite... videmu...(non sa più che dire o cosa fare, tocca e ritocca le carte dal tavolino) Brevi! datemi un congo anticipu e vinni putiti iri.-

Gia.- E l'automobile?-

Tan.- Doppu, dopu...I picciuli, prego?-

Gia.- Bastanu diecimila lire?-

Tan.- Comu anticipu saressero picca, ma u me sociu anzianu dissi congo...picciò cridu di si.-

Gia.- A voi. ( da un biglietto) Mi ni pozzu iri? Si? Allura bongiornu... ( esce come un  automa)

Ora.- ( entrando subito  dopo) Allora?-

Tan.- Ecco il congo anticipu.-

Ora.- Diecimila? Ma pezzu di Giufà, chiddu era chinu di  soldi e tu ti fai dari sulu diecimila lire?- 

Tan.- Ma voi mi dicisturu congo anticipu...-

Ora.- A parte u fattu ca ti dissi congruo anticipo, ti pari chistu un congruo anticipo?-

Tan.- E che ni sacciu ju.-

Ora.- Comu sarebbe: cchi ni sacciu?-

Tan.- Ju pinzai ca... ohh uffa! Principali, brevi, ju nun sacciu chi veni a diri a parola congo. A prossima vota parati chiaru.-

Ora.- Ecco! E` giustu ca a furtuna ci vota i spaddi. Ma cumu? Avemu a possibilita` di spellare un viddanu puru e cruru e c'un socio comu a tia- bestia, luvannici u battisimu, arriniscemu a acchiappari sulu  diecimila lire? Vilenu amaru! E ju, scanzatini, ci dugnu puru a curpa a Sant'Onofriu innuccenti e martiri.-

Tan.- E voi cu mia picch' nun parrati talianu? sociu Fatuzzo.-

Ora.- Tanu, varda ca oggi ju d'addifettu!-

Entra Melo Marcio.

Mel.- Buongiorno a tutta la compagnia..-

Ora.- Buongiorno a lei caro signore Marcio. S'accomodi,  prego.  Tanu, dai una sedia al signore.-

Tan.- 'Ngiorno. ( porta a malincuore la sedia, poi si siede in disparte)

Mel.- Signor Gebbia, che siete offeso con me?-

Tan.- Sunu affari mei.-

Ora.- Ma Tanu un po' di educazione, perbacco. Scusatelo  signor Marcio, sa i dipendenti...-

Mel.- Lo scuso, lo scuso. Anche se l'offeso dovrei essere  io...-

Ora.- Avete ragione, perfettamente ragione. Ma vedete  oggigiorno ci sono in giro certi tipi, certi adescatori  di giovani scrivani, insomma, capite, si equivoca facilmente. E  lei, caro signore, da biricchino, non ha fatto nulla per evitare l'equivoco.-

Mel.- Mi divertivo. Sapeste che faccia avevate.-

Ora.- E che volete farci, siamo vecchia pasta, all'antica...-

Tan.- A mia certi sgezzi mancu pi sgezzu mi l'ata fari, eccu!-

Mel.- E va bene, signor Gebbia, non pensateci piu`.  Allora, come vanno gli affari?-

Ora.- Proprio ora trasiu  un cliente per acquistare  un'automobile...-

Mel.- Un tipo tarchiato, da contadino, con la coppola?-

Ora.- Esattamente. Ma lei come lo sa?-

Mel.- L'ho visto uscire, no? Allora, adesso vi dò  informazioni sul suo conto.-

Ora.- Lo conosce? -

Mel.- Voi fate troppe domande inutile. Ascoltate piuttosto:  Giacomo Clisteri e` un facoltoso agricoltore che con le  serre e gli ortaggi fa soldi a palate. Non e` molto  istruito, anzi e` quasi analfabeta. Pero` ha una mente fine. Ora, tanto per iniziare... qualcuno gli ha messo in  testa che un agiato agricoltore, per essere alla pari  con gli altri, deve possedere una grossa macchina, una  Mercedes. Ed ecco perche` e` venuto da voi. Ora vi  confido un segreto: Giacomo porta tutti i suoi soldi addosso, cuciti nella fodera del vestito, nelle tasche,  nelle mutande, insomma e` imbottito di denaro liquido sempre... a disposizione. Eppoi e` distratto, distratto  assai...Ora, se siete furbi... con poca fatica volendo   potete fare... ottimi affari.- ( ammicca)

Ora.- Mezza parola, signor Marcio. ( ricambia l'ammiccata)  Noi ci siamo fidati di vossia fin dalla prima ora. Coi  i suoi consigli abbiamo aperto la nuova agenzia...-

Tan.- Coi miei risparmi, prego...-

Ora.- Che lui ha fatto fruttare e moltiplicare  in pochissimo  tempo, prego.   Dicevo che eseguiremo i suoi...consigli, non dubitate.   E per il suo  compenso?-

Mel.- C'e` tempo, C'e` tempo... Allora, buon lavoro e ci  vediamo dopo.-

Ora.- Arrivederla signor Marcio...l'accompagno.-

Mel.- Grazie, arrivederci.-

Esce.

Ora.- Tanu, e cchi è st'aria incagnata? Arritiriti stu mussu. Chiddu ni sta dannu na manu d'aiutu, quasi disinteressatamenti, u capisti?-

Tan.- Ssa disinteressata s'a vidiri appoi. Comunchi volussi fari l'affari, inzumma vulissi fari da me medesimu.-

Ora.- Ahu, nun ti sfurzari tantu a essiri chiaru, u sai? Eappoi, quannu mai tu hai fattu qualchicosa ca to testa? Chiuttostu, senti na cosa: secunnu tia, quantu puteva avire 'ncoddu Giacumu Clisteri?-

Tan.- E cchi ni sacciu . Picchì?-

Ora.- Secunnu i mei calculi ava viri minimu minimu due o tre milioni. C'appoi c'e` l'imbottitura, i sacchetti di intra e di fora, i mutanni... Poi, u vidisti cche lesu?.. smimuratu?.. Sentimi, e si pirdissi qualchicosa, cridi ca sinn'addunassi?-

Tan.- E chissacciu.-

Ora.- Melo Marcio dice ca a ricchizza ava essiri megghiu distribuita, e se Clisteri n'avi assai e nuatri picca, tu penzi ca putemu fari a parti? Comu diri mità e mità?- 

Tan.- Brevi, princ... sociu Fatuzzo, cchi sintiti diri?-

Ora.- Tanu, tu mi si fedeli?-

Tan.- Ju? si, picchì?-

Ora.- Fino alla morte?-

Tan.- Ahu, non mi fate scantari...-

Ora.- Giura che mi sei fedele.-

Tan.- U giuru. E ora?-

Ora.- E ora, ascuta chiddu ca ci aiu in testa, ccà nta me menti. Clisteri ci aiutera` a  sistemarci per sempre. Tanu, ju e tia lo alleggeriamu de picciuli ca ci assupecchianu!-

Tan.- E comu?-

Ora.- Operiamo un travaso: trasbordiamu na pocu di picciuli de so sacchetti alle nostre sacchette, chiaru?-

Tan.- E comu?-

Ora.- Mih, ma si bestia! Avi mezzura ca cercu di faratillu capiri: lo derubiamo, lo rapiniamo, lo scassiniamo. Oh!- 

Tan.- Noi? Ju e vui? Ma cchi addivinstasturu foddi?-

Ora.- Senti Tanu, ju aia campari setti prissuni e sugnu stancu  di tirare a carretta. Ora se m'accapita una facilissima  occasioni -d'oru- pi sistemarimi pi tutta a vita, ju a vogghiu affirrari a volu.  Poi tu nun a pinzari pi l'avveniri di Angelinu? U voi ne carrabbineri? U voi luntanu in terra stranera, sutta  pattroni? Co periculu ca ci appizza a peddi appressu a l'assassini? No, veru! E allura diventami sociu macari nta st'affari.-

Tan.- Nonzi, nun mi piaci.-

Ora.- E va beni, vuol dire che i giuramenti...-

Tan.- Quali giuramenti?-

Ora.- Chiddi ca mi facisti dieci minuti fa: Principali, saro` fedele nei secoli, vi aiutero`, vi staro` sempri vicinu, una parola e accorro! Inzumma, tantu pi chiamarli co veru nnomu: paroli fausi.-

Tan.- Ma e contru la liggi.-

Ora.- E alloru restamo na leggi e muremu di fame?-

Tan.- Ma avemu na nova agenzia, ci avvieremu, e co tempu buscheremu. Poi nun vi scurdati mai ca ci avemu i santi, ca ni pruteggiunu...-

Ora.- Se aspettiamu a iddi, prima ni vorrucunu cu tri palmi di terra 'ncoddu, e appoi sinni parra.. Tanu, o frati, ju sugnu stancu di miseria. Vogghiu arricchirmi e subito!-

Tan.- Ma cchi intenzioni aviti?-

Ora.- Una rapina. Eccu cchi cosa ci aiu in menti!-

Tan.- Na rapina? E comu?-

Ora.- Aiu tuttu ccà in testa. Ho studiato il piano: E  noi, ju, tu e...lui, saremu le vittime.-

Tan.- E se semu vittimi, cchi cosa ni trasi a nuatri?: dumanna!-

Ora.- Cretinu, a rapina, pi nuattri, sara` finta... Nuattri, poi ni pigghiamu...-

Tan.- Trent'anni di carziri!-

Ora.- E cchi fai u cuccu? Noi ne ricaveremo decine di milioni che  divideremo con Melo Marcio.-

Tan.- C'e` 'n mezzu macari iddu?-

Ora.- E` l'ispiratore.-

Tan.- Allura ju m'arritiru da banda.-

Ora.- Cretino, quello tiene la bocca chiusa e la tasca  aperta. Quello e` un uomo di mondo.-

Tan.- Pi mia e`na cosa ca feti, osia na cosa fitusa.-

Ora.- E tu tappati il naso. Dunque ho deciso: faremo una  rapina perfetta.   Ascoltami bene e prendi nota.  Io me ne staro` seduto dietro la scrivania e a Clisteri  lo faro` sedere con le spalle alla porta. Tu entri col  volto mascherato e con una pistola, e dici: Fermi   tutti, questa e` una rapina. Io alzo le mani e  t'imploro di prenderti tutto quello che vuoi, ma  lasciaci vivi. E per dare l'esempio, mi  svuoto le  tasche e poggio i miei soldi sulla scrivania. Tu li  afferri e, poi, trucemente, ti rivolgerai a Clisteri."E  tu dove tieni i soldi?" Quello ti dira`:"Nelle tasche."  Tu lo frughi e frugando trovi i soldi nascosti nella   fodera.  Arraffi tutto e, ingiungendoci di non muoverci   se no ci ammazzi, fuggi via. Al resto penso io.- 

Tan.- ( che lo guardava sbalordito) Principali, ma picchì mi parrati in talianu?

Ora.- Picchì accussi parrunu nte film amiricani, è un linguaggio che tu non puoi capire picchì si bestia. Allura: chiaru? 

Tan.- E ju aviss'a fari  tutte sti cose inzemi? Socio, vui siti pazzu!-

Ora.- Ma è di na semplici semplicità...-

Tan.- Eh, pi vui e` tuttu facile. Ma ju gia` m'ascurdai quannu aia trasiri, e cchi aia a diri.-

Ora.- E bravo! E allura ju cchi ci staiu a fare? Ora ti fazzu fari i provi.( si dirige verso la porta e guarda  se c'e` qualcuno ) Allura, ascuta beni, ju sugnu assittatu ccà.(si siede  dietro la scrivania) Tu trasi di ddà ( indica la porta)  e dici: Fermi tutti, questa e` una rapina!" Avanti  prova.-

Tan.- ( malvolentieri) Fremmi tutti, questa...rapina...-

Ora.- No, no, nente accentu dialettale. Devi dire: Fermi  tutti, questa e` una rapina! Pulito pulito. Avanti   prova.-

Tan.- Feermii tuttii, queeesta eee` una rrapina.-

Ora.- Ma perche` tremi?-

Tan.- Mi scantu.-

Ora.- Miserabile uomo da nulla. Devi soltanto dire sei  parole. Non mi dirai che hai paura di sei parole.- 

Tan.- Ju mi scantu di trent'anni di galera.-

Ora.- Avanti, riprova.-

Tan.- Fermi tutti, questa e` una rapina!-

Ora.- Ecco, quasi ci siamo. Per ora tu devi puntare il dito, poi  avrai una pistola...-

Tan.- No, nente pistoli, seno` m'arritiru.-

Ora.- Cretino, sara` finta! Allora, ti avvicini e io ti dico:  Non ci uccida, prenda tutto quello che abbiamo. Tu  arraffi i miei soldi e poi chiedi a Clisteri: E tu dove  tieni i soldi? Avanti, prova.-

Tan.- Fermi tutti, questa e` una rapina. E tu dove tieni i  ricordi? Volevo dire e tordi...-

Ora.- ...e malvizi...Ma quantu si bestia! Devi dire: E tu, dove tieni i soldi?  Riprova!-

Tan.- E tu dove tieni i soldi? Riprova! -

Ora.- Cretino. Che c'entra riprova? -

Tan.- Ahu, brevi, riprovu oppuru no.-

Ora.- Riprova, disperazione mia. Ecco io mi metto al posto  di Clisteri, tu esci, vai in strada, e poi entra con  decisione e dirai forte: Fermi tutti, ecc. ecc. Avanti annacati!-

Tan.- Mi movu, mi movu... dunque: fremmi tutti, questa e` una rapina... fremmi tutti, questa e` una rapina... fremmi tutti... ( intanto apre la porta ed esce)

Subito dopo, si spalanca una porta ed entra un uomo col passamontagna sul capo e una pistola in mano. E` un vero rapinatore.

Rap.- Fermi tutti, questa e` una rapina!-

Ora.- Bravo, hai imparato benissimo. Avanti, ora chiedimi i  soldi.-

Rap.- Dove tieni i soldi?- ( intanto si prende le diecimila  lire dell'acconto che erano poggiate sul tavolo)

Ora.- Per carita` non ci sparate... Avanti, bravo, cosi`,  arraffa tutto, si, pure quelli... ora avvicinati e prendimi il portafoglio eppoi frugami addosso...-

Rap.- Grazie compare. ( si prende il portafoglio ringraziando Orazio con i gesti, poi sai avvia verso l'uscita) 

Ora.- Bravissimo. Tanu, sei un rapinatore nato. Ed ora  indietreggia e vai via di corsa...-

Il rapinatore sta per uscire, quando entra Tanu. 

Tan.- Fremmi tutti, questa e` una rapina!-

Rap.- Troppo tardi compagno, il servizio e` stato gia` fatto.  Grazie ancora e arrivederci.- (esce di corsa)

Ora.- Ma...ma... allura..chiddu era un vero rapinatori?-

Tan.- Daveru? Ma varda...-

Ora.- E tu bestia scrivano fai rapinari u to principali senza intervenire?-

Tan.- Ca ora ci favevu : bum! cche ita.-

Ora.- Ci ava satari ncoddu, mangiargli u cori,  scannarlu, picchì chiddu, oltre all'affrontu fattu alla ditta, si purtau le diecimila lire d'accontu,  e macari u me portafogli...-

Tan.- Sugni dispiaciuto pa ditta, e pi l'accontu, ma po vostru portafogghiu...-

Ora.- Giuda, meschinu e sbirru, non t'importa nente de me cosi?-

Tan.- Tanto, pi chiddu ca ddu puvirazzu ci trova intra...-

Ora.- Ma e l'azione ca cunta! E stata na tagghiatina di facci! Bedda matri, ci appizzai u sceccu cu tutti i carubbi.-

Tan.- Curnutu e mazziatu.-

Ora.- Accura a comu parri, aspirante disoccupatu!-

Tan.- Ma nun ci pinzati cchiù, socio Fatuzzo. Appoi, ora, cu sta rapina caura caura, addivintati  importanti, comu i  notari, i gioiellieri, i banchi...inzumma comu ai pezzi grossi... Ci avite u bullu e a patenti!-

Ora.- Si, d'imbecille! E ora cchi fazzu? Nun pozzu addununziare a nostra rapina, picchì aia dinunziari chidda falsa...e gia`, macari pi na agenzia importanti, dui rapini nto giru di un pugnu di jorni sunu assai. I sbirri ci anu u nasu finu, a cchi ti pari a tia.-

Tan.- Socio Fatuzzo, ci sugnu! nun facemu chidda finta.-

Ora.- Tanu, ormai sugnu decisu, e nenti e nuddu mi fermera`.( assumendo la posa napoleonica) Capiscilo! sono determinato, forte e implacabile. Andro` in fondo alla decisione gia` presa, che mi   portera` dritto dritto...-

Tan.- ...in galera!-

Ora.- ...al raggiungimento del mio obiettivo.-

Entra Angelino.

Ang.- Buongiorno soci...e scusate il ritardo.-

Ora.- Buongiorno.-

Tan.- Ahu chista e l'ultima vota, socio Angelino.-

Ang.- Capito. Ci sono novita`?-

Tan.- Si, ni rapi...- ( Orazio lo blocca)

Ora.- Ci hanno rapi...to un cliente.-

Ang.- Come sarebbe rapito?-

Ora.- Ca era quasi nostru, ma la maliditta concorrenza nu futtiu. Vero Tanu?-

Tan.- Chistu nun u sacciu, ma so dici iddu....-

Ang.- Ma e` assurdo! Siamo ancora gli inizi e gia` la  concorrenza ci sbaraglia? Niente, ho capito, qui ci  vuole il cambio generazionale.-

Tan.- E cchi ni facemu di nu generale?-

Ora.- Mutu cretino... Senti beddu ( a Angelino ) si cridi ca ccà semu tutti  rimbambiti, ti sbagghi assaiuni... anzi sulu assai, perchi nu rimbambitu, in effetti, c'e` ed e` Tanu Gebbia, to pattri... poi..( si interrompe  perche` rientra Giacomo Clisteri)

Gia.- Eccellenza, eminenza, commendatore, mi arricurdai tuttu: Vogghiu accattari na macchina una Mercedes tedesca, e a vogghiu russa.-

Tan.- Brevi, o è russa o è tedesca!-

Ora.- Mutu cretinu! Caro signor Clisteri, sapeste che piacere ci fa il suo  ingresso, qui da noi...ma s'accomodi prego. Tanu una  sedia al signore...Ora la servo immediatamente, di persona...Ah, Angelino, prenditi nota del desiderio del  nostro.. facoltoso cliente e vai alla piu` vicina   filiale di macchine tedesche e prenota una bella,  comoda, elegante Mercedes rossa per il nostro   benestante, eminente, pregevole cliente. Vai,  giovanotto, vai bello.-

Ang.- ( sbalordito) Vado, vado... ossequi.- ( esce)

Tan.- Tu non dovevi andare in quel posto? ( allusivo)-

Tan.- Veramenti nun mi scappa. Ju ci vaiu di matina.-

Ora.- ( pazientemente) Non avevi da fare qualcosa?-

Tan.- Ju? E cchi cosa, mi pari di no...-

Ora.- Non dovevi andare affanc...Aiutante scrivano, uscite a  mettere a punto il nostro affare di cui si parlava prima... ( cerca di fargli capire della rapina)-

Tan.- Ah, u capiu, capito, ho capito... ma la...( fa cenno alla  pistola)..-

Ora.- Oggi si usa camminare con le mani in tasca... (allusivo  alla finzione col dito teso e la mano in tasca)..-

Tan.- ( incerto, poi capisce) Ah... e si capisce... annunca? vado?-

Ora.- Vai e cerca di entrare quando io dico che quegli  affari ci sono sicuramente... ( fa cenno ai soldi)- 

Tan.- Quannu siti accomudu... va bene... mezza parola!-

Ora.- Finalmente... e stai attento...-

Tan.- All'erta sto.( esce)

Ora.- E allora caro signor Clisteri, se volete, diciamo  cosi`, dirci come volete regolare l'affare, noi ve ne  saremmo veramente grati.-

Gia.- ( nuovamente assente) Mah, ju nun sacciu cchi nenti... non m'arricordu bene...-

Ora.- Ma i soldi, quelli li avete...con voi?-

Gia.- Quali soldi? Picchì?-

Ora.- Ma per la rapin...volevo dire per la rapidita` del  disbrigo della pratica...-

Gia.- Mattri santa, quali pratica?-

Ora.- Va bene che siete smemorato, ma a me sembrate solo  deficiente. E scusate. Ma la macchina la volete o no?-

Gia.- Ah, si , ricordu a vogghiu, una Mercedes tedesca...  rossa.-

Ora.- Alla buon'ora. E i soldi li avete con voi?-

Gia.- Sissignore, eccellenza.-

Ora.- Sicuro?-(Clisteri annuisce vistosamente, poi Orazio a Tanu, forte) I soldi li ha con se...( a Clistere) Ce li ha...bene, bene.-

Entra Tanu.

Tan.- ( con un fazzoletto sul viso) Freemmi tuttii, questa  ee` una rapina!-

Ora.- ( alzando le mani) Per carita` non ci sparate,  prendetevi quello che volete...-

Gia.- ( resta prima di sasso, poi crolla a terra) Ahi, mamma  mia bella!-

Ora.- Ahu, Tanu, cchi fu? ci sparasti veramenti?-

Tan.- E come ci sparavu che ita? -

Ora.- Chistu mossi! ( fa cenno con le due dita alla morte)-

Tan.- Bedda matri, semu assassini! U sapevu ju, u sapevu ( piagnucola) Quannu unu fa na cosa brutta, u Signuri na fa pavari di facci! e, pi mezzu di sant'Onofriu, n'a castiatu!-

I tre restano fermi, intanto il sipario si chiude.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                       Atto  III

 

 Stessa sistemazione scenica dell'atto precedente. All'apertura del sipario entra Melo Marcio.

Mel.- Permesso?-

Tan.- (Affacciandosi dall'ufficio privato di Orazio) Ah,  site vui...Assittativi, u principali po momentu e` molto occupato. Aspettare ccà.-

Mel.- Dite al... principale di non affannarsi troppo. Tanto  quello e` gia`...( fa cenno con le dita della mano alla  morte)-

Tan.- Macari a mia... Ma ma vui comu u sapiti?-

Mel.- La voci si spargono amico mio...-

Tan.- ( rivolto all'interno) Principale, dda` fora sanu gia` tutto. Semu arrovinati!-

Esce Orazio.

Ora.- Ma che dici, cretino. E non parlare ad alta voce,   piuttosto... Oh, buongiorno signor Melo Marcio, a cosa  dobbiamo l'onore...?-

Mel.- A Giacomo Clisteri...-

Ora.- A Giacomo... Clisteri? Non capisco...-

Mel.- Andiamo Orazio Fatuzzo, tutti sanno che Giacomo e` di  la`, nel vostro ufficio, morto stecchito.-

Ora.- Tutti sanno? Ma com'e` possibile?-

Mel.- Diciamo che almeno io lo so`. Va bene cosi`?-

Ora.- E` stata una disgrazia. Si e` accasciato per terra come  una pera matura. Senza dire una parola...-

Mel.- No dissi: ahi, mamma mia bella.-

Ora.- Mutu cretinu! Mih, ma lei sa tutto. Ma come fa?-

Mel.- Vi ho gia` detto di non fare troppe domande, specialmente se stupide... Allora, lo avete  alleggerito?-

Ora.- Allegerito? Di cosa, chiedo scusa?-

Mel.- Andiamo Orazio Fatuzzo, volete negare che lo volevate  rapinare?-

Ora.- Chi io? Tanu, forse Tanu, ma io no!-

Tan.- Ju? Morti subbitanea, ju nun volevu ma propriu propriu. Siti statu vui a insistere: Rapiniamolo, riequilibriamo,  travasiamo...-

Mel.- Ora incomincio a seccarmi. Orazio, ma siete tardo di  comprendonio. Allora, quanto vi ha fruttato il colpo?-

Tan.- Si tuttu ni va beni, l'ergastolo!-

Ora.- Mutu tu, cucca vecchia.( a Melo) Ecco, non sappiamo  ancora.-

Mel.- Non gli avete tolto... nulla di dosso?-

Ora.- Nulla. Abbiamo cercato di soccorrerlo, ma invano...-

Tan.- Ci abbiamu ncoddu, nta facci, na pignata d'acqua frisca, u pigghiamu a jancati, nenti, tisu cumu 'n baccalà!-

Mel.- ( alzandosi) A ceffoni vi dovrei prendere io, cretini.  ( passeggia) Bisogna affrettarsi... bisogna proprio  affrettarsi. Sentite Orazio, voi lo sapete che mi  interessate in modo particolare...-

Ora.- Che fa, ricominciamo?-

Mel.- Zitto cretino! ( Orazio ammutolisce di colpo) Dicevo  che voi mi interessate particolarmente. Volevate  far soldi in fretta, in qualsiasi modo, e io ve ne sto  dando l'opportunita`. Ma se voi ve la lasciate  scappare, io cosa ho concluso? Solo buone intenzioni e  basta. Quindi, cercate d'essere serio e deciso nello  stesso tempo, e andate a concludere cio` che avete  iniziato: Alleggerite Giacomo Clisteri.  Non c'e` altro!-

Ora.- Si...sissignore. Tanu, vai ddà banna ed... esegui..-

Tan.- Ju ddà banna sulu nun ci trasu.-

Ora.- Ti scanti forsi di un... di un... poveretto che dorme?-

Tan.- Chiddu da un pezzu sta tuppuliannu a San Petru, Eppoi eppoi, ju certi cosi nun i fazzu, mancu mortu!-

Ora.- Tanu, nun fare u cretinu. Completiamo il nostro piano  Senno`, che abbiamo combattuto a fare?-

Tan.- Ju i manu ncoddu a chiddu ddà, non ce li  mettu!-

Ora.- Ho capito, ci penzu ju, tantu di certi soci, Diu ci ni scampi e liberi...-

Tan.- (con un sospiro di sollievo) Santa Barbara, si decisi.-

Ora.- Allura cchi fa, vado?-

Mel.- Certo, cosa aspettate ancora, la carrozza?-

Ora.- Trasemu insemi, Tanu.-

Tan.- Nonzi, principale, ju nun vegnu. Pi mia finich - chiuso. Da una  semplici livellazioni semu passati a rapina, da rapina all'om... al... a ddà cosa ca sapemu nuatri. Ora avissi a fari macari u sciacallu? Mai e poi mai! Principali, da stu muomentu Tanu Gebbia si autosospende da socio - e puru giustificatu.-

Mel.- E` giusto. Voi solo dovete agire, perche` voi solo  siete nel mio interesse.-

Ora.- Ma si puo` sapere qual'e` questo vostro benedetto  interesse?-

Mel.- A parte il fatto che il mio interesse non e` mai ...benedetto, credevo di avervelo fatto capire abbastanza eloquentemente questo mio... interesse, no?-

Ora.- Non capisco: Non siete finocchio, non volete mia figlia, non volete  denaro, ma infine, cosa volete allora?-

Mel.- Prima fate quello che dovete fare, e, poi, quando  avrete il denaro che tanto desiderate, ve lo diro` chiaramente, fesso!-

Ora.- Ca ora, per quattro soldi, io vi rilascio una cambiale  in bianco.-

Mel.- Quattro soldi? Quello ha addosso cento milioni!-

Ora.- Cento mi... milioni? Ma... siete sicuro?-

Mel.- Mi sono mai sbagliato?-

Ora.- No, fino a ora, no.-

Mel.- E allora andate ad accertarvi personalmente. Dopo mi  farete le vostre scuse.-

Ora.- ( avvicinandosi alla porta privata) Cento milioni,  cento milioni, mi sistemo per tutta la vita.-

Nel frattempo, facendo finta che c'è stata una mancanza momentanea della luce, si farà il cambio dell'effigie, con il viso di un attore, che farà la parte di sant'Onofrio. Oppure, a scelta della regia: nell'effigie è stato ritagliato l'ovale del viso del santo e, dall'interno della quinta, incernierato, in modo tale che l'attore -possibilmente quello che fa Giacomo – possa mettere il suo viso, fin dall'inizio dell'atto. In tal caso, le battute sulla luce che manca, si diranno dopo, quando il santo non parlerà più.

Ora.- A luci! Malanova!-

Tan.- Principali, datimi a manu.-

Ora.- (riprende la luce e notando che Tanu ancora gli tiene la mano nella sua) Turnau. Allura Tanu, veni cu mia ddà banna?

Tan. (allontanandosi come se avesse preso la scossa) Mai sia!-

Ora.- Vigliaccu! Va bene, visto che ccà c'è sulamenti un vero uomo, vado io! Mih, centu miliuni, mi sistemu pi sempri.-

Ono.- Orazio! E lui cosa vuole in cambio da te?- 

Ora.- (credendolo Tanu) Siamo gia` al tu? Stai al tuo posto sai, tintu scrivanu?-

Ono.- Domandagli cosa vuole, per favore...-

Ora.- Qualsiasi cosa possa volere da me, non potra` mai  valere cento milioni!-

Ono.- Sei proprio sicuro?-

Ora.- Sicuru, sicuru.-

Ono.- Sei sempre il solito ciuccio presuntuoso!-

Ora.- Tanu, ora ci stai facennu nesciri i pedi di fora!-

Tan.- Ma se nun parrai attunnu!-

Ora.- Allora... e` stato lei?- ( a Melo) -

Mel.- No, non sono stato io, ma lui, il rompiscatole. ( indica il quadro)-

Ora.- Ca ora un quadro si mette a parlare...-

Ono.- Certo, qui solo gli asini ne hanno il diritto.-

Ora.- ( girandosi di botto e guardando il quadro) E no, a me  non mi fregate. Dov'e` il trucco?-

Tan.- Orazio, chiddu parra daveru...-

Ora.- Avanti, allora dimmi qualcosa, in faccia.-

Ono.- Per tutti gli spurugghia-facenni, ma questo e` proprio  un ciuco. E a pensare che l'ho protetto per  trent'anni.-

Ora.- Ma... ma parla per davvero? Tanu, che fa? Parla daveru?-

Tan.- Sissignore, principale...Sabbenedica, santu prutitturi.-

Ono.- Ciao caro. Allora Orazio, ora che finalmente ti sei  convinto, fai una bella cosa: Prendi quel tizio per la  collottola e buttalo fuori da qui.-

Mel.- Un momento, come vi permettete? Voi non potete...-

Ono.- Io no, ma c'e` chi puo`. Allora Orazio?-

Ora.- Ma scusate, perche` dovrei farlo? Questo signore mi ha sempre aiutato, non capisco.-

Ono.- ( pazientemente) Tanto per cambiare. Ma tu non sai chi  e` veramente questo... signore?-

Ora.- Colui che mi togliera` dalla miseria e dagli stenti.  Colui che mi fara` milionario, signore riverito e  servito, colui che cambiera` la esistenza mia e dei  miei famigliari... E anche di Tanu.-

Tan.- Buscie santu prutittu, buscie, nun ci criditi, ju nun vogghiu cangiari... ju, accussì mi senti nu pascià...u viditi? sto beni assai - assaiuni!-

Ono.- Stai tranquillo Tanu Gebbia. ( a Orazio) Bene, visto che non vuoi  capire, te lo diro` io.-

Mel.- Voi vi dovete fare solo i cavoli vostri!- 

Tan.- Ahu! E` cchi si parra accussì cu un santo? ( al quadro)  Sant'Onofrio,  aiutateci vui.-

Ono.- Avete fatto un guaio, vero?-

Tan.- Si, ma nun vulevumu fari mali a nuddu... fu na disgrazia!-

Ono.- Per ascoltare... costui, capisco. E tu Orazio, non hai  da chiedermi nulla?-

Ora.- E cosa vi debbo chiedere? Nel passato vi ho chiesto  tante cose, ma le mie parole, a voi, da un orecchio vi   entravano e dall'altro vi uscivano. Di me, voi ve ne   siete sempre fottuto!-

Tan.- No, principali, nun parrati accussì al nostro Santu Prutetturi.-

Ora.- Ma a chi? A chi ha protetto fin'ora? A mia, a tia? Ma se e` na  vita ca facemu a fami e ora ca s'apprisenta a fortuna, vene iddu e ni fa a morale.-

Ono.- La fortuna? Ne sei sicuro?-

Mel.- La fortuna, e` la sua fortuna!-

Ono.- Voi state zitto, allettatore!-

Mel.- Ecco, ci risiamo.-

Tan.- Sant'Onofrio, cchi voli diri allentatore? Voli dire  forsi 'mbrugghiuni e mariolu?-

Ono.- Peggio, peggio...-

Tan.- Forsi... diavuluni?-

Ono.- Eh, quasi ci siamo.-

Tan.- Vi giuro Sant'Onofrio, ju nun i vogghiu ssi soldi.  Sunu sporchi e insanguinati... principali, dicitaccillu vui a sant'Onofrio. Sant'Onofrio, aiutu.-

Ora.- Tanu, nun picciari. Va beni, vuol dire che  quei soldi me li prendero` tutti io.-

Mel.- Questo significa parlare!-

Ono.- E prendili allora, se ne sei capace. E dopo che li  avrai presi, domanda al signor...Melo Marcio, cosa vuole  in cambio da te!-

Ora.- E va bene, vi accontento subito.-

Tan.- Principali, fremmu, nun trasiti ddà banna.-

Ono.- Ha piu` giudizio lo scrivano che il...principale.-

Ora.- No, no, " Varvasapiu", sapientone, lui non ha giudizio,  lui e` un poveraccio che vive di nulla, e se ve lo dico   io che lo conosco da trent'anni, ci dovete credere. E   si accontenta.  Ma io no, io sono cosciente della vita che ho fatto  fino a prima di conoscere questo signore. Vita di   stenti e di digiuni, di freddo e di umiliazioni, di  emarginazione - una vita quasi senza dignità...  Mia figlia Tinuzza,  si vergognava di se e di me. Con le sue compagne si  sentiva una poveraccia, figlia di poveracci quali siamo.  Vennera non si faceva un abito nuovo da  venticinque anni; I miei picciriddi si passavano tra di  loro i pochi stracci di vestiti che avevano. Io non   fumavo da vent'anni per non sottrarre  nemmeno una lira  alla famiglia. (indica Melo) Solo lui ci ha dato speranza, facendoci buscare qualche lira...

Ma cosa ne sapete voi lassu`, di noi poverecci?-

Ono.- Punti di vista. Io la mia vita l'ho vissuta peggio  della tua, almeno dal tuo modo di vedere. Ero povero,  ero solo. Il digiuno e la preghiera erano le mie  consolazioni...-

Ora.- E non per niente vi fecero santo!   No, Sant'Onofrio, voi non potete capire.  Eppoi, lo sapete che fu una disgrazia! ( fa cenno al  suo ufficio privato) Noi volevamo solo ristabilire un   po' di equilibrio di ricchezza, un livellamento... Perche` nel mondo ci sono i ricchi sfondati e i poveri e pazzi!  E io sono stato messo, inesorabilmente, nella   categoria dei poveri e pazzi senza speranza      Io e stu povero Cristu. ( accenna a Tanu)-

Mel.- Non nominate quel nome!-

Tan.- Pirchì? Vi duna... fastidiu?-

Mel.- Voi state zitto, idiota!-

Tan.- Cristu, Cristu, Cristu!-

Mel.- Zitto, zitto! ( si preme le orecchie) Orazio fatelo   tacere!-

Tan.- Cristu aiutaci, Cristu salvaci, Cristu proteggici,  Crustu abbialu fora! ( Melo Marcio fugge via ed esce)  Crustu... mamma mia chi puzza di suffuru!-

Ono.- Bravo Tanu, ti meriti un bacione. Orazio, bacia Tanu.-

Ora.- ( sbalordito dai fatti, poi scandalizzato dalla  richiesta i Sant'Onofrio) Cui ju? Mai!-

Tan.- Avanti principali, doppu trent'anni mo potissiru  dare un vasuneddu, no?-

Ora.- Fattillu dare da iddu! ( fa l'offeso) Ora, giustizia e` fatta: Noi sempre cchiu puverazzi e l'autri sempri cchiù privilegiati...-

Ono.- ... e tutti nelle mani di Melo Marcio...-

Ora.- Tutti? Siti sicuru?-

Ono.- Nel dubbio...-

Ora.- Pro reo.-

Ono.- No, pro poverello. Orazio tu mi hai caricato di rimbrotti per la mia  presunta mancanza di protezione. Ma cosa pensi che  veramente io possa mandarti i clienti? che possa farti   avere lavoro? che possa farti stare bene? Tu cerchi  protezione da me come la cercheresti da un capo mafia.

Caro Orazio Fatuzzo, io mi faccio in quattro solo per  difendervi da tutti i Melo Marcio che infestano la  terra, e non posso fare altro.  Quindi, o ti accontenti di questo, o ti cerchi un altro  santo protettore.-

Tan.- Sant'Onofriu, ju m'accuntentu.-

Ono.- E tu sarai premiato. Cosa desideri piu` intensamente?-

Tan.- Ca chiddu ca e` successu ccà intra, nun fussi mai successu, e che.. ddu puvirazzu ca sta dda banna, nun stirasse i pedi...inzumma, avaia ca fussi ancora vivu.-

Ono.- Perche`, cosa e` successo a quello...  di la`?-

Tan.- Una disgrazia e sinni iu...mortu all'istanti.  ( cenno con le  dita)-

Ono.- Ma che dici Tanu, guarda che ti sbagli.  Quello li`... sta meglio di te. Anzi, guarda cosa fai, chiamalo.-

Ora.- Non vi prendere beffa di uno sciocco. Giacomo Clisteri   e`...stecchito! ( sale su di una sedia e copre il quadro, oppure gioco di luci e seguente battuta: “Ora.- A luci, miseriaccia lattra macari a luci si ci metti. Tanu, attaccala do quattru...”- Tanu esegue.   Riprende la luce, e Tanu, tornando indietro vede uscire dall'ufficio di Orazio, Giacomo Clisteri frastornato.

Tan.- Principali...principali...taliati...vardati... osservate e viditi chiddu ca vidu ju?

Ora.- (girandosi e restando esterrefatto) Giacomo Clisteri! (poi rivolto a Tanu) ma nun morsi?- 

Gia.- To'! mavaru jettaturi!-

Ora.- No...cchi dici? Eccu... ci pareva...vi siete accasciato...ma ora state bene?- 

Gia.- Mi sentu frasturnatu, ma staiu bunazzu...Ma mi vuliti spiegari cchi mi successi?-

Ora.- Eh, signor Clisteri, ci avete fatto prendere una   paura... cascasturu  'n terra comu na pira matura...figuratevi che vi credevamo gia` morto? Vero  sant'Onofrio?-

Gia.- Ah, ora mi ricordu...mi scantai di... qualcosa di spaventoso, e persi i senzi... Ma dicitimi, secunnu vui, quannu si perdunu i senzi, si sonna? No picchì mi parsi di sunnari ca cascavu giusu 'n funnu di puzzu e che qualchidunu pi pigghiava pa cullottula e mi purtava susu... Mah, chissacciu... comunqui, fortunatamenti nun è successu nenti,  non e`accussì?- 

Tan.- E` accussiissimu!-

Ora.- Proprio cosi`. ( al santo) Sant'Onofrio, vi debbo le mie scuse... Vi ho chiesto scusa... e rispondetemi, allora?- 

Gia.- Signor Fatuzzo, na stampa nun po parrari, cchi siti scemunitu?-

Tan.- Nun parra? Chissu u diciti vui, pirò.-

Ora.- Eppure ha parlato... ahu parrau... vero Tanu?-

Tan.- Sissignore, principali.-

Gia.- Ma quale parrari e parrai, sara` stato u scantazzu ca vi fici pigghiari ju, quannu persi i senzi. E vi fici veniri puru i visioni... Sapiti, po` capitare. Na vota nu me amicu... -

Entra angelino.

Ang.- Ecco la prenotazione, signore...-

Gia.- Dice a mia? ( si guarda attorno)-

Ora.- A voi, certamente, vi siete dimenticato della  automobile?-

Gia.- Automobile? Ma dici daveru?-

Tan.- Ca certu, vulevuru na merceria con le ruote...-

Ang.- Io vi ho prenotato una Mercedes, signore, come voi   avete ordinato.-

Gia.- Ci a essiri nu sbagghiu, io non vogghiu macchini... ma quali machini e machini iti ricennu. C'appoi ju nun aiu mancu a patenti.- 

Ora.- Ama capitu, Melu Marciu...addio affari...-

Gia.- Ma scusati, quali affari ava a fari ju e vui?-

Ora.- Nenti, nenti fu tuttu nu sgherzu, nun fatici casu...-

Tan.- E comu si dici nte nostri parti: mortu n'affari sinni fa n'autru.-

Ang.- E allora, visto che ci siamo, e tanto per continuare con le spiacevoli notizie, qui   c'e` una  diffida del padrone di casa e un'ingiunzione  della ditta Mobilisuperbelli. Vogliono il saldo del  loro avere.- ( mostra dei fogli)

Ora.- Ma... ma nun li pavasti in cuntanti?-

Ang.- Sembra di no. Qui sollecitano il saldo, che se non  sbaglio...e` del novanta per cento  dell'intero importo.-

Ora.- Tanu, ma nun pavasti tutto tu?-

Tan.- Ju? No, pavavu Melo Marcio. Ju ci desi i me risparmi.-

Ang.- ...E lui disse che li avrebbe fatti fruttare e avrebbe  saldato tutto. Me lo ricordo bene.-

Ora.- Allura semu persi!-

Entrano Vennera e Tina.

Ven.- Orazio, Orazio, u custureri vole u saldo do cuntu de vestiti. Ma nun lu pavasti in contanti?-

Tin.- E macari a merciera... e puru u salumieri...-

Ven.- E u canchieri.-

Ora.- E a morti buttana!-

Entra il rapinatore.

Rap.- Ehi, amicu, cchi scherzi su chisti? O  postu di picciuli, tiniti a carta igienica? Eccu, pizzenti! ( mostra  della carta straccia e un logoro portafogli) Annunca m'aviti fattu a truffa, e ju ci rimisi un colpu pienamente riuscitu. Ora cchi mi pava i danni? Chi m'indennizza?-

Ora.- Ju vi indennizzo! Ju, a tutti quanti, pari pari pari pari! Dammi st'affare  ( gli strappa la pistola dalla mano) E macari chistu. (gli toglie il passamontagna che il rapinatore portava  sul capo, ripiegato) Ed ora, amicu, ju e tia ni mittemu in società e facemu na bella banda di rapinatori - con succursale. Eccu comu indennizzu a tutti! O pattruni i casa, o chianchieri, o custureri o salumeri, o pisciaru, o scarparu, o varveri, e ìnferi e a tutti i tranveri... vi pavu a tutti, a tutti, a tutti! Pari, pari, pari, pari!!! - ( fa il matto )

Ven.- Orazio, ma cchi fai? Mi fai scantari.-

Tan.- Principale,`ccura cu ssa scupetta...(la pistola)-

Gia.- Viputissiru astruppiari... se parti un colpu...-

Rap.- Ma quali struppiari, e` finta.-

Ora.- E macari cu na pistola finta, ca raggia e lu curriu ca ci aiu ncoddu, ju, sugnu capacissimu di fare un macello - u stissu!!- ( continua a fare  l'esagitato)-

Ang.- Calmatevi signor Fatuzzo. Rimedieremo a tutto.  Lavoreremo sodo e pagheremo...-

Ora.- Io, Orazio Fatuzzo, sfido il mondo!-

Gia.- ( pazientemente, ma con prudenza) Sentiti principali, ju dill'automobile non sacciu cchi farmini, ma m'aggiuvassi nu tratture: bello forte, tedesco. Picchì  non diciti a stu giovanottu di cangiari la prinutazioni da machina in una po tratturi?-

Ang.- Si puo` fare. Che lo faccio? E papa`?-

Tan.- U principali e`iddu, nun to scuddari mai! Brevi, principali cchi facemu, eseguiamo?-

Ora.- ( buttando l'arma e il passamontagna sul tavolo) Eseguite, tantu ormai... Sant'Onofrio che ne dite? Eh?   meglio di cosi`...-

Gia.- Principale, ju vulissi espandermi e avissi abbisognu di prissuni fidati, lavoratrici, bravi, propriu comu a vui, Picchì nun venite a travagghiari cu mia? Nte me serri, nmenzu e ciuri, aria bona e pava sicura. E macari vui, bravu giovanottu.  ( al rapinatore)-

Rap.- No grazie, ju prefiriscu a libbera prufissioni.-

Gia.- E voi signora? Signorina e lei?-

Tin.- Io accettu volentieri. Che bellu papà, finalmenti travagghiu.-

Ven.- Ju n'o sacciu, prima aia a parrari cu me maritu.-

Gia.- E voi giovanottu? Mi sirvissi na prissuna in ufficiu... ( ad Angelino)-

Ang.- Io sono in ditta con loro. Quello che decidono, io faro`.-

Gia.- E vui? ( aTanu)-

Tan.- U principale e` iddu.-

Gia.- E allura, principali?-

Ora.- ( sedendosi) Vediti, amicu miu, voi mi offrite cchiu assai di quantu ju nun meritu. Ciononostante aia rifiutare. Ma il mio rifiuto e` personalissimo. Iddi sunu liberi. Anzi vardati, pi me  figghia dò il mio consenso...( Venera tenta di dire qualcosa) No, tu no, a muggheri, tu stai intra... ci sunu ancora i picciriddi. Poi, poi, videmu. E macari pi Angilinu.  Si Angilinu. Vai a travagghiari cu st'amicu ca è un signorone, e puru  serio e capace. E si ci sai fari, ti farai un avvenire, picchì... (Angelino vorrebbe intervenire) mutu, nun parrari. (pausa) Avaia, ccà, cu nuatri, dell'avvenire non c'e` mancu l'idea. ( Angelino sta per replicare ancora, ma Orazio lo blocca.) Mutu. mutu.- 

Gia.- Ma vu dugnu ju u travagghiu, picchì mi appoggero` alla vostra agenzia pi tutti i facenni de me interessi. E sunu assai, assaiuni, comu dici u vostru sociu.-

Ora.- V'arringrazio tantu, ma iddu (indica Angilinu) veni cu vui.- 

Tan.- Angilinu vidi ca u principali avi raggiuni, u capisti?

Ang.- Obbedisco!-

Ora.- Finalmenti: salaratuddiu. (a tutti) Vedete, Ju e Tanu sapemu fare sulu stu misteri... e, modestamente, semu mastri de mastri... Veru Tanu? (Tanu annuisce)-

Ven.- Cangia misteri Orazio, tu hai gnegnu... (si tocca la fronte).-

Ora.- Vennera, sunu trent'anni ca ju e Tanu facemu i spurugghia-facenni, e se Dio e Sant'Onofriu, picca picca n' aiutanu, u facemu pi n'autri trent'anni, finu all'estinzione.  Senti Tanu, varda cchi fai, schiova dd'insegna, e a so postu mittaccinni  una ca dice accussì: " Fatuzzo e Gebbia, spurugghia-facenni in Catania."

Tan.- E chistu ci u mettu ju:" Casa fondata nel 1936."

Il sipario, lentamente, si chiude.

Fine.

 

 

                                                                                                                                                      

 

 

 

 

 

 

                                            Lu zu Ninu … e lu tilifuninu 

 

    

 

 

 

 

 

                                  Commedia brillante in tre atti in siciliano

 

 

 

 

 

 

 

 

Una satira sull’uso compulsivo del telefonino, tramite le strane stramberie, non del tutte strane, di un settantenne alle prese col telefonino.

 

 

 

 

 

 

Turri Lifo, agosto 2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Personaggi:

 

 

 

Lu zu Ninu Carrubba, detto Sbrogghiu ..…………………………pensionato;

 

‘Nzulu Caramella……………………………………………….. suo compare;

 

Pina………………………………………………………………. moglie di Ninu;

 

Turi……………………………………………………………… .figlio di Ninu;

 

Gina……………………………………………………………….figlia di Ninu;

 

Lina……………………………………………………………… moglie di Turi;

 

Bob, ragazzo quattordicenne..……………………………………… figlio di Turi:

 

Sonja……………………………………………………massaggiatrice a domicilio;

 

Il titolare………………………………………………………………malavitoso;

 

Pittbull…………………..……………………………………….il testimone oculare;

 

L’agente immobiliare……………………………………donna bruttina, ma vogliosa.

 

 

Il personaggio di Sonja e dell’agente immobiliare potrebbero essere interpretati, dopo un trucco adeguato, dalle stesse attrici che impersonano Gina e Lina. 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                 Atto  I

 

 

Soggiorno di casa Carrubba. A destra, in fondo, uscio d’ingresso, e, all’altezza della ribalta, la porta di una camera. A destra una finestra che dà su una terrazza. Arredamento adeguato, comprendente un divano.

 

In scena u zu’ Ninu, settantenne, suo compare ‘Nzulu, coetaneo, la moglie Pina sessantenne, ma ancora piacente, il figlio Turi, quarantenne, sua moglie Lina trentenne, l’altra figlia, Gina, trentacinquenne, Bob, suo  nipote, quattordicenne. 

Si festeggia il compleanno dello zu’ Ninu. Tavola apparecchiata, disposta dal fondo scena alla ribalta, gli attori saranno intorno ad essa, con Ninu capotavola, Pina alla sua destra e ‘Nzulu alla sua sinistra, gli altri a soggetto. Vocio dei presenti. Poi ‘Nzulu picchetta con una forchettina un bicchiere, per richiamare l’attenzione di tutti.

 

 

‘Nzulu- (levando il bicchiere) Nu brinnisi po’ festeggiatu: E’ chinu o nun è chinu, vivu alla saluti di ‘mbari Ninu!-

Tutti – ( levando in alto i bicchieri) Alla saluti! (bevono)-

Ninu – Grazzi, grazzi assai. (beve anche lui)- 

Turi – E ora in nomi di tutti i prisenti, accetta st’omaggio e tanti auguri ancora. (offre un piccolo pacchetto al padre)-

Ninu – (prendendolo con cautela, come se fosse un oggetto pericoloso) Grazzi, ma picchi vi siti distrubbati?-

Gina- Ma quali distrubbu, e na cosa di nenti…-

Pina- Na cosuccia…-

Lina - Na cosina…-

Nzulu- Nu pinzeru…-

Ninu- (sempre diffidente) Ah, si? E chi cosa fussi sta cosuccia, cosina, cosa di nenti e magari nu pinzeru?-

Nzuli- ‘Nbari, apri e talia!-

Tutti – Apri, apri, talia, talia!-

Ninu- (come spaventata da tanta insistenza) Apru, apru, taliu, taliu… Videmu… (intanto scarta il pacchettino) … videmu. (poi si blocca, come incantato, infine sbrocca) E chi cosa è st’affari? (mostra un telefonino).-

Turi – Comu chi cosa è? E’ nu tilifuninu, ultimu modellu, cinque mega giga, ecc. ecc. Ci poi tilifunari, riceveri messaggini, fari fotografie, vidiri chi ura è, addumari na lucina se manca la correnti, ecc. ecc.-

Nunu – (Tenendolo con due dita come se scottasse) Eccetera eccetera… tuttu chistu, stu cosa accussì nicu.-

Nzulu- Annunca.-

Turi- E ci poi scriviri l’appuntamenti…-

Ninu – Ah… e dimmi na cosa: fa magari l’ova fritti?-

Turi- (guardando gli altri, sconsolato) E viditi? Chi vi dicevu? Nun ci piaci!-

Ninu- Ahu, stativi bboni! Nunn’è ca nun mi piaci, ma volevu sghizzarici nu poco… si po’ o nun si po’? c’appoi macari ‘mparu a pigghiarimi l’appuntamenti, per esempiu: co’ sinnicu, co’ pattriapparucu, co’ fammacista… cu ‘mbari Nzulu…-

Nzulu- … e cu to soru ‘a monica. –

Pina- Tu sghezzi sempri, macari c’a santa chiesa… avaia, diciammillu sinceramenti: Ti piaci?-

Ninu- (diventando serioso) Mi piaci. Grazzie ancora.-

Pina – Ho salaratu Diu. Ora u sai cchi ci poi fari cu ssu tilifuninu?-

Ninu- (ironico) Cchi ci pozzu fari, a muggheri, aceddi cu l’ova?-

Pina- (sensa raccogliere l’ironia) Ci poi fari ca mi chiami quannu cche to amici finiti di jucari o trissetti; mi chiami e mi dici: Pina, calaci a pasta! (guardando gli altri) Nun è magnificu: si mangia a pasta al dente e u pisci arrustutu cauru cauru…-

Nzulu- Vidi chi furtuna ca ci hai, ‘mbari.-

Ninu- Mih, bedda mattri, sugnu tuttu priatu (e intanto continua a tenere il telefonino con due dita e a guardarlo con diffidenza.) D’ora in poi, a me vita sarà cchiù bella! (smaccoso) Siti tutti cuntenti?-

Turi- (cupamente) Semu cuntenti. E ora haiu cchi fari e minni aia iri. Lina, Rob, iamuninni.-

Ninu- Ecco s’affinniu!-

Bob - Nonno, me lo fai provare?-

Ninu- (passandoglielo velocemente, come per liberarsi di un oggetto che scotta) Teni, beddu, teni.-

Turi- Bob, lassulu stati!-

Lina- Ma Turi, cosa c’è di mali se u picciriddu ci joca nu pocu.-

Ninu- Cu ssu cosu? (indica l’apparecchetto).

Lina- Ca certu.-

Ninu- E comu fa?-

Lina – Bob, a mattri, facci videri a nannu come ci jochi.-

Bob - (smanettando) Mih cche beddu: Ci sono i super eroi che combattono contro tutti i mostri della terra...-

Ninu – ---Macari cu to nanna?-

Pina- Chi ssi spiritusu…-

Ninu- (Non raccoglie) E cu vinci?-

Bob- Pi ora sonu a pareggio. Ma i super eroi vincono sempre. (s’ode un clic dal telefonino) Mizzica, si scarricau a batteria. Nonno ci l’hai il carricabatterie?-

Ninu- Aspetta vaju nta stadda e ci addumannu o sceccu!-

Turi – Bonu va’! Januninni ca si fa tardi. (che non vedeva l’or d’andarsene, s’alza e si avvia verso l’uscita, seguito da Lina e da Bob che restituisce il telefonino al nonno con una risatina)

Ninu – Bobbinu, dumani t’aspetto pi ‘nzignarami a usari st’affari cinisi.-

Bob - Dopo la scola, nonno... si papà vuole…-

Turi- Voli, voli, abbasta ca prima ti fai i compiti… bonasera a tutti.-

Ninu- Va beni, veni quannu puoi. Salutamu… ( alza la mano, poi si gira e a bassa voce) e cacciamu.-   

Gina – Ccà è, papà. (mostra il caricabatterie, prendendolo dallo scatolo d’imballagio).

Ninu – (reggendolo come se fosse una bomba a mano) E chi ci ni fazzu?-

Gina – Varda, t’ammustru (prende l’oggetto, si china e inserisce la spina nella presa, poi chiede a Ninu) Pà, dammi il telefoninu. (Nino glielo porge) Eccu, infila questa presa in questo buco e tenila… chissacciù… dui tri uri, doppu lu puoi usari. (poggia l’apparecchio su una sedia)-

Ninu – (sottovoce a Gina) Senti ‘o papajeddu, ma a ccu ci vinni s’idea brillanti di farimi sta sorti di rialu?-

Gina – A ammà, picchi si scanta ca ti perdi.-

Ninu – Cui ju? E picchì m’aviss’a perdiri?-

Gina –Dici ca ti scordi li cosi, ‘nzumma ca ti stai arrimbambennu.-

Ninu – Ah, dici accussì?-

Gina – Si, ma in sensu bbonu… ‘mzumma ti voli cuntrullari, u capisti?-

Ninu- Ci volu nu scinziato pi capillu, sai? Va beni, m’ascordu di fari qualichi serviziu ca mi dici idda? Ma è sicuru ca mu scordu… oppuru minni futtu?-

Gina- Ah, chissi sunu affari vostri. Avanti, và, ora scappu a casa ca i picciriddi anu a manciari.-

Ninu -E picchì nun i purtasti ccà?-

Gina- Picchì so pattri nun vosi…-

Ninu- Cui, ddu pezzo di cajordu? E cchi c’è a pesti a casa di to pattri?-

Gina – Papà, lassumu perdiri, su cosi vecchi ca ‘un vogghiu arrivurdari…-

Ninu- Mi dispiaci pi tia e pi ddi carusi... ma ni parranu ancora di ssa vecchia facenna, t’avissi a cridiri-

Gina- Papà, ti dissi lassa perdiri… chiddu se ci passa a musca, è piriculusu.

Ninu- U sai? Staiu trimannu tuttu.-

Gina- Lassa perdiri, pa’-

Ninu- Nonzi, nun lassu perdiri, picchi nun vogghiu perdiri na figghia pi curpa di na cosa tinta… ca pi forza ti vulisti maritari.-

Gina- L’amuri…-

Ninu- … e broru di ciciri. Senti chi ti dicu: Questo individuo è nu malacarni senza rispettu…-

Gina – Pa’, vacci pianu che paroloni.-

Ninu- Paroloni? Ma chiddu ca dissi è mieli, pi na cosa fitusa comu a to maritu. Ma u sai, ultimamenti chi fici?-

Gina- … si fici l’affariceddi so.-

Ninu- Macari! Invece si fici l’affariceddi mei, e mi misi in ridiculu cu tutti l’amici mei. Tantu pi sapillu.-

Gina- E chi cosa ci dissi (calcando la parola) ca si menzu cunsuntu?-

Ninu – No, dissi rimbambitu! Propriu accussì. A mia, rimbambitu, o zu Ninu Carrubba, stimato da tutti l’amici…ma tu fiuri?-

Gina- Pa’ ju nun mi fiuru nenti. Ma certi cosi ti li vai circannu…-

Ninu- Ah, si? E cchi cosi?-

Gina- Lassamu perdiri…-

Ninu- No, ora parri.-

Gina- Se sapissi chi si dici in giru…-

Ninu- Di mia? Ca sugnu nu galantomu, sissignuri!-

Gina- Certu ca si ‘n galantomu, ma si nu pocu picchiatellu…(si tocca la testa)-

Ninu- A si? picchì, sintemu.-

Gina- Picchi curri appressu a cassera do bar dello sport, ca ‘n’avi mancu vint’anni.-

Ninu- E a tia cu tu dissi?-

Gina- Na prissuna.-

Ninu- To’ maritu? Veru?-

Gina- (evasiva) Forsi…-

Ninu- ( con un gran respiro) E si nun fussi ju, chiddu ca carri appresso a cassera?-

Gina- No? E cu fussi allura?-

Ninu- (cambiando discorso) Ahu, aiu siti, mi dati nu itu di spumanti?-  

Gina- Cu fussi, pa’?

Ninu- Na prissunedda di mia conoscenza…-

Gina- Pozzu sapiri u nomu?-

Ninu- Na prissuna ca nun poi immagginari.-

Gina- E cu è?-

Ninu- Nun la canusci e basta… (sottovoce) ssu cajordu. (poi ad alta voce con intenzione di troncare la discussione con la figlia) Ahu stu spumanti?-

Gina- Pi cuntu miu si tu! (sottovoce) Non pi nenti ti sanu sentiri Sbrogghiu picchì si fimminaru! (poi rivolto a Nino) Ti salutai, papà. Ciao mà. Vi salutai cumpari ‘Nzulu.(esce)-

Nzulu- Ciau bedda.-

Ninu- E su dui! E finiu a festa...-

Pina- …  e a curpa e da tò…-

Ninu- …comu sempri.-

Nzulu- Se ci primmittiti m’arritiru macari ju. Vi salutai cummari, statti bbonu Ninu. (si appresta ad uscire)-

Ninu- (malinconicamente) Ciao, ciao.

Pina- Arrivederci cumpari..-

Nzulu, Di nuovo… (esce)

Ninu- ( a Pina) Picchi sintemu, stavota chi fici?-

Pina – Tu nun fai mai nenti, e manni tuttu all’aria.-

Ninu- Sarebbe?-

Pina- Sarebbe ca si troppu tistuni e… e… e duru che to figghi.-

Ninu- Tistuni te lo passo, ma duru coi figghi no.-

Pina- Si duru, o maritu, si duru e nun ti n’adduni.-

Ninu- Sugnu pi l’educazioni e p’o rospettu.-

Pina- Ti l’ha meritari …ssu rispettu.-

Ninu- Picchì, sugnu forsi riddiculu?-

Pina – Pocu ci manca.-

Ninu- Pocu ci manca? E sintemu, forsi picchì pizzicu o to figghiu predilettu?-

Pina- Nu ndiri scemenze. E lassa stari i figghi!-

Ninu- Ju dicu scimenzi? E va beni. Ma m’u voi diri se nun è na scimenza fari ma fabbrica di oliu di simenza di cucuzza? Cioè, tantu pi fari nomi e cugnumi, chidda ca armau to figghiu?-

Pina- E’ una cosa nuovissima ca nuddu aveva mai immaginatu. E to figghiu è un pdecursori...-

Ninu- … de morti di fami. Avaja Pinuzza, ci voli curaggiu pi faro logghiu da simenza… e, senti, e se si metti na gtesta fi farla macari colla calia? Mih, ci pensi, fa calia e simenza…-    

Pina- Quannu a finisci di sbintari, mai? Avanti ca aiu sparecchiari.-

Ninu- Avanti, fine corsa, scendete (con tono professionale).-

Pina- E chi cridi d’essiri ancora nta Scat, a fari biglietti?-

Ninu- Ogni tantu sentu a nostalgia…-

Pina- … d’o travagghiu?-

Ninu- No, di l’amici, de prissuni, de passeggeri…di chiddi ca mi volevunu beni e mi arrispettavunu-

Pina- Ah, ‘nzamai, cchi mi pareva. (sminuendo intenzionalmente, poi si mette il grembiule per sparecchiare)- 

Ninu – (capendo) ‘nzamai… cchi mi pareva… o vo’ cuccati bedda.-

Pina- Dacci ‘n tagghiu, Ninu.- 

 

In scena cala un pesante silenzio, poi Pina, lentamente sparecchia la tavola, mentre Ninu osserva il telefonino intanto che si ricarica. Si siede come in attesa che finisse quell’operazione, e, intanto, inforca gli occhiali e legge le caratteristiche dello strumento e le varie istruzioni.

 

Ninu- Allura sintemu cchi dici: Smartphone G 950, 55 min (tra se) ca forsi voli diri;  950 di Gran minchiati; Display 4 pollici e ‘n mignulu…-

Pina- (alzando la testa e fermandosi) ‘N mignulu? Ma chi senti diri?-

Ninu- Cca c’è scrittu 4 pollici virgola unu, e se chistu è u pollici (indica il dito) l’unu a essiri pi forza u mignulu…(gestualità relativa)-

Pina- Bonu va’, incominciò ca farsa…(riprende a sparecchiare)-

Ninu- (non raccogliendo l’osservazione di Pina) Dunque, rete 4 GLTE ca forsi voli diri: Guai Letali Tutti Espliciti (Pina brontola), Sistema operativo Androgini 4,4. (perplesso) Androgini, cioè pi’ menzi masculi e mezzi fimmini?-

Pina – Chi c’entra chissu? Androgini po telefuninu voli diri… voli essiri…voli fari…-

Ninu- … voli pindarici. Avaja Pina chi min… che sciocchezze dici?-

Pina – Va beni, mi cunfunniu, però voli diri ca avi tanti cosa da fari…-

Ninu- …annunca! E’ indaffaratu.-

Pina- Si sempri u solitu sceccutu.-

Ninu- Forsi vulissi diri: scetticu?-

Pina- No! sceccu tu, e basta!-

Ninu- (tra se) Mizzica s’ncazzau. E va beni, cuntinuamu a leggiri. Allura: Processore Quantu curri…-

Pina – Ma cchi ci stai ‘ncucchiannu.-

Ninu – Cca c’è scittu Quad Core, ca forsi in ‘nglese voli diri propriu quannu curri…allura cuntinuamu: Ram 1,5 GB. ( rivolgendosi a Pina) C’appoi nu povuru Cristu ca nun sapi u ‘nglisi, m’u voi diri comu ci ava capiri stì ambaradam? Continuamu: Ram 1,5 GB, pi mia significa rami, rami longhi un metru e cinquanta di Geusu Biancu a memoria 16 Geusi Bianchi inclusi co sistema operativo fotocamerale, 8 Megapixel… ca voli diri forsi otto grandi pisciate…-

Pina- Ahu, parra pulitu, nannu!-

Ninu- E chiu pulitu d’accussì… Batteria… a chistu u capiu. Dunchi, Batteria 2100 m , chi cosa voli diri? Ca fa na cursa di dumila e centu metri? Ah no… Bluetooth 4,0, no, chista no! m’arrennu! (alza le braccia, poi legge nuovamente) E stu Wi Fi… forsi voli diri Viva Firenzi? e NFC: Certu, significa Nun Facitici Casu. (pausa) Minchia, chista è bella: Hsdpa 42,2 Mbps, srogghici i nummiri cummari Pina.-

Pina- … spiritoso…-

Ninu - (con sollievo) Ah, chista è chiara: Garanzia 2 anni. Ah, finalmenti na cosa in italianu ca tutti ponnu capiri, macari i scecchi…-

Pina- Comu a tia.-

Ninu- Bedda mattri, certi voti si vilinusa comu na vipira: Ma dimmi donna struita, tu chi ci hai capitu di tutta sta scrittura ostriogota?-

Pina – Ju nenti, ma mancu mi pigghiu a quistioni, comu fai tu. Ju co’ me tilifuninu fazzu u nummuru e basta cchiù. Ju ci tefelunu comu c’o tilefunu fissu.-

Ninu- E ju ca nun sugnu ammuccalapuni, vulissi sapiri cchi ci haiu ‘ncoddu, quannu m’u metto nta sacchetta st’oggettu misteriosu.-

Pina- Tu si addivintato oggettu misteriosu. Certu, l’antropausa… (allusiva)-

Ninu- Ca ora, assummata a to menopausa, vidi cchi nesci…-

Pina- Nun ci nesci nenti. E ora finiscila di ironizzare sulla scienza e sul progresso umano.-       

Ninu- Cui ju?-

Pina- Nooo, me nanna! Avanti datti na mossa e aiutami a sparecchiare.-

Ninu – Senti Pinuzza, nun a cridiri ca non l’aiu apprezzato stu gran rialu? E ca mi pigghiasturu di sorpresa. E cu si l’aspittava mai? Cu puteva mmagginari ca alla me età aviss’a usari sti cosi…complicati… avventurosi, misteriosi, extrasensoriali.-

Pina- A finiscila! Senti macari ju haiu li me anni, e lu tilifuninu lu usu da cchiù di tri anni. E u trovu comudu, soprattutto pi sintiri i to figghi, a mezzu d’o Vassappi - ca, prima ca mu dumanni tu - ti dicu ca nun voli diri na vastasata, bensì voli diri: ca si collegatu con una (piccolissima pausa) App…-

Ninu- E vo’ falla!-

Pina – Fari chi cosa?-

Ninu – A pipì…no?-

Pina- (che finalmente capisce) Vecchiu vastasi… App voli diri: applicazioni, con la quali mi collego ai tilifunini di amici e parenti.-

Ninu- Fammi capiri, mintemu: Come si fussi nu curtigghiu tilefonicu?-

Pina- U sapevu ca ci avissi fattu lu smaccu. Comunque ju telefunu cu chistu picchì i to figghi intra nun ci stannu mai.-

Ninu – Certu su peri longu…-

Pina- No! su’ travagghiaturi! Nun sunu scansafatiche come a certi prissuni di me conoscenza…(allusione pesante, toccandosi la gamba destra)-

Ninu- Attorna cu ssa musica! Io sono mutilato del lavoro, mia cara consorte, come sai benissimo.-

Pina- Ca certu c’o sacciu! Ti trasiu na spina di rizza nto carcagnu e ti fici zoppu! Ma va a cuntaraccilla a cu havi lu pattri mortu…-

Ninu- Ssa spina, comu tu ben sai, nun era di rizza, ma di tracina, ca mi lassò quasi mortu supra a rina. E se nun  era pi ‘Mbari ‘Nzulu, u me cumpagnu autista, a st’ura eru ai tri canceddi, beddu e siccagnu! Autru ca sciancatu...-

Pina- … e chi cosa ci facevi nta rina da Plaja, scausu pi junta?-

Ninu- Comu chi ci facevu. Ci facevu… ci facevu… ca stavu… ca mi stavu vagnannu a facci, prima di rifare la corsa di ritorno, d’a Plaja a porta Jaci .-

Pina- Scausu? Si sicuru ca t’a vo’ lavari a facci?-

Ninu- E chi cosa ci putevu fari, forsi u bagnu?-

Pina- … canuscennuti…-

Ninu- … ah, si? E sacunnu tia, avo trasiri nta l’acqua cu tutti i scappi? Malalingua.-  

Pina- E se così fussi? Appoi stai parrannu cu to muggheri, ca ti canusci d’intra e fora! A cu vulissi ‘mbrusari, a mia? Tu hai finto a paralisi… e i dutturi, scecchi vistuti puliti, c’ana cridutu, e accussì sunu trent’anni ca si ‘n pinzioni. Scanzatini!.-

Ninu- Si? E sta jamma ca n’ha pozzu moviri? (batte la mano sulla gamba)-

Pina- Vidi ca ju lu sacciu megghiu di tia, cu si tu! Picchì ti canusciu nell’intimità (alza la testa e sparecchia con furore)-

Ninu – E allura?-

Pina- E allura… è megghiu ca mi staiu muta…-

Ninu- Chi senti diri?-

Pina – Sentu diri chiddu ca dissi, e dissi: quannu a notti mi sfriculiavi, a jamma ti funzionava, eccomu…-

Ninu- Chiddu ca mi funzionava, all’epuca, era n’autra cosa, a muggheri… (allusivo)-

Pina- E chi cosa, sintemu?-

Ninu- A terza jamma, pi esempiu.-

Pina- Sempri volgari si tu!-

Ninu- Nonzi, sugnu santa Chiara di Napuli.-

Pina- Cui tu? Tu si meno d’o saristanu da chiesa matri, u primu scunghiurutu do paisi. E ora aiutami e mutu!-

Ninu (facendo il saluto militare) Agli ordini, madama. (poi si avvicina e abbraccia la moglie dalle spalle) Avaja Pinuzza, macari nto jornu do me cumpliannu na ma sciarriari.-

Pina- (addolcendosi) Ca vistu ca si un malomu…-

Ninu- Ju ‘n malomu? Ju ca ti portu ‘n palma di manu?-

Pina- … quannu si ‘mbriacu…-

Ninu- Mi offendi! (finto offeso) Mi calunni e mi cunnanni…(poi conciliante) Chi dici Pinuzza, stanotti mi fai l’auguri?-

Pina – Scostumatu! (poi sorridendo) Si ci la fai…-

Ninu- Ci mettu tutti li mezzi... a mia disposizioni.-

Pina- Abbasta ca nun ti pigghi ddu schifiu di pinnula…-

Ninu – …e picchi? Di grazia?...-

Pina- Picchì l’autra vota facisti vastasati- assai assai.-

Ninu – Era furore eroticu.-

Pina- Ca quali, era viziu prostaticu! Ahu, si ci la fai comu natura cumanna beni, annunca nisba, chiaru?!-

Ninu- Tiranna! E cu ti cridi d’essiri, Lisistrata?-

Pina- A chissa ‘nn’a canusciu, ma chiddu ca ti dissi ju, è vangelu, puntu e basta.-

Ninu… e ci calamu a pasta…-

Pina … a pasta è cotta…

Ninu -  e ti veni da storta…-

Pina – … ma a casanza di tia…-

Ninu- … no, ma di vossignuria…-

Pina- … e p’accuntu malanova a tia!-

Ninu- Ed ecco signori miei, comu si festeggia nu compleannu di nu galantomu.-

Pina- Vaja Ninu, dacci ‘n tagghiu...-

Ninu – …e sta sira sinni parra?...-

Pina- … e stasira sini parra, senza pinnuli di scorta...-

Ninu- …e ju accetto a provocazione…-

Pina- …e così sia!- 

   

  

              

Tela

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                             Atto  II

 

Scessa scenografia dell’atto precedente.

In scena c’è Ninu che consulta i messaggi sul telefonino. Suona il campanello, e Ninu, borbottando va ad aprire. Rientra con ‘Nzulu.

 

Ninu- E si po’ sapiri chi voi a st’ura?-

Nzulu- Accusì si ricevunu l’amici? Senza mancu salutari?-

Ninu- Brevi Nzulu, cchi voi?-

Nzulu- Comu chi vogghiu? E t’o scurdasti ca ama fari u trissetti con Cicciu e Tinu?-

Ninu - M’o scurdaiu, e allura?-

Nzulu- Allura passai pi arrivurdaratillo. (controlla l’orologio) Anzi semu macari in ritardu.-

Ninu- (sempre consultando il telefonino) In ritardu ci si tu, picchì ju nun vegnu.-

Nzulu – (meravigliato) Nun veni? E comu sarebbe a dire?-

Ninu- Sarebbe a diri ca ci aiu cchi fari. Puntu!-

Nzulu- Pattri, figghiu e Spiritu Santu, doppu trent’anni, chista sarebbi a prima vota ca fagghiamu…-

Ninu- C’è sempri na prima vota. Vacci tu e fativi un chiamatri.-

Nzulu- Bedda matttri quannu parri accussì, mi vinissi a vogghia di farimi u trissetti c’o mortu! E u mortu fussi tu! Oh! Avanti annacati…-

Ninu- (occhiataccia, poi cantilenando) Aiu cchi fari.-

Nzulu- Ju di ccà nun mi movu se nun mi dici chi cosa è sta novità.-

Ninu- Nzulu, o frati e cumpari, ti dissi ca ci aiu chi fari… cca in casa.-

Nzulu- C’entra pri casu su cosu? (indica il telefonino)-

Ninu- C’entra e nun c’entra. Nzumma, aspettu na prissuna (guarda l’orologio) e è quasi l’ura di l’appuntamentu.-

Nzulu- Appuntamento, ccà? E cu cui?-

Ninu- Cu na prissuna, ti dissi.-

Nzulu- Ahu Ninu Sbrogghiu, chi stai cumminannu?-

Ninu- In che senso?-

Nzulu- Nel senso unico ca sai tu: Cioè fimmini!-

Ninu- Vaja ‘mbari, nun ti ci mettiri macari tu. Nun mi basta me muggheri…-

Nzulu- A propositu unn’è  a cummari?-

Ninu- A casa di Gina, ca fa a babby sitter e so’ niputi… e (guarda l’orologio) prima di dui urati nun s’arritira.-

Nzulu- E tu nta sti dui urati stai comminannu…( fa un gesto con la mano per dire: stai mescolando la pentola)-

Ninu- Mih, ‘mbari, si sapissi. (non facendocela più a fare il misterioso e per mostrarsi ancora fimminaro) Staiu aspiuttannu ma picciuttedda ca è la fine del mondo: Avi due mulinciani accussì (imita le mammelle grosse), nu panaru ca è comu nu muluni gigante (indica il sedere), nu paru di jammi ca assumigghianu alle colonne d’Ercole…-

Nzulu- …Le colonne d’Ercole sono metaforiche…-

Ninu-…ma chiddi di dda carusazza sunu veri, riali, vivi e beddi e lisci… e sapissi chi occhi, parunu ddu cocci di castagnola bedda matura; e a vuccuzza? È nu frauluni giganti; e li capiddi? biondi comu li spighi di frummentu. In poche parole è na da dea!-

Nzulu- A mia mi pari a bancarella di Melu, u fruttaiolu…

Ninu- (sdegnato) Si spoetizzanti ‘o cumpari.-

Nzulu- Sta beni. E tu chi ci vulissi fari cu ssa dea? Nun ti la vulissi ammuccari, ccà, nta to casa?-

Ninu- No, ancora nun semu a chistu, ma ci arrivu prestu, prestissimu, quant’è veru ca mi chiamu Ninu detto Sbrogghiu.-

Nzulu- Ahu, Ninu dettu Sbrogghiu, vidi ca a facenna finisce a fetu. 

Ninu- Stai tranquillo ‘mbari.-

Nzulu – Ninu, il talamo nuziale è sacro!-

Ninu- U talamu si, ma u divanu no...-

Nzulu-… anche il tetto coniugale...-

Ninu- ( dopo un attimo di riflessione) Annunca m’impunu u divano e u metto nto tirrazzu. Si cuntentu?-

Nzulu- Ma tu sai comu si dici: Fai a cacca luntanu di casa, senno’ si senti la puzza. Nun t’nzignau nenti Mastru Cola u pustinu, ca si ni faceva una ogni matinu?-         

Ninu – Tranquillu, tranquillu, sugnu stiticu.-  

Nzulu- …e se ti sorprende la tua consorte?-

Ninu – Ahu, ‘mbari, è comu parri? Comu ‘n parrinu? Appoi ti dissi ca me muggheri non torna prima di…-

Nzulu- … dui urati. E senti, comu a caniscisti ssa sorti di…di… signorina?-

Ninu- Tramiti u tilefoninu.-

Nzulu- Comu? Comu?-

Ninu- Comu? Cu l’aiutu di me niputi Bobbionu, ca m’anzignò tanti cosi e mi misi una certa App- ca, ti prevengo, nun aia fari a pipì- pozzu cuntattari ‘n caforu di prissuni. Pi esempiu (consulta lo schermo del telefonino): Voi nu medicu? Ti servi n’infimmera? Uno specialista da vista?...nu dentista, nu…-

Nzulu- ‘n vorricamorti…-

Ninu- …Chissu e pi tia, ‘mbari, nun ti siddiari. Allura, ju visti na riclama di una fimminuna ca fa i massaggi a domiciliu e, doppu le oppurtune verifiche fotografiche, pigghiai ‘n’appuntamento. Per l’esattezza fra tri minuti. E ora vattinni.-

Nzulu- Minni vaju di cursa pi nun essiri ammiscatu nte to traffici fimminini fraudolenti...-

 

Suonano alla porta. Ninu spinge Nzulu in un’altra stanza, e aggiustandosi i capelli, va ad aprire, e rientra con una formosissima ragazza, una straniera, che regge in mano una valigetta.

 

Ninu- Bungiorno dottoressa, s’accomodi, prego, per di qua. (le fa cenno al divano).

Sonja- Buon giorno, mio nome Sonja, piaceri miu. Di cossa hai bisogno piccolo Ninu?-

Ninu- Di una carrittata di cosi.-

Sonja- Caritata? Io non fa carità.-

Ninu- U sacciu bedda, u sacciu, c’è tempu e appoi videmu.-

Sonja – Patti chiari! ( fa cenni con le dita al denaro)-

Ninu – Tranquilla, patti chiari… e amicizia longa…- 

Sonja - Dove fare male,  Ninuzzu?-

Ninu- A mia? Ah, si… mi fa mali qui, e qui, poi qui e macari qui (intanto indica varie parti del corpo, compresi i genitali), nzumma sugnu tutto ‘n duluri… d’amuri.-

Sonja- Duluri d’amuri? E che malattia essere?-

Ninu- Si chiama “Futti futti”.-

Sonja- Mai sentita. E’ contaggiosa?-

Ninu- Alli voti si, qualchi altra vota no, dipende del soggetto (si tocca l’orecchio).-

Sonja- Capiscio.- 

Ninu- U bagnu è a destra…-

Sonja- Bagno serve doppo. Ora dimmi dove possiamo fare il lavoretto?-

Ninu- Macari cca, sul divano.-

Sonja- Bene, Ninuzzo, spogliati e mettiti a pancia in giù.-

Ninu- Ahu, ju mi spogghiu, m’appoi (fa un cenno osè) Evveru?

Sonja- Vedere, vedere...-

 

La ragazza sta preparandosi prendendo qualche oggetto dalla valigetta, mentre Ninu, con la fretta non riesce a togliersi la cravatta e la camicia. Poi resta di sasso perché sente girare la chiave nella toppa della serratura della porta d’ingresso.

 

Ninu- Me  muggheri. Sugnu persu! (s’affretta a mettersi in ordine, intanto entra Pina, che vedendo la ragazza resta allibita) Pina, Pinuzza a muggheri, e comu mai turnasti accussì prestu?-

Pina – (riprendendosi dallo stupore, e poi, capendo le intenzioni del marito) To figghia si sbrigò prestu… e mu sai diri cu è sta… signurina?-

Ninu- Cui idda?-

Pina- Ci nni suni autri?-

Ninu- Ah, idda… idda è… è… è … a chi pensi? Idda è a zita di ‘mbari ‘Nzulu.-

Pina- Ah, e veni a truvari a tia?-

Sonja- Io, veramenti…-

Ninu- Muta, statti muta! (poi, cerimonioso) Signurina c’apprisentu me muggheri...-

Sonju- Troppone piaceri assai, muggheri di Ninuzzu.-

Pina- Ma comu parra chista?-

Ninu- E’…è…una scienziata terapista stranera...-

Pina- … pi mia , è una tappinara cca prova, vistu ca sta cu tia…- 

Ninu - Pina, Pinuzza, a cchi vai pinzannu. Nun è cca poi mia, è pi Nzulu. Varda, ti lu provu subbitu subbitu. ‘Mbari ‘Nzulu, veni ccà! (Nzulu non viene, allora Ninu si reca alla porta della stanza, l’apre e chiama il compare)  Nzulu, Nzulicchiu, veni, arrivau a cummaredda to, ca ti voli salutati.-

Nzulu- (frastornato, vedendo la ragazza e Pina, si confonde e vorrebbe rientrare nella stanza, trattenuto da Ninu, poi coi cenni disperati dell’amico, capisce che deve assecondarlo e si fa avanti) Bon giornu cummari. Comu stati?-

Pina- (che si è mangiata la foglia) Ju beni, e p’accamora macari vui e me maritu.-

Ninu- Diciaccillu tu ca la signurina cca prisenti è a to zita.-

Nzulu- Cui idda? (indica la ragazza)-

Ninu- No, me nanna. Avaja e chi t’affrunti comu un picciriddu? Avanti, prisintacilla a me muggheri.-

Pina- (non potendone più) Sintiti cumpari ‘Nzulu, cu tuttu u rispetto vi dicu jatavinni bonu bonu e tuttu interu… e purtativi a vostra… zita. In quantu a tia (Ninu arretra), in quantu a tia appoi ni facemu i cunti.-

 

Sonja si precipita verso l’uscita, seguita, mogio mogio da Nzulu.

 

Pina- E ora a noi due! (prende un nodoso bastone da dietro il mobile e si avvicina minacciosa verso Ninu)-

Ninu- Fremma! Fremma! Ti confesso tutto. Ecco, un amico mi dissi ca pe me duluri ci vulevanu dei massaggi, e mi fici averi n’appuntamento cun  na dottoressa – quella terapista che hai visto. Ma a mia mi parsi nu sghezzu e nun  fici casu e accussì nun ti dissi nenti. Ma dieci minuti fa, tuppuliau sta carusa e mi dissi ca era una massaggiatrice a domuciliu…-

Pina- Forsi vuoi dire buttana a domiciliu.-

Ninu- Po’ essiri comu dici tu. Nto mentri arrivò ‘mbari ‘Nzulu e mi misimu a chiacchiarare. Poi arrivasti tu. Ed è tutto.-

Pina- Tutto? Pi  mia? E chi mi facisti lesa? Scimunita? Rimbambita? Ca ora ju m’ammuccavu ssa storiella. Tu cercavi di tradirmi, fedifrago!-

Ninu- Pinuzza, gioia, pi fozza a ma fari na scerra? Lassamu perdiri… tantu u sai comu sugnu ‘ntisu: Ninu Sbrogghiu, e ju nun ci pozzi fari nenti, oh.-

Pina-  E inveci ju ci pozzu fari tantu. U vidi stu marruggiu? Bene, cu chistu t’acciuncu viramenti, e senza dari a cuppa a dda mischina di tracina e senza pinsioni d’invalidità!-

Ninu- Fremmati donna!-

Pina- Marruggiu, penzaci tu. (fa roteare il bastone, quando suonano alla porta) E ora cu è? A cu aspetti ancora, malacunnutta!-

Ninu- Cui ju? A nuddu aspetto, to giuru.-

Pina- Anveci di spergiurari, vai a apriri.- 

 

Alla porta c’è ‘Nzulu. 

 

Ninu- ‘Nzulu, chi voi?-

Nzulu- Ju nenti, ma ci sunu fora dui prissuni ca ti stanu circannu.-

Ninu- E cchi cosa vonu?-

Nzulu- E chissacciu. I truvai pa’ strada e mi addumannaru se ti canuscevo e se sapevu unni stavi, e accussì, l’accumpagnai ccà.-

Pina- C’aviti voi due?-

Ninu- Nenti, ha accompagnato dui prissuni ca mi cercanu.-

Pina- Chi sunu pri casu, carrabbineri? Vinnuru p’attaccariti?-

Ninu- Spiritosa. Falli trasiri Nzulu.-

Nzulu- (sottovoce) Ahu, varda ca a…massaggiatrici a pavai ju. Mollani un centone.-

Ninu- Avanzi e ci si misu. Fai trasiri ddi prissuni.

Nzulu- Accomodatevi signori, questo è il signor Ninu Carrubba.-

 

Entrano due uomini, sono il Titolare di una ditta e un tale che ha una faccia torva e un’espressione truce: E’ Pittbull, il testimone oculare.

 

Titolare- (cerimonioso) Felicissimo di conoscerla signor Carrubba, io sono il titolare della ditta Arredi da giardino e affini. Sono venuto insieme al mio assistente per consegnarle la merce che ci ha ordinato per telefono.-

Ninu- Accomodatevi, questa è mia moglie e quel signore che vi ha accompagnato, è il signor Giuda!!! (occhiataccia a Nzulu il quale fa un cenno per dire: e io che c’entro?)-

Titolare- (c.s.) Felicissimo signora (accenna ad un baciamano che la donna non gradisce, anzi si pulisce la mano nella gonna) Dunque come dicevo, vi ho portato la seguente merce: una tenda da sole a estensione, un dondolo per bambini, uno scivolo sempre per bambini, tre sdraio, un tavolino da esterno con quattro poltroncine. Dove le mettiamo?-

Pina- ( a Ninu, guardandolo ferocemente) Comu, comu? Hai ordinato tutta sta robba? E pi fari cchi cosa?-

Ninu- Pina, calma ti spiego tutto, dopo.-

Pina- No! tu mi dici tuttu prima!-

Titolare- Intanto che voi confabulate il mio aiutante monta la tenda. (il testimone esce per eseguire). E l’altra merce dove la depositiamo?-

Ninu- Senta amicu, vardati ca ci a essiri nu sbagghiu: Ju ordinai sulamenti la tenda da sole.-

Titolare- (consultando una nota) A me risulta che ha ordinato tutto ciò che abbiamo portato.-

Ninu- ( pazientemente) Senta, ci dissi ora ora che c’è un errore, sicuramenti. Infatti come putevo ordinari jochi pe picciriddi se non ne avemu?-

Titolare- …figli no, ma i nipoti?-

Ninu- Unu! Nu carusuni di quattrodici anni… e mancu sta cca.-

Titolare- Comunque non mi riguarda, qui carta canta.-

Ninu- Ma quali carta. Amicu, e cchi è nun ci sintiti? vi dissi ca c’è nu sbagghiu.-

Titolare- Allora vi porto il testimone oculare che era presente quando abbiamo ricevuto l’ordine.-

Ninu- Ca quali testimoni oculare d’egitto. Fatemi la cortesia…-

Titolare- Bene. (apre la porta e chiama) Pittbull! (entra l’uomo) Trasi Pittbull, trasi, picchì c’e da fari na… testimonianza. (l’uomo, entrando, si leva la giacca e incomincia ad arrotolarsi le maniche della camicia)-

Ninu- (terrorizzato) Calma, calma, c’è tempu e luogo.-

Titolare - … fermu Pittbull. (a Ninu) allora? Amicu?- 

Ninu- Va beni. Lassati a robba nta tirrazza e datemi la nota. (Pina accenna a dire qualcosa, ma Ninu le fa cenno di stare tranquilla)-

Titolare- Ecco la nota. Sono duemila euro iva eslusa.-

Ninu- (prendendo il libretto degli assegni da un tiretto) Po’ mumentu non ci hai contanti, vi staccu n’assegnu. (e senza dare il tempo di ribadire, riempie l’assegno) Ecco a voi!-

Titolate- Veramenti accettiamo solo contanti, ma visto che non ne avete con voi…vi diamo fiducia… va bene, accetto. (controlla) Bene, grazie e alla prossima, andiamo (a Pittbull). Buon giorno a tutti. (escono)- 

Pina- Ma che si’ tuttu foddi? Nel conto nun ci hai na lira fausa, e tu firmi assegni?-

Ninu- (riponendo il libretto) Moglie, l’uomo della casa sono io, e so ciò che faccio (con solennità, poi tra se) E intanto varagnai tri giorna di vita. Lunedì sinni parra.-

Pina- Tu? Propriu tu sai (imitandolo) quello che faccio? A vo cuccati. Senti beddu tu ti mittisti na stu pasticciu comu o solito to: cioè da incosciente! (disperandosi) Maronna e ora comu facemu?-

Nzulu- A ta scusari, ma a mia a cosa mi puzza… intisi diri ca ci sunu certi zingari ca arrobbunu ne giardini e si vinnunu i mobili tramite un ricettatore. Nzamai iddi (accenna alle persone che sono uscite) sunu chissi?-

Ninu- Un ricattatori? ‘Mbari, si na cannunata. Pi mia hai raggiuni, suni ricattatori… e puru violenti.-

Nzulu- Vidi ca dissi ricettatore, cioè unu ca s’accatta a merci arrubbata.-

Ninu- Ah, allora è diversu…-

Nzulu- …Chistu nun ha capitu nenti… (tristemente)-

Ninu- ( che ha sentito, pomposo) Che cosa non avrei capito – io?-

Nzulu- Ca si tu nu ricettaturi, in putenza. Ecco cosa aviss’a capiri, cu fussi tu, accattannuti sti mobili.

Pina- Beni! Di male i peggio!-

Ninu- Stai serena, qui ci sono io, tuo marito.-

Pina- Ora dormu tranquilla (ironica) Aho, scunchiurutu cu tu dissi di mittiriti nta sti centu missi?-

Ninu- Il prezzo favoloso me lo disse. C’era scritto nta l’app, che il prezzo era modico…-

Pina- Di Modica? E cu ci u porta ccà?-

Ninu- Donna: Modico, non mudicanu! Eppoi, capisci? Costava solo cinquanta euro. Tu ch’avissi fattu?-

Nzulu- Cui ju?-

Ninu- No idda. (indicando Pina) Pricchì era idda ca si lamintava ca u suli nta tirrazza ci mureva e che s’aviss’a mettiri almenu na tenda. ( a Pina) T’o rivordi?-

Pina- Certo ca m’o rivordu. Ma accattannila nta ‘n vero negoziu...-

Ninu- … pi seicento euru? Na si l’avvisu saputu ca custava cinquanta euru, tu           c’avissa fattu?-

Pina – M’avissi mangiatu a fogghia.-

Ninu- E brava, ora ca sai. Ma ju chi nni sapevu di sta banda ca traffica i mobili arrubbati? Sulu ora, da Nzulu u vinni a sapiri.-

Pina- E una priassuna in sensi, s’anforma prima. (disperata, poi come ricordandosene in quel momento) Mattri e cu l’assegnu?

Nzulu- E c’o testimoni?       

Pina- Chi facemu?-

Ninu- Ti dissi ca ci pensu ju, cioè l’omu d’a casa!-

Pina- Ma levici manu cu stu riturnello. Sentiti cumpari, ‘Nzulu taliassi cchi ci cuntu: Stu (derisoria) omo di casa, passannnu a ieri si fici veniri cca nu consulenti finanziariu pi farisi spiegari comu investire i so risparmi. Benissimu, però, in primis in primisi, nun havi, comu vi dissi, un soldu fausu, né nto portafogghiu ne tantumenu a banca; secunnu a pinsioni appena arriva, sinni va pi pavari a misata, a putiara, u chianchieri, la bulletta da luci eccetera eccetera; e a poi chi nicchi nacchi parrari cu chissu?... (insospettita) o era una …chissa…Ninu, dimmi a virità.-

Ninu- (che aveva ascoltato insofferente) Ju chissacciu pi mia era un promotore, se appoi arrivò na’ promottrici, chi nni sapevu ju?-

Pina- Ah, anima ‘nnuccenti, chi nni sapeva iddu. Ma sintitilu cumpari Nzulu, vui co conusciti da cinquat’anni.-

Nzulu- Ju, chinni sacciu. Commuredda nun mittitimi ammenzu. Anzi, sapiti chi fazzu? Vi salutai. (esce precipitosamente)-

Ninu- Chi bella cumparsa con gli estranei…-

Pina- … ca sai fari sulu tu. Avanti, finemula ccà, ju vaju a fari a spisa, intantu tu pensa a na via d’uscita di sta stramaledetta storia. Ti salutu.-

Ninu –Ci pensu, ci pensu… Ah, senti a maggheri, intantu ca ci si, accatta dui custateddi, ni facenmu arrustuti nto focu...-

Pina- T’o po’ scurdari! Dui custateddi… ma u sai o nun u sai ca ci hai u colistirolo autu? Eppoi, u sai o nun u sai ca l’animali sa na rispittari? … nun sa na scannari? Nun sa na fari soffriri?-

Ninu- E pi un fari soffriri nu viteddu, voli diri ca facemu a fami…(sconsolato)-

Pina- Si po’ sempri maciari vegetali ca sunu megghiu da carni e nun fanu mali...-

Ninu-Dimmi a virità donna: Cu ti dissi si gran minchiati?-

Pina- A parti ca aviss’a parrari pulitu, appoi nun sunu chiddu ca dici tu, picchì è robba scentifica, pruvata.-

Ninu – E a tia cu tu dissi?-

Pina- A dottoressa do secunnu pianu…-

Ninu-Cui chidda sicca comu n’anciova?-

Pina- E’ una donna in linea.-

Ninu- E a ssa donna in linea, cu ci lu dissi ca l’animali soffrunu e i vegetali no? Pigghia a to soru: E’ una vegetale tali e quali: macia vivi, e sinni futti, ma quannu ci venunu i murroidi, jetta vuci comu ‘n maialinu scannatu! A vo cuccati, tu, a dottoressa e ssi teorie…(poi riflettendo) Ora, mu voi spiegari, pi esempiu, se ci scippi un punu all’alberu, chiddu nun senti duluri? E mu voi diri, pi casu, se u pumaroru ca pigghi o mircatu, nun sapi ca sta finennu nta pignata pa addiventa salsa? Onde per cui, siti tanti fanatici. Ho detto!-

Pina- (che ha ascoltato con sopportazione) Finisti? Mi nni puzzu iri? O m’a dari ancora comunni?-

Ninu- Ciau, ciau… (Pina esce) ci mancava magari na vigitariana p’amica…-

 

 

 Appena pina sarà uscita, Nunu farà una telefonata.

 

Ninu- Prontu? Parlo con l’agenzia immobiliare “ La casa”? Bene, sono il signor Carrubba, volevo disdire l’appuntamento per oggi con la vostra agente

per visionare l’appartamento di via Carrapipi 23. Ah, è già fuori… per venire da me? E non si può rintracciare? No? E va beni… aspettu. (chiude il telefono) Speriamo ca ssa bedda agentessa immobiliatrice, bbona comu na fimmina di letto, si sbriga, prima ca ritorna Pina. Intanto, po’ si e po’ no, mi pigghiu na pinnula. (estrae da una scatolina una pillora azzurra e la ingoia con un po’ d’acqua). Ora semu a postu!-

 

Suonano alla porta. Ninu si precipita ad aprire e si trova difronte una donnicciola piccola e magra, con occhialoni da vista e capelli a tuppo.

 

Agente imm.- Buon giorno signore.-

Ninu- Bongiorno, bongiornu. Signora, sicurmenti sbagghiavu porta.-

Agente imm.- Questo non è l’appartamento del signor Carrubba?-

Ninu- E’ questo. Ma ora vada via, aspetto gente.-

Agente imm. – Lei aspetta me, io sono l’agente immobiliare, posso entrare?.-

Ninu- Ma non mi faccia ridere, conosco la prissuna prissunalmenti…( intanto la fa entrare)-

Agente- … che non verrà in quanto, poverina, è stata investita da una motoretta e si trova, in questo momento, all’ospedale per una frattura al perone. Ma ci sono io, che la sostituisco, e che, vedrà, ci so fare quasi come la collega.-

Ninu- (guardandola dalla resta ai piedi) A quali. C’è na differenza abbissali.-

Agente- Ma lei mi ha messo alla prova?-

Ninu – A lei? Scansatini.-

Agente- Allora signor Carrubba … (frivolamente) detto sbrogghiu, se non erro, vogliamo incominciare?-

Ninu- (che sente l’effetto della pillola) Cu lei? Mah, chissacciu…intantu si po’ assittare nto divanu.-

Agente- Signore, io sono venuta qui per periziare, ma, da come mi guarda, mi sorge un sospetto… lei forse si vuole approfittare di me?-

Ninu- O’ tempo di bunazza sarebbe un oltraggio alla mia reputazioni, ma cu sta pinnuila in corpu, o fazzu o scoppiu.-

Agente- Allora, se è carricu ‘n’avanti, non opporrò resistenza alla violenza, mi sacrificherò sarà una agentei immobiliari sfortunata.-

Ninu - … chistu è sicuru comu la morti, dimiscanzi!-

Agente - Sono pronta a immolarmi! (assume una posa di vittima sacrificale)-

Ninu- Chiuru l’occhi e così sia.- 

 

Ritorna Pina, vede i due sul divano, e si mette a strillare. L’agente si compone affrettatamente, mentre Ninu resta basito.

 

Pina- Cosa tinta, ta fai che fimmini magari a casa mia.-

Ninu- Ma quali fimmini, questa signora è un agente immobiliare.-

Agente- Piacere signora.-

Pina- ( a Ninu) E, fammi capiri, quest’agente (la guarda in modo dispreggiativo), cosa caspita ci fa qui, e appoi supra o divanu, appoi cu tia ‘ncoddu?-

Ninu- Ti spiego tutto: Ci fa qui per fare la visura d’a casa; era supra u divanu, pi fari nu calculu dilicatu, ju ero vicino, pi aiutarla. Ecco tutto spiegato.-

Pina- Hai na facci ca ci po’ sparari i pospiri di lignu. Pezzu di munzinaru e viziusu cronicu, comu poi nigari l’evidenza? Appoi, a visura pi cchi cosa?-

Agente- (timidamente) La visura è necessaria per valutare l’immobile in vendita, E’ la prassi, signora.-

Pina- Sarebbi a prassi, si l’immobili fussi do so’, ma sta casa è in affittu, ergo siete due minzugnari e porci!-

Ninu- Avaja Pinuzza, nun drammatizzari, ju vulevo fari a visura pi vidiri quantu vali sta casa e pi sapirimi regulari pi la misata, vistu ca a gennaio scade il contratto.-

Pina- E vulissi farimi capiri ca ti servi la visura pi mittiriti d’accordu cu to cumpari ‘Nzulu (all’agente) perché quest’immobile, cara agente immobiliari libitinosa, non è del qui presente Ninu Carrubba, ma di don ‘Nzulu Caramella.-

Ninu- Comu diri: Caramella di Carrubba. Insomma culu e cammisa (gestualità adeguata).-

Agente – (prendendo la borsa) Ho capito, ho capito, è meglio che vada via. Buongiorno a tutti.-

Pina – E’ megghiu, accussì sinni va coi so pedi! (la donna esce) Buon giorno e acqua d’avanti e ventu d’arreri. E ora a noi beddu spicchiu di mennula amara. Che hai da dire!?-    

Ninu- Dicu: A curpa nun è mia.-

Pina- Sfrontatu!-

Ninu- No, drogatu!-

Pina – Ti pigghiasti a pinnula?-

Ninu- (mestamente) Pultroppo si. L’ava pigghiato pi fari l’amore cu tia, ma tu tinni isti a fari a spisa e… e… ccà sutta prissava comu na morsa… e cu ci puteva cchiù? O facevu o scoppiavu.-

Pina- E facisti?-

Ninu- No, arrivasti prima tu, ma staiu scuppiannu… anzi si nun ti dispiaci… t’aviss’a diri na parola… dda banna (fa l’occhialino, significativamente)… chi dici, a muggheri…-

Pina- Ca si nu bastardu. Ma pi la to’ saluti, mi sacrificu, però ssi pinnuli ana spariri, intesi?-

Ninu- Intesi, intesi, ma sbrigamuni a muggheri, facimu prestu, staiu spaccannu macari i mutanni.-

 

I due vanno nell’altra camera. Musica adatta.

 

Tela.   

 

    

  

 

     

    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                              Atto  III

 

 

Stessa scenografia. In scena ci sono Ninu, Pina, ‘Nzulu e Turi.

 

Pina- …E se ssi zingari venunu armati?-

Ninu- Buum! Ca ora si mettunu a fari a muschitteria nta na casa privata e in pieno giorno.-

Nzulu- (a Ninu) Ju pensu ca venunu pi rumpiriti l’ossa e basta.-

Ninu- Grazi assai ‘mbari, pi cunfortu si nu vero amicu.-

Turi- Comunque ora semu tri contro dui.-

Nzulu- Se venunu in dui…-

Pina-  Picchì vui cririti…-

Nzulu- Mah, chissacciu, putissi veniri macari tutta a banda…-

Ninu- …Ca sinnucu in testa. Avaja ma cchi dici.-

Turi- Certu ca fusti incoscienti a darici n’assegnu scopertu. Chiddi lunedì s’apprisintarunu a banca cu ss’assegnu scupertu, sa na sintutu pigghiati po’ culu e si sono inferociti e ora ni voluno cuntu e raggiuni...-

Nzulu- …E soprattuttu vonu i picciuli!-

Ninu- Sintitimi bbonu: Na ddu mumentu ci avissi firmatu macari na cambiali a vita.-

Pina- Ma a banca, chi cosa farà, lo dimunzia?

Turi- No, cridu di no, comunque am’aspittar gli eventi (guarda l’orologio, poi tra se) E già passau n’urata china china...-

Nzulu- Ju dicissi di fari na cosa saggia.-

Ninu- Pri esempiu?-

Nzulu- Pri esempiu virsannu dumila euru nto to cuntu.-

Ninu- Scupristi i pospiri di cira! E unni i pigghiu du mila euru?-

Nzulu- Si putissi fari na colletta. Ju ci metto cincucento euru, i to figghi a rimanenza e tuttu è fattu.-

Turi- (tossicchiando) Io non passo un momento felice col lavoro, pi cui…-

Ninu- …Pi cui, arrangiativi!-

Turi- Non ho detto questo!-

Pina- Ju ci criru. Turi è ‘n figghiu affeziunatu. Forsi macari to fighia Gina avi qualichi difficoltà…  so maritu travagghia quannu ci avi a valia, cioè mai!-

Turi- (guardando l’orologio) Ma quando arrivano sti personaggi?-

Ninu- C’ai prescia d’arristari orfanu?-

Turi- Non raccolgo. Comunque, ju veramenti avissi ‘n clienti ‘mportanti ca m’aspetta fra menzura…-

Ninu- Varda chi cumminazioni…-

Turi – Chi vo’ diri, ca ma filu?-

Ninu- Nonzi, ca tinni fuj.-

Turi- Amà, u senti? Sempri cu mia ci l’avi. (riguarda l’orologio) Ju minni aia ghiri pi fozza, sennò perdu a st’affari.-

Ninu- Sta sirinata avi un pezzu ca a sintemu…-

Turi- Chi voi diri?-

Ninu- Ca quannu veni, indipendentemente pi quali nutivu, hai sempri chiffari, hai cosi impurtanti, oppuru ca si stancu e tinn’a ghiri a cuccariti.-

Pina- Ma chi ci dici a to figghiu? Nun vidi ca si sta facennu na posizoni? E quindi va a tirari a carretta.-

Ninu – Ai raggiuni ava tirari a carretta… comu i scecchi!

Turi- Amà, mi sta offendendo… u vidi? cu iddu è tuttu persu… nun havi piaciri che mi affermo nel mio lavoro.-

Ninu- Cui ju? Senti beddu, u travagghiu nobilita l’uomo, si va dicennu in giru, ma u to nun mi piaci propriu e sai picchì? In  primis nun mi piaci ssu misteri di zannu; sacunnu, ti pirdisti completamenti, immerso nei tuoi affari; terzu, t’alluntanasti di vista e di cori.-

Pina- Nun è veru! Quannu po’ ni veni a truvari.-

Ninu- Certu: na vota o misi se tuttu va beni, e quannu veni nun vidi l’ura di irasinni. Chiddu, nta nostra casa, chiù di deci minuti nun ci sta. A seggia ci brucia nto panaru!-

Turi - Ora stai esagerannu. Amà, minni vaju picchì staju quariannu.-

Ninu- E sciusciti.- 

Turi – Pa’ nun mi provocari.-

Ninu . Picchì sennò chi fai l’Orlando furioso? Sappi, beddu, ca addivintasti na prissina – dico na prissuna e non un figghiu – senza affetto e senza rispettu… e pozzu pozzu, magari ‘ngratu...-

Turi – Ca ora (smaccoso) mettici lattru e assassinu e a facisti completa. Poi (guardandolo di traverso) E cu chissu ti salutai. Ciau ma’ (la bacia e esce quasi di corsa).-

Ninu- Figghiu affezionatu (ironia amara) e omu di sustanza, nun c’è cchi diri…( gesto ironico)-

Pina- U lassi stari? Nun vidi ca avi di uscarisi u pani, avi na famigghia da mantineri, nun lu criticari, propriu tu ca nun hai fattu mai nenti.-

Ninu- Ebbene, si! Nun aiu fattu mai nenti di bbonu, ma sacciu essiri n’omu. E prima sapevu fari macari u figghiu affizionatu e rispettosu. Avanti Jtavinni tutti, l’affrontu sulu, ssi bardasci zingarioti.-

Nzulu.- A stu puntu minni vaju macari ju, ma non picchi mi scantu, ma picchì u pissimakkè  mi si sta scarricannu e nun vulissi ristarici siccu.. e comunque sugnu sempri nta porta accantu, abbasta tuppuliari, vegnu e comu finisci finisci. Arrivurdatillu.-

Ninu- All’epuca, ‘Nzulu, all’epuca, quannu nun ni facevamu passari na musca nto nasu…ma ora…Appoi nun ci nnè propriu di bisogno di tuppuliari, tantu comu ti sentu ju, quannu traffichii ca panittera da via Rannazzu, mi sintirai tu quannu sbraiterò…-

Nzulu- Sempri a babbiari tu. Comunque sugnu e sarò all’erta. Vi salutai.-

Ninu- Vaja, u sacciu cu si tu. Vatinni, tranquillu… vai, vai. (‘Nzulu, malvolentiere esce)-

Pina- Ju sugnu to muggheri e restu cca.-

Ninu- A fari cchi cosa? A jattari vuci?-

Pina- No, a  aiutariti.-

Ninu- Comu? Comu a dda vota quannu mi sciarriai cu dd’automobilista ca mi tagghiò a strata?-

Pina- Vulevu ca nun t’asciarriassi.-

Ninu- Ah, si? E sacunnu tia, mi sciarriu usu? O pi sciarriarisi ci vonu almenu dui prissuni, o no?-

Pina- Miminu…minimu.-

Ninu - E com’è ca pi nun farimi sciarriari t’appinnevi sulamenti nto me brazzu, ammentri chiddu, cu du brazzi libberi, mi carricava di cazzotti?-

Pina- Mih, nun m’a pirduni mai… Va beni, minni vaju.-

Ninu- E’ megghiu.-

Pina - (uscendo, borbottando) Ora chiamu i carrabbineri, prima ca m’addifettunu u maritu.-

 

Ninu rimasto solo, si aggira nella camera, aggiusta qualche sedia e mette il bastone nodoso a portata di mano. Mima, goffamente, la lite. Suonano alla porta. Ninu sobbalza, poi si da un cintegno virile e quindi va ad aprire. Entrano il titolare e il testimone oculare.

 

Ninu- Ah, siete voi…-

Titolare- E chi aspittavi o sinnucu. ( con atteggiamento da guappo, entra, si guarda attorno, guarda con disgusto Ninu) Allura Ninu Sbrogghiu, chi mi sai diri di st’assegnu ccà? (lo sventola sul viso di Ninu)-

Ninu- Cui? Chissu?-

Titolare- (minaccioso) Chistu. Chistu. (quasi glielo strofina in viso)-

Ninu- Videmu…(esamina l’assegno con competenza pignolesca. A firma è mia, a data currispunni, a località pure…l’importu mi pati eccessivo. O m i sbagghiu? (occhiataccia  minacciosa del principale, e Nino capisce l’antifona) Si, e chiddu miu…(poi, fulmeamente, lo strappa dalle mani dell’uomo e se lo mette in bocca, masticandolo e ingoiandolo, invano ostacolato dal titolare) Mih, mai aiu mangiato na cosa cchiu sapurita.-

Titolari- ( prima sorpreso, poi furioso) A si? Va beni (a Pittbull) Pensaci tu a riurdarici cu semu, ma lassaci i ita funzionanti, picchì n’a firmari n’autru assegnu e di trimmila euru- stavota!!-

 

Pittbull, si appresta a pestare Ninu, il quale, prontamente afferra il bastone e lo colpisce lievamente a una spalla, contemporaneamente, si ode un secco rumore, come uno schiocco, e l’energumeno manda un grido di dolore; la situazione scenica si ripeterà varie volte, con Ninu sempre più meravigliato di come stanno andando le cose: infatti, egli non ha neppure il tempo di colpire l’avversario, che si sente lo schiocco e il grido di dolore della vittima. La scena coinvolge anche il titolare, poi i due, torcendosi di dolore, fuggono via. 

 

Titolare – Prestu, scappamu, nta sta casa ci sunu i spiriti malefici e c’ l’annu cu nuattri, dai,  cugghemini i pupi e filamu via!!-

 

Ninu rimane col bastone in mano, lo esamina assai perplesso, perché, infine, non è sicuro d’essere stato così efficace nella difesa. Guarda, dalla finestra, che da sul terrazzo, e vede i due che s’affrettano a portare via gli arredi, e si strofina le mani dalla contentezza. Ma ecco che dall’altra stanza, la cui porta era rimasta semiaperta, esce Bob con una carabina d’aria compressa in mano.

 

Ninu- Bobbinu, chi fai ccà?-

Bob- Nannu e cchi ti putevo lassari sulu?-

Ninu- I facisti scappari cu ssu cosu ccà? (indica la arabina)-

Bob- Chista è una carabina ad aria compressa, ca spara piombini calibro 4,5, che a una distanza di cinque metri fanno un bel buchetto nel bersaglio prescelto.-

Ninu- E stavota quali fu u to bersagliu prescelto?     

Bob - U panaru, nonnu, u panaru di ssi dui bellimusti.-

Ninu- Bravu Bobbinu, si na cannunata … (poi rigirandosi di botto e guardando meglio il ragazzo) ma si sicuru ca si figghiu di to pattri?-

Bob- Pi sicuru, sugnu to niputi, nonnino.-

Ninu- Eh, bonsangue non mente. (confidenzialmente) E senti, a fimmini comu si cumminatu?-

Bob- ( timidamente) Bih nonno, e sempre là ce l’hai la testa… cosa vuoi sapere? Se sugnu masculu?-

Ninu- E mi pari ma cosa logica, si’ me niputi, no?-

Bob- (abbassando lo sguardo) Insomma, sono principiante, ma… m’arrangiu.-

Ninu- Bravu! Si nta strada giusta. E dimmi na cosa: comu mai si ccà? Aspetta, aspetta, chiffà forsi sapevi d’a… visita ca aspittavu? (indica la porta da dove sono fuggiti i due aggressori)-

Bob – Sissi. Ho sentito papà che parlava con la mamma della minaccia che t’avevano fatto i malavitosi. Ho chiesto se potevo venire anch’io a difenderti, ma mi ha risposto che sono affari per adulti. E allora, ho finto d’andare a studiare, nella mia stanza, poi ho preso la carabina e, di corsa, sono venuto qui, entrando, però, dalla finestra della stanza da letto dove mi sono nascosto… e ho sentito tutto! Insomma, nonno, sono rimasto il solo a dover difendere i miei nonnini…Mi dispiaci…- 

Ninu- Di cchi cosa? d’avermi forse salvato da na fraccata di vastunati?-

Bob – No, dal comportamento di me pattri.-

Ninu- Ahu nun diri sti cosi: T’o pattri s’ambriacò cu ssa specie d’azienda… e, appoi,  ognunu havi u so carattiri.-

Bob – Ok, insomma, scusami. (confuso)-

Ninu – Avaja e finiscila (gli accarezza la testa). Comunque, pri furtuna è andata beni, e tu si statu bravissimu! Però a prossima vota ubbidisci a to pattri.-

Roby- Lo farò.-

 

Entra ‘Nzulu, è guardingo, e imbraccia una scopa.

 

Ninu- (scorgendolo) Veni, trasi, è tuttu a postu ‘Nzulu, piriculu scampatu.-

Nzulu - Sinni jenu?-

Ninu- No, scapparunu comu du saittuni.-

Nzulu – E comu fu?.

Ninu- Un colpo d’arma sigreta fu, anzi sei colpi, veru Bobbinu (Bob, sorridendo annuisce)-

Nzulu- Menu mali. (abbassa la scopa).

Ninu- ‘Nzulu, vidu ca macari tu vinisti cu l’arma sigreta. (indica la scopa)-

Nzulu- Chista truvai a putata di manu…-

Ninu – E’ l’intenzioni ca cunta. Grazi ‘nbari.-

 

Rientra Pina.

 

Pina- Chi fu? Vitti scappar i dui zingari comu dui saittuni e carichi comu ddu scecchi...-

Ninu-… e deciditi sunu saittuni o scecchi! Comunque, (pomposo) quei malviventi, vista la mia coraggiosa e decisiva determinazione, ci arripinzaruno e s’a svignaruno (facendo l’occhialino a Bob)-

Pina- Comu accussì, di bonu a bonu?-

Ninu- Accussì di bonu a bonu, sensa aspittari a carrozza d’o sinatu.-

Pina – Mattri santissima, ora ci addumu na cannila a Sant’aita…-

Ninu- … E n’autra a santu Roberto.-

Pina- San Roberto? E  chi c’entra?-

Ninu – Centra, centra…-

Pina- Tu e i to’ sbafarati…E c’o l’assegno comu finiu?-

Ninu- Ce l’ho io!-

Pina- Videmu?-

Ninu- Dumani, quannu vaju nto cessu…-

Pina- Sempri a sghizzari, macari che cosi serii... avanti picchì ma teniri appisa.-

Ninu- Ahu, mu mangiai, cuntenta?-

Pina- Bedda mattri, e se ti fa ‘nfezioni?-

Ninu- Ci addumanu n’autra cannila a Sant’Aita.  

Pina- Sghezza coi fanti e lassa stari i santi. (accorgendosi del nipote) E tu Bob, chi  fai ccà?-

Bob- M’attruvai a passari…-

Ninu- …E vinni a salutari i soi nonni. E tu unn’a statu?-

Pina- Nte carrabbineri, stanu vinennu.-

Ninu- E comu venunu sinni vanu. Anzi varda cchi fai, telefunaci e ci dici che è statu un falso allarme.-

Pina- Ora?-

Ninu – E quannu? Quannu su già ccà?-

Nzulu – ‘Nbari Ninu, mi mittu ju di vardia davanti o purticatu e l’avviso ca tuttu è finitu.-

Ninu – Grazzi assai, ‘nbari, ma è megghiu ca l’avvisassi cu li chiamò. Telefona Pina.-

 

Pina esegue.

 

Ninu- A proposito Bobbinu (prende il telefonino e glielo mostra) chi ni dici di st’affari cinisi?-

Pina- ( insorgendo clamorosamente) Oh no! non ricominciamo! Bob ti proibisco di insegnare al nonno altre App, e programmi vari, sennò l’affucu ammentri dormi!-

Ninu- Calmati, calmati a muggheri…calmati. (a Bob) Senti Bobbinu ju ti lu vulissi dari.- 

Bob- Nonno, te lo vuoi togliere? Proprio quando la sai già usare? Eppoi costa molto, è professionale.-

Pina – Macari troppu, pi cuntu miu… appoi, macari senza ssu strumentu, iddu, pi fari casini, c’abbasta e c’assupecchia. -

Ninu- (solennemente) Io sono un uomo incompreso e per giunta calunniato. (occhiataccia a Pina, poi a Bob) E proprio ora te lo vorrei regalare. Anzi, giacchè semu in tema di riali, tiè ‘Nzulu, varda chi ti rialu …(esca dalla tasca una scatola di pillole e la da all’amico)… a tia ti servunu… quannu veni a truvariti a pannittera. A mia nun servunu cchiù. ( Nzulu prende la scatola, frastornato, e se la mette velocemente in tasca) Evveru Pinuzza?-

Pina- Evveru! Accussì finalmenti t’arrizzetti e torna a paci nta sta famigghia.- 

Ninu- Un momento! (assumendo il portamento dignitoso) E nun mi controlli cchiù? (Pina fa il gesto di noi); e ‘n t’aia tilifunari cchiù ammentri sugnu cu’ l’amici? (Pina idem) E nun t’aia fari commisioni varie? (idem) E mi fai a parmiggiana ca ricotta salata, tutti i simani? (Pina annuisce. Poi Ninu, avvicinandosi di più alla donna) E senti, pensi ancora ca m’aia fari spurtusari ogni misi pi farimi l’analisi d’o sangu pi vidiri se arraggiunu o no?- 

Pina- Diminiscanzi, no!... ma almenu na vota l’annu, s’è possibile, p’accuntintari a to muggheri… (lo guarda supplichevole) –

Ninu- Beni…beni…(poi all’improvviso) E a custatedda ‘n ta braci m’a fai?-

Pina- Si…ma na vota o misi…-

Ninu – (riflettendo) Donna, e sia! ( con gesto regale, quindi solennemente) Tiè Bobbinu, pigghia stu cosu è tuo.- 

 

Cerimonia di consegna del telefonino a Bob. Se sarà possibile dovrebbe essere pomposa, come se fosse un passaggio di consegne tra il vecchio e il ragazzo.  

 

Ninu- E finalmenti c’è a paci ‘n famigghia. Evvero donna?

Pina- Veru, veru… (Sottovoce, dubitativa) speriamo.- 

 

Fine

 

 

 

                                                    LU  PARA… PSICOLUGU

 

 

                                               Commedia brillante in due atti

 

 

                                                                     di

 

 

 

 

Personaggi:

Salvo Moschella………………………………………….mago- parapsicologo;

Giovanna  Calì…..………………………………………..cliente:

Rosa….…………………………………………………….figlia di Giovanna;

Janu Ciulla, .…………………. ……………………………sensale;

Vitu Samperi , allevatore……………………………….… cliente;

 

 

 

Turri Lifu, novembre 2012

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commedia brillante in siciliano in due atti – personaggi: 3 m. e 2 f. – anno 2012.

Un parapsicologo, astrologo, chiaroveggente cartomante, ecc, pratica, come seconda attività, anche l’usura e prestiti su pegno. Ma per la sua voracità di denaro viene gabbato da un pseudo erede di un celebre falsario catanese.

 

 

 

 

 

 

Atto  I

 

 

Sulla scena sarà ricostruito lo studio del mago  parapsicologo: scrittorio, sedie, quadri alle pareti con simboli esoterici ecc. Un cartello- manifesto enumera i campi di attività del mago. Ad esempio: Vi aiuta negli affari di cuore, salute, lavoro, denaro ecc. Un altro dice: Mago, parapsicologo, cartomante, veggente, chiromante, predice il futuro.

Luci soffuse. Due porte laterali, una a destra, dà verso la sala d’aspetto, l’altra, a sinistra, da verso la stanza privata del mago. Infatti al centro c’è un cartellino con la scritta “Privato”.

All’apertura del sipario, il mago è seduto presso lo scrittoio e conta con avidità delle banconote. Egli indossa sulle spalle un ampio mantello rosso con dei segni zodiacali.

Un minuto, poi, sentendo un vocio tra le quinte, si alza e apre la porta della sala d’aspetto.

 

Mago: Ma che diamine succede là fuori!-

 

Non appena apre si ode un clamore, come di un battibecco, nel frattempo entrano in scena due donne, popolane, una è donna Giovanna, sui quarantacinque anni; l’altra è la figlia Rosa, una prosperosa ragazza sui vent’anni.

 

Giovanna: E chi cosa è? Dda fora su’ na massa di zaurdi e cajordi. Voddiri, nun mi vulevunu fari trasiri. A mia sti cosi? A donna Giuvanna a sciarrina? Ma ju ci ballo nta panza a tutti ssi babbalecchi. A chi ci pari…(accorgendosi del mago, finalmente) Sabbenedia Prifissuri.-

Mago: Cosa succede di là?-

Giovanna: Nenti, cosi di Catania… c’era na prissina ca non mi vuleva fari trasiri e m’annustrava nu nummiru, dicennu ca ava trasiri iddu pricchi e pri comu… ssi.-

Mago: Quel signore, forse, vi voleva dire che secondo l’elimina code, toccava a lui d’entrare. Lei ce l’ha il numero?-

Giovanna: A lima cche cuti? E chi ssi pari ca sugnu spitriaturi? E cu schifiu è. E appi, quali nummiri, chiddi dìo jocu ‘i lottu? Ca ora magari ju avissi a dari i nummiri? Non tocca a vossia dari i nummeri ch’è magu e prifissuri?-

Mago: (con gesto di resa, capendo con chi ha a che fare) Lasciamo perdere. Sedetevi e ditemi cosa volete.( intanto prende una bottiglia d’acqua e un bicchiere e beve)-

Giovanna: (perplessa)  Chi vulemu ju e me figghia sciatu?-

Mago: Certamente. Allora cosa desiderate? (posa la bottiglia)-

Giovanna: (col gesto del mento, come per dire: e va bene) Se ‘nsistiti… non servi pi cumannu, ma ju desideresserei ‘n cafè strittu strittu, ‘nazamai mi purtassi ma cafiata? Annunca u lassu! E tu Rosa, figghia sciatu, chi ti pigghi? Un panzarottu, eh?-

Mago: (sbalordito) Ma… ma che avete scambiato il mio studio per un bar? Signora, la prego, io sto perdendo la pazienza, mi dica per qual motivo siete venute qui, da me!-

Giovanna: Mizzica ch’è caudu, ‘na cristiana ‘n  po’strantisiri. Basta: Ju vinni ccà picchi mi ci mannò Mela Carusu, a merciera da via Prebiscitu. Mi dissi vai nto magu ca parra strolucu e prifissuri, Salvo Moschella, e ci cunti u fattu.-

Mago: (pazientemente) Parapsicologo, signora. Avanti mu cuntassi…-

Giovanna: Parracomuvichiamati.  A scusari, sugnu ‘nguranti. ( allarga le braccia) Allura vossia a sapiri ca me figghia ccà prisenti, figghia massara, conomica e cche manu d’oru, è stata, è stata … schifiata da ddu caiordu di Pippu Pelligra, gran malacarni, zaurdu e menzu zannu; ora me figghia è ‘ncinta, e iddu nun si la voli maritari. Vossia chi fa? Ci metti a bona parola oppuru ci facemu na fattura?-     

Mago: Bonu và! Senta signora, io non sono un fattucchiere, sono un parapsicologo, cartomante, chiramanti e chiaroveggente, ma non mavaru, ni capemu? Allora vediamo se posso aiutarvi a sbrogliare la matassa, ma non mi chiedete cose da donnicciole superstiziose. ( con aria misteriosa) Io sono un mago di scienze e coscienza. Allora, ricapitoliamo: Vostra figlia è stata deflorata…-

Giovanna: No, no deplorata, ma… schifiata (fa il gesto col braccio per significare coito) ‘nzumma capitimi! e appò l’ha lassata. Ju vogghiu giustizia!-

Mago: E allora vada dal magistrato e denunzi il detto Pippo Pelligra, o comu schifiu si chiama.-  

Giovanna: Bravu magu! E finisci a schufiu! Ma, a sapiri (ci ripensa) anzi aviss’a sapiri datusi ca è magu, ca ju e a me famigghia, da setti ginirazioni  ‘n avemu a cchi fari ca liggi. Vossia senti: ju vinni ccà ( si guarda attorno quasi schifata) nta stu… ( fa cenno con la mano come se non sa cosa sia quel luogo) cosu ccà, pricchi me cummari Mela, a mircera…-

Mago: … Ca sta a via Plebiscito, questo me l’ha già detto.-

Giovanna: U dissi? Va bene, repetita aggiuvat, allura mi dissi ca vossia è macari numinavintura…-

Mago: Signora, io sono un parapsicologo, e comu ci l’aia diri in turcu? Ma varda a chista, e cchi mi pigghiò p’a sunnambula? (accalorandosi)-

Giovanna: Turcu o abbissinu, vui siti troppu caudu. Inzumma chiddu ca siti siti. Siti magu, va beni? ‘Nunca, chiddu ca c’è scrittu ddassupra vali o nun vali? (accenna allo scritto sopra lo scrittoio)-

Mago: Quello? Ma certo, io aiuto anche negli affari di cuore…-

Giovanna: (anzandosi e prendendo per mano Rosa)… Jamuninni, a mattri, sbaghiammu porta. Chistu è dutturi di cuori.-

Mago: Signora, per cuore s’intende affari d’amore, sentimentali…-

Giovanna: (risedendosi) Ah, allura semu a postu! Signor magu, accuzzamu, mi facissi a fattura pri ddu mal’omu ca misi ‘ncinta sta me figghiuzza sciatu…-

Mago: (con finta bonomia) Signora, vi ho già detto, mi pare, che io non sono mavaru. Nto me misteri, niente fatture.-

Giovanna: E cchi m‘ ancucchia allura? Varda cchi cosi. (guarda meglio il cartello) nenti fatturi pe’ cosi di cori… annunca chi duna aiutu pe’ dinari? (col dito accenna al cartello) Priccasu  si truvassi ‘n ternu siccu?-

Mago: …(ironico) e comu u voli, macari supra a rota di Palemmu? Ma mi faccia il piacere. Signora, ora basta! Ho perso troppo tempo con lei. (poi calmandosi) Ma ‘nzumma cchi voli di mia?-

Giovanna: (risolta a Rosa) Rosa, u sintisti a chissu? Voli sapiri di mia pricchi vinni ccà, e iddu chi ci sta a fari? Chi razza di numinavinturi è? (Al mago) Basta, brevi, ca ma fari pi ssu gran beccu e cunsuntu, ca s’approfittò di sta povira anima nnuccenti.-

Mago: … Beh, se l’ha messa incinta…-

Giovanna: Nu mumentu: ‘ncinta finu a un certu puntu. ‘Nzumma me figghia nun è prena: E scema! (molla un buffetto alla figlia)-

Mago: Ma scusi, un momento fa ha detto che è incinta…-

Giovanna: ‘N mumentu fa era ‘numentu fa. Ora semu ora. Prifissuri, (disperandosi) prifissuri sta jatta morta a vo’ ristari ‘ncinta, ma nun fu! (poi con convinzione) Pricchì quannu i cosi s’ana fari, s’ana fari bboni, vossia cchi dici, ah? (poi facendo il segno con le dita che tutto fila liscio) Sverginata e prena: Accussì si fa, (battendosi il petto) comu fici ju ca bonamma! Accussì ddu gran infamiu s’ava maritari pi supecchiaria! Ora sta scemunita i cosi i fici a mità. Mu dici ora vossia, com’è ca  ddu vastasi s’a marita?-

Mago: Se l’ama, la sposa.-

Giovanna: Bravu Totò! E ddocu è u puntu: iddu nun s’a voli maritari… dici: non sogno statu il primu… cchi mi cuntati a mia… cchi mi vuliti mettiri u chiaccu… e sinni voli nesciri limmu limmu. Ora l’aviti capitu pricchi semu ccà? Vossia m’ha dari nu rimediu pi farici turnari u giudiziu: A fattura! -

Mago: Signora, la vede quella porta?-

Giovanna: A viru.-

Mago: Benissimo, ora matri e figghia livati li vostri natichi de’ seggi e vinni iti cche boni, annunca vi ni mannu a cauci nto panaru.-

Giovanna: Matri cchi cosi. Mara m’u dissi ca chistu era nu granni strolicu, ma bedda matri, ca fussi macari cajordu… Jamuninni Rosa, lassamu perdiri a stu para-sfissi-co culu ( scandendo dispettosa -se è il caso fare il soggetto della pernacchietta) nell’ignoranza so’. ( si alzano, e impettite escono) -          

Mago: (battendosi la mano in fronte) Mih, oggi cchi è a jurnata? ( va verso la porta e l’apre) Avanti un altro ( torna dietro il tavolo).

 

Intanto che aspetta il nuovo cliente, il mago cerca di far funzionare una penna stilografica, ma si sporca le mani. Se li asciuga alla meglio, quindi entrano due uomini sulla cinquantina. Uno è grasso, l’altro è magro e basso. Quello grasso veste da contadino, e porta in mano un sacchetto di plastica, mentre il magro è vestito da cittadino, ma con vestiti vecchi, lisi e sgualciti. Sono rispettivamente Vitu Samperi e Janu Ciulla.

 

Janu: Buon giorno prifissure… ( tende la mano) -

Vitu: (inchinandosi goffamente, si toglie la coppola) Sabbenedica.-

Mago: (guardandosi le mani sporche) Scusate signori, ma…-

Janu: S’alluddau i manu? Co ‘nchistru?-

Mago: No, co sugo de sicci.-

Janu: Prifissuri, nuatri avevumu u nummiru, ma ddra cusazza tinta di prima, senza pigghiari u so’ nummuru,  vosi passari pri prima, ca priputenza e malandrineria. Mi dissi: ju vinni prima e trasu prima. Ammatula ju ci fici vidiri u me nummuru.-

Mago: Lo so, lo so, me ne sono accorto. Ma, sono cose che capitano, specie fra gente ignorante. Passateci supra, pi faureddu. Adesso, vogliate scusarmi, ma non ci so stare che mani lorde, se ci primmittiti, vado un attimo ddabbanna e me li lavo. Scusate. (esce a sinistra)-

Janu: Ma cchi dici: scusari. Vossia e u me patruni, facissi co comudu.-

Mago: Du minuti e tornu.-

 

Esce. I due si siedono e guardano attorno.

 

Vitu: Janu, ma si sicuru ca chissu è a prissuna giusta? (guardandosi attorno, soprattutto i cartelli, quindi posa il sacchetto accanto a lui)-

Janu: Ca certu, e cchi ci sunu dubbi! E’ famusu in tutta a cità comu parapsiculucu.-

Vitu: Chi parra ss siculu?-

Janu: No milanisi.-

Vitu:  Daveru?  Varda cchi cosi.-

Janu: (guardandolo schifato) Ora m’ha diri se cu tia ‘n cristianu nun s’affruntari… (facendosi cadere le braccia) gnuranti! (poi tornando saputello) Babbu, paraps… parapissico… ‘nzumma, parapsicomumalanovasichiama significa chiddu ca c’è scrittu ddà. Varda chi popo’ di cosi (mostra i manifesti). Sapissi quanti facenni a spurugghiatu.-

Vitu: Ma cchi è forse nu spurugghiafacenni?-

Janu: Si ca uora ti purtavu nta ‘n spurugghiafacenni qualsiasi e qualunque. Chisto è nu veru magu psicopatico di prima catiguria, è ‘nduvinu, e ti fa puru i carti. A cchi ti cridevi?-

Vitu: ‘Nbari Janu, ju ‘n sacciu nenti. Ju vinni nti tia pi farimi cunsighari. Tu si’ ‘ntilligenti e ju sugnu nte to manu.-

Janu: E ju t’aiu sirvutu. Vituzzu, capitasti bunu, megghiu di accussì. (allarga le braccia come per dire: guarda i cartelli appesi) Varda, varda chi c’è scrittu nta ddu cartilluni: “Unisce amori impossibili”.-

Vitu: E cchiù impossibile d’o me? Chidda appena mi vidi cangia strata.-

Janu: E nuatri ccà semu pricchissu. Senti, intantu ca semu a discussu, varda ca ccà a stari attento a comu parri.-

Vitu: Janu, iu sugnu gnuranti, ma non malarucatu. A Rucazioni m’anzignanu bbona, a cchi ti cridi.-

Janu: Pri chissu nun ci aiu dubbi. E pa to babbasunaggini ca mi scantu. Pri esempiu: Se pri casu u magu quannu tu ci parri ti dici: “Dica, sono tutt’orecchi” nun voli diri ca è ricchiuni, u capisti?-

Vitu: Sissi.-

Janu: Mutu, arriva.-

 

Rientra il mago.

 

Mago: Eccomi qua. Allora ditemi, sono tutto orecchi, a cosa debbo questa visita?-

Janu: ( fa cenno come per dire visto? Cosa ti dicevo) Priffettu! Eccu prifissuri, l’amicu me, nunchè me cumpari di birritta, qui presente, ca veni do paisi, avi na cusuzza da sistimari.-

Mago: E ju ccà sugnu a disposizioni. Ditemi.-

Vitu: Ju vulissi sapiri…-

Janu: Vitu, lassa parrari a mia ca sugnu citatinu. Dunchi, prufissuri, l’amicu cca prisenti avessi bisognu di vossia p’accausa di ‘na “pedigri” di ‘na “bebichiù” ( fa cenno alle curve di una donna, poi con aria saputa) osia di na “sguattrinella”. Mi spiegai?

Mago: ( che l’aveva ascoltato con aria perplessa, poi riprendendosi) Un pedigree?

Janu: (annuendo vistosamente e guardando Vitu, come per dire: Visto?) Sissignori.-

Mago: Beni, u viterinariu è nta porta accantu. P’o  vuliti nu “bebichiù”?-

Janu: (sospettoso) Si è possibili…-

Magu: Beni, cca’ sutta c’è un ferramenta. Pi quantu riguarda la “ sguattrinella”,

a casa d’appuntamenti è all’ultimu pianu. (chinandosi su Janu) S’appoi a vulissi finiri di provare a parlari -forbito, (poi piano) osia di parrari ammatula, pi farivi beddu cu l’amicu vostru… (poi con voce normale) vi pregherei di espormi in parole povere, di che si tratta.-

Janu: (prima allibito, poi sconsolato, sospirando, emette un lieve fischio liberatorio, poi riprende con tono umile) Mizzica, ha vistu Vitu? U magu capì tuttu a volu! (poi al mago)  e chi? pi nenti siti un gran magone. (poi con aria confidenziale) Vossia senta, Prifissuri, u fattu è ca l’amicu me si vulissi maritari e avi difficultà , nzumma nun ci la fa a truvari…-

Mago: … l’agenzia matrimoniale è al secondo piano.-

Vitu: (piano) Janu ma tu cchi stai ‘ncucchiannu?-

Janu: Mutu. (fa il gesto come dire: lascia fare a me, poi al mago) Certu, vossia accamora sta pinzannu ca semu mezzi scemi…-

Mago: Veramenti pinzavu:  tutti scemi. E cchi è a jurnata?-

Vitu: ( a Janu, piano) Parraci di dda carusa.-

Janu: Mutu, ora ci u dicu, ju saccio chiddu chi s’a fari. (al mago) A vossia ci piaci sghizzari…  U fatto è ca l’amicu me qui prisenti, avi na carusa sutt’occhiu, ma chidda: nisba, nun ni voli sapiri di iddu. Ora, sapennu quannu vossia è bravu nte quistioni di cuori (indica il cartello) Ecco, si lu vulissi aiutati, magari pocu pocu…-

Mago: Ah, ora incuminciati a parrari chiaru. Ni capemu. (tirando un sospiro di sollievo) Benissimo, parratimi di sta carusa. E’ bedda? Avi dinari? Proprietà? E’ giovani. Insomma ditemi tutto.-

Vitu: Veramenti vossia n’aviss’a diri tuttu.-

Janu: Vitu, mutu. Cca parru sulu ju, ca sugnu citatinu, ti dissi. Allura prufissuri, chi po fari  stu puvurazzu?-

Mago: Pri prima cosa facitici fari nu bagnu  ca sta puzzannu comu nu beccu.-

Vitu: Minchia chi potenza, Janu, due paroli e chistu capì subbutu ca sugnu picuraru e staiu ammenzu ‘e corna. Prifissuri, siti ‘n cannuni. (tutto contento)-

Mago: (drizzando le orecchie e prendendo la palla di vetro) Ma bravu. Infatti, qui la sfera dice corna ad abbunnatiam.-

Janu: Semu già ‘e corna? Senza ancora farisi zitu? Minchia cchi putenza di magu. Prifissuri, tantu pi sapillo, ma cu cui ci metti li corna? ( cercando una confidenza, accenna a Vito, facendo le corna)-

Mago: (prendendo lo spunto al volo) Certo, le corna, le sue corna…. Ma questo ancora non mi è chiaro, però non passerà uno, due, giorni che la sfera lo svelerà. Avete portato qualche oggetto personale della ragazza?-

Janu: Chi purtasti do paisi Vitu?-

Vitu: Purtai na caciotta, ‘n cucciddatu e nu littru di vinu da me vigna.-(mostra il sacchetto)-

Mago: Date qua. (prende il sacchetto e lo posa per terra, dietro la scrivania) Grazie. Torniamo a noi: No, volevo dire, altre a questo, avite qualchi cosa ca appartiene a carusa? Chissacciu: ‘n fazzulettu, quattru pila di capiddi, na pittinissa…-

Janu: U sintisti? Chi c’ hai?-

Vitu: Aiu tri tri e na napulitana a coppi. A c’aiu aviri? Si chidda nun si fa mancu avvicinari, fiurativi se si fa tuccari.-

Mago: Proviamo con altri indizi: descrivetela.-

Vitu: (confuso) Veramenti nun sacciu scriviri bbonu…-

Janu: Gnuranti! Iddu voli diri descrivila, inzumma com’è sta carusa, è bbona?-

Vitu: Minchia si nun è bbona: Avi na sfasciatura…-

Mago: Chi cosa c’havi?-

Janu: Nenti prifissuri me cumpari vuleva diri ca avi (fa cenno ai fianchi) glu… i glu… i glucosii… insomma ‘n paru di narichi (accenna all’abbondanza) accussì. Giustu Vitu?-

Vitu: Giustissimu. Poi avi na latteria…-

Mago: Fa la lattaia?-

Janu: Prifissuri (accenna al petto) pi me cumpari ‘n paru di minni accussì, su’ latteria.-

Mago: Ecco, quello che dite è abbondante come volume, (accenna alle curve) ossia giunoniche forme, ma troppo poco come indizi… ci vuole di più… bisogna trovare un escamotage. Lasciatemi pensare. (si concentra, quindi cammina su e giù per la stanza).-

Vitu: Janu, chi vo’ diri stu scatulaggiu?-

Janu:  Sceccu, dissi la quali, picchì ‘ncamutaggiu, pri diri, chissacciu, pri esempio: ‘ngranaggiu, ossia ‘mbroggiu. U capisti?-                                                                         Vitu: Nonzi.-                                                                                                                              Janu: U sapevu. Dunchi, a st’ebbrica i prissuni struiti, pi mutivi strateggici, cangiunu u nnumu a tuttu. Ju ni sacciu qualchicosa. Pi esempiu: u barberi ora si chiama “cu ffu’”, u casinu “fast futt”, ca significa futti veloci, appoi: i scarpi sho …sho…-                                                              

Vitu: … jaddini…-                                                                                                                                Janu: Chi fai u spiritusu pri casu? Unu t’istruisci e tu fissii.-

Mago: (tornando dietro il tavolo) Sentite ditemi almeno come si chiama questa ragazza, quand’è nata, dove ecc.-

Vitu: Chistu u sacciu: Si chiama Impellizzeri, Impellizzeri Santina, nata a Licoddia jornu 13 di frivaru nto 1980.-

Magu: Bedda stagiunata è. ( ci concentra, prende la sfera, avvicina i tarocchi, guarda nel planetari, consulta un astrolabio) Vediamo un po’… vediamo… ecco…ecco…si…si (Vitu e Janu allungano il collo verso il tavolo del mago speranzosi) … no…no (i due s’allontanano delusi) …si…si… (c.s.) no ... no… (c.s.) No, purtroppo c’è una negatività. Forse una persona ostile.–

Vitu: E cchi cosa è stu stili?-

Janu; Sceccu! Ostile, voli diri ca ci avi ‘n’osteria. A cu canusci tu ca fa u putiaru?-

Vitu: (pensieroso) Ci fussi… Turi u sciancatu…-   

Mago: Signori, signori, personatemi, ma io per ostile, intendevo dire che c’è una persona che impedisce il riconoscimento.-

Janu: (a Vitu) U capisti? Voli diri ca ci hai ‘n curnutu e sbirru nto cuddaru.-

Vitu: Nu sarà ddu zaurdu e beccu di Cola Vizzini, u fumiraru?-

Mago: No, così non si va avanti. ( a Vitu) Allora, ci regoletemo con i segni del cielo, cioè opereremo il confronto dei segni zodacali, datemi la vostre ( prende una scheda) le vostre generalità. (pronto a scrivere) Allora?-

Vitu: (resta imbambolato) Mah…-

Janu: (intervenendo dandogli una gomitata) Daccilli, Vitu...-

Vitu: ( come se si svegliasse ora) Ah? Ju? Chi ci aia dari?-

Janu: ( a mezza bocca) I giniralità.-

Vitu: (confuso) Chi dicisti? chi voli diri? Ca voli nu ginirali di età? E unni lu pigghiu?-

Janu: (sempre soprappensiero) E chi ni sacciu ju…-   

Mago: (intervenendo paternamente) Scusate il parlare burocratico…-

Janu: ( sempre assente, tanto per intervenire) Vitu chi è ssu burru graticu?  Nu novu tipu di burru? Diccillu al prifissuri.-

Vitu: ( Confuso) Sissignuri, fazzu u burru di pecura, sissì, ma mai gratis.-

Mago: Ma no signori, che fate i buontemponi? No, che burro, volevo dire: Lassatimi nomu, cognomu e indirizzu.-

Vitu: ( meravigliato) U me?-

Mago: (sottovoce) No, di me nanna. (poi a Vitu) Il vostro, certamente.-

Vitu: (prendendo il portafoglio e cercando in esso) Aviss’aviri ccà.-

Janu: Chiccosa?-

Vitu: Chiddu ca mi dissi u prifissuri… u nomu…  (prende la carta d’identità)-

Janu: E pi darici u to nomu u cerchi nta carta d’identità. Avaja cchi cumparsi mi fai fari.-

Vitu: (riflettendo, e facendo le mosse di posare il portafogli) Mih. Veru è! Mi cassariai.-

Mago: ( vedendo il portafogli pieno zeppo di banconote e fermando a Vitu il gesto di posare il portafogli) Soprassieda, aspetti, ci servirà. (ha un gesto ispirato, socchiudendo gli occhi) -

Vitu: ( a Janu) U vidisti? Na ma sittari prima supra, poi servi.-

Janu: (guardando il gonfiore del portafogli) Ju strasentu, ma tu si suddu attunnu: dissi ca u to portafoghi servirà e ju sugnu d’accordu. Avanti dacci u nomu.-

Vitu: (concentrandosi) E va beni, tutti avemu qualchi difettu, no? (poi al mago che era distratto, pensieroso, come se gli frullassero delle idee) Prifissuri… prifissuri (fa un cenno davanti agli occhi, il quale torna in se)  Allura prifissureddu mi chiamu Samperi Vitu, natu a Licuddia, nto 1960 a frivaru, jornu 13, all’una di notti.-

Mago: (prendendo appunti) L’indirizzo?-

Vitu: (sempre riflettendo) Unni mascii? Nun m’o rivordu.-

Janu: Vitu, pri carità, arruspigghiti. T’addumannau unni stai ora. –

Vitu: Ora Ju staiu nta mannira.-

Mago: (sbuffando) Comu nta mannira? Avaja, e cchi è così difficile avere u vostru indirizzo? un indirizzo in cui trovarvi.-

Janu: Vitu, tu, p’o municipiu, unni stai?-

Vitu: E parrati chiaru: Unni staiu p’o municipiu? Via dei Carciofi, ca se vossia nun u sapi, significa via de’ cacocciuli, nummuru 47.-

Mago: Dove?-

Vitu: A me casa.-

Janu: ( strattonandolo per un braccio) Unni stai Vitu, nta quali paisi.-

Vitu: Ah, staiu a Licuddia, provincia di Catania, Sicilia, Italia…-

Janu: … Europa, e mitticcilla intantu ca ci si.-

Mago: ( a Vitu, guardando il soffitto, come se lì ci fosse scritto l’oracolo)  Sentite buon uomo… voi avete bisogno di una donna? E’ vero o non è vero! Perentorio)-

Vitu: (preso alla sprovvista) Veru è.-

 Mago : E voi vi volete sposare? E’ vero o non è vero!

Vito: Veru è.-

Mago: E voi vorreste trovare una donna che fa per voi? E’ vero o non è vero!-

Vitu: Veru è.-

Mago: E allora, lasciate fare a me, che vi aggiusto tutto.-

Vitu: Sugnu nte vostri manu.-

Mago: ( fregandosi le mani) Benissimo. Ora passiamo a un argomento più prosaico…( cerca le parole per chiedere i quattrini e intanto esamina la scheda)-

Vitu: (piano a Janu) Cchi dissi?-

Janu: (c.s.) Chissacciu, forsi si voli diri u rusariu…-

Vitu: (c.s.) E cchi è parrinaru? -

Mago: … (esamina la scheda) ecco, eeee, eè , bene. Ora, se non vi dispiace, signor Samperi, dovrebbe lasciarmi … un congruo acconto.-

Vitu: (sconvolto) Janu, chi voli chissu?-

Janu: Voli un congo… p’accuntu… mah, chissacciu, ‘n a’ntisi bbonu.-

Mago: Un anticipo. Diciamo: mille…-

Janu: Ah, eccu chi voli diri (tra se, poi fa cenno con le dita al denaro)… picciuli.

Vitu: … milli… liri?-

Mago: No, euro!-     

Vitu: (piano) A facci tò! (intanto, riluttante, prende il portafoglio)-

Janu: E dai, nun ti fari accanusciri… dagli un congo anticipu e statti mutu.-

Vitu: Mih, ma sunu milli, dicu: mlli euri. Ju pi buscarli aju a mungiri tricentu pecuri …-

Janu: Bum! Ti voi maritari? E ssa pavari. Avanti và, nun fari u pricchiu, e ti dissi già: nun ti fari accanusciri…-

Vitu: (prendendo i biglietti da cento, a uno ad uno, lisciandoli per poi posarli sul tavolo) Centu, duecentu, tricentu…-

Mago: (prendendoli voracemente) Forza, forza, che ce la fai…-

Janu: ( guardando i biglietti malinconicamente, come se contasse a mente, poi tra se) Minchia, è chinu di picciuli. ( il mago con capo conferma)-

Vitu: (finendo dei contare) Eccu qua. Siti cuntentu?-

Mago: (intascando i quattrini) Contentissimo- per ora... Ecco tutto è perfetto. Ora potete andare, mi farò sentire io.-

Vitu: (alzandosi) Quannu?-

Mago: Non appena avrò buone notizie da darvi.-

Vitu: Pozzu stari tranquillu?-

Mago: Tranquillo, tranquillo. Per di qua, signori. (indica la porta)-

Vitu: Grazie assai. Aspetto ansimanti vostri notizie.-

Mago: Ansimate pure… Certo le avrete, statene certo! (sguardo torvo, da grifone sulla preda)-

Vitu: Sabbenedica (calza la coppola ed esce)-

Janu: Vitu, passa avanti ca c’aia diri na palora o prifissuri.-

Vitu: T’aspettu dda fora. (esce)-

Janu: Grazi assai. (poi al mago) Prifissuri, vossia nun dissi ca l’agenzia matrimoniali era cchiù supra?-

Mago: E allora?-

Janu: E allora i cosi sunu dui: o vossia è  para-ninfu abbusivu, oppuru…-

Mago: … oppuru?-

Janu: … nu para-culu  ‘mbrugghiuni.-

Mago: Come si permette?-

Janu: Vaia signor prifissuri, chiddu  è in foja, cerca na fimmina (indica la porta da dove è uscito Vitu) ed è chinu di picciuli, ‘nzumma, è prontu pi essiri mungiuto come na pecura. E nun è che u vilissi mungiri sulu vossia?-

Mago: Ma, ma che cosa asserisce.-

Janu: Ah, ora parra difficili e nun voli capiri? Vuol dire ca mi portu l’amicu nta n’autru magu cchiu raginevoli. Sabbenedica. ( fa per uscire)-

Mago: Un momento, prego. Certo, a volte bisogna capire… ecco… sarebbe una prestazione straordinaria, molto complicata e cara… Ma insomma cosa vorreste per voi?-

Janu: Se u maccu quagghia, m’aviss’a tuccari a sansalia. Giustu?-

Mago: (riflettendo) Possiamo accordarci. Però dovete collaborare anche voi.-

Janu: E comu?-              

Mago: L’idea che mi è venuta pocanzi è questa… (prende Janu sottobraccio e passeggiano per il palco mimando il dialogo. Comunque si dovrà capire che il Mago sta dando istruzioni a Janu circa una persona da rintracciare e da portare nello studio. Un minuto, possibilmente con musica adatta.

 

Mago: Siamo d’accordo, allora?-

Janu: Si, però senza truffe pi me cumpari, e pi mia sulu a consulenza per l’affari… Vitu è un amicu.-

Mago: A quali truffa, tutto regolare, re-go-la-re. Appoi  vui siti n’amicu pi iddu. (fa il gesto con col braccio, come a dire: bell’amico, intanto tra se) A facci di l’amicizia-

Janu: Amicu o nun amicu, su affariceddi mei. ‘Ntantu vossia nun s’a scurdari a me pircintuali nta l’affari : quantu? ( con le dita accenna ai denari)-

Mago: Dieci pi centu.-

Janu: Vinti pi centu.-

Magu: Chinnici pi centu e nun si ni parra cchiù.

Janu: Chinnici, va beni: Ccà a manu. (si stringono le mani)-

Magu: E ora datevi da fari…

Janu: … Subbutu sociu…

Mago… ci vediamo nel pomeriggio…-

Janu: …Senz’altro, sociu …-

Mago: …Bravo …-

Janu: … si sociu, pirò prima l’anticipu da me priccentuali.-

Mago: Subbitu?-

Janu: Prima di subbutu, sociu.-

Mago: (contrariato) Ecco a voi, uomo senza fiducia. (prende un biglietto da cento e lo dà a Janu)-

Janu:  Santu Fiducia morsi. (soppesandolo)  Sociu, ci manca qualchi cosa.-

Magu: (frugando nelle sue tasche, infine trova un biglietto da cinquanta e lo dà a Janu) Ecco qua, uomo diffidente.-

Janu: Cu si vardò si salvò. Grazi assai, sociu-

Mago: E basta cu stu sociu. ‘Nzumma ju sugnu un professionista.-  

Janu: E macaru ju.-

Mago: In che campo?-

Janu: In campu di cambiu e scambiu.-

Mago: Siete cambiavalute?-

Janu: Beh, nel campo, nel campo.-

Mago: Si? E comunque agnuno al proprio posto.-

Janu: Nenti sociu? Va beni, vuliti accussì? e accussì facemu. Salutamu.(esce)-

Magu: ( tra se) E cacciamu! Scanzatini ( si strofina le mani nei pantaloni, poi prende i biglietti da cento, li conta, li riconta e, in estasi, poi li intasca). Avanti un altro!-

Sipario.

 

                                                           Atto  II

 

 

Stessa scenografia dell’atto precedente. In scena c’è il mago che, come al solito, conta l’incasso della giornata.

 

Mago: E anche oggi non c’è male. Bella giornata… -

 

Si ode bussare.

 

Mago: Avanti!-

 

Entra Janu Ciulla.

 

Vitu: Buongiornu prifissuri. Puntuali comu nu ralogiu.-

Mago: Buongiorno a voi. Allora, tutto a posto?-

Janu: Tuttu a postu. Tra, diciamo… (guarda l’orologio)  a mumenti sunu ccà.-

Mago: E’ stato difficile rintracciale?-

Janu: A parti u fattu ca mi fici tutta a via Prebiscitu a peri pi truvari ssa mirciera, appoi tuttu fu facili. Appena a truvai ci addumannai di donna Giuvanna, si sapeva unni stava. Idda fici ‘n pocu di mussu stortu: “E picchì u voli sapiri, e vui cu siti, e cchi vuliti di dda cristiana, ecc”. Quannu ci dissi ca vinevo a nomu vostru, cangiò rigistro: fu tutta zuccuru e meli. Inzumma mi desi l’indirizzu. Ahu prifissuri, chidda sta vicino ‘o tunniceddu da plaia, tantu pi sapirini quartiari.-

Mago: Poco importa dove abita, l’importante che l’abbiate trovata e che ha detto che verrà.-

Janu: Apprima mi pigghiò a mali palori, appoi si fici priari…-

Mago: (ansioso) Ma veni?-

Janu: Veni, veni. Prifissuri, ma sta carusa, sta Rosa, com’è?-

Mago: E com’a essiri? Na carusa comu tutti l’autri.-

Janu: No, vulevo sapiri: chiffà ci la voli ‘mpuniri a Vitu senza garanzie?

Mago: Ah, chi ci iti a circari…Vito Samperi cerca una moglie? Bene, Rosa è la ragazza giusta. Puntu.-

Janu: Scusati se ‘nsistu: Ma è cosa pi l’amicu me, oppuru no?-

Mago: Dipendi di cchi cosa iti circannu.-

Janu: (facendosi serio) La moralità pri prima cosa!-

Magu: Avaja, ora parrati comu ‘n’omu di l’ottucentu.-

Janu: U capii: E’ ca prova!-

Mago: Ca prova, senza prova ‘n voli diri nenti, l’importanti ca è bidduzza e massara – almenu so matri dissi accussì.-

Janu: (poco convinto) Spiramu a Diu.-

Mago: Piuttosto avete raccomandato a Samperi di darsi una buona strigliata con acqua sapone e spazzola?-

Janu: Già fattu.-

Mago: Speriamo bene, perché se puzza come stamattina…-

Janu: Nonzi, stavota si sgrasciu bbonu. Tranquillu prifissuri.-  

 

Si ode bussare.

 

Mago: Saranno loro, vi dispiaci se ci aprite a porta e i li faciti  strasiri ccà?-

Janu: Servo vostru. (esce)-

 

Poco dopo rientra e presente le nuove arrivate.

 

Janu: Prifissuri, ci sunu ccà a signura Giuvanna e so figghia Rosa.-

Mago: Fate passare.-

 

Entrano Giovanna e Rosa. Giovanna vestita in modo quasi giovanile, mentre Rosa veste più dimessamente. Janu si terrà in disparte-

 

Giovanna: Sabbenedica prifissuri.-

Mago: Buongiorno a voi. (giulivo) Oh, ma che brave, accomodatevi. Sedetevi qua. (le fa sedere a destra della scrivania)-

Giovanna: ( ancora sulle sue, perché teme di sbilanciarsi) Grazi assai (poi a bassa voce a Rosa) Videmu unni và a parari...-

 Mago: (Passeggiando per la scena) Signora Giovanna, quando siete venute da me,stamani, forse non mi immedesimai molto nel vostro particolare caso (accenna alla figlia). Ma, certi significativi avvenimenti accaduti nel corso della giornata, mi hanno fatto ricredere circa l’aiuto che vi potevo dare.-

Giovanna: (speranzosa) Chiffà? Mi fa a fattura pi ddu scelleratu?-

Mago: (sorridente) Ma no signora, farò di meglio, almeno lo spero.-

Giovanna: ( delusa) E videmu chi ci nesci.-

Mago: Signora, lei vuole sistemare sua figlia. E’ vero o non è vero?-

Giovanna: Veru è.-

Mago: E quell’individuo che lei sa non ne vuole sapere. Vero o non è vero?-

Giovanna: Veru è. Ddu cosa tintu di nascita e di criscita.-

Mago: E, si capitassi qualchi buonu partitu, lei ci lu dassi a so figghia?-

Giovanna: Ca certu. Se è nu bonu picciutteddu.-

Mago: E se non è tantu picciottu, ma nu poco stagionatu, ci a dassi?-

Giovanna: Ca certu. Se è travagghiaturi.-

Mago: (sospirando di sollievo e ammiccando a Janu) E allura, cara signora, ci voghiu dari na bona notizia: Avenu suttamanu la prissuna giusta.-

Giovanna: Veru è?  Ma vui siti un santu no un magu. Fativi vasari i manu (si sta per alzare per eseguire, ma il mago la blocca)-

Mago: Fremma, fremma, cchi fa? Nenti ringraziamenti… però, siccome ci sarebbero delle spesucce… ecco… dovreste onorare, come dire, ecco: la sensalia.-

Giovanna: E chi, addivintasturu sansali?-

Mago: No, ma il gesto è identico, sto facendo da intermediario, per cui…-

Janu: (intervenendo, rivolto al mago) Macari d’a sensalia sinni po parrari dopu, chi dici vossia?-        

Mago: (deluso) E’ una buona idea. (poi a bassa voce a Janu) E facitivi gli affariceddi vostri.-

Janu: ( sempre a bassa voce) Avemu cosi cchiù ‘mpurtanti suttamanu, no?-

Mago: Va beni, soprassediamo.-

 

Si ode suonare alla porta

 

Mago: (a Janu) Ci pensate voi? (accenna alla porta)-

Janu: Vado. ( esegue, esce)-

 

Entra Janu con una faccia allibita. Lo segue Vitu, vestito con un abito scuro, camicia bianca, cravatta nera, occhiali scuri, sembra uno jettatore.

 

Janu: C’è ccà, ci fussi, ci sarebbi, sta specia di… cuccureddu, osia babbagiuanni. (faccia schifata, il mago gli fa cenni disperati di smettere di parlare)-

Vitu:  Sabbenedica prifissuri, mi ha convogliato?-

Mago: Oh, signor Samperi, che piacere, s’accomodi. Conosce i presenti?-

Vitu: Conoscio sulo a me cumpari Janu. A queste signore non le ho mai conosciuto in vita mia. Giuro!-

Mago: Che simpatico, vero? (rivolto alle due donne)-

Giovanna: ( squadrando Vitu dal basso verso l’alto e viceversa) E cchi senti diri stu vorricamorti?-

Mago: Ma no, lui scherza. E’ un tipo spiritoso. Si è vestito in questo modo per farci ridere un poco. (poi a Vito, piano) E livativi almenu sti occhiali… sganciativi a cravatta, aprite un po’ la camicia. (Mentre lo dice lo aiuta a fare) Ecco, vedete? Ora è il gran simpaticone che vi dicevo. Accomodatevi pure qui (gli offre la sedia a destra della scrivania, Vito, imbambolato esegue). Ecco fatto. E ora, signora le presento don Vito Samperi, allevatore, coltivatore diretto e proprietario terriero.-

Giovanna: (drizzando le orecchie. Rosa è sempre zitta e amorfa) Piaceri, Calì Giovanna, fu Petru, riverisco. ( sta per fare un inchino trattenuta dal mago)-

Vitu: (Si alza e va a fare un inchino alle donne) Sogno troppu anuratu, signuruzza bedda.-

Mago: (piano a Vitu) Varda ca la futura sposa è a carusa.-

Vitu: Ah, si? (deluso) Mi pareva idda… (indica Giovanna)-

Janu: Mizzicaredda, sbafarua ancora prima d’accuminciari.-

Giovanna: (facendo la timida) Chi siti garlanti, tuttu gentilomu, senza scoccia. (Vitu va in sollucchero)-

Mago: ( a Vitu) Allora, che ne dice questa bella signorina qua? Che gliene sembra? (poi a Rosa) e a lei che gliene pare di quest’omone?  (fa alzare Vito e lo mostra come se fosse un animale da fiera) Guardi è un torello, che muscoli, che denti, che portamento,(rivolto a Giovanna, piano)  e non avete visto ancora il portafoglio.-

Giovanna: Ma ‘n’aiu capitu chi robba è?-

Mago: Come le ho gia detto è un allevatore…-

Janu: Avi tricentu pecuri, cinquanta jaddini, quattru papiri e ‘n maialeddu.-

Vitu: E chinnici cunigghi. (timidamente).-

Mago: E chisti sunu nenti: Avi u portafogghiu a mantici (con aria di complicità)-

Giovanna: Accussì stanu i cosi? E allura chi aspittamu. Rosa, anzati e saluta il signore allevatore.-

Rosa: Salutamu…-

Mago: … e cacciamu. Signorina, più trasporto. In fondo è un bell’uomo, ricco lavoratore, buono come il pane, cosa desidera di più?-

Rosa: Vogghiu a Pippu!-

Giovanna: A du malacarni? Ti lu po’ scurdari! Megghiu morta!-

Rosa: Mi marita!-

Giovanna: Cchi cosa? Ma si ‘n sensi?-

Rosa: Sugnu in sensi e mi voli maritari.-

Mago: ( che vede svanire l’affare) Ma signorina, se siete venute qui per la fattura?-

Rosa: Se me matri mi duna a casa iddu mi marita.-

Janu: A eccu l’inghippu!-

Giovanna: A casa? e quali casa?-

Rosa: A to.-

Giovanna: A me casa? A casa unni stamu?  a casa ca mi lassò to patri bonamma, prima di schiattari sparatu?-

Rosa: Accussì mi dissi iddu.-

Giovanna: E iddu si la po’  luvari d’o pinzero. A me debba casa… e ju? Ju unni minni vaju sutta l’archi da marina?-

Vitu: Se ci primmittiti? Pozzu pipitiari? Vulissi diri na cosa.-

Giovanna: Vui, senza offisa, nun c’intrati.-

Vitu: E inveci ci trasu, eccomi. Anzi ci vulissi trasiri… ‘nzumma vogghiu farivi na proposta.-

Giovanna ( guardando gli altri per sapere cosa deve fare) Ma cchi proposta, cchi sintiti diri? –

Mago: E sentimolo…-

Janu: (preoccupato) Accura, Vitu.-

Vitu: (facendo segno a Janu di non preoccuparsi) Vogghiu  e sentu diri ca se ristati senza casa, ju vi ni pozzu fari aviri n’autra. Eccu!-

Mago: Ma cche simpatico. E come sarebbe? ( il mago e Janu fanno la controscena)-

Janu: Bedda Mattri videmu cchi cummina…(si mette le mani nei capelli)-

Vitu: Signora Giuvanna, sentu diri… sarebbi comu diri. (indica Giovanna, poi   repentinamente la interroga) Siti viduva, veru?-

Giovanna: ( a bocca aperta sbalordita) Veru?-

Vitu: E vuliti maritari vostra figghia, veru?-

Giovanna: Veru… comu tutti i mattri di stu munnu.-

Vitu: E se capita na cunghiuntura macari a vui ‘n’a rifiutati. E’ veru?-

Giovanna: (in imbarazzo) Veru. Anzi, vaja… ‘n mi faciti affruntari… ‘nzumma … p’accamora viramenti… nun ci pinzai ( si aggiusta i capelli)-

Vitu: E pinzatici ora: Mi vuliti pi maritu?-

Giovanna: ( sorpresa, agli altri) Ci aia rispunniri ora?-

Mago: Se volete…-

Janu: Ma vidi a chistu…-

Giovanna: Beh, u sapiti chi vi dicu: Ju mi sistemu, mi pigghiu a stu scristianu. E tu Rosa marititi a Pippu e a casa è da to.-

Rosa: (balzando in piedi e uscendo precipitosamente) Pippu, Pippu, aomà dissi si.-

Mago: E cchi era dda fora?-

Janu: ( Andando a sbirciare) Già, dda era.

Mago: OK, e comu si dici, è beni chiddu ca fiunisci beni. Nu matrimoniu s’ava cumminari e nu matrimonio si cumminò.  Auguri a tutti e p’a sensalia…-

Giovanna: Nu mumentu, prifissuri, (guarda Vitu) e a casa?-

Mago; Già a casa. Signor Samperi come vorreste fare?-

Vitu: Semplici: Se ni maritamu ninni jenu a stari o paisi, in via de cacocculi, nta me casa, ca mi lassau me patri bonanima: ottu stanzi, due bagni, due tirrazzi panoramiche, tri garaci, e a cantina p’o vinu, p’o prusciuttu, p’o frummaggiu , l’ogghiu, i puma  gilati cola e i mazzi di pira spineddi.-

Mago: Signora, che ne dice?-

Giovanna: Beh, iu sugnu abituata a stari in città. Ma trattannisi di matrimoniu, cu na prissuna pussidenti … chissacciu, … c’appoi  la gran casa d’o paisi - e tuttu ‘su beni di Diu - po’ darisi ca l’aria m’aggiuva… videmu…-

Mago: (piano) Ci aggiuva, ci aggiuva… (guardando Janu che fa controscena)-

Vitu: Pozzu spirari?-

Giovanna: Ca certu… anzi, sapiti cchi vidicu? (come se annunciasse l’ingresso del re) Signore e signori, m’u maritu!-

Vitu: Bedda, vita, sciatuzzu… cunsulata…-

Giovanna; …no, Giuvanna…-

Janu: Ci manca u vasuneddu…-

Giovanna: Avja, nun curremu… (con pudore)-

Mago: Ecco che tutto s’aggiusta. E, a quando le nozze?-

Vitu: Pri mia macari dumani.-

Giovanna: (timidamente) E macari pri mia.-

Janu: Allura ama pinzari, p’aneddi; vuliti ca ci penzu ju?-
 Mago: (che intravvede una possibilità di fare un altro affare) Aspettate, se ci primmittiti, ju, dabbanna, in cassaforti avrei qualcosa da mostrarvi . Aneddi e… tant’ altro. Aspettate solo un minuto e sono da voi. (Esce a sinistra)-

Janu: (a Vitu) Nun sarà macari ‘n’usuvaiu struzzinu?-

Vitu: Mah, chissacciu.-

Janu: (sottovoce) A mia a cosa mi fa fetu... mattri cchi puzza, mattri cchi puzza! (quindi riflettendo e poi annuendo; quindi, quasi ispirato come colui che si rimette all’opera, ringalluzzisce; poi, con un vistoso cambio di personalità, come chi ha trovato la soluzione ad un problema) Senti Vitu, tu i soldi unni i teni?-

Vitu: A banca, pricchì?-

Janu: (infervorato) E senti, u librettu di l’assegni ci ‘hai cu tia?-

Vitu: Sissi.-

Janu: Benissimo, allura ascutami: Scinni ccà sutta, nta banca all’angulu, e prileva in cuntanti decimila euri e ti li fai mettiri nta dui beddi buste. Poi passa da me casa e ci dici a me muggheri ca m’aggiuva a me valigetta ca c’è sutt’o lettu, ti la fai dari e m’a porti. Ma fai presto, nun perdiri tempu.-

Vitu: ‘N aiu capito nenti, ma vaiu, vaiu… Janu, ma decimila euri nun sunu troppu assai?-

Janu: No, pri chiddu ca aiu in menti. ‘N ti preoccupari. Ti fidi di mia? Si? Allura curri e fai chiddu ca ti dissi.-

Vitu: Mah, pi mia sunu sempri assai, però, s’o dici tu, vaiu…-

Janu: Va’, va’, appoi vidi si sunu assai. Vai. –

Vitu: Co so primmissu signuruzza, vado e torno. (esce)-

Giovanna: E ju ccà sugnu.-

Janu: E’ un bravu cristianu, ma è di paisi, è un pocu ‘mbrabatu. Ma è d’oru, tuttu d’oru.-

Giovanna: … spiramu.-

 

Rientra il mago, porta con sè un grande involto di velluto, da gioielliere, che pone sul tavolo.

 

Mago: E adesso vi farò restare a bocca aperta, gentile signora. (svolge l’involto e mette in mostra un certo numero di gioielli) Volete avvicinarvi, prego.-

Giovanna e Janu si avvicinano al tavolino.

Giovanna: (rimanendo abbagliata dalle gioie) Ma cchi ssu beddi? (a Janu) Vardati: collani, aneddi, pinnenti, braccialetti, mih, è nu trisoru chistu.-

Janu: Vidu, vidu… (osserva attentamente)-

Mago: Ecco signora sti maghifici fedi… pensu ca chistu è do nummuru giusto per li so’ dilicati ita. Lu voli pruvari?-

Giovanna: Grazi, si (mette una fede al dito e lo mostra a Janu) cchi dici, nnè bedduzza?-

Janu: (annuisce pensieroso) Bedda…-

Mago: E pruvassi macai stu braccialettu d’oru biancu, beddu, veru? E cchi ni dici  di stu collier… che splendore. Li provi, li provi.-

Giovanna: Troppu beddi! (se lo fa allacciare)-

Mago: (allontanandosi di un passo) Pari na regina… Vitu, lo vedete?-

Janu: Vitu ‘n c’è. E’ andato urgentemente a fari una commissione.-

Mago: Propriu ora?-

Janu: (piano con aria di complicità) E andato a prilivari i picciuli.-

Mago: (strofinandosi le mani) Ah, allora va benissimo. (a Giovanna) Signora, e che ne dice di queste pendants? Sunu na cosa veramente fina, li provi.-

Giovanna: (mettendosi gli orecchini) Sunu d’oru massiciu, veru?-

Mago: Verissimo, me li ha lasciati … volevo dire: me li ha dati in custodia una mia amica perché glieli vendessi… sa ha bisogno di denaro…-

Janu: Magari pri pegnu... (intanto continua ad esaminare attentamente gli oggetti, e annuisce)-

Mago: Ma che dice? (sdegnato) Allora signora e di questo anello con rubino che ne dice? Nelle sue mani esprime tutto il suo splendore, lo provi, su, lo provi.-

Giovanna: (provandolo e guardandolo in prospettiva) Mih, è bellissimu, ma chistu a custari na furtuna…-

Mago: Eh, si. Però pi lei ( gli fa l’occhialino) per lei farò  un  prezzo speciale, specialissimo, vedrà. Vuole veder qualche altro oggetto? Senza complimenti.-

Janu: (guardando attentamente l’anello) Prifissuru penzu ca accussì basta. Vitu è andato a banca, ma non pi rapinarla.-

Mago: Certamente, dicevo per dire. Allora io metterei il resto da parte.-

Janu: Mettete, mettete.-

Giovanna:  (intanto che si guarda con lo specchietto preso dalla borsetta) Mih cchi meravigghia... ma, u vostru amicu s'u po' primmettiri? (accenna ai gioielli)-

Janu: Finu a ccà, penzu di si. (guarda l’orologio)-

 

Si ode suonare alla porta.

 

Janu: (premurosamente ferma il mago che s’era mosso, gli dice piano) Ci vaiu ju, vossia è megghiu ca resta ccà (accenna all’astuccio coi gioielli)-

Mago: Giusto, giustissimo. Vada lei.-

Janu: (come rassegnato) E vaiu. (esce, lasciando la porta socchiusa)-

Mago:  (avvolgendo lentamente l’astuccio, palpando altri gioielli, come a voler tentare ancora Giovanna) Eh, la vita è dura e bisogna aiutarsi l’un l’altro… bisogna barcamenarsi, fare mille mestieri… ma sempri onestamenti. (Janu dalla soglia fa cenno come per dire: si, va beni, ora ci credo, intanto il mago, vedendo che Giovanna continua a guardarsi allo specchio, speranzoso) Che splendore? Vero? Roba fina signora Giovanna. Eranu… sunu di na barunissa decaduta… eh la vita (sospira)… –

 

Janu, dall’altra stanza, trafficando con Vitu, continuando a sbirciare, sentirà tutta la conversazione, e di tanto in tanto farà cenni d’aver capito tutto.

 

Giovanna:… A cu ci u dici… certu na barunissa…-

Mago: ( sempre sospirando, quasi a inseguire un discorso, ma maneggiando altre gioie)… Decaduta… Eh, nasciri ricca e addivintari povira… Vede, stu palazzo era di so nannu… ma so padre, gran fimminaru, e so marito- pueta scialacquuni– s’ammuccanu tutto… e ora idda sta ancora ccà, ma nto sottoscala… Vidissi, stu studio m’accattai ju propriu pi fari na carità…-

Giovanna: … eh, vossia avi ‘n cori granni… pirò chi sfurtuna. Ma chiffà ora sta barunissa, comu campa?-

Mago: Campa, campa… s’arrabbatta… Certu mali, ma campa.-

Giovanna: E macari ju… sapissi quantu n’aiu visto: viduva e na figghia da maritari supra e spaddi…-

Mago: Ma ora, per lei, tutto è finito. Vivrà in agiatezza.-

Giovanna: Veramenti ddu cristianu mi dissi o paisi.-

Mago: Ma certamente: In paese ma agiatamente, cioè da gran signora.-

Giovanna: Matri cchi cosi. E ccu m’a vo’ diri? Ju, quasi quasi ancora ‘n ci pozzu cridiri…-

Mago: Lei u sapi cca fari? Ci av’accattari nu ciru di centu chila a Sant’Aita, per grazia ricevuta.-

Giovanna: Ju sugnu na divota d’a santuzza da quannu eru carusa, pi cui…-

 Mago: … pi cui u ciru ci l’accattassi u stissu.-

 

Rientrano Janu e Vitu. Janu porta con se una piccola valigia.

 

Janu: Eccoci qua. L’amicu, i picciuli ( piano) e a me valigetta.-

Vitu: Mih, nun mi ficiru pipitiari. Chi fenuminu sta banca. Misunu l’assegnu nta na machinetta e d’arreri spuntarunu i sordi.-

Mago: Che bellezza la modernità. Allora, guardi che splendore di signora. Eh, che ne dice? E sti gioielli, alla sua futura signora, donano assai assai (vezzoso).-

Vitu: ( a Janu, a bassa voce) Chi mi duna gratis?-

Janu: (a bassa voce) Sssi, ca ora. L’ha pavari - e sai già comu!-

Mago: (in sollucchero)  Belli vero? Che ne dice, li comprerebbe?-

Vitu: Se ci piciunu a idda, pi mia su tutti belli… cchi ni capisciu ju.-

Mago: Allora li compra? (incalzandolo)-

Vitu: (guarda Janu, vede che questi fa si con la testa, poi guarda Giovanna che anche lei afferma) Sissi. L’accattu…-

Mago: Tutti?-

Vitu: Tutti, sissi.-

Mago: (Fregandosi le mani) Ma benissimo, che cliente magnifico. Ah, fossero tutti come lei. Allora faccio il conto?-

Vitu: Facissi comu voli vossia.-

Mago: (prendendo carta e penna) Allora il bracciale sarebbe duemila e cinquecento euro, ma le faccio lo sconto; segno duemila. Poi l’anello col rubino costa duemila e cinque…-

Janu: Ma segnu duemila…-

Mago: …Esattamente. Il collier è quattromila, (guarda Janu) ma le faccio tremila. I Pendant sono altri duemila e cinque, ma faccio duemila. Le fedi ve li do in omaggio. Così ammontiamo a  novemila euro, salvo errori o omissioni. (controlla la somma) E’ giusto. Ah, ci sarebbe la sensalia che assomma a duemila euro, ma siccome me n’avete dato mille in anticipo, restano mille, quindi il totale definitivo è diecimila tondi. Siete contento?-

Janu: (battendosi la mano sulla coscia) Mih, ma sugnu na putenza, decimila giusti giusti: Nenti, ava fari u magu - ju.-

Mago: Cosa dite? (a Janu)-

Janu: No, dissi siti na putenza pe cunti.-

Mago: Eh, sapete l’istruzione, la pratica…-

Janu: ( tra se) … l’usura osia c’o strozzinaggiu…-

Mago: Ma cosa dite? Che borbottate?-

Janu: Nenti, cosi mei… considerazioni… (lo guarda con aria innocente)-

Mago: Allura pavati in  contanti veru?-

Janu: Ci u consigghiai ju. ‘Mmagginavu cha vossia nun pigghiassi assegni: tutto esentasse!-

Mago: Ben detto, amico. Qua si fa tutto… riservatamente (fa l’occhialino) E voi siete in gamba.-

Janu: Grazi assaiuni. (poi tra se) E ancora ca vistu...-

 

Durante il dialogo cui sopra Giovanna e Vitu flirtano.

 

Mago: Signor Samperi, sono a vostra disposizione ( fa cenno con le dita ai quattrini)      

Vitu: Ah, si. Ecco qua. ( ritorna in se, prende dalla tasca della giacca una voluminosa busta e la porge al mago)-

Janu: (a bassa voce al mago) Sunu ottomila e cincucentu euri, mi pigghiai ddabbanna a me pricentuali.-

Mago: ( si ferma perplesso) Su tutto?-

Janu: Supra tuttu!-

Mago: (contrariato) Ma chi fa, l’approfittatore? -

Janu: No, ma quali, sempri chiddu ca ci dissi: cangiu e scangiu.-

Mago: (tirando fuori i soldi dalla busta e si mette a contarli sommariamente) Va beni, va beni, accordato ( a bassa vice, poi agli altri). Scusate, ma una prissuna cca prisenti mi ‘nzignò ca fidarsi e bene, nun fidarsi è megghiu. (conta con occhio vorace) Mih, ma sunu novi novi sti biglietti di banca… (li intasca)-

Janu: …Varda cchi cosi, parunu stampati allura.-

Mago: (finito di contare intasca la busta) E ora col vostro permesso vado di là a posare l’astuccio coi gioielli in cassaforte.-

Janu: Fate cu comudu, noi intantu ninni jemu. Buona sera a vossia. (cerimonioso)-

Mago: Bonasera. Ah, chiudete la porta, mi raccomando, ‘nzamai. (esce)-

Janu: (fa cenno con la manu ad un furto) Ca comu, ‘nzamai… (poi ruota la mano come a dire vedrai)-

Vitu: ( a Giovanna) E chista è fatta (poi a Janu, e intanto che prende una busta dalla tasca interna della giacca)… e di sti ottumila e cincucentu euri cchi nni fazzu, li riportu in banca?-    

Janu: Se vuoi… ma se nun voi li putemu … scangiari cu chisti ccà… (accarezza la valigetta)-

Vitu: …Sempri sgezzi tu... Ora, passannu ci lassu a banca.-

Janu: (come preso da una nuova idea) … aspetta, aspetta… senti, e se, macari, prima di passari da banca, passamu d’o sottascala?-

Vitu: D’o suttascala? E pri fari cchi cosa?-

Janu: A truvari na prissuna. Doppu tu spiegu.-

Vitu: Comu voi tu… (intasca la busta) tu hai u ciriveddu ca ti fuma, una ni fai e centu ni penzi - biatu tu. (si tocca la tempia, come per dire sei intelligente, poi a Giovanna) Signora Giovanna…-

Giovanna:  Si, caro…(che durante il dialogo di Vitu con Janu, si ammirava i gioielli, che poi prendeva e posava nella borsetta)-

Vitu: … Mia promessa sposa nonché fidanzata, chi fa, ninni jemu? (porge il braccio a Giovanna) -

Giovanna: (infilando il suo braccio in quello di Vitu) E jamuninni… gioia. (poi a Janu) E grazie assai macari a vui… signor, comu vi chiamati?-

Janu: Mi chiamu Ciulla, Sebastiano Ciulla, a sirvilla.-

Giovanna: (pensierosa) Ciulla? Scusati, ma pri casu, ddu famosu Ciulla “soldi fausi”,  era vostru parenti?-

Janu: Si, era u me nannavu.-

Giovanna: Ah, piacere. (Janu fa un leggero inchino)-

Vitu: Ahu, si fici tardi, ninni vulemu iri?-

Giovanna: Caro chi ci hai primura di… consumari?-

Vitu: Primura? Ju? (poi abbracciandola) Staiu murennu!!!-

Mago: (rientrando) Ah, siete ancora qui… (vedendo i due) piccioncini?-

Janu: Stiamo andando… ci vulevumu dari l’ultumu saluto. (doppio senso accennando ad una specie di benedizione)-

Mago: Come siete gentili. Allora bonasera a tutti.-

Vitu e Giovanna: Bonasera a vossia.(escono abbracciati)-

Mago: Non vi scorderò mai.-

Janu: Lo credo! (esce dondolandosi, davanti alla porta si gira e saluta portandosi al capo due dita della mano)-

 

Il mago, saluta biricchinamente con la mano, aspetta che Janu esca, poi (con una musica adatta), si siede e come per un rito, si sistema per benino; quindi prende i soldi dalla busta, li coccola, se li porta al petto e dopo se li conta accuratamente quasi con passione, quindi li sparge sul tavolo. Poi fa un po’ di spazio sul piano, mette un tovagliolino al centro, prende il sacchetto posto a terra, e lentamente dispone il pane, il cacio, il vino, quindi, con un sospiro di soddisfazione:

Mago: Questi sono affari. Questa è vita! (si frega le mani, poi allarga le braccia per comprendere tutto ciò che c’è sulla scrivania)-

Musica adatta e fine.

Sipario

      

 Nr 2-  Contiene:

 

 

Lu cumbattimentu di Orlando contru li saracini

Li veri fantasimi

Li megghiu tiatranti

 

 

 

 

                              Lu cumbattimentu di Orlando contro li saracini

                           (Comu lu cunta lu zu Vitu Spiciali a villa Bellini).

 

 

                                              

 

 

                   Commedia (epica- maccheronica- siculo-picaresca) in un atto

 

 

 

 

 

– 2007/2008 – atto unico – in siciliano personaggi due m.

Un puparu e il suo assistente narrano, a modo loro con un dialetto siculo – picaresco, il leggendario combattimento di Orlando contro i saraceni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Personaggi:

 

 

Zu Vitu Spiciali…………………………………..puparu;

 

Peppino Mangiameli……………………………..suo aiutante.

 

 

 

 

 

 

Sulla scena, scarna, è stato posto un leggio, sul quale è stato poggiato un copione.

All’apertura del sipario, con una musica adatta, entra in scena Peppino Mangiameli, aiuto puparu. Egli, con movenze comico-maestose, si appresta a parlare al pubblico. Ma è accolto da una sonora pernacchia e da alcuni fischi, provenienti dalla sala. Peppino, per un attimo, resta indeciso se ritornare tra le quinte o continuare. Infine decide, teatralmente, di restare.

 

 

 

 

 

Pepp.- Ma comu? Mancu trasii è su già frisca e pirita? ( nuova salva c.s.) Va beni, lu capii, oggi nun’è cosa, osia: stasira chissa è la zita, cusà qualcunu nun l’avissi capitu ancora.

Comunque si sappi che tra riffi e raffi, comu si suol dire alla bonora, vi cuntamu ‘n cummattimentu co’ baffi, roba ca sinni vidi picca p’accamora.

Il narratori è lu zu Vitu Spiciali, il più meglio puparu universali, ca cu voci tunanti e mascolina, cunta cunti finu a domanimatina.

Ecco a voi popolu servaggiu, lu zu Vitu pi darivi n’assaggiu!

Attacca banna!

 

Rullo di tamburi. Entra Vitu Spiciali (applausi, urla fischi e pernacchie).

 

 Vitu -  Grazi, grazi assai, siti truppu bboni. 

E ora si ci primmititi, (fischi) …pugnu di scimuniti, vi cuntu na storia, che ata sapiri a memoria, si siti veri siciliani, e no na carrittat’i ruffiani.

 

( a scelta della regia, Vitu, il narratore, si potrebbe alternare con Peppino, per dare voce all’uno o all’altro dei personaggi.)

 

Vitu:

Ordunque tanti anni fa, du cuscini, 

nta la Francia di Re Carlu Magnu,

eranu ‘ntisi comu du malandrini.

Uno era Rinaldu figghiu di Amone,

l’altro era Orlando figghiu di Milone.

            

‘N jornu Orlando faceva lu bagnu           

nel mare del Nord, ammenzu e cavalluni,

quannu si vinni un grampu a lu carcagnu.

Rinaldu, ch’era abbiatu nta rina,

pinzannu Angelica sira e matina,

 

nun ’ntisi li gran vuciati d’Orlando.

“Ah, figlio di ‘ntrocchila” dissi u furiusu

“ mi pozzu anniari, e tu oziando,

senza mover dito, te ne giaci

comu nu minchiuni trunzu di Aci?”

 

Nun l’avissi mai dittu. “ Cosa fitusu”

c’arrispunniu chiddu seriuapposta

“cu ssa chiappara di tintu mafiusu,

cchi vo fari cu mia, u sciarrinu?

Pavido scecco, figlio di parrinu!”

 

‘Ngialliau Orlando mentr’arriva a costa

mortu stancuni e menzu sciancatu. 

“Orsù!” vannia “ allur’u fai apposta?   

Mettiti in guardia e cummatti meco!

E cchi spiravi che ju in mari anneco?”

 

Rinaldu si susii tuttu ‘ncazzatu,

picchi si intisi offesu finu all’occhi,

sirrò li pugni comu n’ arraggiatu,

e dissi: “Ccà sugnu, omu sprudenti,

a disfida accettu senza complimenti!”

 

Si li sunavunu comu du allocchi,

quannu, arrivatu Re Carlu in prissuna,

parlò così: “ Ahu, e cchi siti finocchi?

Abbrazzati, nudi e mugugnanti,

comu si stila fari tra amanti?

 

Dio, questo losco abbraccio pridduna!

Da ora, degeneri figli del mali,

vedrete giostrare dalla tribuna,

l’omini viri a pedi e a cavallu,

ammentri s’allenanu, senza fallu.

 

Quinci poi, specie di armali,

c’o binoculu vardat’i saraceni.” 

Orlandu mezzu pazzu criminali,

chiangennu si strappau li capiddi,

e chiamannu a tistimoni suli e stiddi,

 

sbarafò a lu Re :” Sire, li me peni

su tanti e tanti assai, m’astavota

vi l’aggiuru, si mi vuliti beni,

luttavumu si, comu tu n’ancuppi,

ma da mascoluni e non da puppi!”

 

Rinaldo cunfirmò di vota in vota,

facennu segnu cu la so tistazza,

comu unu ca lingua nun gli è nota.

Lu Re, con un gesto menzu riali,

ci fici mettiri tuttu a virbali,

 

po’ parlò:”Or mittitivi a curazza,

miei fieri e arditi paladini,

picchì dda specie di cusazza,

chiamatu da tutti Agramanti,

vinni a far’a guerra –beddu sprudenti-

 

ccà in Francia, cu tutt’i saracini.”

Sintennu cotesta fera notizia,

satanu all’aria i du cuscini.

Orlando gridò: “ Sire, mio Signore,

prontu sugnu, come un salvatore!”

 

Rinaldu senza ‘n puntu di malizia,

ma ca bella Angelica nto cori,

ca ci dava cufinati di mestizia.

Disse: “ Mio Signore, a questo puntu,

lassu l’amuri, le dame e p’accuntu

 

sfidu ssu cunsuntu Re dei Mori,

a giostrare in singolar tenzoni!”

“Và cuccati e fatti passar l’ardori.”

C’arrispunn’u Re vutannici li spaddi,

“Chiddi sunu migghiara, com’e stiddi!

 

Avanti mittetivi ccà, addinucchioni,

e giurati fedeltà all’Altezza Nostra

indi vi dugnu a benedizioni,

poi tutti in sella sui destrieri,

e batter impavid’i stranieri.              

 

Ma tu Orlando tinni vai a destra,

mentri Rinaldo sinni va lestamenti

e senza pipitiari, alla sinistra.”

Dissi accussì Carlu Magnu, sapennu

c’eranu ‘nnammurati, e senza sennu,

 

d’Angelica, puddastredda ruspanti.

Orlando arrivò tosto sull’altura

di la valli, e vitti il brulicanti

campu nimicu e tutti li Mori, 

e gridò: 

Pepp.- “Ccà si fa l’Italia o si mori!”

 

Vitu – Ma chi minchia dici? villico garzone!-

Pepp.- M’ascurdai a battuta, chiffà m’ammazzu?-

Vito – Tu m’arruvini, infido coglione,

            ma ju tostu tinni mannu se m’incazzu.(pausa per prendere fiato)

            A to battuta è chista:” Picciotti ccà si cummatti: Sursum cori!” (gesto per dire: attacca)

Pepp.- (annuendo vistosamente) Sursum cori, cca si fa l’Ita…menti pi mia: (con enfasi)

Picciotti, ccà si cummatti: Sursum cori!-                                                                

Vitu – Appena finemu ni facemu i cunti.

Pepp.- Bonu fussi, n’avanzu sordi…vostru onori…-

Vito -  Vile cajordu! Vastunati ti dugnu, e in cuntanti!

 

Dunchi…(scuotendo il capo riprende la narrazione)   

 

Indi s’apprisintò Gradasso cu primura,

e dissi a’ francisi: “Sfidu cche banni

‘n campione vostro - si ‘n’avi paura!”

In campu cristianu ci fu maretta,

picchì tutti ni vulevunu minnitta  

 

“Mizzica! E’ miu”, fici Rudumunni,

gran paladinu tuttu panza e cor;

ma, pa prescia, ci cascar’i mutanni,

e arristò ‘mpalatu, com’un minchion;

mentr’u Mor s’ammazzava di risaton.  

 

“Vastasi, d’un saracin sanza onor”,

tunò Orlandu, “ si ‘n ti falla il curaggiu,

battiti meco con lancia e ardor!

E mentri ca ci si, priparit’u tabbutu,

picchì ti fiddiu, pezzu di cunnutu!”.

 

“ Varda cu parra.” dissi lu moru adagiu

ammentri ca mitteva la lancia in resta,                               

prontu pi abbiarisi di slangiu.

Indi s’udì un clangore di firrazzi

ca si ‘ntisi priffinu a Ficarazzi!

 

Poi, tra pruvulazzu a timpesta,

li cavalieri cu lu culu a terra,

si spaccavunu, a turnu, la testa,

cu gran colpi di mazza e di spada 

comu dui carusazzi di strada.

 

Orlando tosto, na jancata sferra,

e al moro ci cascanu i denti a mazzu.

Quinci usannu a spada comu na serra,

a pezzi pezzi tagghiò lu biccumi

facennuni sasizza e quarumi.

 

Fatto ciò, s’arriurdò c’era pazzu,

picchì d’Angelica era ‘nnammuratu

non corrisposto, allura pinzò:”…azzu,

a vo cercu macari in capo al mondo

‘nzamà mi tornass’u sennu vagabondo.”

 

S’avviò pe vaneddi do mircatu,

picchì c’avanu sciusciatu, suppergiù,

ca costà giaceva, menzu ammaccatu,

Medor Moro, insemi a na brunetta

ca lu midicava ca frinza da faretta.

 

Trovatala Orlando gridò:” Orsù

pigghia to la truscia e vieni meco!”

Ma Medor dissi:” Sent’amicu, Ferraù

ti st’aspettann’in campu, da stamattina,

ca, di tia vol far … surra e tunnina.”

 

Lu cavaler c’arrispusi: “Bada a teco!

Ju scelgu l’onori e tu aspett’e spera,

mi sbrigu sta camurria, ove m’arreco,  

e appò tornu a gran galoppu, giusu

e t’abbess’a corda, strunzu e fitusu!”

         

Ora, in Parigi, u Re nun c’era,

e fici appenniri il secuenti edittu:

“Datosi ca mi sgrava la mugghera,

ju Re Carlu cumannu a’ paladini:

curriti tutti contro i saracini.”

 

U primu fu Rinaldu, prod’e invittu

giallu, gilusu e pe fatti so,  

paladin e omu senza cunottu,

ca s’apprisintò in campu saracinu,

e cinni dissi na sporta e nu cufinu!

 

Agramanti Re dissi: “ohibò,

ju sugnu troppu bbonu e pazienti 

ma chistu mi sta piagghiannu po popò,

Ora t’abbess’ju, strunz’e babbaleccu,

ca t’apprisenti costà, comu nu sceccu.

 

Chiamatimi Ferraù,” tunò putenti,

“dicitici ca m’abbessa stu ribaldu

e ca l’alfilassi lestu, comu nenti,

a ssu bardasciu menzu malandrinu.

Accuss’arriremu fin’a dumanimatinu”

 

Ferraù arriva tronfio e bardu,

pronto alla pugna con spada e uncini,

ma comu vitti in faccia lu boiardu         

sinni fuju comu nu saittone

ammentri u Re vanniava: “Fellone!” 

 

Po’, ‘ncazzatu, sbraitò ai saracini,

strappannusi da testa la bandana: 

“Do paladinu facitini grissini!”

Ma appena Rinaldu fu circondatu

si ‘ntisi sunari ‘n cornu - ‘n pocu stunatu.

 

Ed ecco che, tra la calca insana

picchì nto campu c’avevanu la rugna,  

s’avventa Orlando comu na sciumana!

E appena lu vitturu li saracini

firoci l’affrontanu, comu assassini.

 

A questo punto intenso della pugna,

con Rinaldo sopraffattu da li Mori

ca si c’eranu abbiati a pigna.

Orlando sguaina la fida durlindana,

sferra ‘n colpo, pigghiatu alla luntana,

 

e con un sol fendente uccisi mille saracini.-

 

Tutti – Cala zu Vitu!-

 

Vito ( rabbuiandosi in viso) Sempri a stissa storia, e c’aviti u sbaddu? Oh…(pausa teatrale, poi, convinto) E allora Orlando con un sol fendente uccise centu saracini…-

 

Tutti – Cala zu Vitu!-

 

Vito – (contrariato) E attorna! (pazientemente) e allora Orlando, eehhè eehhè, uccise dieci saracini…va beni accussì? Siti contenti?-

 

Tutti – Cala, cala.-

 

Vito (indignato e furibondo) Ahu e cchi minchia di Orlando è, se c’un sulu colpu di durlindana, ‘n ammazza almenu dieci saracini? A vo cuccativi, vah! (esce furioso)-

Pepp.- Scusatilo spittabili pubblico, è ‘n pocu nirvusu e irascibile, ma u fatto è, ca se Orlando nun s’ammucca almenu deci arancini, (mormorio del pubblico) scusati è a fami. Vulevu diri: ca se ‘n’ammazza deci saracini, cu nu sulu colpu di durlintana, u zu Vitu, pi la gran collira, s’arruffa, s’ancazza, giallu com’a cira, e ‘n pigghia sonnu pi tutta la simana….(la battuta è interrotta da fischi e pernacchie).

Vitu – (rientrando) E va bene, va bene…nemmeno dieci saracini?…vuliti accussì? E accussì facemu. Allura m’arricupigghiu:

Quindi: Orlando, sfoderando la durlindana cara - pinzannu ad Angelica, dda tappinara, ca corna cinni misi in tutt’u munnu, pi cu ci cridi o nun ci cridi attunnu, e picch’ormai u cuntu a finiri – ei fici seco ‘n riccu… harakiri! 

Bonanotti a tutti.-

 

 

Sipario.
 
 

 

        

       

 

 

 

         

 

 

 

 

 

 

                  

 

                                                      Li veri fantasimi

 

                                     (versione in siciliano di Fantasmi e no)

                                              

 

 

 

 

 

 

                                                    Commedia in tre atti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- anno 2007  Commedia in tre atti, brillante, in dialetto siciliano. Personaggi sei uomini tre donne.

E’ una traduzione in dialetto siciliano della commedia ”Fantasmi e no”, dello stesso autore (difficile convivenza tra un vecchio monarchico e un fantasma anarchico)..

 

La vicenda si svolge in una borgata di Catania, agli inizi degli anni '80.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Personaggi:

 

 

 

Luperchico.........................Fantasma anarchico;

 

Don Bastiano Villa.................vecchio monarchico;

 

Cav. Mollica.......................padrone di casa;

 

Grazia D'Antoni....................tardona che non disarma;

 

Nelly D'Antoni.....................figlia di Grazia;

 

Ercole D'Antoni....................marito di Grazia;

 

Pupy Cacocciola....................fidanzato di Nelly;

 

Salvatore Villa....................nipote di don Bastiano;

 

Carmela............................fidanzata di Salvatore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                             Atto  I

 

Sulla scena e` stato ricostruito uno stanzone soggiorno- pranzo-cucina, di una modesta casa di periferia. A sinistra  vi e`la porta d'ingresso, a destra la porta che conduce in camera da letto, e una finestra che da sull'orto. A destra, vicino alla porta, vi e` un grosso armadio a una anta, poi al centro un tavolo con qualche sedia; un piccolo fornellino a gas e` posto alla destra della parete centrale, mentre al centro di detta parete, sopra una piccola credenza, vi sara` appeso un grande ritratto di Carlo Marx, Sul tavolo sono sparsi le stoviglie con gli avanzi della cena.

All'apertura del sipario, si sente cantare un gallo: e` l'alba. Poco dopo entra in scena don Bastiano Villa. E` un vecchio ancora arzillo sulla settantina. Indossa dei vecchi pantaloni e una sdrucita camicia che porta fuori dai pantaloni stessi, pantofole vecchissime e un berretto da notte sul capo. Il vecchio, sbadigliando vistosamente e grattandosi, con movimenti lenti, si avvicina al tavolo e incomincia a

sparecchiare. Da lontano proviene un canto di operai al lavoro, frammisto con cinguettio degli uccelli, che va in sottofondo quando Bastiano inizia la tirata, per cessare dopo poche frasi della stessa.

Bas.- ( parlando a se stesso) Bon giornu Bastianu, sabbenedica don Bastianu, salute Bastianu.

      (cerimonioso) Salutamu amici, buona giornata a voi! ( pausa) E pascienza, cchi sa fari, chistu  e` unu de' pochi svantaggi di campari sulu: M'attocca darmi u  bongiornu a mia stissu! Ca certu, campari sulu e` troppu beddu, e` a libetta`, e` a  paci, 'nsumma e` a vita. E se nun fussi pi cui sacciu , ( guarda minaccioso l'armadio) m'a spassassi a vita,  ju...Invece m'aiu assuppari sta innaturale convivenza...( guarda in cagnesco il ritratto di Marx)  Bedda Matri, ju fussu felice, ju, fussi... si nun  fussi pi cu sacciu ju ca fa l'ospiti a sbafu. (si sente battere dall'armadio, Bastiano lo guarda  sottecchi, poi sbotta verso l'armadio) Va bene, te lo dicu in italianu: Ho detto ospite poco gradito! ( piano rivolto verso il pubblico, facendo il gesto col braccio) Tiè, assuppa!( Quindi ripone per ultimo il bottiglione del vino nella credenza e, da dietro, tira fuori un  grande ritratto del Re. Con pacati movimenti, quasi rituali, stacca dal muro il ritratto di Marx e vi mette  al suo posto quello del Re. Dopo aver fatto un rapido cenno di riverenza al ritratto, dalla credenza prende una piccola caffettiera, e si dirige verso la porta di destra ed esce).

Bas.- E ora 'n cafè ca frinza, pi 'ncuminzari beni la jurnata.-

Dall'armadio esce Luperchico, il fantasma anarchico. Egli  sara` vestito da cospiratore fine ottocento e sara` tutto bianco, naturalmente. Musica appropriata. Il fantasma, in punta di piedi si avvicina al ritratto del Re lo stacca, lo ripone dietro la credenza e appende sul chiodo quello di Marx. Fatto questo, si rinchiude nell'armadio. Rientra Bastiano, canticchiando la marcia reale e reggendo in mano la caffettiera avvitata che mette sul fornello, quindi  si reca nella credenza a prendere una tazzina. La prende, sta per tornare al tavolo, quando si ferma di colpo e pian piano si gira a guardare la parete.

Bas.- Vileno amaru! Eccu mi desi u so bongiornu! (  stacca il ritratto dal muro e lo butta fuori dalla  finestra) Chissu mi vulissi rovinari, ma cascau mali... ( pugno  minaccioso verso l'armadio, intanto riappende il quadro del Re, e si dirige verso il tavolo)U zuccuru... u zuccuru, m'o scurdai n'autra vota, mattri chi testa. ( si dirige  verso la credenza e guarda dentro) E cca nun c'e`. Forsi u lassai dda banna? E pascienza, virenu unnu è. ( esce)

Dalla porta d'ingresso, entra Luperchico con il ritratto di Marx. E` arrabbiato nero! Stacca dal muro il Re e mette Marx, poi si dirige verso l'armadio facendo gestacci verso la porta di destra, e quindi entra nell'armadio.

Rientra Bastiano, sempre canticchiando, prende la caffettiera fumante, si siede, si versa il caffe`, lo zucchera, assaggia la bevanda, fa cenno affermativo con capo facendo capire che e` buono, e si gira verso la parete come per dire al ritratto del suo Re: vuol favorire? Ma vedendo Marx, il caffe` gli va

di traverso e lo sbuffa.

Bas.- ( alzandosi) Sangu di Giuda, viduvu e martiri.  Malidizioni a mia e a quannu misi pede nta sta casa!  Botta di sangu a cu dicu ju!  Ma ju dicu, ju dicu, propriu a mia a vo capitari di

cunviviri cu nu fantasima anarchicu e pi ghiunta bestia? Fantasima?  ma quali! brutta copia di fantasima, abortu di fantasima,  inzumma fantasmicchiu. Ca certu, se era nu fantasima puru, genuinu, nu fantasima verace, nu fantasima 'mpurtanti, ma  s'avvissi piazzatu nta na casa ricca,nta  na  villa signorili, nta nu castilluni di baruni cu setti baddi... ( intanto  rimuove il quadro di Marx) No, nvece datosi ca e` nu  fantasima di serie C, m'aia suppari e chiangiri ju... ju, mannaggia a mia!- 

Si apre di colpo l'armadio ed esce Luperchico minaccioso.-

Lup.- Io sarei fantasma di serie C, io sarei brutta copia, io sarei fantasmucolo?-

Bas.- Tu fantasima bestia! Senti beddu, cca di notti cumanni tu, ma jornu cumannu ju! Quadro cumpresu! E chisti furunu e sonu i patti.- (deciso)

Lup.- I patti, i patti. I patti a me, anarchico, non me li impone nessuno, figuriamoci tu vecchio oscurantista! Eppoi, io per te ho avuto sempre il massimo rispetto, ed esigo, dico esigo, che tu faccia altrettanto nei miei confronti. Ssi, fantasma di serie C, ma guardate cosa debbo sopportare.. Io, spirito libero...(declama)- 

Bas.- ...Tu fantasima bestia..-

Lup.- (Guardandolo di traverso)... Dicevo: io spirito libero, io che ho lottato per l'emancipazione, io che ho  combattuto per la causa..-

Bas.- ...Persa...-

Lup.- Ma insomma! Pezzo d'asino d'un realista! Servo della  corona! Lacche` del Re...-

Bas.- Aho`, aho`, ora stai parrannu assai! E che e`?  Anzamai, tu fussi u tipu ca arrispetta il suo prossimo?( ironico) E menu  mali ca e` accussi`, s'annunca na bumma sutt'o  lettu  nun m'a luvava mancu u rasolu! Tintu bummaru!- 

Lup.- Attento a come parli, sai?-

Bas.- Picchì , senno` chi mi fai, videmu? Ti trasformi in scimpanze`? Varda ca nun e` nicissariu, tu ci si gia! Ma vardati nto specchiu si c' hai curaggiu.-

Lup.- Bastianazzo, io ti... io ti...accidentaccio a te!-

Bas.- ( conciliante) Ahu, calma, calma e gessu, ah?.. Va beni, varda cchi facemu, io ritiro tintu bummaru, e tu ritira  lacche` del Re, ci stai?-

Lup.- ( esitante) Va bene, ci sto, d'accordo, ritiro.-

Bas.- E nun m' dici cchiù?-

Lup.- D'accordo, d'accordo...-

Bas.- E u manteni st'accordu?-

Lup.- Lo manterro`...( eccessivamente accondiscendente)-

Bas.- U giuri?-

Lup.- Lo giuro.-

Bas.- E su cchi cosa giuri?-

Lup.- Sull'animaccia tua, Bastiano, adesso la stai facendo lunga.-

Bas.- Picchì` ti cunusciu beddu spicchiu di mennula amara. Avanti va' su cu giuri?-

Lup.- Lo giuro sulla testa di Bakunin. E ora giura anche tu.- 

Bas.- (sbrigativo) Giuru, giuru..-

Lup.- Su quale testa giuri?-

Bas.- Sulla tua malanova.-

Lup.- Giura invece sulla testa di quello li`. ( indica il  ritratto del Re)-

Bas.- Supra a testa do Riuzzu? Mai!-

Lup.- E allora ritiro il mio giuramento.-

Bas.- Va bene, giuru. Giuru, giuru...(sofferto) supra  a testa  do Re. ( velocemente) Scusatemi maesta`, ma sugnu in grave statu di nicessita`...-

Lup.- Ma che scusa e scusa... maesta` e maesta`, quello era un uomo come te.-

Bas.- Era di sangu riale...-

Lup.- ...mangiava e dormiva come te...-

Bas.- ...di antica discindenza...-

Lup.- ...andava al cesso, come te...-

Bas.- ...ma da nobile, e con pompa magna...-

Lup.- ...Quand'era stitico.-

Bas.- Nun ricuminciar'a affenniri.-

Lup.- ( conciliante) Non ricomincio, non ricomincio, stai tranquillo, non ti tocco il tuo idolo.-

Bas.- Chiddu sarebbe nu idulu, ahò, e cchi scimunisti? (pomposamente) Questi e` il mio Riuzzo. I to sunu iduli.. Ma, inzumma, cu schifiu era stu Macchisi? e cu fu stu Bacuni? e Cropochinino, o comu malanova si chiama, cu fu? (pomposo) Dimmi chi furono costoro? qual'e` la loro dinastia? da unni scinnunu? Forse dagli Staurdi? Dagli  Bellinzonen? dai Savoiardi?- 

Lup.- ... Dagli amaretti...-

Bas.- .. Si, dai biscotti da' monica! Ma che bestialita`  dici? Allora, chi furono i loro avi?- (pomposamente)

Lup.- Ebbero un solo avo: il popolo libero!-

Bas.- E mortu di fame...-

Lup.- La liberta` val molto di piu` del pane.-

Bas.- Ca ora, quannu a panza e` vacanti, a inchemu ca  liberta`.-

Lup.- Fai discorsi di ciuco! Mangi, lavori e obbedisci agli  ordini dei padroni.-

Bas.- Ca quali ordini. A mia hanno dittu sempre per favore don Bastiano di qua`, per favore don Bastiano di la`!- 

Lup.- ( ironico) Rompiti il collo Bastiano di qua, ammazzati  di lavoro Bastiano di la`.-

Bas.- A mia m'ana rispettato sempri, m'ana vulutu sempri bene...( pausa) Quannu m'infortunai mi purtaruno i dolci...-

Lup.- ...la carotina, poi il bastone!-

Bas.- Ma nzumma, bestia di un anarchico, na societa` ci voli chi cumanna e cu obbedisce...-

Lup.- ...chi lavora e chi mangia...-

Bas.- ...le leggi e i giudici...-

Lup.- ...per i poveri e gli affamati...-

Bas.- ...ci vole l'ordine...-

Lup.- ...dei ricchi e dei potenti.-

Bas.- Ma cchi ssi bestia pi davveru? A mia, pi quarant'anni, chi m' ha datu u travagghiu? U me principali! Ma e` logico: iddu minteva i capitali, e ju u me travagghiu. E, modestamente, non e` pi dire, e senza  offisa pi nuddu, ma ero u primu  nzitaturui do circundariu.-

Lup.- Tu innestavi e lui si arricchiva.-

Bas.- E cchi significa? Chiddu  oltre a capitali, ci mitteva u  rischiu... e macari u travagghiu, sissignore, u travagghiu, picchì iddu stava cu nuatri, ne campagni, da matina a  sira.-

Lup.- Per il timore d'essere derubato. Senti, e adesso, dove  si trova questo ...benefattore?-

Bas.- Eh, s'e` ritirato da 'n pezzu. Ora e` so figghiu ca bada all'azienda. L'ha rimodernata, l'ha ampliata...-

Lup.- E dove si e` ritirato il tuo ex principale? Forse in una piccola casupola umida e cadente, come questa, oppure in una grande villa con piscina, campi da tennis e altre moderne diavolerie?-

Bas.- Beh, effettivamente stava nta na grandi villa... ma cchi  c'entra chistu? iddu era u principali! (pausa) Eppuru ni vuleva beni assai...ni faceva tanti picculi riali... o spissu facevumu le mangiate. M'arrivordu ca na vota...- 

Lup.- Bastiano Villa, lascia stare i ricordi. La verita` e`  che tu dopo quarant`anni di lavoro, hai appena di che vivere, mentre lui s'e` arricchito e vive da nababbo!-

Bas.- Ma quali babbu e babbu. Quello nun era cretinu comu a tia. E era un  galantuomo! Peccato ca morsi.-

Lup.- Ah, e` morto? Interessante.-

Bas.- Eh, puvirazzu, mossi` di troppu sangue... aveva troppa  salute...-

Lup.- Schiatto`... di salute. Roba da infarto!-

Bas.- E che funerale ca ci ficiru. Aveva nu tabbutu tuttu ìntagghiatu , na meravigghia. Inzumma era nu veru spittacolu. C'era macari a banda municipale...-

Lup.- Ah, il sindaco con gli assessori?-

Bas.- Bestia! La banda, chidda ca sona...poi c'era a confraternita, nu tiru a se cavaddi, l'arciprete cu na  pompa...poi l'accumpagnamentu era longu du chilometri...  E a tomba? Ci ficeru na tomba...-

Lup.- Come, come?-

Bas.- Uh, roba da signoroni. Chiamarono i megghiu mastri, i  marmisti cchiù bravi. E u materiali? Degno d'un Re:  Mammuro di prima qualita`, bronzo, poi sculture a non  finire. Inzumma, pareva na reggia! (breve pausa) Poi era  asciuttizza comu n' osso!-

Lup.- E non fece i vermi.-

Bas.- Bonu, va`! Si sempri tu!-

Lup.- Sono sempre io, sissignore. Ma lo vuoi capire che siamo  tutti uguali e che tutti finiamo li` sotto, mangiati  dai vermi?-

Bas.- E addivintamu fantasimi bestia comu a tia!-

Lup.- Non raccolgo l'insulto che mi proviene a un imbecille!-

Bas.- ( Inalberandosi)  Ma chi mu lassanu i morti? Ma cu mu portò 'n tintu romagnolo in Sicilia? Senti beddu, datti na rigulata, si vinisti pi inzuttarimi, stai attento sai?  Picchì ju chiamu Padreapparocu, santa binidizioni, e...  ti salutu fantasima bestia!-( prende la tazzina del caffe` vuota e la porta di la`, passando sotto il ritratto del  Re, al quale indirizza un inchino. Intanto Luperchico  saluta il ritratto di Marx, col pugno chiuso. Si odono  poche note dell'Internazionale. Rientra Bastiano.)

Bas.-  C'appoi vulissi sapiri picchì secunnu tia semu tutti uguali. U vidi o nun u vidi tu stissu ca macari da fantasimi sta uguaglianza non   c'e`, nun esisti! E tu si l'esempio: stai cu mia, na sta specie di tugurio, comu u chiami tu, sparti cu mia a me stissa sorti, mentri u fantasima di chiddu ddà (  accenna al ritratto di Marx) cu sapi unni si trova.  Magari e` nta na villa tedesca, o megghiu ancora,  in un castello inglese, a fare il Lord. E a st'ura si pigghia il the, magari 'nsemula al suo amico Angelo...-

Lup.- Certamente. ( ironico) Perche`, secondo te, ora anche i  fantasmi prendono il the.-

Bas.- Certamenti, a cchi ti pari? chiddi sunu fantasimi nobili, sunu... (allusivo)

Bussano alla porta.

Bas.- Vengo, vengo...mizzica, ca matinata? ( Bastiano apre e  entra il cav. Mollica, il padrone di casa) Oh,  cavaliere Mollica, ma varda cchi suppresa...(ma fa il gesto come per dire:eh, pazienza, si deve sopportare anche questo) -

Mol.- Buon giorno don Bastianu, pozzu trasiri?-

Bas.- E comu no. Accomodatevi..-

Mol.- Forse v'aiu disturbatu? Sapiti ju dicu  sempri  a matina fa la jurnata, pi cui...-

Bas.- Ma quali disturbu, assittativi, assittativi cavaliere.- ( offre  una sedia).Tenete in testa, prego.-

Mol.- ( lasciandosi il cappello in testa) Grazie don Bastiano, vossia è veramenti na prissuna  gintile. Ju mi li luvassi u stissu u cappeddu da testa, per  riguardo a vossia, ma sapiti, ho i reumatismi ca mi tormentano. Acchianunu di ccà, passanu di sta parti e arrivanu ccà nfunnu...(mimica adatta, a sogg.)

Bas.- E cchi è a circumetnea...

Mol.- Chi dicisturu? 

Bas.- Nenti, nenti dicevu iè a ... circu...lazioni.-

Mol.- Sapiti, parola mia, si nun fossi pi sti  malidetti duluri, ci stassi ju nta sta reggia. Sissignuri, ju!  Inveci  sugnu cundannatu a viveri  in  una casuzza moderna, tutta china di machini infernali: aria condizionata ca ti spacca i prummuni, termosifoni ca ti levanu l'aria, moquette a terra ca fa li cimici,  inzumma na tortura, m'a ta cridiri. Invece vossia, se ne sta nta stu paradisu... ah, beato voi.-

Lup.- Ma che bugiardoo, questo ha una grande e meravigliosa  villa al mare e ci benissimo, lui.-

Bas.- Mi dispiaci cavaleri se vuliti potemu fare scangiu...-

Mol.- No. No, e cchi c'entra, ju sacciu sacrificarmi... picchì nta sta casa m'avissi 'ntisu un Re.- ( Luperchico sta  per mollargli un cazzotto in testa. Bastiano lo ferma)

Bas.- ( facendo finta i nulla) Lassati perdiri i Re, cavaleri, cch'è megghiu. Chittostu, a chi cosa debbo l'onore?-

Mol.- Don Bastianu, parrannu cu vossia, ju, nta sta casa, ai bei tempi, ci  stavu da Pascia`... eh santa pazienza.. Dunchi, don  Bastiano, forse vossia su scurdò ca oggi e`u  primu do misi? Inzumma oggi, se vossia è  comudu, m'avissi a pavari a misata da casa di sto... paradisu...-( Lup.  freme)

Bas.- E` vero, chi scrolucu ca sugnu. S'aviti nu minutu di pascienza,  cavaleri, vo' pigghiu i soldi dda banna.-

Mol. - Facissi co so comudu...-9

Intanto il cavaliere si alza e gironzola per la stanza come se volesse accertarsi del buon stato di manutenzione del locale. Spesso si abbassa per guardare meglio, e in quei momenti, Luperchico tenta di assestargli un calcione, ma va sempre a vuoto perche` Mollica si sposta in tempo. Rientra

Bastiano.

Bas.- Ecco i picciuli, cavaleri, e scusatemi tantu, si vi fici aspettari.-

Mol.- ( contando i soldi) Ma... ma sunu pricisi identici di chiddi do misi passatu?-

Bas.- Cri...cridu di si, pecchì, 'n avon'a essiri?-

Mol.- Manca l'aumentu, eccu chi cosa manca.-

Bas.- Scusati, ma quali aumentu?-

Mol.- L'equo canuni, don Bastiano, equo canone.-

Bas.- ( a Luperchico) Chi dissi?-

Mol.- ( con accondiscendenza) Caro don Bastiano, vossia a sapiri che esiste una legge, chiamata equo canone che stabilisce gli aumenti di l'affitti de casi in base alla inflazione, alla salita del dollaro, al deficit  pubblico, alla scala mobile, al socof, al tikett, alla  borsa valori di Milano, Nuova York, Tokio, Londra, e... –

Bas.- ...Canicattini bagni! Cavaleri, ma cchi mi viniti a 'ncucchiari?-

Mol.- Chi v'ancucchiu? Chi v'ancucchiu? Vi affermu ca in virtu` di quanto sopra detto, mi dovrete  sganciar autri, videmu....( fa un calcolo mentale) eccu: duemila lire in tuttu, tassi e bullu cumpresi.-

Bas.- Duemila lire? Sangue di Giuda vedovo e martire, cca ogni jornu aumenta qualchi cosa... e va be`, a liggi e` liggi, vaju a pigghiarivi u restu, con primmessu.-

Lup.- ( fermandolo) Bastiano, questo ti sta truffando. A te,  come previsto dalla legge,nr 17 emendamento B del 15  Agosto, e al successivo decreto nr 137 bis, l'equo  canone non e` applicabile, perche` hai un reddito  inferiore al minimo previsto.-

Bas.- ( tornando indietro e facendo segno a Luperchico  d'aspettare) Cavaleri, cavaleri sintite: A causa  della legge .. comandamentu... approvatu con discreto...  L'eco cannuni non e` appiccicabile all'inferiore minimu  ca vistu?-

Mol.- Don Bastiano, ma cchi bistialità stati dicendu?-

Bas.- Un momentu cavalere, nu pocu di pascienza.. ( si avvicina  a Luperchico, come se stesse riflettendo. Luperchico  gli suggerisce le parole della battuta precedente, che  Bastiano recita a pappagallo)-

Mol.- ( sbalordito) Ma... ma vossia è... sicuru?-

Bas.- ( ripetendo le parole di Luperchico) Consultate la  gazzetta ufficiale del l maggio corrente anno, a pagina  22, primo capoverso, che recita cosi`: Qualora il  reddito minimo previsto e` inferiore percentualmente..- 

Mol.- ( in imbarazzo) Vi credu, vi credu...Don Bastiano, m'abbasta a vostra parola ( vedendo che il colpo non gli  e` riuscito).. vossia è nu galantuomu...( tra se`) Ma unni diavolu si sara` informatu? Forse avi n' avvocato..  ( a Bastiano, che intanto si congratula con Luperchico)  Don Bastianu, allura ju mi ni vaju, ma prima vi vulevi addumannari un'ultima cosa: Come va la salute?-

Bas.- Benissimu cavaleri, grazie pi l'interessamentu.-

Mol.- Avaja chi diciti, tra nuautri... Bene uora levu u  disturbu, buona giornata don Bastianu.-

Bas.- ( accompagnandolo) Arrivederci cavaleri e statevi  beni.-

Mollica esce.

Bas.- Luperchico, da stu munentu nun ti dicu cchiu` fantasma bestia. Ti sei  riscattato... Senti, in cunfirenza, unni imparasti la liggi? Nun sapevu ca eri accussì forti.-

Lup.- Neanche io.-

Bas.- Come sarebbe; mancu ju!. E tutti ddi beddi cosi ca dicisti o cavaleri?-

Lup.- Tutto inventato! Tanto ero sicuro che quello ti voleva truffare.-

Bas.- Tutto inventato? Tintu bummaru, m'a fari sciarriari co pattruni di casa?-

Lup.- Calmati, ne`?-

Bas.- Sta mazza ca mi calmu! chiddu mi sfratta!-

Lup.- Quello non si nuove. La legge lo vieta.-

Bas.- La legge? chi liggi, chidda ca nun canusci?-

Lup.- La legge naturale, sissignore, quella la conosco, e  come!-

Bas.- Ca comu! Ora pe culpa to, e da to liggi naturali, vo dire ca prossimanente dormiro` all'aperto: Suttu a l'archi da Marina.- ( si dispera)

Lup.- Stai calmo, non potra` farti nulla. Quello potra` disporre di questa topaia solamente alla tua morte. Ed  e` venuto proprio per questo, per vedere come stai in  salute...-

Bas.- ( fa le corna) Tie`, iettatore!-

Lup.- A me?-

Bas.- No a chiddu! ( indica la porta da dove e` uscito  Mollica).

Lup.- Adesso non ci pensare piu`. Avanti, prendi le carte che ci facciamo una scopa.-

Bas.- Cu tia? No, cu tia nun ghiocu cchiù`.-

Lup.- Sono troppo forte, vero?-

Bas.- No, tu m'arrobbi, bari, imbrogli...ci fai u mazzuni.-

Lup.- Io? ma tu sei matto. Io sono leale, sono onesto...-

Bas.- E a roba manca...( sottovoce) Inzumma, allura, mo sai diri picchì tu sai  tutti li carti cca ci aiu  in manu?-

Lup.- Conosco il quarant'otto!-

Bas.- No, il quarantasette sai.-

Lup.- E cosa sarebbe il quarantasette?-

Bas.- Mortu ca parra!-

Lup.- Prendi le carte spiritoso.. quarantasette, morto che  parla... ( intanto prepara il tavole e le sedie)-

Bas.- (Porte le carte e le controlla) Apprima cuntrollu, cu tia nun si po' mai sapiri. -

Lup.- Io, quasi quasi, m'offendo.-

Bas.- Affenniti, affenniti quantu voi, ma intantu teni i manu supra o tavulu...-

Lup.- Ma insomma, Bastiano!-

Bas.- ( indifferente) Cu duna li carti?-

Lup.- Chi alza la carta piu` alta. E ora se non ti dispiace vorrei dare anch'io una mescolatina alle carte..-

Bas.- E` un tuo diritto, ma stai accura, cca ci aiu  deci occhi!  ( si tocca la fronte)-

Lup.- Li` hai solo segatura, e te lo dimostro. Alza dai.-

I due danno corso alla partita. Gestualita` a soggetto.

Musica adatta. I due giocheranno per circa due minuti.

Bas.- U vidisti? quanno 'n'arrobbi i uschi, eccomu!-

Lup.- Non cantare vittoria. Hai solo tre punti di vantaggio, gioca adesso...-

Bas.- Jocu. jocu. ma nun t'innervosiri... (sfottente)

Lup.- Non sono nervoso, e vincero`... e se vuoi possiamo  mettere una posta...-

Bas.- Facciamo l'azzardo?-

Lup.- Con te? Non ci sarebbe gusto...-

Bas.- Ti fazzu na proposta: Ni jucamu u quadro di  Macchisi.-

Lup.- E tu metti quello del tuo Re?-

Bas.- ( ci pensa un po`) E va bene, ci staiu: U me quadro contru o to...( fra se) Mizzica, si vinciu u fazzu vulari, a tappu,  fora da finestra.-

I due mimano il gioco con fasi alterne. Poi la partita volge a favore di Bastiano, nonostante che Luperchico faccia calcoli complicati.

Bas.- ( contento) Quattru e tri setti, e scupa co setti i dinari.  Stavota t'acciuncaiu, fantasma di quattro soldi...- 

Lup.- Non cantare vittoria, vecchio sclerotico!-

Bas.- Sbafara pure, e cu chista, a primera e` mia!  Luperchico, fantasma anarchico, pirdisti!-

Lup.- Conta, conta, prima di parlare...-

Bas.- I cuntai gia`a menti: Sei ori e vintidui carti, tri  setti, de quali unu d'oru... E cchi cridi? Ju fazzu u jocu aragiunatu...-

Lup.- Conta, conta...- ( scettico)-

Bastiano conta le carte e risultano cinque ori e diciannove carte complessive.

Bas.- Possibile? No, mi sbagghiai. Arricuntamu... ( riconta) E no, e no! Tu cunninasti u mazzuni, 'mbrugghiuni di nu fantasma anarchico.-

Lup.- Chi io? ( con aria innocente)-

Bas.- No, me soru! Erano sei ori e ventidue carte, mi ci juacassi macari a testa!-

Lup.- E la perderesti... poi, vedi che gran perdita sarebbe...-

Bas.- Vale a to. Avanti sgancia li me carti!-

Lup.- Quali carte?-

Bas.- Chiddi ca mi futtisti.-

Lup.- Fregate? Vinte, caro mio, vin-te!-

Bas.- Tu m'a 'mbrugghiatu, tintu anarchicu.-

Lup.- Bada come parli, mummia realista!-

Bas.- ( alzandosi adirato) Io... Io ti...-

Bussano alla porta.

Lup.- ( per calmarlo) Ehi, Bastiano, calmati, non senti che bussano?-

Bas.- Nun canciari discursu, mbrugghiuni.-

Lup.- Io non cambio nulla, sono loro che bussano!-

Bas.- ( ascoltando) Veru è... ( si reca ad aprire) Ma non e` finita cu tia, sai?-

Apre la porta, ed entrano due donne: Una tardona, elegante e sculettante, l'altra piu` giovane, miope e bruttina. Sono Grazia D'Antoni e la figlio Nelly.

Gra.- Buon giorno buon uomo ( con aria di sufficienza).. E`  in casa l'inquilino di codesta dimora?-

Bas.- Sarei io..-

Gra.- Grazia D'Antoni!- ( lo dovra pronunziare cosi`: Grazie tantoni.)

Bas.- Prego pregoni. ( inchinandosi)-

Gra.- Ma cosa avete capito? Io ho detto che mi chiamo Grazia  D'Antoni, e questa e` mia figlia Nelly. Nelly, saluta il signore.-

Nel.- Buongiorno signore...-

Bas.- Buongiorno a voi signore, ju sugnu Bastianu Villa, pi servirvi...( le successive parole, pronunziate da  Bastiano, saranno smozzicate e frustrate dal comportamento delle due donne, che sembrano un generale con il suo aiutante in ispezione alla caserma.)... Prego... volete.. accomodarvi?.. posso affrirvi... cchi pozzu fari... per lor signore?-

Le due donne ispezionano il locale e Grazia, col gesto della mano, ferma i possibili timidi interventi di Bastiano, il quale, sbalordito, si siede e li lascia fare, mentre con Luperchico si scambia gesti di meraviglia. A discrezione della regia, musica adatta. Il tutto durera` massimo due minuti.

Gra.- Signor Bastiano, prego, si alzi e cammini.-

Bas.- ( ubbidendo automaticamente) Signora... scusate...ma  picchì?-

Gra.- Zitto, zitto... Nelly, prendi nota: lieve difficolta`  motoria...E adesso signor Bastiano, venga avanti ad  occhi chiusi, prego.-

Bas.- Ma, veramenti...-

Gra.- Zitto, zitto...collaborate, prego.. Nelly prendi nota:  Grave forma artrosica cervicale, dorsale e lombare..  Si fletta, prego..-

Lup.- ( divertito) Si fletta, prego...-

Bas.- ( riprendendo il controllo della situazione) Statti mutu tu!-

Gra.- Come si permette?-

Bas.- Comu vi primmittiti vui, care signore. E abbiate pascienza, viniti  a me casa, casa di nu galantuomo, gli ispezionate a casa, u trattati come na scupa, a faciti di padroni, e mi diciti appoi: come vi permettete? Ma signora, macari nu galantuomu d'autra ebbrica, comu a mia,  po` perderi a pascienza, pi Giuda viduvu e martiri!-

Gra.- Nelly, segna: Arteriosclerosi galoppante. Dovete sapere  carissimo galantuomo vecchio stampo, che voi, di questa  casa, ne disporrete ancora per poco.-

Bas.- ( a Luperchico) Chi ti dissi: sutta l'archi da Marina  mi fai finire!-

Gra.- Cosa avete detto, signore?-

Bas.- Dissi ca vulissi sapiri picchì a ta dittu... quello che avete detto.- ( impacciato).-

Gra.- Niente di piu` semplice: Il cavaliere Mollica mi ha  promesso questo locale per farvi il nido d'amore di mia  figlia Nelly, qui presente, la quale fra non molto  dovra` convolare a giuste nozze.-

Bas.- Ma ancora ci staiu ju... ( sbalordito, inquieto)-

Gra.- Ci starete ancora per poco...fino a che non... ( fa il  gesto di morire con le dita)... e noi siamo venute per  accertare quanto tempo ci vorra`. ( ripete il gesto  precedente)-

Lup.- Bastiano, questa ti stanno prenotano un viaggio di sola  andata..-

Bas.- Ora videmu! ( a Grazia minaccioso) Nunca, voiattri ascutatimi attentamenti: Ju sugnu sanu e chinu di vita, e nu aiu  intenzioni di cripari pi fari filici sta - fanciulla!  ( ironico). Ju campero` cent'anni  p'a  vostra mala sorti! E ora fuori di quà, uscite subito da questa  casa, prima ca mi  scordu d'essere un gentiluomo!  March!-

Gra.- ( recandosi verso l'uscita) Scrivi Nelly: demenza  senile in via accelerata d'insorgimento, con evidenti  segni..-

Bas.- (prendendo un bastone da dietro la porta) Mastro, dei  mastri, pensaci tu! ( fa roteare il bastone)

Le due donne escono precipitosamente, emettendo grida di paura.

Bas.- ( chiudendo la porta e poggiando  il bastone) Ma varda cchi cosi... chi genti.. aspettano a me morti... tie`, tie`. ( fa  le corna)-

Lup.- Non te la prendere sono due " sconchiorote".-

Bas.- Si dice " scunchiurute", consiglier fraudolento.-

Lup.- Bastiano, io ti sono veramente amico. E ora di diro`  perche` quelle sconchiorote..-

Bas.- E torna! Senti tu a parrari comu ti  insegno` to madri, cioe` tedescu! Picchì putissitu ristari ccà pi autri  centu anni, ccà in Sicilia, ma tu nun imparirai mai na sula parola della lingua sicula, sicana siciliota, osia siciliana!-

Lup.- Oggi con te non si puo` "pipitiare".-

Bas.- Ma allura sei tostu?-

Lup.- Uffa, quanto sei pignolo. Ascolta invece quello che ti debbo dire.-

Bas.- E avanti, sintemu 'st'altra fisseria..-

Lup.- Mi, adesso, quasi quasi m'offendo..-

Bas.- Avanti, nun fari u picciriddu ca s'affenni, parra, parra.-

Lup.- Solo per questa volta.. Mentre quelle due visitavano la casa, la madre pensava questo:" Questa casa e` una  topaia, ma meglio una topaia che una figlia zitella  sulla pancia. Io voglio vivere la mia vita. In fondo sono piacente e formosa e voglio divertirmi ancora un  bel pezzo.. Quindi con qualche ritocco, un po di carta  alle parete, forse anche la moquettes, un  controsoffitto, qualche quadro..e tutto si sistema,   anche la figlia zitella!"  La figlia invece pensava: " Qui ci piazzo mia madre,  tanto lei, che vuole ancora dalla vita? Certo ci  vorra` una rinfrescatina, una mano di calce alle  pareti, qualche tappeto, qualche piccolo ritocco e per  i vecchi andra` benissimo.  Mio padre non mi preoccupa,

 tanto fa sempre cio` che dice mamma.  Sara` lei l'osso  duro da convincere. Ma riusciro` a metterla nel sacco!"  Hai capito ora?-

Bas.- Davveru, accussì dissi? Nun ci pozzu cridiri...-

Lup.- ( che lo vede abbattuto) E tu non ci credere.-

Bus.- ( mogio mogio) Sai Luperchico, u mundu oggi mi pari piu` bruttu, cchiù tintu...-

Lup.- ( per distrarlo) Impressione momentanea, dai continuiamo la partita, ti prometto che non faro`

trucchi!-

Bas.- ( rassegnato) Ca arripigghiamu, arriprendiamo..ma nun ci si po cridiri...-

Lup.- Avanti, vecchio realista, dai le carte...-

Bas.- ( dando le carte macchinalmente) Nun ci pozzu cridiri...   si scannanu, sangu contru sangu...( da le carte sempre  piu` lentamente)... E nto mentri... aspettanu a me morti..-

Il sipario si chiude lentamente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                      Atto  II

 

Stessa scena dell'atto precedente. All'apertura del sipario la scena e` vuota e buia. E` notte. Poi col solito canto del gallo, incomincia ad albeggiare. Cinguettio di uccelli. Dopo un minuto circa, dall'armadio, entra in scena Luperchico, sempre tutto bianco, ma con una vistosa fascia nera al braccio sinistro e una cravatta nera. Egli si reca presso la parete centrale, stacca il quadro di Marx e appende quello del Re. Tutta l'operazione dev'essere effettuata con grande solennita`, come un rito. Quindi Luperchico restera` qualche momento in raccoglimento. Musica adatta.

Da destra, vociando, entrano Grazia e Mollica. 

Mol.- Purtroppo tutto e` comu u lassau il  compianto  don Bastianu, bonamma. Io non ho toccato nemmeno uno spillo, aspettu ca si fa vivu qualchi parente, ma fino ad ora non s'e` visto nuddu, nessuno. E allura, ora, mi sentu autorizzatu a fare sgombrare tutte  queste...masserizie ( con disprezzo, toccando una sedia  e pulendosi la mano, ostentatamente)... cosicche`subitu doppu lei potra` trasiri nta l'appartamentu...- 

Gra.- Eh, appartamento... modesta casetta rurale..-

Mol.- Modesta si, ma bella, asciutta, solida..-

Gra.- Vecchia, umida, cadente.. Cavaliere, siamo onesti,  questa e` una topaia!-

Mol.- Ma che dice, signora. Chista e na casa solida, costruita  all'antica. Vardassi cchi ci dicu: chista  con qualchi piccolu interventu, qualchi  ritoccu, na bona manu di calce, cu na bona bruscia, tornera` all'antico  splendore. Questa e` una dimora da Re!- ( guarda il  soffitto)

Luperchico, alle sue spalle, gli molla un calcione, e Mollica, sbalordito guarda Grazia che impassibile contempla il soffitto.

Gra.- Ma che Re e Re, questa topaia andava bene solamente per  quel rimbambito di Bastiano Villa.-

Luperchico, alle sue spalle le molla un pizzicotto nel sedere. Grazia, sorpresa, molla un ceffone a Mollica, che piu` sbalordito che mai, rimane senza parole massaggiandosi la guancia colpita.

Gra.- Cavaliere, niente confidenze, io sono una signora!-

Mol.- Ma signora, a jancata ma desi lei...e anche a pidata nta panaru...- ( titubante)

Gra.- Ceffoni si, calci mai, e che mi ha preso per un mulo?-

Mol.- Veramente ju u ntisi, eccomu...(sempre guardandosi attorno guardingo) Comunque, signora, tornando a noi, dicevo che con qualche piccola ritoccatina, questa casa diventa una  reggia..  ( altro calcione) Ma signora, m'a scusari, ma nun  capiscu comu si primmetti. ( Grazia intanto fa l'ironia su quanto detto da Mollica).-

Gra.- Io bado ai miei interessi, caro cavaliere... Allora, per  come stanno le cose, vi posso dare al massimo..  cinquantamila lire e non ne parliamo piu`.-

Mol.- Nonzi. Nun e` possibili, m'a cridiri. Sta casa vale almeno il  doppio. Ma nun a vidi? E china di sole, indipendente, con giardino...- 

Gra.- ...stretta, scomoda, senza acqua corrente, tra le  erbacce.-

Mol.- Vi garantisco che mai nessuno si e` lamentato di questo  salubre alloggio.-

Gra.- Sfido io, l'avete abitata voi e quel rimbambito.  ( Luperchico le molla una pacca nel sedere, Grazia  rida` uno schiaffo al Cavaliere) Fermo con le mani,  screanzato... ( poco convinta)-

Mol.- ( reggendosi la guancia) Signora, questo e` troppo! Se a casa nun ci piaci, puo` dirmelo diversamente, senza isari i manu..-

Gra.- ( lusingata dalle avance che crede di Mollica)  Cavaliere, cavaliere, voi siete un po' troppo audace..- 

Mol.- ( toccandosi la faccia) Ma cchi cosa dice? Io, io nun  ci staiu capennu nebti attunnu... Ma la casa, la vuole?-

Gra.- Casanovaccio! ( adulatoria e minacciandolo con la mano  affettuosamente) Ma certo che la voglio. D'accordo,  cinquantamila e le spesa di ristrutturazione a vostro  carico...Ah, finalmente ora potro` piazzarci la mia cara   figliola, futura signora Nelly Cacocciola.-

Mol.- Signora, veramente ssi spisi sunu a caricu sò, come d'uso..-

Gra.- Ma che uso d'Egitto. Cavaliere pomicione, le spese sono  a carico del proprietario, e` notorio.-

Mol.- Meta` e meta` e nun ni parramu cchiù!-

Gra.- E va bene. Per il contratto vedetevela con mio marito.-

Mol.- Avete un marito?-

Gra.- Ma certo che ce l'ho. Cavaliere peccaminoso, che  pensieri avete fatto? Porno-erotici-lussuriosi?-

Mol.- Io? Macche`! Solamente, dai so discussi, mi cridevu che.. si..insomma che non c'era un marito.-

Gra.- Non e` un grancche`, ma, per adesso c'e`. Arrivederci,  cavaliere sfacciato..- ( con civetteria, uscendo) Luperchico le molla un'altra pacca.

Gra.- Audace...- (esce)

Mollica, piu` confuso che mai, si passa un fazzoletto sul viso, e guardandosi attorno, per vedere da dove iniziare lo sgombero, incomincia a prendere i mobili per portarseli via.  Ma Luperchico gli rende tutto difficile, sedendosi sui predetti e facendolo inciampare. Mollica si affanna e suda inutilmente.

Mol.- Malanova a mia, o sta mubilia è di ferro, o staiu propriu  invecchiandu.- ( Luperchico molla la presa e Mollica  ruzzola per terra) Botta di sangu, quasi quasi m'cciuncavu.-

Entrano Nelly e Pupy Cacocciola.

Nel.- E` aperto, vieni caro, entra... Non e` come ti dicevo? Pensi che si possa adattare?-

Pup.- Adattare, per chi? Certamente non per noi, amore.-

Nel.- Ma per i vecchi, stupidone...-

Pup.- Dicevo..(esamina il locale e inciampa su Mollica) Cara  qui c'e` un'intruso..-

Nel.- ( accorrendo) Oh, ma e` il cavaliere Mollica. Cavaliere, cavaliere, cosa ci fate steso per terra?-

Mol.- ( riavendosi) Effettivamente... cercavo...credevo...  volevo...Non lo so`! ( alzandosi).. Posso esservi utile,  signori?-

Pup.- Nelly, cara, presentami questo signore...-

Nel.- Pupy, ti presento il cavaliere Mollica, proprietario di  questa casa... cavaliere, ho l'onore di presentarle il  mio futuro sposo il dott. Pupy Cacocciola de' Ravanelli  barone di Rapicavoli e di Segalesarvaggi.- 

Mol.- ( inchinandosi altre il necessario) Fortunatissimo...-

Pup.- Bravo, bravo..-( quasi benedicendolo)-

Nel.- Allora, cavaliere, avete raggiunto l'accordo con mamma`? -

Mol.- Si, cinquantamila al mese e le spese di ripristino a meta` con me..-

Nel.- Ma cavaliere, come siete tirchio, per quattro cosucce,  richiedete il concorso dell'affittante?-

Mol.- A lei parunu cosucce. Ma poi da cosa nasce cosa e arriviamo  ai milioni.-

Nel.- Niente milioni, cavaliere, per carita`... Vedi Pupy, dando una tinteggiatura alle pareti, qualche ritocco al  soffitto, qualche tappeto, ed e` fatta! I miei genitori  ci staranno benone, qui! Vero cavaliere?- 

Mol.- Ma scusate, non dovete abitarla voi?-

Nel.- Noi, in questa topaia? Assurdo!-

Pup.- Direi quasi impossibile. Signore, io sono un  professionista, ho il mio decoro, ho nobili aderenze, delle intangibili esigenze blasonari e un casato da  tutelare, delle tradizioni scritte e orali,ecc.ecc.ecc.-

Mol.- Ma la signora Grazia..-

Nel.- No, non ci pensate a lei. Voi pensate a rimettere a  posto questa baracca senza spendere molto. Bisogna  risparmiare..Sapete ci sono le spese di matrimonio,  viaggio di nozze, bomboniere, inviti, rinfresco e tante  cose carine ancora... No, niente spese pazze per questa  catapecchia. Fate proprio lo stretto necessario...- 

Mol.- Ju ci provu, ma sarà difficili`...-

Nel.- Provateci e sara` meglio per voi, perche` i miei  genitori ( sottovoce)  debbono risparmiare per poi

sganciare fino all'ultimo centesimo, senno` facciamo  cattiva figura con i tuoi invitati, vero Pupy?-

Pup.- C'e` il dinner, i cotillons, il tight, la rollroice...-

Nel.- Vero, gioia. Poi fotografo-regista, per immortalarci..-

Mol.- Mah, infunnu sunu affari vostri. Ora, se ci primmittiti aviss'a  purtari fora sti... mobili che erano do povuru  don Bastiano Villa, pero` sapete, sunu pesantissimi, ana essiri di lignu massicciu, robba ca nun si fa cchiù. Eh, pasta antica, vecchio legno...-

Mollica riprova con una sedia sulla quale c'e` seduto Luperchico che ha assistito, impassibile, a tutta la scena, e, naturalmente, Mollica non ce la fa.

Nel.- Cavaliere, ma e` poi tanto pesante? Fate vedere ( Luperchico si alza e Nelly la sposta).. e opla`, semplice, cavaliere.-

Mol.- Bedda mattri ju nun ci capisciu cchiù nenti, propriu nenti. Ora provu con quei quadri..-

Pup.- Non fate fatica inutile, buttateli via, tanto non valgono nulla, specialmente quello con la barba...-

Luperchico, sentendo quelle parole di disprezzo, s'infuria e fa lo sgambetto a Pupy, che ruzzola pesantemente a terra. Quando si rialza, indolenzito, ha un occhio nero. 

Pup.- Mamma che botta, mamma che botta. Sono morto, mi sento le ossa rotte, aiuto amoreee.-

Nel.- Tesoro, cosa ti sei fatto?-

Pup.- Sono solamente morto! Aiutami cara, portami a casa gioia. Ahi, ahi..- ( si rialza pesantemente aiutato da  Nelly e da Mollica)

Nel.- Non e` nulla amore, ti curero` io, ti staro`al fianco  giorno e notte..il mio corpo ti  scaldera`! ..datemi una  mano, cavaliere.-

Mol.- Con piacere...  ma oggi ammattunu  cose di pazzi... in  questa casa... ( si guarda attorno prudente. I tre  escono)

Lup.- Meno male che se ne sono andati, altrimenti, anche a  costo di contravvenire alle leggi dei fantasmi,li avrei  conciati per le feste. Cialtroni!  Ah Bastiano, Bastiano, come ti rimpiango.Come potrei  stare insieme a gente cosi`... cosi`...-

Bas.- ( entrando vestito di bianco, da fantasma)...Cosi`  bestia!-

Lup.- Bastiano!-

Bas.- Anarchico fraudolentu!- ( si abbracciano)-

Lup.- ( finto burbero) Bastiano, non incominciare sai?-

Bas.- E cchi ti pari ca picchì ora sugnu un fantasma avissa cangiatu i miei alti ideali, avrei cambiato bandiera, tradito il mio Riuzzo? Mai!-

Lup.- Del tuo Re sai cosa ne faccio? ( si reca a prendere il ritratto e sta per scaraventarlo fuori dalla finestra)-

Bas.- Fermo Luperchico, e cchi niscisti pazzu?-

Lup.- Stai chiedendo la pace?-

Bas.- Chiamala comu voi, ma lassa stare u ritrattu.-

Lup.- ( posandolo) E va bene, pace. Ora dimmi, vecchio  imbroglione, coma mai sei qui?-

Bas.- fici a dumanna, e per buona condotta mi l'accettarunu: Pozzu ristari ccà!-

Lup.- Quindi saremo in due..-

Bas.- Se nun fai u priputenti.-

Lup.- Staremo bene insieme. Ascolta Bastiano, ci sono delle  gatte da pelare..-

Bas.- I jatti ti pili tu, tintu romagnolu mangiajatti!-

Lup.- Ma che gatti e gatti. Io parlavo metaforicamente...-

Bas.- Senti, cu mia parra siculo o tricolore, mai in  tedescu!-

Lup.- E cosa c'entra ora il tedesco?-

Bas.- Perche` nta Romagna, annunca,  nun parrati tedescu?-

Lup.- Ignorante! La Romagna sta in Italia.-

Bas.- Vicino alla Germania pero`. Poi Marx era tedescu!-

Lup.-Con te non si puo` discutere, ne`da vivo, ne`da morto. E adesso, se non mi lasci terminare il mio discorso,  rompo l'armistizio! Dunque, ci sono delle persone che  voglio affittare questa... diciamo casa?- 

Bas.- Diciamo casa.-

Lup.- Allora una signora vuole prenderla per farvi abitare la  figlia che si sposa, e cosi` se la toglie dai piedi.- 

Bas.- Cu e`? Grazie Tantoni?-

Lup.- Sicuro, te la ricordi allora?-

Bas.- Eccome se m'a rivordu... Fu chidda ca mi fici perdere u piaciri di campari.-

Lup.- E noi, adesso le daremo una lezioncina..-

Bas.- Senza farici mali, piro`. Ricordati dell'art. 4788 bis del codice dei fantasmi e affini.-

Lup.- E vuoi che non lo conosca io? Bello mio, sono piu`  anziano di te come fantasma..-

Bas.- Pero` si nu fantasma anarchicu, pi cui si pocu affidabili.-

Lup.- Bastiano non ricominciamo...-

Il battibecco viene interrotto dall'entrata di un uomo sulla sessantina, piccolo e magro, faccia incolore, vestito dimessamente, che cammina pesantemente. E` Ercole D'Antoni, il marito di Grazia.

Erc.- E` permesso? si puo`? posso entrare? non c'e` nessuno? disturbo? ( finalmente attraversa la soglia della  porta, si guarda attorno, si affaccia dall'altra porta)  C'e` nessuno di qua? ( i due fantasmi lo osservano  incuriositi) Lassano a porta aperta e non c'e` nuddu. Testi pazze! Beh, voli dire ca ma vidu sulu sta casetta... ( la esamina) Ntosti solidi; tetto alto, quindi fresco; ariosa; un poco umida, pì a  virita`, ma cu na stufetta... Nun c'e` male, nun c'e`  male...-

Bas.- ( sbalordito a Luperchico) Ahu, a chistu 'sta casa ci  piaci...-

Lup.- Eppure, se non mi sbaglio, questo dev'essere il marito  di Grazia. E` la sua vittima, certamente.-

Bas.- Pero`, si vedi subbutu ca  e` uno ca sinni intende di case  antiche. Mi e`simpaticu.-

Lup.- Anche a me.-

Bas.- Luperchico, a mia mi pari nu jucaturi di tresette.-

Lup.- Cosa te lo fa pensare?-

Bas.- L'aria di scarparu, forse di varveri...-

Lup.- Mettiamolo alla prova. ( si avvicina al tavolo, prende le carte e le dispone a modo suo)-

Erc.- ( continuando il giro, si accorge delle carte sparse sul tavolo)  Toh, ma varda, na napoletana a coppi. Forse forsi u povuru affittanti ca ci stava prima, pace all'anima sua, era nu jucatuti di tresette,.. cusapi,( dispone qualche   carta, mentre Bastiano, per la contentezza se lo vorrebbe abbracciare)... e si jucava a trissetti, a vo essiri assai intelligente, prispicace, furbu. M'avissi piaciutu  di canuscillu, e forse, qualche vota, magari ni putevumu fari na partita.-

Lup.- ( trattenendo Bastiano) Ferma Bastiano, non e` ora!-

Bas.- Ci ai raggiuni, e` ancora presto, ma nu bacio in frunti su merita. ( lo bacia sulla fronte)-

Erc.- ( che crede che gli sia caduta una goccia d'acqua) Nu pocu  troppu umidina pero`.( guardando il soffitto, poi  scorge i quadri) Ma chistu e` Karl Marx, se nun  sbagghiu.-

Lup.- ( contento) Non sbagli, non sbagli...-

Erc.- Eh, profeta dei puveriraqzzi, ni passau acqua suttu i  ponti da ddu jornu.. .del grande messaggio...(Luperchico se lo vorrebbe abbracciare, ma viene fermato da Bastiano. Sguardi d'intesa tra i due).. E questo dev'essere il Re.. un Re galantuomo, peccato che era  circondato da lestofanti..-

I due fantasmi, sono proprio su di giri per la gioia. 

Lup.- Io mi faccio vedere!-

Bas.- Fermo! Po` esseri debole di cuore..-

Lup.- Allora fatti vedere tu, che sei moderno. Intendiamoci, solo come fantasma..-

Bastiano annuisce e si avvicina al quadro del Re e lo fa muovere leggermente avvicinandolo a quello di Marx. Ercole lo guarda prima indifferente, poi sbalordito.

Erc.- Maesta`, forse v'affinniu?-

Bas.- Non mi sono offeso, valent'uomu. Come ti chiami, fedele suddito?-

Erc.- Ercole D'Antoni, Eccellenza! ( si mette sull'attenti) 

Lup.- Niente eccellenza cittadino. Questo titolo e` stato  abolito da un pezzo.-

Erc.- ( Sbalordito) Scusate eccell... anzi, vostro onore.-

Bas.- Chiamami Bastiano.-

Erc.- Bastiano? Bastiano, come?-

Bas.- Bastiano Villa.-

Erc.- Allora non siete il Re...-

Bas.- Ma no, ju sugnu Sebastiano Villa e avevu u piacere e l'onori di stari qua, in questa bella casa, finu, finu  a poco tempo  fa.-

Erc.- Piacere signor Villa, io sono Ercole D'Antoni, per  servirla.-

Bas.- Il piacere e` tutto mio.. anzi nostro ( notando  Luperchico che vuol farsi citare).. e ora, se non  vi impressionate, mi faccio vedere.-

Erc.- Non m'impressiono, fate pure.. Ecco, accominzu a  vedirivi... come state bene.. ( gli tende la mano) 

Bas.- ( tendendola a sua volta) Primmittitimi prima di prisintarivi un mio carissimo amico, ( Luperchico si mette in posa)  e` u proprietariu do quel quadro...( indica Marx)

Lup.- Possessore, Bastiano, possessore. La proprieta` e` un  furto e dev'essere abolita. Piacere, io sono Luperchico.-

Erc.- Ah, vi vedo, vi vedo. Come state signore?-

Lup.- Chiamami compagno!-

Bas.- Iddu e` Luperchico, fantasima anarchico.-

Erc.- Anarchico? Splendido, in gioventu` feci anch'io  pensieri anarchici, splendido veramente..-

Lup.- ( vanitoso) Hai visto Bastiano? Io l'avevo immaginato.-

Bas.- Chi immaginasti?-

Lup.- Che era un vero compagno.-

Bas.- A vo' cucchiti! Tintu bummaru.-

Lup.- Bummaro a me? Lacche` d'un realista!-

Bas.- Anarchicu fraudolentu!-

Lup.- Oscurantista!-

Bas.- Inaffidabile e bestia.-

Lup.- Servo, suddito e boia!

Bas.- Sangue di Giuda veduvu e martire, chistu e` troppo!-

Erc.- Calma amici, calma. Ho appena avuto l'onore di conoscervi e vorrei godere della vostra amicizia...Ecco,  vi propongo una partita a tresette. Che ne dite? ( i due fanno i sostenuti) Avanti, su, fate pace...-

Bas.- Va bene, pace fatta.-

Lup.- Pace sia.-

Bas.- Amen.-

Lup.- Ricominciamo? Mi fa salire il sangue agli occhi, mi  fa..-

Bas.- Ma quali sangu. Bestia d'un fantasma.-

Lup.- ( con sufficienza) Parlavo metaforicamente.-

Bas.- Attorna co tedescu!-

Erc.- ( cambiando, distraendoli) Allora, chi fa carte?-

Bas.- A carta cchiu auta, e u sei di oro joca.. almeno in  Italia e dintorni ..( guarda storto Luperchico).-

Lup.- Il terziglio si fa cosi`...- ( Bastiano l'interrompe)-

Bas.- Ca quali terziglio, ci facciamo un chiamatre`!-

Erc.- Ca fussi a calabrisella?-

Bas.- Pressappocu, e` il tresette col morto.-

Lup.- Coi morti, prego!-

Bas.- Co mortu, picchì ju quasi quasi...( sta per alzarsi per  contraddire Luperchico, quando entrano Grazia e il cavaliere Mollica)-

Gra.- ( che entra col volto girato) Caro cavaliere fascinoso,  che fortuna avervi incontrato, sapete volevo discutere  con voi alcuni..particolari..-

Mol.- Stavu turnannu a casa, oggi nun mi sentu tantu beni, non mi sento... tranquillu.-

Gra.- Come mai?-

Mol.- Mah, parrannu cu vui, oggi mi succerunu  cose stranizzi, mi sento senza vogghia ne valia. Poi   i musculi fallunu...- 

Gra.- Muscolo fallico? Ah, cavaliere maliardo. Allora avete portato il contratto?-

Mol.- Eccolo..( esitante lo mostra ad Ercole, poi resta in  attesa del calcio che non arriva, quindi rassicurato)  U portu sempri cu mia.( si gira, come dire: Ho fatto  bene?)-

Gra.- ( ad Ercole, vedendolo seduto, passa  il documento)Ah, sei qui? Tanto meglio. Devi firmare qui.-

Erc.- Ma cosa c'e` scritto? (esamina i fogli)-

Gra.- Non incominciare ad arrabbiarti e firma!-

Erc.- Ma io..- ( vorrebbe leggerlo)-

Gra.- S'e` arrabbiato. Ha ricominciato. Ma quante volte di debbo dire che se ti arrabbi ti saltano i capillari  del cervello e schiatti!-

Erc.- ( che fa le corna da sotto il tavolo) Ma qui non e` spiegato bene chi abitera` questa casa. Cara

l'abiteremo noi, o i ragazzi?-

Gra.- Noi, i ragazzi, che differenza fa? Evvero  pornocavaliere?-

Mol.- ( infastidito delle avance di Grazia e preoccupato per  se, dimostra una certa fretta d'uscire da quella casa)  Scusate, a mia cu ci sta sta, nun m' importa nenti. Chisti sunu, solo affari vostri.  A mia interessa la firma e i picciuli dill'affittu. Ed ora, scusatimi ma aiu nu  impegno urgente... ( si guarda attorno e timidamente si  avvia verso l'uscita)-

Gra-Firma testone arrabbiato, non vedi che io e il  cavalier servente, abbiamo un impegno urgente?- 

Mol.- Io ho un impegno urgente, solo io! ( esce di corsa)-

Gra.- E pure io, con voi, come dire insieme...( Bastiano  non ne puo` piu` e le tira i capelli. Ma Grazia crede  che sia Mollica) Calma, calma mandrillo cavernicolo,  c'e` tempo, no?- ( poi si gira languida e quando si accorge che Mollica non c'e`, se la prende con Ercole)  Ecco, brutto mollusco, l'hai fatto disgustare e se ne  andato. Adesso, con chi tratto io?- ( Luperchico vorrebbe intervenire, ma Bastiano lo ferma) 

Erc.- Cara, veramente io..-

Gra.- Veramente tu sei il solito iracondo. avanti, firma il contratto subito, cosi` raggiungo il cavaliere..

 focoso..-

Erc.- ( sbuffando si appresta a firmare) Pero`, io prima..  insomma, uffa!-

Lup.- ( nell'orecchio di Ercole) Non firmare compagno, dopo ti spiego..-

Erc.- Dammi tempo: voglio pensarci su`! -

Gra.- Ma quando mai tu hai pensato con la tua testa? Per te ho pensato sempre io, ricordatelo! E adesso firma,  prima che quello cambi idea e la tua matura figlia ci  rimane sullo stomaco.-

Erc.- Ma cara, questa casa mi sembra piu` adatta a noi,  naturalmente con qualche ritocco..-

Gra.- Ma che dici, vecchio citrullo! Questa casa sara` il  nido d'amore di Nelly e Pupy. Ho deciso!-

Erc.- Eppure, a me piacerebbe vivere qui. C'e` un senso di  pace, di vecchie usanze, di tradizione, quasi di  solennita` che mi fa sentire piu` uomo..-

Gra.- Ma quando mai tu sei stato un uomo. Dai firma!-

Erc.- ( con pazienza) Dopo, dopo, c'e` tempo. Discutiamone  coi ragazzi..-

Gra.- Ora mi stai facendo uscire dai gangheri! ( grida, e  Luperchico le introduce un dito in bocca) Che schifo!  M'e` entrato un animale in bocca! Che schifo!- ( sputa)

Erc.- Fai vedere? Ma non c'e` nulla, sara` stata  l'impressione...-

Gra.- No, no, l'ho sentito benissimo... acqua... devo sciacquarmi la bocca. Anzi me la lavo e la disinfetto.

Non resisto!!! Corro a casa!- ( esce di corsa)

I tre si siedono attorno al tavolo ridendo, e Luperchico racconta la storia, mimando e ricevendo i consensi di Bastiano.

Lup.- Compagno hai fatto bene a non firmare... Ascolta...(  racconto con le modalita` di cui sopra) Per cui esse  mirano a fregarsi a vicenda.-

Erc.- Davvero? Roba da matti... ( sconsolato) Pero` sapete, io  ci abiterei veramente qui, penso che ci starei bene.- 

Bas.- Ca certu, pero` e` l'azione ca cunta. Madre contru  figlie, figlia contru madre. Anime morte pronte a  tradirsi...-

Rientrano Nelli e Pupy. Pupy si regge un fazzoletto nell'occhio.

Nel.- Mamma, mamma! ( non vedendola e scorgendo in padre)  Papa`, dov'e` la mamma? Il cavaliere mi ha detto che  l'avremmo trovata qui.-

Erc.- Era qui, ma adesso credo che sia a casa..-

Nel.- Papa`, intanto che ci siamo, vorremmo parlarti.-

Erc.- E parlate..-

Nel.- Ma tu ci devi promettere di non arrabbiarti.-

Erc.- Di nuovo? Avanti, parla.-

Nel.- Sai papa`, io e Pupy si pensava che a causa delle sue aderenze, della sua professione, del suo parentado,  insomma, crediamo che questa casetta non sia adatta a  noi. Magari a te e mamma potrebbe andare bene, siete  soli, senza esigenze, sei pensionato...insomma  anziani...Cosicche` noi abiteremmo nell'appartamento...- 

Erc.- ( interrompendola e facendole capire che ha capito, e  ammiccando ai fantasmi, dando loro ragione) Ma si, ma  si,io non ho nulla in contrario, ma vostra madre..-

Nel.- E gia`! Quella non ci vuol bene, lei e` egoista, se ne  infischia della nostra felicita`, del nostro avvenire,  del suo lavoro...( indica Pupy)

Erc.- Ma quale lavoro? Se e` disoccupato a vita!-

Nel.- Ma lo avra`, ero gioia?-

Pup.- Certo amore..-

Bas.- Il buongiorno si vede dal mattino...- (sottovoce)

Lup.- Questo scroccone fara` il mantenuto a vita..-

Nel.- ( impaziente) Insomma papa`, sai prendere una decisione  o no? Ti sai imporre! Ma che uomo sei? Sei una nullita`  , ecco cosa sei!-

Erc.- Ma Nellina..-

Nel.- Stai zitto e non t'arrabbiare, hai capito? E non alzare  la voce. Zitto staiii!!! ( Luperchico fa lo stesso  trattamento riservato a Grazia) Che schifo, mi e`  andato un animale in bocca!!-

Erc.- Era un pipistrello, e  voleva mangiarti la lingua.-

Pup.- Un pipistrello? Aiuto , soccorso, muoio! ( sviene)

Nel.- E` morto Pupy. Oddio e adesso con chi mi sposo?-

Lup.- ( apparendole) Con me cara.-

Bas.- Oppure con me.-

Nel.- Papa`, aiuto, papa` chi sono quei due?-

Erc.- Chi? Ma se non c'e nessuno.. calmati ora.. ( ridendo)  avrai avuto una piccola vertigine..forse la paura   di rimanere zitella!-

Nel.- Ti  giuro che li ho visti con questi occhi!-

Erc.- Ma no, sei solamente stanca e agitata...per Pupy. Anzi  dammi una mano, alziamo 'sto impiatro.- ( alzano Pupy) 

Pup.- (rinvenendo vede Lup. e Bas.) Aiuto. Ho visto il  diavolo e san Giuseppe! Sono morto!!( ricade per terra) Nelly si precipita su di lui, mentre i due fantasmi mimano un funerale, con Ercole che si sbellica dalle  risate.( musica adatta). E` da tener presente che, quando le battute non coinvolgeranno direttamente Luperchico e Bastiano, i due seguiranno l'andamento delle discussioni mimando le loro eventuali reazione (controscena): Stizza, Consenso, noia ecc.

Sipario.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                     Atto  III

 

Stessa scena degli atti precedenti, pero` i muri sono stati imbiancati e le porte ridipinte. Il pavimento e` lucido. All'apertura del sipario in scena si trova Ercole D'Antoni, che seduto e con la testa appoggiata al tavolino, riflette. Entra Mollica.

Mol.- C'è primmessu? Signora Grazia, si puo`?-

Erc.- ( alzando il capo) Avanti cavaliere, avanti..(Si alza)  Buongiorno a voi..- 

Mol.- E la signora?-

Erc.- Non c'e`. Se posso esservi utile io...-

Mol.- Ma sicuro signor D'Antoni, sicuro. Taliati ( esce un  foglio dalla tasca) taliati provati a inzittari chi cosa vi purtai?-

Erc.- Chi purtastutu? - (ironico)

Mol.- Ecco qua, a nota de spesucce..E comu d'accordo con la sua riverita signora, s'avissa a fari a mità. E allura, al netto di Iva,  irpef, ilor, sacof, bolli commissione e diritti vari, vossignoria aviss'a sbursari la somma di lireitaliane Unmilionesettecentoquarantacinquemila e duecento. Salvo errori od involontarie omissioni, si capisce. Ecco a voi. ( passa il foglio)-

Erc.- Quasi due milioni? Ma cchi siti tutti pazzi? Foddi, spustati? 

Mol.- Ci u dissi macari ju alla vostra consorte.-

Erc.- Chidda e` a me malasorte...e comu fazzu ora. ..  (piano)-

Mol.- Ju ci lu dicevu alla sua signora: Signora, ci dicevu,  stamu spinnennu troppu. Ma idda  mi arrisponneva:  Cavaliere, per la felicita` dei ragazzi bisogna  sacrificarsi. E sacrifichiamoci, mi dissi. Anche  se la  figghia e` vostra, non mia; e se arresta zitella  sunu affarazzi vostri.-

Erc.- Quasi due milioni e unni li pigghiu? (guarda il foglio)

 Mol.-( apprensivo) Nun l'aviti?-

Erc.- L' avevu, e macari tanti, prima ca madre e figghia si mittevunu a scialacquare, caro cavaliere, a scialacquare... Abito da sposa bianco di seta ricamato  a mano, firmato Giovannella; partecipazioni decorati in oro; bomboniera eterno ricordo; vestiti e biancheria di  marca; mobili laccati e firmati; rinfresco e pranzo alla premier maison; viaggio di nozze con panamerica,  aerfrance e africakorp; mortisubitanea a mia, e m'hanno  prosciugatu. Ecco il saldo di stamani...Controllate,  controllate.-

Mol.- ( asciugandosi il sudore) Ma ma.. proprio nenti? (  Ercole fa cenno di no)... magari in due soluzioni? (  idem) ...a...a rate?-

Erc.- Nisba! Sono asciuttu, amico mio!-

Mol.- Amico vostru? Ma cu vi canusci.-

Entrano in scena, dall'armadio, Luperchico e Bastiano che si avviano verso i due, mettendosi ai lati del cavaliere. 

Erc.- Mi pareva ca eramu amici...almenu sembrava.-

Mol.- Ma quannu mai! E cu vi schifia a maritu e muggheri, figghia e jennuru. Ahu, chista e` bella davveru. Io vi conosco  appena, appena...a cchi vi pariu? –

Luperchico e Bastiano lo prendono a ceffoni, alternativamente facendolo scampanare.  Entrano da destra Grazia, Pupy e Nelly.

Gra.- Libidocavaliere, che fate?-

Mol.- ( intontito) Cui ju? Ni... niente..-

Gra.- E allora perche` dondolavate?-

Mol.- Dondolavo? Ju? Mih, varda cchi cosi. Vi piace la casa,  signora?- ( per cambiare discorso)-

Gra.- Bellissima, vero bimbi? Non e` una reggia? ( Luperchico  molla una calcio nel sedere).. Buono sexicavaliere,  buono..( sottovoce)

Nel.- Certo mamma, e` favolosa, eppoi con poca spesa.-

Gra.- Questo lo dobbiamo al cavalier lussurioso..Nevvero?-

Mol.- Sono tremilioni e mezzo circa..-

Gra.- Meno di duemilioni a testa? Non e` molto, pero`.-

Erc.- Per voi..-

Gra.- Uffa, il solito pezzente! Avanti, paga il viro-cavaliere e non t'arrabbiare.-

Erc.- E con che cosa lo pago? Siamo al secco, senza una lira, guarda l'estratto conto della banca. e` datato  oggi..- 

Gra.- Ma cosa dici, scemo.- ( Luperchico freme, calmato da Bastiano) 

Nel.- Ma sei matto?-

Pup.- Ah...-

Erc.- E invece dico il vero. Vi avevo avvisato : andiamoci  cauti, i soldi stanno per finire, .. ma voi mi rispondevate: Un'ultima cosa, un piccolo dettaglio ancora..Un'altra spesa pazza! Ed ora, eccoci, siamo senza una lira.-

Nel.- Mamma dice che hai i Bot, i CCT, le azioni, le  obbligazioni, vendili dunque.-

Erc.- Ma quali bot di sangu, azioni e reazioni, e obbligazioni e doveri, quelle  sono frutto della mente bacata di tua madre. Io non  posseggo nulla!  Nulla, capitelo.-

Pup.- Capito... capito... sicche`...non possedete nulla? ma guarda, ma guarda..  ( esamina attentamente Nelly)

Nel.- Mamma e` vero? ( frignona)-

Gra.- Lui diceva.. insomma faceva capire.. io non saprei..-

Erc.- E la colpa e` sempre mia!-

Mol.- Signori, calma, eh? ora dobbiamo risolvere questo  problemuccio ( mostra la nota spesa) non vi pare? Ju, se ci permettete, suggerirei delle cambialette, magari  venti, da centomila l'una, che ne dite?- 

Gra.- Ottima idea, fantacavaliere. Ercole, firma.-

Erc.- Io?-

Gra.- Certo tu, e chi altro?-

Erc.- Ci saresti... tu, poi lei... e anche lui...-

Pup.- Io? Ma la mia casata... l'onore... io non firmo. mai!-

Gra.- Pupy? Ma è assurdo! Dai firma papà!-

Erc.- Io non firmo nulla.-

Gra.- E` inutile che ti arrabbi sai?-

Erc.- Io non mi arrabbio. Io non ho mai firmato cambiali in  vita mia.-

Nel.- Ed ora li firmi!-

Erc.- E per chi? per te? per lui?.. per tua madre? Ma andate  al diavolo, andate!-

Mol.- Signora, io ho la vostra parola, evvero?-

Gra.- La mia? La sua, e` lui il capofamiglia.-

Pup.- Signori, signori vogliate scusarmi, ma mi sono ricordato proprio adesso d'avere un impegno urgente ed impellente... Chiedo permesso...Scusate. Ossequi... ( esce frettolosamente)

Nel.- Aspettami caro, vengo con te..-

Pup.- ( girandosi sull'uscio) No, Nelly, tu resta pure... coi tuoi...cari. Addio cara, bay..(esce)

Nel.- Ma Pupy amore, tesoro gioiaaaa ( frigna)-

Pup.- ( riaffacciando solo la testa) Fine d'un amore. Sorry.-

Gra.- Hai visto? L'ha lasciata. Colpa tua! L'hai rovinata..-

Erc.- Voi avete rovinato me! Mi avete portato all'elemosina.-

Mol.- E a mia cu mi pava?-

Erc.- Lei!-

Gra.- Lui!-

Mol.- Mannaggia a me, accidenti a me e a quannu mi misi cu sti murtizzi di fami. ( si dispera)

Gra.- Buono cavalierfascinoso, se avere perso i soldi, in  compenso avete trovato me.-

Mol.- Ma chi  minchiati dici sta megera.-

Gra.- ( frignando) Ah, è così? dopo che mi avete  corteggiata, palpeggiata, pomiciata, illusa... quasi  sedotta e abbandonata.-

Mol.- Sunu vostri vaneggiamenti di fimmina in menopausa, ju sono stato sempre  corretto... ( si guarda attorno)-

Gra.- E le pacche nel sedere? i pizzicotti, le tiratine lussuriose di capelli? Non contano? Eh?-

Mol.- E i cauci nto panaru i timpulati, i jancati, i cuzzati ca pigghiaiu ju, nun  cuntunu? Ora, vardassi cchi ci dicu: Ju cridu ca tuttu chissu ca ni successi, nun è  farina do nostru saccu...- ( circospetto)

Gra.- No?  e di chi sarebbe?-

Mol.- ( sottovoce) Di qualchidunu autru, cca intra.-

Gra.- Ma se ci siamo solo noi.- ( guardandosi attorno)

Mol.- Nonzi (sottovoce)... c'e` qualcuno, sintissi a mia. Ed e` stu...qualcuno che pomicia lei...e carrica di lignati a mia.-

Gra.- Questo e` pazzo.( tra se, poi a Mollica) Sentite,  cavalierpazzo, e come sarebbe questo .. costui? Lo  avete visto?-

Mol.- Piu` che visto, sentito. ( si tocca le guance)-

Gra.- Quindi non mi avete palpeggiato voi, vero?-

Mol.- Mai sia, nun mi primmittevu.-

Gra.- Ho capito, ho capito...Voi uomini siete tutti uguali.  Ercole, andiamo via, qui noi non abbiamo piu` nulla da  fare...- ( si avvia)

Mol.- Signora, e a mia chi mi pava?- (costernato)

Gra.- Fatevi pagare dal vostro " qualcuno"...  ( esce  baldanzosa) Ercole? andiamo!-

Erc.- Vai avanti cara... io verro` dopo.-

Gra.- ( fermandosi alla porta) E mi raccomando Ercole, non  dare piu` confidenza a questa specie di cavaliere  pezzente, impotente, evirato e.. bell'Antonio!- (esce)-

Erc.- Vai.. vai.. ( pazientemente)-

Mol.- Ma, ma a sintiti? Ma e` proprio pazza! Comunque io vogghiu  i me picciuli. Il sudore della mia fronte, il sangue del mio sangue, i miei affanni giovanili, le mie fatiche, lo scopo della mia stessa vita... Chi me li  rende? Eh, dite voi! (con enfasi da tragico)-

Erc.- La pazza furiosa ca è appena uscita!-

Mol.- ( correndo verso l'uscita) Signora, signora Grazia,  signora bella, aspettate un po'..- ( esce)

Bas.- Poveraccio, l'avete colpito al cuore.-

Lup.- Ben gli sta. I padroni sono tutti ladri!-

Bas.- Non generalizzare, anarchico da strapazzo.-

Lup.- Servo dei padroni, ecco chi e` Bastiano Villa!-

Bas.- Tintu bummaru, io polverizzo a tia e i to idee.-

Lup.- Provaci vecchio citrullo!-

Erc.- Ma amici miei, non avevate fatto pace? Ho gia` abbastanza guai senza che vi ci mettiate pure voi..- 

Lup.- Che guai?-

Erc.- Volente o nolente, io ho firmato un contratto e lo debbo onorare. Non vi sembra abbastanza tragico doverlo fare senza una lira?-

Bas.- Effettivamente, u galantuomu havi raggiuni...-

Erc.- Povero me. Mi arresteranno, sara` la mia vergogna, mi  macchieranno le carte, forse mi metteranno a pane e  acqua...- ( si lamenta sommessamente)-

Bas.- ( prendendosi Luperchico da parte) Senti Luperchico, da vivo sentivo dire ca i morti, i spiriti, i fantasimi, spesso fannu truvari i trovaturi, i tesori, ai  vivi... casamai, nun avissitu qualche postu da fari sapiri all'amico qui prisenti?-

Lup.- Bastiano, ma sei proprio ignorante. Quando mai sono  accadute queste cose?-

Bas.- Eppure, sentivo dire...-

Lup.- Sciocchezze di donnicciole, fantasie popolari,  stupidita`, nulla piu`.-

Bas.- Sei sempri nu fantasima fraudolentu, e se nun ci stai dicennu a  verita`, quanno finisciu u me apprendistato,  ni facemu appoi i cunticeddi.-

Lup.- Cerca d'essere serio, una volta tanto. Ercole, oltre  che compagno ideologico, e` anche amico mio.- 

Bas.- Hai ragione. Ma allra comu u putemu aiutari?-

Entra Grazia.

Gra.- Ercole, Ercole? ( vedendolo col capo appoggiato al  tavolo)-

Erc.- ( alzando il capo)  Grazia! Cosa c'e?-

Gra.- Ti stavo aspettando giu`. Mi ero nascosta per non farmi  vedere da Mollica, ma tu non scendevi, allora ho   pensato... ho pensato... - ( e` docile)

Erc.- Cosa hai pensato?- ( allarmato)

Gra.- Che forse ti sentivi male... ( piange) Io sono stata  troppo cattiva... t'ho fatto soffrire...-

Erc.- ( alzandosi e avvicinandosi a Grazia) Beh,  effettivamente, negli ultimi tempi.. e con quel..

 cavaliere...-

Gra.- Non so cosa mi ha preso. Ma sono sicura di una cosa:  sono una stupida!-

Erc.- Ma no, ma no... forse non volevi arrenderti alla  realta`. Stiamo invecchiando..-

Gra.- Ma io non voglio invecchiare, non voglio essere brutta,  rugosa, cadente..-

Erc.- La vecchiaia, presa con dignita`, e` accettabile. Ci  sono vecchi che hanno una bellezza interiore che pone  in secondo piano il degrado fisico. Bisogna accettare  serenamente quello che ci riserba la vita... tanto, noi  non possiamo fare nulla per cambiarla.-

Gra.- Ma la morte... Io ho paura della morte.-

Erc.- Bisogna aver paura di un certo modo di vivere, mia cara. La morte, puo` essere anche una condizione ottimale. Ma  adesso basta, non parliamo piu` di cose tristi..( la  abbraccia) L'importante e` che tu sei tornata a me,  cara..-

Gra.- ( piangendo) Si... caro... oh, caro... mi hai perdonata?-

Erc.- Ma certo.-

Gra.- Senti per i soldi di Mollica, posso mettermi a lavorare e ti aiutero` a pagare.-

Erc.- Sei gentile, ma non occorre. Me la vedro` da solo. E  adesso vai a casa, ci vediamo piu` tardi.-

Gra.- Si, si vado, ti preparero` una bella cena, come ai  vecchi tempi. Ma tu non tardare molto.-

Erc.- Faro` piu` presto che potro`. Ciao cara.- ( la bacia in  fronte)

Gra.- ( uscendo) Ciao... Ercoluccio.-

Bas.- Nzumma alla fine è na brava fimmina, và!-

Lup.- Forse sono stato un po` brusco. ( accenno alle pacche)-

Erc.- Ma no, voi avete fatto quello che avrei dovuto fare io, trent'anni fa!-

Bas.- Ma forsi ama approfittatu do fattu d'essiri fantasimi. Forse ama esagerato...o sbagghiatu.- 

Erc.- Ma no, no. Siamo noi che sbagliamo, noi vivi. E se ogni tanto voi ci date una tiratina d'orecchi, non guasta,  sapete.  Vedete, voi siete fantasmi, cioe` non siete, voi apparite, date l'illusione di essere, insomma sembrate.  Noi vivi, che dovremmo essere, invece vogliamo solo  apparire.  Prendete mia moglie. E` una capacissima massaia e  sarebbe anche un'ottima moglie, se non volesse apparire cio` che non e`: Sofisticata, eccentrica, fatale...bella.  E mia figlia? E` egoista e assetata di sesso. Si venderebbe padre e madre per un paio di pantaloni, invece si atteggia a santarellina innocente e vittima. E Pupy? E` vanitoso, vuoto, incapace e vuol sembrare  uomo colto, raffinato, professionista competente...   Infine, prendete me. Sono un uomo debole, un indeciso,  non ho saputo mai fare una scelta, ho rifuggito alle  responsabilita` di padre e di marito, in una parola: un vigliacco. E mi atteggio a uomo saggio, prudente,  buono.

Sentite a me, cari amici, i veri fantasmi, siamo noi, i  vivi!-

Lup.- Un momento, ma allora, chi siano veramente?-

Bas.- Fantasmi e no! Nuatri e iddi, a secondu do casu...  piro` tu  ci hai nu grandissimu privileggiu..-

Lup.- Quale?-

Bas.- Chiddu d' essiri l'unicu, veru, autenticu fantasima  bestia!-

Lup.- Bastiano, mi hai dato la tua parola..-

Erc.- Vi prego amici nun vi sciarriati,e cchi faciti peggiu de vivi. Lasciate a noi questa fortunata

 prerogativa perche` siamo ridicoli, mentre voi siete...  seri. E adesso scusatemi, ma vado a casa. Grazia mi  aspetta.-

Bas.- Vottimmi amicu miu, ma ti pregu, nun aggiudicari e nun t'aggiudicari troppu  severamente. Vidi, vidi, in funnu qualche vota, fare nu pocu i carusazzi fa macari bene.-

Lup.- Si scherza, si gioca...ci si maschera, si litiga...In fondo, forse, non siamo proprio cattivi, siamo solo un  po' stupidi, fantasmi e no. Ciao Ercole e torna presto.-

 Ercole sta per uscire, quando alla porta si affaccia un giovane. E` Giovanni Villa, nipote di Bastiano.

Gio.- E` permesso?-

Erc.- Avanti giovanotto.-

Gio.- Buongiorno signore, scusatemi, era aperto... -

Erc.- Buon giorno a voi. Dite pure.-

Gio.- Ma forse... mi sono sbagliato. ( guarda attorno) Questa, pi casu, nun è a casa di don Bastianu Villa,  bonanima?-

Erc.- No, nun vi sbagghiati, e` questa.-

Gio.- Premmettete? Ju sugnu Giovanni Villa, niputi di don  Bastiano... ( tende la mano)

Erc.- Davvero? molto onoratu , ju sugnu  Ercole D'Antoni. ( stringe la mano) Ma accomodatevi  assittativi, prego.-

Bastiano si guarda il nipote attentamente e quasi severamente. 

Gio.- ( sedendosi) Grazie, siete gentile. E vui site u novu affittanti?-

Erc.- Po mumentu, si. Quindi site so niputi, Bene, bene... Vi pozzu addumannari na cosa? (richiesta mimica di Bastiano) 

Gio.- Parrati si pozzu favurirvi.-

Erc.- Ecco, vulissi sapiri unn'eruvu  quannu morsi vostro zio.-

Gio.- Povuru zio.. accussì sulu. Ju eru in Germania, a buscarimi lu pane.  Aieri, quannu arrivaiu a Catania, mi desuru a mala nutizia. E c'arristai accussì male, ma accussì male ca nun chiusiu l'occhi tutta a notti. E stamatina, a  prima cosa ca fici, e` stata a visita o cimiteru. Ma inta dda povera tomba, vi giuro, dintra di mia non sintiu a me  ziu. Non c'e` statu contattu, nenti, nessuna  sensazioni, nessuna emozioni. Inzumma pi mia ssa tomba era vacanti, come se u ziu non ci fussi dda dintra. Allora fici sta pinzata: Ora vaiu nta so vecchia casa, puo` darisi ca ddà, co ricordo de so cose, provero` l'emozione... e macari u chianciu. Ed eccomi qua.. Ma, forsi è statu nu viaggiu a vuoto. Tutto e` cangiatu ...-

Bastiano vorrebbe abbracciarsi il nipote, trattenuto vistosamente da Luperchico.

Erc.- Certo, qualche piccolo cambiamento c'e`. Ma penzu seriamenti ca troverete quella ...consistente presenza di  vostro ziu -  ca tantu circati.-

Gio.- (alzandosi) Speriamu...Intanto vi dispiace se vado dda banna, nell'altra stanza, nell'orto?-

Erc.- Fate pure come se foste a casa vostra.-

Gio.- Grazie signore. ( esce da destra)

Bas.- ( contento) Cchi ti dicevu? Eh? Non e` potutu viniri o me funerale picchì era in Germania, vicinu alla  Romagna.-

Lup.- E dalle!-

Erc.- Sembra un bravo ragazzo.-

Bas.- Tutto so ziu.-

Rientra il giovane.

Gio.- Dda banna truvai sti quadri. Chistu era di me ziu, sapeti ci era assai affezionato, vi dispiace se mo portu ju?-

Erc.- Credu ca ne sarebbi, anzi che sia felice ...( vedendo Bastiano gongolare)

Gio.- Ddautru nun mo ricordu propriu propriu. Forse non era di me ziu... E` Marx, vero?-

Erc.- Proprio iddu.-

Gio.- In Germania, fra l' operai era famosu. U chiamavamu " Lieben Arbeiter Profeten" (pronuncia maccherronica: Liben Artaiter Profeten) O pressappoco. Che  significa amato profeta dei lavoratori. Mu pozzu teniri macari chistu?-

Erc.- Ma certo.. ( vedendo Luperchico contento) E sono sicuro che anche il suo ex ...possessore sarebbe contento...- 

Gio.- Grazie, grazie assai. Siete veramente buono.-

Erc.- Non e` tutto merito mio. Sapiti alle voti ci sunu cosi ca nun videmu, ma ca esistono, che ci danno...una  mano,  ci fannu parrari con chiù` sennu, ci fanno  sintire chiu` buoni.-

Gio.- Gia`, forse ci aviti raggiuni voi. Beh, sugnu cuntentu di avirivi conosciutu signore, e ora minni vaiu e levu u distrubbu.-

Bastiano fa cenno ad Ercole di fermarlo ancora. 

Erc.- Se volete potete fermarvi ancora un pochino nella casa di vostro zio. Penso che lui lo vorrebbe...-

Gio.- Mi piacissi tantu tantu, ma dda fora c'e` la me zita ca m'aspetta, e nun a vulissi fari aspittati assai.-

Erc.- ( sempre spinto da Bastiano) E fatela trasiri, dateci l'onuri di canuscilla.-

Gio.- Daveru? E allura a vo chiamu.-

Bas.- U picciriddu avi la zita, ata sintutu?-

Lup.- Quel compagno e` in gamba!- ( Bastiano lo guarda con  gli occhi storti.)

Entra Giovanni accompagnato da una ragazza caruccia. E` Carmela.

Gio.- Signor d'Antoni, vi apprisentu Carmela, la mia fidanzata.-

Erc.- Fortunatissimo signorina..-

Car.- Piacere. ( le tende la mano)

Erc.- Il piacere e` tutto mio.. ( i due fantasmi si esibiscono in goffi inchini di ipotetica presentazione)

Gio.- Vedi cara, comu di dissi, chista e` la vecchia casa du zu Bastianu. Ddabbanna` c'e` un'autra cammera, a cucina, u cessu, e  c'e`macari nu piccolu orticellu. Certo ora e` un po'  trascuratu, ma l'ava vidiri quannu u  manteneva u ziu, era na bamboniera.-

Car.- Mi lu fai vidiri?-

Gio.- ( A Ercole ) Possiamo? -

Erc.- Ma naturalmente. Io v'aspettu ccà.-

I due giovani escono da destra.

Bas.- Com'e` duci duci sta niputina..-

Lup.- E dev'essere pure buona...-

Erc.- E si vogliono pure molto bene. Avete visto con che riguardo lui la tratta? E lei come se lo mangia con gli occhi?-

Bas.- Cu sapi  quannu si maritanu. Vogghiu aviri tanti, ma tantissimi pronipotini, tutti comu lu so proziu, modestamente...-

Lup.- Ercole, chiediglielo.-

Erc.- Appena ritornano glielo chiedero`, stai tranquillo. Piacciono anche a me questi tue nipoti, sai Bastiano?-

Bas.- Sono nu zuccaru... ecco ca arritornanu.-

Entrano i due giovani fidanzati.

Car.- E` un amore, e` proprio un amore.-

Gio.- Chi ti dissi?-

Erc.- Vi e` piaciuta la casa?-

Car.- Moltissimo signor D'Antoni. Complimenti per come l'avete ristrutturata... poi quell'orto, il piccolo giardinetto..-

Erc.- Io ho fatto pochino...comunque grazie.  E voi, quando vi farete il vostro nido d'amore? A quando le nozze?- 

Car.- ( abbassando il capo) Non appena Giovanni avra` trovato casa.-

Erc.- Siete in cerca di casa?-

Gio.- Piu` o meno. Sapete quant'e` difficili truvari na casa ca ci piaci e ca non avi un'affitto caru. Ju in  Germania ho buscato qualche soldo, ma mi abbasta appena  appena pe spesi do trattenimentu. Eppure aiu fiducia  nell'avvenire. Aiu nu buonu  misteri in manu, sugnu  specialista in facciate, sapiti?-

Erc.- Aspettate un po'... forsi forsi mi vinni un'idea... piro` ho bisogno di  riflettere megghiu... Per favore, se non vi dispiace, mi lassati nu pocu sulu? Magari andate nell'orto che  tanto piace alla signorina? Poi vi chiamo io... Eh?- 

Gio.- Come volete signor D'Antoni... ma non comprendiamo..-

Erc.- Dopo vi spieghero`... Grazie... e ora andate, su`!-

I due riescono.

Bas.- Ercole, si na cannunata!

Erc.- Hai gia` capito?-

Lup.- E Mollica?-

Bas.- Chiamalu Ercole, sugnu sicuru ca a cosa si sistemera`.-

Lup.- Io sono certo! Me lo lavoro io!-

Bas.- Niente violenza!-

Erc.- Calma, calma, bisogna vedere se i fidanzatini accettano.-

Bas.- Picchì, ci hai dubbi?-

Erc.- Hai sentito che non ha molti quattrini. Eppoi bisogna  appurare se questa casa piace loro veramente..-

Lup.- E non te ne sei ancora accorto?-

Bas.- Sintisti cchi cumplimenti?-

Erc.- Possono essere complimenti di circostanza... Che ne sappiamo ... cosa ne pensano veramente?-

Bas.- (solennemente) Bando alle ciance e passiamo ai fatti. Chiamali e falli venire costì e fai la proposta.-

Lup.- Sono d'accordo!-

Erc.- Va bene, li chiamo..( si avvicina alla porta di destra) Giovanni, Carmela, venite, per favore.-

Entrano Giov. e Car.

Erc.- Scusate se vi fici aspittati dda banna, ma sapete.. da solo.. penzu megghiu, e` come se mi consigliasse con  altre persone, con altri me stesso. Sintitimi vaia fari na proposta, voi siete liberi

d'accettarla o no. Dunque, io ho affittato sta casa pi farici stati me figghia ca sa o maritati, ora u matrimoniu sfalliu,  diciamo megghiu che e` stato... rimandato a data da destinarsi. Per cui sugnu dispostu a cedervi u cuntrattu di sta casa, ma voi vi dovreste accollare la  meta` delle spese di ristrutturazione. Naturalmente se il cavaliere Mollica, il proprietario, e` d'accordo.  Pensateci bene e poi datemi una risposta. - 

Gio.- ( guardando Carmela) Ecco, parrannu cu vui, a nuatri  la casetta piace... poi  era di me ziu... Ma, scusate, a quanto ammontano ste  spese? E quant'e`  a misata di casa?-

Erc.- A misata e` cinquantamila;  per quella quota della ristruttarazioni...  dovro` ancora vedere, indagare spruvari... ma sicuramente troveremo una  soluzione, vedrete.-

Gio.- Signor D'Antoni, ju picciuli non ne ho tanti...-

Erc.- Vi dissi di non preoccuparvi... cappoi nun sara` una grossa  somma... Un milione e mezzo l'avete?-

Gio.- Ci pozzu arrivari.-

Erc.- E allora considerate la cosa fatta.-

Gio.- Signor D'Antoni, siete un angelo.-

Car.- Avremo la casa, avremo la nostra casetta? Signor  D'Antoni vi meritereste un bacio..-

Erc.- ( porgendo la guancia) E datamillu avanti và... tutti e due.-_

I due fantasmi cercano goffamente di ricevere anche la loro parte di baci.

Entra Mollica.

Mol.- ( trafelato) Nun ni pozzu cchiù! ( si siede) Nun ni  pozzu propriu cchiù. Mi mannanu da Erode a Pilato. Ma ju ai me soldi non rinuncio - che si sappia!-

Erc.- Buongiorno cavaliere Mollica, come state? Permettete  che vi presenti questi due giovani ? Giovanni Villa e  la sua fidanzata Carmela.-

Mol.- Villa? Nun sara` u nipoti di don Bastiano?-

Gio.- Sono proprio io, per servirvi.-

Mol.- ( brusco) Giovanotto, avemu tanti cusuzzi da  sistemare, noialtri...-

Gio.- Se si trattano di cose do ziu, sugnu a vostra  disposizione.-

Erc.- ( interrompendo) Cavaliere, ho una buona notizia per  voi.-

Mol.- I me soldi?-

Erc.- Anche, anche.-

Mol.- ( alzandosi) E parrati annunca!-

Erc.- Cavaliere, sti dui bravi giovani sunu disposti a rilevare u me cuntrattu d'affittu, voi che ne  dite?-

Mol.- Un milione e mezzo e la casa è da so!-

Erc.- ( spronato da Bas. e Lup) Un milione e mezzo? Via  cavaliere, calate, calate, vu cunsigghiu. Ma taliatili, sunu giovani, ana mettiri su casa, ana affrontare tante spese... soprattutto si tratta del  nipote di don Bastiano Villa.-

Mol.- Puo` essere u niputi di chiddu ddà` ( indica il quadro del Re) pi mia nun cangia nenti.-

Fa appena in tempo a dirlo, che si becca un calcione robusto da Bastiano, il quale si scusa con Luperchico, mimando:" Quando ci vuole ci vuole!" 

Mol.- ( Che capisce l'antifona) Inzumma vulennu ni putissimu mettiri daccordu: pozzu livari centomila? ( aspetta la  conferma. Se non arriva il calcio... Ma quello gli arriva)... Ecco, forse... duecento? ( C.s.)...ci sono:  trecento!- ( i due fantasmi lo pressano mettendoselo in  mezzo)... ma allura quantu? ( piagnucola).-

Erc.- ( vedendo Luperchico che fa segno: Sette.) Settecento e  nun ni parramu cchiù!-

Mol.- Ma su' troppu picca ( piagnucola ancora)-

Erc.- Cavaleri, cavaleri, e com'è ca nun vuliti capiri? Ccà intra, a qualcunu nun ci piaciunu autri affittanti: sulu sti picciutteddi sunu, comu diri, graditi. Quindi datevi una regolata... di stu passu v'arresta sfitta pi sempri... capitu l'antifuna?-

Mol.- ( capendo al volo) Accetto, si accetto.(ai giovani) Datimi  settecento e  a casa e` vostra.-

Gio.- Evviva!-

Car.- Che bello..-

Erc.- Ecco il contratto, ragazzi, fate quello a vostro nome e  questo potete buttarlo nella spazzatura.-

Mol.- ... Scusate.. i me soldi?-

Gio.- Domani ve li porto a casa vostra.-

Mol.- ( frettolosamente) V'aspettu con ansia. Scusate, ora... scappu... buongiorno a tutti... ( gira la mano  attorno, come a voler salutare anche i fantasmi).-

Saluti a soggetto.

Gio.- Signor D'Antoni, nuatri vi semu obbligati e nun sapemu comu ringraziarvi, se  ci date l'onore, vorremmo inviatarvi al nostro spasaliziu.-

Erc.- Verro` con piacere.-

Car.- Andiamo Giovanni, a casa ci aspettano.-

Gio.- Si, andiamo.  Allora ..  arrivederci..( stringe la mano Ercole)-

Erc.- Arrivederci carusi.-

Escono.

Bas.- ( fregandosi le mani) E` fatta, e` fatta..-

Lup.- Bel colpo, Ercole.-

Bas.- Nun è ca ama esagerato che riduzioni?-

Lup.- Bastiano, quello ha speso sienno` un milione e mezzo, in tutto.-

Bas.- Quand'e` accussi`... ( e` pensoso)-

Erc.- Ha avuto il giusto... E adesso me ne vado anch'io.-

Bas.- ( pensoso) Un mumentu, un mumentu, cca c'e` da discutiri ancora na cosa.-

Erc.- Cosa?-

Bas.- Ddi dui picciotti, quannu sarannu ccà, da maritati...  inzumma... chiddi faranno l'amore, no?-

Erc.- E` naturale.-

Lup.- E allora?-

Bas.- Ca cumu allora? E che? L'avissir'a fari in presenza mia e di nu stranu, perddipiu` anarchicu? Ju sugnu all'antica, tantu pi sapillu.-

Lup.- Che bestialita`.-

Bas.- Chiamala come voi tu, ma ju nun pozzu vidiri certi cosi. E macari tu, anarchico guardone!-

Lup.- Ma dai, i fantasmi mica hanno sensi..-

Bas.- E che è? Casumai vulissi vidiri a me nipitedda nella so intimita`? Mai sia!-

Erc.- Questo e` un guaio. I ragazzi ormai ci contano. Come si fa adesso?-

Bas.- Beh, pensannuci beni, na soluzione c'è... Vuol dire  che ce ne andremo noi..-

Lup.- Noi? E dove?-

Erc.- Gia`, dove?-

Bas.- Aspittati e lu saprete pristuni assai. Fatemi assittari. ( si siede e si  concentra, poi parla come se avesse davanti un'ipotetica radiotrasmittente) Pronto, pronto? Centro Controllo fantasmi? Passo! Pronto, mi sentite? Passo!- 

Voce- Qui centro controllo, chi chiama?-

Bas.- Qui e` il fantasma Bastiano, avissi a fari na richiesta..-

Voce- Matricola, prego..-

Bas.- ( tirando fuori dalla tasca un foglio e leggendo)  Matricola 0011223344/P, come Palermo, passo!-

Voce-  Identificazione avvenuta, fate la richiesta. Passo.-

Bas.- Grazie, grazie tante.. Ecco, volevo chiedere, inzumma  se pi casu siti accomodu, vulissi vulissi cangiari casa, e` possibile?-

Voce- Restate in ascolto.-

Bas.- ( a Luperchico) Speriamo bene..-

Voce- Fantasma Bastiano, siete in ascolto? Passo.-

Bas.- Ca sugnu, passo.

Voce- Ci sarebbe disponibile una casetta in via San Giovanni  Galermo, al nr 970, vi sta bene? Passo.-

Bas.- Cu  ci sta?  Passo.-

Voce- C'e` una sala prove di una compagnia teatrale. Passo.-

Bas.- Accetto. Ah, ci fussi postu macari po me cumpagnu, sapiti è n'amicu.-

Voce- E` un fantasma?-

Bas.- Si, un po' bestia ma è un veru fantasima. Si chiama Luperchico, fantasma anarchico.-

Voce- Matricola, prego.-

Bas.- ( a Luperchico) Presto la matricola.-

Lup.- 00326529/B.

Bas.- 00326529/B. Come.. come.. bestia! Passo.-

Voce- Restate in ascolto.-

Lup.- ( nervoso) Ti stai divertendo, vero?-

Bas.- Cui, ju?  ( finto tondo)-

Voce- Fantasma Bastiano, qui non risulta  alcun Luperchico  fantasma anarchico, ma Lupercolo, fantasma discolo.-

Bas.- ( A Lup) E annunca?-

Lup.- Sono io, dopo ti spiego.-

Bas.- E`iddu, doppu mi spiega.-

Voce- Affermativo . C'e` posto.. Da oggi potete trasferirvi. Buona permanenza nella nuova residenza. Passo e  chiudo.-

Bas.- Chiudo.. Allura? Chi e` sta storia do fantasima  discolo?-

Lup.- ( imbarazzato).. Beh, sai, con l'eta`... essere fantasma... discolo. Insomma uno si sente ridicolo, no?  Poi, sono affari miei!-

Bas.- ( sbellicandosi dalle risate) Lupercolo, fantasma  discolo... Invece Luperchico, fantasma anarchico.. Ah,  ah.. chistu  e` cchiù serio, ca comu.-

Lup.- C'e` poco da ridere. sono un vero anarchico, io.-

Bas.- O vo' cuccati, fantasma anarchico...macari tu sicomu tutti l'omini vivi: (con finta enfasi) vuoi sembrare, anzicche` essere... vuoi apparire diverso, come gli uomini?  E va bene, si vede che anche da morti ci portiamo appresso gli stessi difetti che abbiamo da  vivi. Sai cosa ti dico?  Non ci dovremmo dividere tra  morti e vivi, ma tra fantasmi e no, come dice Ercole.  Avanti, beddu valenti pigghiamuni a truscia e  smammiamo. Ti salutai Ercole, ahu ni veni a truvari evveru? -

Erc.- Contateci amici.-

Lup.- ( prendendo le carte) I quadri li abbiamo regalati a Giovanni, ci restano solo queste...-

Bas.- E portamuni sulu chisti, vuoli diri ca ni facemu u  tresette co mortu...  ( si avvia verso l'armadio, apre  lo sportello e inizia ad entrare) -

Lup.- E il morto chi sarebbe?-

Bas.- Un certo Luperculo, fantasma discolo..- (entra)

Lup.- Bastiano, non incominciamo..-

Bas.- Senno` cchi mi fai, tintu bummaru?-

Lup.- Non chiamarmi bummaru, lacche` della corona..-

Bas.- Anarchico fraudolentu...-

Lup.- Servo del Re! ( entra anche lui e chiude l'anta)

Bas.- ( riaprendo l'anta e affacciando la testa) Ercole, ti  saluta Lupercolo, fantasma discolo.. Ahi, botta di  sangu! ( fa capire che ha ricevuto un calcione nel  sedere) Senti tintu Tidiscazzu di Romagna, ora t'abbessu ju.- 

Si ode, proveniente dall'armadio, che ondeggia, un intenso litigio di breve durata, poi tutto torna tranquillo. Ercole, che si era tappato le orecchie, esce da sinistra, sorridendo divertito.

Erc.-  Addio amici miei, fantasmi... e no! - ( guardando il   pubblico).-

 

Tela.

 

 

 

 

 

                                           Li megghiu tiatranti

 

 

 

 

 

 

 

                                                  Tre atti unici

 

 

 

 

                              (Tratti da altre opere del medesimo autore)

 

 

 

 

 

 

 

 

”- anno 2007 – commedia brillante tre atti in dialetto siciliano. Personaggi sei uomini due donne. 

Trattasi di una elaborazione e rivisitazione di vari lavori dello stesso autore convogliata nella Commedia dell’Arte. (La prova, Na storia d'amuri, A riunioni condominiali).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                            Atto   I

 

 

 

                                                          La prova

 

 

Personaggi:

 

 

 

Carmelo................................... Capocomico;

 

 

 

Angelina.... ............................attrice, moglie di Carmelo;

 

 

 

Nella........................................ prima attrice;

 

 

 

Peppino................................... primo attore;

 

 

 

Tuccia .....................................attrice giovane;

 

 

 

Melo ........................................scenografo;

 

 

 

Rosario ....................................aiuto regista intellettuale;

 

                                                        

Sul palco e` stato predisposto tutto il materiale occorrente per montare una scena. Massimo disordine e confusione di materiale di scena: costumi, copioni, fari, posacenere pieni di cicche, ecc.

La scena e` buia.

Lo spettacolo inizia con il sipario aperto e con le luci che pian piano riprendono. Musica adatta.

Subito dopo, con un vociare irato, dalla platea salgono in scena il Capocomico e l'aiuto regista.

 

Car.- Ecco, u vidi? U vidi? Lassanu tuttu comu aierisira: un casino! E a curpa è da to!-

Ros.- Mia? e perche` mai?-

Car.- Tua picchì nun sai fari u to misteri. Ma cchi razza d'aiuto regista si tu? Tu a va  fari sistemari la scena  e faramilla  truvari gia` muntata. Invece, ora, pirdemu  minimu minimu  mezz'ura  p’annacarini, menz'ura pi  abbissari; menz'ura pi muntari, e accussì, fra tira e molla, si sperdi tutta a sirata ammatula! Bedda matri s'appoi un cristianu nun s’a mettiri a lastimari...-

Ros.- E quando la dovevo far montare? Di notte?- (ironico)

Car.- E quando la dovevo far montare, di notte? (sfottente)  Ahu sciavuni! Vinevi cu Melu, dui uri prima, e muntauru la scena. Semplice, no?-

Ros.- Semplice per voi, ma a me non mi obbedisce nessuno. Se avessi detto a Melo: vediamoci due ore prima degli altri, m'avrebbe risposto: Ho da fare! m'avrebbe girato le spalle e se ne sarebbe andato via...(tono permaloso-lamentoso) Anzi, giacche` ci siamo, vorrei esternarvi le mie       lamentele.-

Car.- Senti beddu,lastimi e lamenti ci n’aiu pi mia, pi tia pi tutti i to parenti e amici -e mi ni avanza macari n’unza e triquarti.- 

Ros.- Ma e` vitale ...-

Car.- Lassa perdiri a Vitali ca morsi propriu aieri, saluti c'e` cca`.-

Ros.- Non scherzate Maestro, io parlo seriamente.-

Car.- Va beni, parra, ma intantu mittemu nu pocu d’ordine na stu manicomiu…- ( si mette a riordinare )

Ros.- ( aiutandolo ) Io vi voglio dire che non mi sento realizzato non sono soddisfatto del ruolo che m'avete affidato…-

Car.- ( interrompendolo) Ma quale ruolo? Tu non reciti. (sotto voce) E meno mali, diminiscanzi.-

Ros.- Mi riferivo al ruolo di aiuto regista. (pausa) Qui nessuno mi da retta quando parlo. Tutti mi

sottovalutano, anzi direi che tutti mi sopportano appena appena.  Come posso affermare la mia

personalita` artistica se non mi date la possibilita` di esternarla?  Poi il mio nome in locandina e` messo tra i tecnici...-

Car.- Finisti? Si? Allura  attaccu iu. Tu fighiu miu, senza offisa, si camurriusu, assai assai...-

Ros.- ( interrompendolo) Come sarebbe?-

Car.- Vegnu e mi spiegu: Tu si nu bravu carusu, ma si nacari nu pocu, bada bene, nu pocu, antipaticuliddu. Sara` pi ss’aria intellettuali ti dai; sara` picchì ti senti  accutturato; sarà picchì nun perdi occasioni pi citare i classici, i grandi autori, i registi famosi; sara` pi ss' agenda ca porti sempre cu tia, malanova - ca ti fa travagghiari  cu na sula manu; (togliendogliela dalle mani e posandola su un tavolino)  e lassala cca supra, bedda e pulita, e usa tutti dui li manu… pi livari ssa faddacca ; insomma, fattu sta ca rumpi li cosi...o megghiu li cosoni, capisti? Ora,  fatti prissuasu, cca semu na cumpagnia di teatranti dialettali, semu genti alla bona, ca  ni buscamu u pani ca risata; e tutti ssi minchiati ca ci ancucchi tu sull'arte tiatrale del primo ventennio in Europa, su Brecht,   su Stanislaskji e su Miller, a nuatri, ca facemu la Commedia dell'Arte, cu tuttu u rispettu, nun ce  ne frega niente.( con uno scatto d'orgoglio) C'appoi – senza offisa pi nuddu –  semu e ristamu, sempri – amatoriali oppuru no - l'artisti cchiù spuntanei, cchiù puri, cchiù genuini: Nzumma - semu li megghiu tiatranti. Ora u capisti oppuru no?-

Ros.- Ma io...-

Car.- ...ma tu sei pumpuso e …sacciusu...-

Ros.- Volete dire, forse, saccente?-

Car.- Voghiu diri ca fai u varvasapiu, chiddu ca sapi  tuttu, o cridi di sapiri tuttu. (guardandolo di traverso) Ahu, stamu parrannu  pi l’autri, pirchì a mia nun  hai nente d’anzegnarimi,  mi spiego?

Comunque, iu ti pighiai cu mia picchì mi desuru bone informazioni. Mi dissiru: E` un picciottu priparatu e vulentirusu. Quindi travagghia e farti onore.( piano ) Ca ora,  a centu abbunamenti chi fa ci sputavu?-

Ros.- ( che ha sentito qualcosa) Come avete detto?-

Car.- Iu? e cchi dissi?-

Ros.- Avete parlato d'abbonamenti.-

Car.- Certo, abbonamenti... ca comu... m’a na  prumessu  centu  abbonamenti ( imbarazzato) pi... pi… p’a prossima stagione, a pattu ca ci facevu tri farsi su cinqu spittaculi... inzumma, sunu cosi me, cosi ca riguardano la direzione artistica..-

Ros.- Scusate, allora dicevo...-

Car.- ( interrompendolo spazientito) Au ora basta. Sbarattamu e dimostrami a to bona volontà.

Ecco, varda, piglia sta staccia e portala fra le quinte, levammilla de pedi...( pausa. Rosario esegue) E intanto passuu  nu quartu d'ura abbundante.(  guardando l'orologio da polso) E nuddu si vide...-

Dalla sala entrano Angelina, Melo e Nella. Ciarlano tra di loro, a soggetto.

Car.- Au, v'annacati?-

Ang.- Annacati a cui?-

Car.- Annacati, in senzu ca vi smuviti, semu in ritardo.-

Ang.- Allura, putevi diri: Pi favuri cara mogliettina, cari signori, avissi nu pocu di primura, si nun vi dispiaci vi vulissuru affrittari.-

Car.- E chi su, sparacanaci?-

Ang.- Spiritusazzu...(smaccoso)-

Car.- Ca certo: Intantu ca c'eru, vi putevu mettiri nu tappetu russu e fari arrivari macari a banna de

bersaglieri...-

Ang.- ( salendo sul palco) Chi dicisti?-

Car.- Iu? Nenti, nenti. ( poi cambiando discorso) Melu, a isamu sta scena?-

Mel.- Ca..ca...-

Nel.- Non essere volgare!-

Ang.- E lassatulu parrari u sapiti ca ci ampingi a lingua quannu e` nirvusu.-

Car.- Uora e` nirvusu? Abbissati semu...-

Ang.- Ognunu sapi i fatti so.-

Mel.- Po..po..-

Nel.- Ancora?...-

Mel.- E la..lassatimi pa..parrari, annu..annu..annunca minni, minni..-

Nel.- Ma e` tosto.-

Mel.-...vaiu!-

Car.- E parra, e accuzza ...-

Mel.- Accu..accuzzu. Io di..dichiaro che sono stuffo di pigghiari ordini. Poi ho letto la locandina appinnuta fuori e sono  inca..inca..-

Nel.- Un'incas?- ( Melo con la testa fa cenno di no).

Ang.- Incantatu?- ( Melo dinem)

Car.- Incasinatu?- ( Melo idem)

Mel.- Inca.. incazzatu...-

Nel.- Sempre piu` volgare...-

Mel.- ...e a  mia m'a ta purtari rispettu picchi` sugnu un artista come voi. Sugnu scenografo, un artista della sega, e mi dovete mettere in locandina con gli artisti non con i tecnici. Poi, voialtri...artisti ( ironico) pi miraculu conoscete solo le vostre singole parti...Mentri ju, ca

v'ascutu cu santa pascienza quannu pruvati e ripruvati, sacciu a memoria tutti i vostri parti pi puntu e  virgula.  Capito?-

Car.- Senti beddu, da chi munnu e` munnu i locandini si fanno accussi` . Vuora arrivasti tu e staustru sciavuni ( indica Rosario) e vuliti cangiari l'antichi usi e custumi.

Ang.- Cangiasti i custumi? all'ultimu mumentu? E chi ssi foddi? -

Car.- Usi e costumi, comu diri: tradizioni...-

Mel.- U facemu in lingua?-

Car.- Mih, v'u 'mmagginati “A riunioni condominiali” fatta in lingua italiana? Minchiuni!

 A vo travagghia va`. ( fra se) Scenografo...  pi mia si nu tintu mastrurascia...Scenografo, casumai

scemografo.-

Intanto Angelina e Nella hanno tolto dalla scena i costumi e stanno mettendo ordine nel palco. Arriva Tuccia.

Tuc.- Buonasera a tutti...-

Car.- Tuccia cara...-

Ang.- ( a Carmelo sottovoce) Tuccia cara? Chi su ssi cunfirenzi, vidi ca ti lassu curriri na tappina.-

Car.- ( recandosi ad arte ad aiutare Melo e Rosario) Muntamu ssi sceni carusi..-

Gli altri salutano Tuccia a soggetto.

Durante tutto l'atto, gli attori non impegnati nelle varie battute, usciranno e entreranno di scena a soggetto, simulando la sistemazione del palcoscenico. Nel montare le scene si verificheranno varie gaffe che comporteranno piccoli incidenti e lievi ritardi. Carmelo si lamentera` e inveira` contro la sua sorte.

Car.- E puteva essiri diversu? E mi pareva! E puteva filari tuttu lisciu? Malanova a mia e alla mia sorti, sorti buttana!-

Ang.- E va beni, nun t'agitari tantu. Si sanu ca sti cosi accapitanu...-

Nel.- D'altronde si dice: prova da scifo, successo assicurato...-

Car.- Ca certu, a vuatri chi vinni futti se tuttu va mali: L'abbonati su de me.-

Tuc.- Via maestro, sia fiducioso... ( leziosa).

Ang.- A chista un jornu o l'autru, ma jocu in tempu unu e dui.( fra se).-

Ros.- Melo, attento a quella vite, e` lenta..-

Mel.- Iu sugnu sce.. sce..-

Car.- ..Scemu..no? Scemunitu? no? sceccu?-

Mel.- ( torvo in viso) Sce..scenografo non ma..ma..-

Car.- Mattu? no? macchetta? no? Macchimalanova si?-( e torna a lavorare).

Mel.- Macchinista. Se volete un macchinista, ve lo pagate! E ora finitila o minni.. minni.. minnivaiu!-

Car.- Melu, calmati, travagghiamu ca u tempu squagghia. E dumani c'e` u debuttu...-

Ang.- Dumani? E nun e` pi jornu tridici?-

Car.- E dumani n'avemu propriu tridici.-

Ang.- No, dumani n'avemu quattordici.-

Car.- N'avemu tridici!-

Ang.- No, quattoddici!-

Car.- Carusi, quandu n'avemu dumani?-

tutti: Tridici.-

Car.- E menu mali ca c'eranu i tistimoni, annunca dumani n'avevumu pi forza quattoddici.-

Ang.- Vih, pi na vota ca avisti ragiuni, vardatulu comu si  cerni...-

Arriva in scena Peppino.

Pep.- Salute a tutta la compagnia menu ca una.-

Car.- Ju a tia prima o poi, ti nni mannu a casa.-

Pep.- E poi a parti di l'attori giovani ta fai tu.-

Car.- Ma vardatulu, e` vecchiu comu un cuccu e si criri ancora..attore giovane. Penza d'arrivari puntuali chiuttostu!-

Pep.- Non e` ammesso il quarto d'ora accademico? (smaccoso).

Car.- Senti 'mpari accuzzamu e abbissamini. L'orariu è pi tutti, à na quistioni di serietà...-

Pep.- Sissignuri signor Capocomico.-

Car.- E tu vicicapucomicu ha dari l'esempiu di serieta`.-

Nel.- Perche` tutti gli altri lo sono...tu invece...-

Pep.- Ju inveci mi fazzu prima i cusuzzi me, a facciazza to!-

Nel.- Ma come ti permetti? Carmelo, esigo le sue scuse!-

Car.- Pippinu, o frati, nun'accuminciari.. avaja semu gia` in ritardo. ( poi autoritario) Au, si nun spirdemu la prova, si po fari macari mezzanotti, ma di cca nun esci nuddu.-

Pep.- Pi mia...-

Nel.- Gia`, per lui. Lui si e` gia` fatto le sue cose, mentre noi, come fessi, siamo stati puntuali. Io non so proprio come posso resistere ancora qui, con voi.-

Car.- Picchi`, facciamo forse schifo?-

Ang.- Avemu forsi a sgabbia?-

Nel.- Senza offesa, ma io prima di venire qui con voi, ho recitato con ben altre compagnie, con vere personalita` dello spettacolo.  Io ho fatto Pirandello, ho fatto teatro impegnato...-

Pep.- Certamenti, la grande attrice... guitta!-

Nel.- Guitta a me? Questa poi...Carmelo, provvedi o me ne vado via.-

Car.- Nzumma, mi vuliti ruvinari? Se e` si, dicitammillo chiaru e tunnu, e ju mi sparu n colpu ri rivoltella e mi fazzu satari i cirivedda. Ma se e` no, bottadivilenu amaru, mittitivi i custumi e accuminciamu la prova.-

Tuc.- Un minutino maestro, vorrei ripassarmi la mia parte..-

Ang.-( imitandola) Un minutino Maestro vorrei ripassarmi la parte... Culumbrina e tappinara, tu a to parti ava sapiri gia` a memoria.-

Car.- Tuccia a canusci gia` a memoria. Forsi la vuole provare sulle tavole prima di fare la prova deefinitiva. -

Tuc.- Esattamente.-

Ang.- ( mugugnando) Gia` sa voli ripassari... A viri si ti l'avissi dittu ju: Cursi minn' avissa fattu fari...-

Car.- ( rabbonendola) Avaja, Angiluzza, e nu pocu di pascienza, e` debuttante infine..-

Ang.- Debutta sulu na cummedia veru? ( allusiva)-

Car.- E unni senno'?-

Ang.- Chissacciu ( fa la misteriosa) Forsi.. pri casu.. no lettu cu tia... Attentu a chiddu ca fai. Picchi ju ti  rumpu...-

Car.- ...li corna! Sta tranquilla, tranquilla. Cca si travagghia seriamenti. Qua niente sesso, siamo...-

Ang.- ...taliati a vista!-

Ros.- Chi e` di scena?-

Mel.- Au, e nu mumentu, quannu chiantu sta lapazza!-

Car.- Bedda matri, mi stavu scurdannu i luci. Mi facisturu perdiri la testa...( rivolto verso lo

operatore delle luci) Bastianu, si prontu? ( come se sentisse la voce dell'operatore, Carmelo continua a parlare, mentre le luci seguono le sue indicazioni) Si? Benissimu. Danni u tri... ora u dui..-

Pep.- ...ora l'asu...-

Car.- ( guardandolo di traverso) Si. dammi u tri e u setti...-

Pep.- ... e na napulitana a coppi...-

Car.- ... ca ti dugnu na ssa tistazza di sceccu si nun a  finisti.. Bastianu, ora u cincu. Va beni. Pigghia

chissa...-

Pep.- ... e porta a casa...-

Car.- Pippinu stasira si spiritusu, chi successi?-

Pep.- Nenti, a ca vo succerire...-

Car.- Si cuntentu, e` veru?-

Pep.- ( perplesso) Beh, nu pocu...-

Car.- E basta?-

Pep.- ... e basta. Ma picchi` mi fai tutti sti dumanni?-

Car.- Picchi` mi stai unghiannu co sto spiritu di patati, co to ritardi e co to pizzicari la prima attrice.-

Pep.- Avaja e chi nun si po cchiu` sgizzari? E unni semu na cunventu?-

Car.- No na cunventu.. d'avanti a nu cunventu iemu a finiri, a dummannari a limosina, si ni va mali stu travagghiu.-

Pep.- E inveci u travagghiu e` bidduzzo. Vinnu puliteddu... Certu, lassanniti travagghiari in paci...-

Ang.- ... Senza a prisenza dell'autore...-

Pep.- ...ca pi furtuna morsi...-

Car.- ...in incognito...-

Pep.- ...e se veni u so fantasima?-

Car.- Ci su coppa pi iddu, pi tia e pe biati paoli. Siete tutti pronti?-

Ros.- Prontissimi. Manca per voi, vi dovreste cambiare...-

Car.- Va prima tu Pippinu, ju abbesso na para di cosi; ci fazzu fari ssa prova a Tuccia e poi vegnu. Ma tu fammi attruvari u camerino in ordini, comu e cristiani.-

Pep.- Picchi`, anzamai chi sugnu un turcu?-

Car.- Turcu no, ma vastasi si.-

Pep.- Ju vastasi?-

Car.- E unu ca mi lassa i presarvativi in giro, comu s'avissa a chiamari, nobiluomo?-

Pep.- Vih, pi na vota ca mi scurdai fora. Chi farsa ca ci stai armannu...-

Car.- Ma propriu ssa vota c'era in giru patri Fruscacchia e i visti...e ai so parusciani abbonati ci tegnu, ju!-

Pep.- E doppu? chiffa si scannalia? Nun i usa macari iddu, pi casu?-

Car.- Mi, cu tia nun s'arraggiuna. Si propriu carni di porcu!  Vo cangiti va; e fai prestu. Tuccia pruvamu a scena da scerra.-

Peppino esce sorridendo

Ang.- ( entrando gia` in costume) Chissa s'a ripassa cu mia, veru bedda? Avanti Carmelo dacci la battuta.-

Car.- ( insospettito ed allusivo) Mi stai cunsumannu.-

Tuc.- Jetta vilenu!-

Ang.- Cchi dissi?-

Car.- Nenti, nenti, dissi arcobalenu. Avanti travagghiamu.-

Tuc.- Ma tu picchi` t'ammischi con la mia parti? Cu t'ha 'nterrugatu?-

Ang.- Ahu bedda, suddu m'ammiscu veni a diri ca m'apparteni.-

Tuc.- Varda, fatti l'affaruzzi to, prima ca ti scippu tutti li capiddi.-

Ang.- E provici.-

Tuc.- Si; 'ncasanza mi stava scantannu tutta.-

Car.- ( prevendoli) Basta cosi`.-

Ang.- E a scerra?-

Car.- Nun e` necessaria pruvalla... ora!-

Ang.- Chi piccatu eru già quadiata...( se ne va fra le quinte delusa).-

Car.- Tuccia, vatti a truccari, dai bella.-

Tuccia esegue tutta contenta. Carmelo da un ultimo sguardo in giro, fischietta, controlla la scena, le quinte, i fari, butta un po d'acqua sulle tavole del palco, e intanto entra in scena, furiosa, Nella.

Nel.- E no! Questo e` troppo! Tu devi prendere provvedimenti!-

Car.- ( trasecolando) Chi successi?-

Nel.- Quel brutto ceffo mi ha toccato il... popo`...-

Car.- Come, come?-

Nel.- Cosi`, intanto che ero abbassata ad allacciarmi le stringhe delle scarpe.-

Car.- Il po.. pocoso? intantu ca t'allazzavi i scarpi?.. ma no, sara` statu un casu..-

Nel.- Non un caso, ma un coso! Capito? mi ha toccato, ma non con la mano. Capite?-

Car.- Megghiu!-

Nel.- Come sarebbe a dire?-

Car.- Dicevo: Megghiu, si tratta veramenti di un incidente futtuitu.-

Ang.- Futti-tu? ma capii bonu?-

Nel.- Siete tutti volgari. Io sono una signora...-

Ang.- Ca ci va bonu a fari a curtigghiara.-

Nel.- Come si permette?-

Car.- Sulla scena. Sulla scena. Angelina vuleva diri ca fai bene la curtigghiara sulla scena. Comu si addice ad un'attrice, d'altronde...-

Nel.- Accetto le vostre scuse, ma aspetto ancora quelle di Peppino!.-

Car.- Aspetta e spera...-

Nel.- Cosa avete detto?-

Car.- Ho detto... ho detto aspetta e speri...amo che le faccia subito, almenu incominciamu na bona vota pi tutti.-

Mel.- Ju su.. sugnu pro..prontu.-

Nel.- Ma io no. Aspetto prima le scuse.-

Car.- E santa pascienza...Melu, v'acchiamari a Pippinu.-

Pep.- ( entrando come se niente fosse accaduto) Vulivi a mia?-

Car.- Propriu a tia. Avanti, facci le scuse alla signora.-

Pep.- (guardandosi ostentatamente attorno) Quali signura?-

Car.- Alla signora Nella, qui` presenti.-

Pep.- Picchi`, idda e` na signura?-

Nel.- Cafone, volgare e ignorante!-

Car.- Avaja Pippinu,( fa cenno come per dire: accontentala).-

Pep.- L'accuntintai gia` na vota...l'autra notti.-

Nel.- Mascalzone e bruto!-

Pep.- E... masculuni!-

Nel.- Ora basta! La misura e` colma! Io me ne vado!-

Car.- Ma no, Nellina, unni vai, Pippinu scherzava...-

Ang.- Ca certu, iddu scherza sempri cu tutti... macari cco focu. ( con tono di rimprovero verso Peppino).-

Nel.- Mi dispiace per voi, ma sono irremovibile. Addio!- ( Nella esce di corsa dalla parte della sala.)

Pep.- ...Ora torna..( sicuro di se).-

Car.- Si nun torna sugnu ruvinatu... ma a tia ti mangiu u cori..-

Pep.- Torna, torna...-

Ros. - Maestro mancano anche Turi e Giacomo...-

Car.- Ahu, basta! Basta! E cchi mi vuliti mortu? Cca ognunu fa i cavoli so', e u spittaculu cu fa? A jatta? Nenti, ho decisu: se ssi dui sciavuni nun arivanu n tempu, voli diri ca trasiti in scena tu, l'elettricista, e si servi, puru u botteghinu - e macari a scupa! Ma stasira a prova s'ha fari! E ora vidi unn'e` Nellina.-( Rosario esegue)

Mel.- Io so..so sono pronto.-

Car.- ( guardando la scena, terrorizzato) E chista sarebbe la scena?-

Mel.- Libera interpretazione di nu cunduminiu!-

Car.- Figghiu di tappinara, e cchi mi voi rovinari macari tu? Nun ci abbasta Pippinu, Nella, i du sciavuni, me muggheri ca sua gilusia, ti ci metti macari tu che to minchiati? Ma ju mi pigghiu a scupetta e fazzo na carneficina collettiva: Vi fucilu, poi v'affucu, poi v'anniu, vi tagghiu a panza e mi mangiu a quarumi!-

Ros.- Maestro, e` andata via dal teatro. E ora chi la fa la sua parte?-

Car.- ( guardando con cupidigia Melo, imitato dagli altri) A so parti? A so parti a fa cu sapi tutti li parti a memoria. A fai tu!-

Mel.- Iu? Ma stati abbabbiannu, stati sgizzannu veru? e cchi su ...cchi su...cchi sugnu na fimmina?-

Car.- ( sadico) Ci addiventi, s'e` necessariu..-

Mel.- ( a tutti) Ehi fermi, fermi tutti, o v'addifettu...( prende un asse e li minaccia)-

Car.- Veni cca beddu...soru soru...-

Ang.- Statti fremmu Miluzzu...fatti acchiappari.-

Pep.- Avaja, fatti vestiri...-

Tuc.- Ci vuole cosi` poco...per essere femmina...( allusiva).-

Ang.- Curaggiu salvatore della patria!-

Car.- ( a tutti) 'Ncoddu carusi!-

Tutti gli vanno addosso e immobilizzano Rosario che si dibatte furiosamente.

Car.- Chiudete il sipario. Inizia la Prova. 

Il sipario lentamente si chiude.

                 

 

                                                                  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                  Atto  II

 

 

                                                              =========  

 

 

                                                           Na storia d'amuri

 

 

 

 

 

 

 

Personaggi:

 

 

 

Presentatore, giovanottu e spettatore insoddisfatto

 

Zu Vitu Spiciali –puparo e narratore di racconti epici

 

Angelica  e signurinedda 

 

Annuzza vicina di casa e cliente (Melu, vestito da donna)

 

Mafalda, madre di Annuzza e putiara

 

                                                          ===============

 

 

 

 

 

 

 

Sulla scena è stato creato un ambiente per recital: un leggio, un tavolinetto e alcune sedie.

All’apertura del sipario entra in scena il presentatore.

 

Presentatore – Rispettabile pubbrico, questa sera avemo il piacere di farivi sintiri la storia del combattimento tra Orlando e Rinaldo per la bella Angelica. Il narratori è u zu Vitu Spiciali, celebre per i so’ cunti di paladini di Francia alla villa Bellini e alla villa de varagghi. 

Signore e signori, ecco a voi u zu Vitu. 

Attacca banna.  

 

Rullo di tamburi. Entra u zu Vitu.

 

Vitu – Fremmi tutti!

Pres. - Cchi successi?

Vitu – Successi ca sta cuntata nun si po’ fari.

Pres. – Comu, comu?

Vitu – Comu, comu, vicinu Milanu. Ripetu pi cu ‘n ci vo’ sentiri: Stu cuntu nun si po’ cuntari.

Preis – E si ni vulisi usari a cortesia di dirini picchì, noi vi ascutamo... 

Vitu – Picchì… picchì…semplici: m’ascurdai lu librettu a casa, ecco lu pirchì.

Pres. – Ma siti strulucu e incuscenti. E ora cchi ci cuntamu alli spettatori…

Vitu - …ca pavaru u bigliettu!

Pres.- Esattamente…

Vitu – Ci cuntamu… ci cuntamu…videmu…ma si! Ci cuntamu: Na storia d’amuri, oppuru: a riunioni condominiali...

 

Entra la donna che doveva fare Angelica.

 

Alge. – Ahu, ma cchi stati ancucchiannu? Ju vinni pi fari Angelica, e Angelica fazzu!

Pres.- (mettendosi le mani ai capelli) Bonu, va!

Vitu – E ci ai raggiuni, tu ava fari Angelica e Angelica farai. La sai la parti a memoria?

Ange.- Ca ora, cu tutti i pinzeri ca ci aiu in testa… ci mancava puru chissa…

Vitu – Io la parti di Orlando la so’, iddu, beneomale – più male che bene - sapi chidda di Rinaldo…

Pres.- … picchì ni vulissi cuntati ca tu a to’ parti a sai - tutta?

Vitu – Sempri cchiù assai di tia, brucculu spicatu! Ergo: o macari tu sai la to parti a memoria, oppuru… oppuru pìaccamora si fa Na storia d’amuri. Puntu e basta!

Ange.-  Tintu ricattatori. E, sintemu, unni sarebbi la mia parti?

Viru – Cca è (tira fuori dalla tasca una specie di copione unto e spiegazzato)

Ange- Mih chi schifu! E unni u truvasti nu cassunettu d’a piscaria?

Vitu – Donna trista e volgare. Questo è nu gloriosu cimeliu di tant’anni di carriera. Iddu m’a sarvatu di tanti mali cumparsi ca ci avissi a fari na statua d’oru.

Pres.- Al copione?

Vitu – No, a to’ soru. Avanti sceccu patintatu, apprisenta lu spittaculu.

Pres. – Un momento e Annuzza unn’è?

Ange.- E dda banna, ca si sta pittanu lu mussu…ssa sciantosa…

Vitu – (al Presentatore) Valla a chiamari!

Pres.- Ahu e cchi è? Stu tonu cu mia? E cchi sugnu lu to criatu?

Vitu – (ironico) Sei il Presentatori, pi cui (deciso) annacati e vo’ chiamala!

Pres.- Vado, ma solamenti pi rispettu di stu spittabbili pubbrico…sennò… (uscendo)

Vitu – (pavoneggiandosi) Iddu va’ picchì annunaca si pigghia a giacca e sinni po’ ghiri – licenziato!

Ange.- Nonzi! Nun si po’ licenziari senza giusta causa.

Vitu – Ahu, varda a chista? E cchi fai a sindacalista cu mia? Bedda se tinni vuoi iri macari tu, (pomposo) quella è la porta.-

Ange- A vo’ cuccati, doppu vogghiu propriu vidimi come facissi lu spittaculu… Ahò, varda ca tu nun si Gasmann! Tintu teatranti puparu di quarta categoria.

Vitu – Non offendiamo, signora. (conciliante) Certu alli voti mi acchiappanu certi nervi…

Ange- E nun lassariti…acchiappari. Penza ca cca nuatri ni uscamu u pani, ccà ci mangiamu…-

Vitu – Ricevuto, donna, ricevuto.

Pres – (entrando) Eccola la sciò-ghell.(ironico)

Annu- (che potrebbe essere Melo,entrando dietro di lui) Picchì, ci avissi a diri cosa? (donna matura truccata inverosimilmente, con le mani ai fianchi)

Vitu – Arrivasti??!! E ora datti un contegno e travagghia!Unn'è Mafalda?

Annu – ( ad Angelica) E ju cchi nni sacciu? (a Angelica) E cchi è nirvusu, pri casu?

Ange.- No priccasu, ma pi natura. (sottovoce ad Annuzzaa) Varda ca nun si fa’ cchiù l’Orlando, ma forsi, na storia d’amuri, almenu pi ora.-

Annu.- Davveru? Su scordò nautra vota? (Angelica, vistosamente annuisce)

Entra Mafalda che si porta dietro agli altri per non far notare il ritardo.

Vitu – (scorgendola lo stesso) Ah, arrivasti nobildonna? Ti dignasti pri casu?-

Maf.- Persi u 401 e app'aspittari u 628 ca passò prima do 431, senza fimmarisi, pi cui pigghiaiu u 721...-

Vitu – Muta ca t'acciuncu! (intanto si è portato verso il leggio) E ora ca ci semu tutti, presentatore, presenta.

Pres.- (distratto) Chi cosa?

Vitu – (sfottente) E cosa vuoi presentare le armi? Presenta lo spettacolo, perbacco, perdiana e per giove!

Ange.- … Sattunu e Plutoni, ci misi tutti a mazzu, schifiu.… 

Pres.- ( schiarendosi la voce) Signori, ecco a voi Na storia d’amuri. ( poi girandosi a guardare Vitu) Senti Vitu, senza offesa, ma ti lu stai riurdannu quantu dura sta scena? Sunu appena dieci minuti…

Vitu – E allora?

Pres- Voglio dire… dieci minuti… nzumma è pocu pi nu spettacolo decoroso…Ci ai pinzatu?

Vitu – Ju pensu a tuttu. Cca ci sunu autri libretti, ci arrangeremo.

Pre.- Arrangeremo? E nu spettacolu s’arrangia? Ahu a ca finire sta sira a pumarora na facci?

Vitu – Tu penza a prisintari, o restu ci penzu ju!

Pres.- Si, ma i pumarori mi pigghia macari ju, si ci primmetti?

Vitu – (con sopportazione) E abbi fiducia…

Pres.- Fiducia morsi ammazzatu.

Vitu – (pazientemente) Fidati, fidati di cu ni sapi chiussai di tia. Avanti va’, aggiungi questi. (gli da dei foglietti)

Pres.- (controllando i fogli, tra se) Stasera a vidu niura… Allura: Signore e signori questa sira vi apprisintamu, assemi a na sturia d’amuri, (trova con difficoltà a fogli giusti ) eccu …A riunioni condominiali, ovverosia scene di vita… ca macari storie d’amuri nun su’ propriu, ma che, dice u zu Vitu, sunu … edificanti. 

Attacca banna (rullo di tamburi)  

Vitu.- Fremmi tutti!

Prees.- E cchi successi ora?

Vitu – Successi ca tu come prisintaturi si na scamorza di Battipaglia! Ma cu ti sbrucculau ccà, sceccu di Pantelleria, (con enfasi) come disse il nostro compianto don Ninu Martogghiu.

Pres.- Ahu e chi è? Alli voti tu ci ai i nervi e t’a pigghi cu mia?

Vitu – Non propriu esattamente accussì, ma quasi, oserei dire: ci azzecca. Ma insomma quanti voti ti l’aia diri ca ci devi diri, a questi signori, quattro paroli di prisintazione?

Pres.- E ci ai raggiuni. Pirò a cuppa è da to’ picchì mi facisti cassariari. 

Vitu – E rimedia dunque, tinto fellone da strapazzo.

Pres.- Bonu va’, partiu tuttu (fecendo un cenno significativo con le mani) Chistu scattiò!

Vitu- Chi dicisti, garzone? 

Pres.- Dissi… dissi ca…ca…ca…

Ange.- Malarucatu, parra pulitu!

Ann.- E lassatilu stari stu figghiu sciatu…

Vitu – Avanti, presenta.

Pres.- Signore e signori, na storia d’amuri tratta di na storia d’amuri comu tanti storie d’amuri… pressappoco…macari…po’ darisi…( tra se) minchia m’o scordai!

Vitu – L’avemu capitu, allora?

Pres.- (piagnucoloso) Basta, sugnu tuttu cassariatu, mih...

Vitu – (tra se) Questo è tuttu scartiatu.(al presentatore) Zitto, villico, come dire: viddanu. Fatti di ciancu, come dire: arrassiti, che questa scena l’apprisentu ju.

Dunchi, questa storia d’amuri è una storia d’amuri comu tanti autri storie d’amuri, ma non propriamente, picchì… ‘nzumma…alli voti…Ecco! Ci sono: 

Questa è una storia d’amuri vista da due comari vicine di casa, come dire: cuttigghiari ( e da un’occhiata significativa alle sua compagne); da una comare e dalla madre della carusa; da nu picciuttazzu sarracinu; da carusidda medesima, e da… e da…beh, questo lo lascio indovinare a voi. Scusatemi assai si nun vu’ dicu, (pomposo) ma, cosa volete, è un mio puerile vezzo senile, ( ai suoi compagni che lo guardavano quasi allarmati) cosa ca vuautri nun putiti capire    

Attacca banna!

 

 

 

 

 

 

 I brani che seguono saranno recitati dagli attori, a secondo delle varie parti che la regia assegnerà, prendendo le relative posizioni sul palco. 

 

 

 

 

Na  storia d'amuri.

 

 

 

- Vossia chi dici, e` 'n fattu successu?-

 

- Nunca!...idda dissi:" Ti vogghiu beni."

E iddu scattio` p'a cuntintizza..-

- E ora ti vogghiu.. doppu chi veni?-

- .. Va..forsi 'n vasuni..cusa`, na carizza..-

 

- Bih, salatatu... eppoi? cuntassi.-

 

- 'N jornu chiddu passava p'a so strata

ca mirudda fumanti di pinzeri,

quannu d'arreri a na vitriata

visti a figghia d'o chiancheri..-

 

- Ma no! Idda c'entra na ssu discussu?-

 

- C'entra, e comu si c'entra. M'ascuta:

Iddu ci frisca cu tuttu u sciatu so;

idda vota i spaddi risintuta,

isa la testa dicennu:" Passato`! -

 

- Cosa di pazzi, mancu na duchissa..-

 

- ..All'indumani iddu ci ripasso`

e idda si vuto` dall'altra parti.

Iddu ci dissi: " Bedda, cu ti lasso`,

angliulu comu si, na me sorti? "-

 

- Nzamai, ma chi parrari e` chissu..-

 

- Ca uora!.." Prima ca vidissi a tia

eru mmenzu a mari in timpesta,

ora sugnu 'n lagu manzu, talia:

Ma nun vidisti ca persi la testa? "-

 

- Scanzatini.. Ora basta na mossa..-

 

- Gia`.. Idda s'affrunto` arrussennu,

iddu ncacco` a manu: ci desi 'n ciuri.

idda si lu pigghio`, e di rimannu

fici sfaviddari l'occhi d'amuri.-

 

- Pi mia, si l'ammucco` gia` a chissa!-

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Na mavaria.

 

 

- Vih, diminiscanzi, ssu fimminaru..-

- Allura, signura mia, allura..-

- Ma comu fu ssu vilenu amaru?-

- Eh, quannu sa passari na malura..

 

..Me figghia era, bedda, na putia,

    figghia massara, senza iungitura, *

sirveva du puppetti a Lucia,

      c'a sanu sentiri a " Truvatura." **

 

Antrasatta trasi ssu malacarni!

Capiddi longhi, varva di na simana,

causi a tichito`, giacca cchiu` granni,

prufumu ncoddu comu na.. bottana!

 

E misi li so occhi di briganti

supra a dda carusa figghiasciatu

ca s'addumo` tutta! all'istanti..-

- Mih, malanova, ssu malasurtatu..-

 

- Santi palori, signuruzza mia.

Ssu zannu che pinnenti nta l'aricchi,

fici pi sicuru na mavaria,

na fattura! Ci fici du' schiticchi,

 

e senza ca dicissi ne` ci, ne` cio`,

senza ca nuddu aviss'antisu,

me figghiuzza cu iddu sinni scappo`!-

- Matri chiccosi...vaia za Tura, accur'o pisu!-

 

 

 

 

 

 

 

Scelta registica:

* senza offisa

** a chidda ca ci feti la cammisa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

U distinu.

 

 

 

 

E cu mi fici trasisi dda sira

nta dda putia 'n pocu fora manu,

unni alluzzai ddu pettu a pira

ca m'incatino` , pi un jornu sanu,

 

davanti a dda graziadiddiu?

E com'e` ca fu, ca na matinata

m'aspitto`, e arrussennu mi diciu:

-" Ti vogghiu beni, sugnu cunzumata! "

 

U distinu! Idda pareva diri:

-" Cumanna a li to forti manazzi

d'ampastarimi, d'allisciarimi, u viri?

sugnu di focu, fazzu cos'i pazzi!"-

 

E chi v'aia diri, chi sugnu 'n santu?

M'a purtai cu mia, nta vanedda,

e duci duci, ma cu 'n pocu di scantu,

m'ammuccai ssu pezzu di castagnedda!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Na vintura

 

 

 

 

       Ju ci dissi: -" Ti  vogghiu beni."-

E accumincio` a me vintura.

Eru na carusazza " cu mi teni ",

bedda, ricca, sidicianni allura...

 

.. Quannu si prisinto` ssu picciutteddu:

menzu zingaru, menzu giramunnu...

.. Dui jorna, forsi tri, pi 'n vasuneddu,

e a vita me cangio`, vutannu attunnu!

 

Uora sugnu grossa di se' misi,

abbiata supra stu matarazzu...

.. Iddu dissi:-" Tornu, ristamu 'ntisi."-

Ammatul'aspettu.. chi fa, m'ammazzu?

 

.. Nun mi la fidu cchiu` di chiangiri.

Fussi 'n'nzonnu?.. Nenti, ora u lassu!

E certu, accussi` aviss'agiri...

Cu ie`? Matri, mi parsi lu so passu.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo brano dovrà essere declamato con una dolcissima musica di sottofondo, e con giochi di luce adeguati, per ottenere i massimi effetti di spiritualità. Sarebbe opportuno anche una coreografia adatta.

 

 

 

 

Matri?

 

 

 

 

 

Quannu nascii, nun nascii attunnu.

A me tistuzza n'a mustrai a nuddu.

Nun visti nenti di ssu beddu munnu.

A mmoddu eru; finiu a mmoddu

 

dintra nu scaricu di fugnatura,

ammenzu a cosi tinti mi lassanu,

liquidi, moddi, qualchicosa dura,

e li me carni fini si squagghianu!

 

Quannu murii, nun murii mai!

Cu pinzo` pi mia? N'o sacciu diri.

Sacciu ca di cca` sentu li vai

di l'omini ca 'n si sannu capiri.

 

E picchi` vidu dda casa, nto cantu?

e dda fimminedda 'ntisa " Duchissa"?

.. Ci trasi 'n masculu..-" Matri, m'affruntu!"

Matri? Signuruzzu, chi dici chissa?

 

 

 

 

 

La musica salirà, mentre  continueranno gli effetti di luce e la coreografia, mezzo minuto, poi tutto si affievolirà, fino a cessare definitivamente.

 

. Entra Vitu. 

 

 

Vitu - E ccu la mala sorti ca ci attuccau a stu picciriddu bellu, finisci qui questo…

Pres. – ( dalla platea, come se fosse uno spettatore) …burdellu!

Vitu – (sorpreso, sbalordito,) Eh?... cu fu?...cchi dissi?...

Spett.- … ca vulemu turnati i soldi d’o bigliettu… eccu cchi dissi.-

Vitu – E voscenza chi sarebbe? Fatevi riconoscere, qualificatevi, perdinci e perbacco!

Spett.- Sugnu uno spettatore, quindi lu to pattruni, guitto puparu arruffone e pomposo. E tu cusà, cchi pensi ca avissitu fattu nu spittacolo? Annunca na farsa?  No, tu facisti nu cupioni che è nu minestruni di puisii di 'n pueta da strapazzo- cappoi i liggisti di na sorti di manera da farimi macari vutari lu stomacu. E cchi pinzavi d’infinocchiarini! Tu ci futtisti i picciuli! 

Vitu – E cchi senti diri, ca li vuoi turnati?

Spett.- Avissì a essiri , ma mai sia! 

Vitu – Ah beni ( con un sospiro di sollievo) E annunca cchi voi?

Spett.- Voglio Orlando…

Vitu – …Rinaldo e Angelica…

Spett.- Esattamente!

Vitu – Nonzi, nun si po’. Torna dumanisira e videmo cchi si po’ fari.

Spett.- Comu dumanasira? E ora?

Vitu – E ora ? E ora, cchiu tardi t'assuppi A riunioni condominiali.

Spett.- Mannaggia a mia! (si morde le mani)-

 Vitu - Avanti cchi voi ancora? A prima parti do spittacolu ti la vidisti - ormai. E se ti piaciu bene, se non ti  piaciu… osia, magari, forsi, cusà, si incuminzava a nun piaciriti, putevi macari isari lu to panaru da seggia, susiriti e privarici della tua riverita presenza ( con enfasi), come si usa fare nei migliori teatri e… tra il pubblico raffinato. Onde per cui, attaccati al tram e fui!

Attacca banna!

     

Vitu esce di corsa, mentre il sipario si chiude precipitosamente.

 

 

 

Fine del secondo atto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                              Terzo atto

 

                                                             ========                                               

 

                                                   A riunioni condominiali                                           

 

 

                 

 

Personaggi:

 

 

Presentatore (portiere e Santu Pigna)

 

Zu Vitu, narratore

 

Amministratore condominio (o personaggio femminile, a scelta della regia)

 

Maestra Onorati

 

Maresciallu Bastianazzi

 

Infermiera Bellagola

 

Turiddu Pullarà

 

Laganà jammasicca

 

Saru Mafai

                                                             =================

 

 

 

Più o meno stessa scenografia dell'atto precendente con in più, sedie vecchie e un traballante tavolino. A destra vi è la comune, al centro una finestra chiusa, a sinistra vi è appeso alla parete un enorme calendario e una bacheca per i comunicati condominiali.

All’apertura del sipario, con una musica adatta, la scena è vuota. Dopo un minuto circa, entra il Presentatore del primo atto: uomo di mezza età, vestito modestamente, con occhiali sul naso e una fascio di carte in mano. Egli, con aria d’importanza, si porta al centro della scena, con calma sceglie i fogli da leggere, e poi, schiarendosi la voce con qualche colpetto di tosse, attacca a parlare con voce querula.

Gli attori, possibilmente, debbono recitare con discrete movenze da marionette.

 

Presentatore- Rispittabbile pubblicu, allura, comu prumessu apprima, vi parramu ora  d’a riunioni, osia di l’Assimbrea cunduminiali, comu ci la cuntau all’amici lu zu’ Vitu Spiciali. Ogni riferimentu a prissuni canusciuti, vivi o morti scaffituti, è puramenti casuali. Cca nun s’accettanu quareli, dinunzi e minazzi, sunu avvisati li sperti e i babbasunazzi.  Allura accuminzamu con il presentarvi u zu Vitu in prissona cha vi cunta della famusissima riuniona. Attacca banna! (rullo di tamburi) 

 

Entra lu zu Vitu Spiciali. Un omone di mezza età con una pancia prominente e un paio di baffi “malandrini”. Egli scosta il presentatore con una mano, e si porta lui al centro della scena.

Presentatore (quasi tra se) Arrucatu u zu Vitu…-

Vitu- (con grande prosopopea, impostando la voce) Dunchi, comu vi dissi l’amicu cca vicinu, ( fa cenno come per dire: amicu? E va beni, per l’amore di paci) ho l’onori e il piacieri di cuntarivi quello ca dissi  iddu – picchì vi lu dissi papali papali, no? E annunca pi cu nun avi cumprindoniu finu, tantu pi capirini all’istanti, ccà si parra di condominiu e non di manicomiu, di prissuni e non di santi. ( al presentatore che annuisce) E’ veru?  – allura pi ccu avi lu sbaddu d’ascutari, sugnu lestu e prontu p’accuminzari. Attacca banna! (silenzio) Au, attacca banna (sbalordito)

Presentatore – Zu Vitu, chissu lu dissi già ju!

Vitu – Mutu tu prisintaturi d’o brigghiu. Sugnu io il narratore? Allura tocca a mia stu privileggiu!

Presentatore – (con aria di saputello) A parti ca lu narraturi, in tiatru, si nun sbagghiu, vali quantu u due di coppi quannu a briscola è a bastuni. (infantilmente) Mih, pirò ju sempri presentatori sugnu, e fari sunari i tamburi tuccava a mia.  

 Vitu – Ca comu, pezzu di sceccu anticu!A vo essiri accussì, ma nun è. Pricchì tu, varda cchi ti dicu: tu si sulu nu tintu vice-aggiuntu-sotto - pricariu- facenti funzioni – presentatori avventiziu, apprendista  in prova. Inzumma, in una parola: picciottu di putia. Ju, ‘nveci, sugnu u mastru di li mastri de narratori. ( pavoneggiandosi) M’a vistu mai cuntari li cunti di Orlando e Rinaldo alla villa?

Prisintaturi – Quannu? Ai tempi di Caribbaddi?

Vitu- Srudusu, zavurdu e picciol animo minnicu. Ju cuntavu cunti a villa fino a diec’anni fa, e avevu nu  prubbrico fideli e amicu…

Prisintatori -…fattu di vicchiazzi rimbambiti e di Giufà…

Vitu - …(occhiataccia) ca m’ascutava in riverenti silenziu, quasi di tomba.

Prisintaturi - … picchì ‘n peri n’a fossa ci l’avevunu già.

Vitu – Basta accussì, vile garzone! Dunchi, doppu tantu parrari ammatula, ( il presentatore sta per intervenire ma Vito lo blocca) statti zitto e ascolta con la mente e la ragione (solennemente): sono io il  narratore, ergo, (tornando beffardo) sugnu cchiù ‘mpurtanti di tia. Mutu e pipa, mannaggia a mia!

Allura: attacca banna! (rullo di tamburi).

Gentili spittatori, pirò, prima d’incominciare la narrazioni, allu scopu di farmi quadiari , picchì stu bestia mi fici siddiari (indica il presentatore), datimi nu minutu, pi cortesia, pi lassarimi concintrari nta facenna, e po’vi la cuntu tuttu d’un ciatu a comu veni veni… ( come se si fosse ricordato qualcosa, in quel momento) Ahu, e nun vi mittiti a camurria; nunca, muti, calmi e sori sori, e assittativi tutti, gentili signori. ( poi, con aria minacciosa) E, v’avvisu, se cusà, c’è qualcunu ca vulissi sapiri li cosi a pisu, osia ficcannuci lu so nasu, macari cridennusi c’avemu strantisu, è megghiu ca ‘n fa u san Tummasu e m’ascuta stu cunsigghiu: Jatavinni beddi valenti, ca ccà nun si parra o si sparra di la genti…comu se fussimu nta ‘n curtigghiu! Semu bravi prissuni e semu contenti.

Presentatore- Bravo!

Vitu – Grazie.

Presentatore – Prego. 

Vitu - E ora, chiarita a questioni  - spiramu -  m'ata scutari tutti manzi e sori, picchì vi parru di la riunioni cunduminiali - e non di cunti e numinagghi, comu stilavu cuntari a villa varagghi –  esattamente comu c’è scrittu ccà nto virbali -  tenutasi costi` passannuaieri, che pi la liggi è già in vigori. Attacca banna! (rullo di tamburi)-

E comu si stila nta sti casi, pi' primu arrivau lu purteri:  Sbalanca tuttu, l'aria s’a cangiari; abbessa i seggi, va` avant'arreri, tant'u sapemu: Ribussa a dinari! (il presentatore, si mette in testa un berretto con visiera, o qualche indumento adatto, e fa i gesti e i movimenti del portiere, Vitu lo guarda con aria di sufficienza, quindi serioso riattacca). Poi trasiu lu Rraggiuneri: Siccu e lariu, diminiscanzi, chinu di tikke davanti e d'arreri, cu carti, virbali, cunti e bilanzi (entra , invece una bella donna elegante portamento da donna in carriera, potrebbe essere Melu truccato) Iddu s'assetta cu fari schifatu, apri la borza e si metti l'ucchiali; po’ sparpaglia cartazzi supra a lu tavulu  vecchiu e scassatu -  s’adduna cu c'e`... e si leggi u giurnali…-

Presentatore-portiere- Zu Vitu, zu Vitu...(tenta di richiamare l'attenzione del narratore sull'equivoco)...pis...ps...a tia.

Vitu – Ahu, a vo' finiri cu ssa camurria? (poi vede la donna seduta al tavolino) A visti, e allura? cchi voi di mia? Cchi mi cunti! Cca c'è scrittu raggiuneri siccu e lariu, diminiscanzi ecc. ecc., ddocu, cuntaccilla all'autori. Allura, unn'erumu arruati...ah...dunchi... E lu purteri ‘ngrasciatu e piatusu … attaccau  nu trivulu da telegiornali:

Presentatore - portiere -  Rraggiuneri, vi raccumannu l'aumentu;  a vita e` sempri cchiù cara, c'e    l'inflazzioni... nto Fiscu c’è Viscu, ca ‘n avi abbentu…Po' aiu na figghia da maritari. Mi rimettu nta li manu di vossia, pi carità, fatimi sta concessioni. Pi l’animi de murticeddi pinzati a mia!

Vitu-  (accigliato, richiamandolo) Vuoi dire: Del priatoriu?

Presentatore-portiere: C’allura, sicuru: pe l’animi de muticeddi d’o priatoriu, e così sia!

Vitu – (indicando il ragioniere) Chidd’annaca a testa comu nu sceccu; comu a qual omo (guarda sottecchi la donna e poi scrolla le spalle)... ca vulissi diri: “Cusa`, forsi, macari, po’ videmu ... e nta so menti penza: cunnutu cu ci cridi.  Si ti lu dugnu sugnu pazzu e babbaleccu! Tannu a stari friscu, ‘mbecille e scemu! Nunchè pezzu di tintu sciauni, sparritteri e beccu! 

Po' c’eranu don Vicenzu Camilleri 'o dutturi " Nzisacchiccosi"; ca s'assettanu parrannu di fumeri, cu ddi vuccuzzi stritti e vummicosi. Po’ vinni  Marinu, mastru varveri, cu na para di mustazzi in pinnenza, ca si tuccava i so’ pampasciuni, ammentri ci dava la pricidenza - a Patri Cuntornu - jettaturi, giallu, siccu, mavaru e… cunfissuri; po’arrivò dda mala vintura sprurenti, di dda panza di Vinirannu Pulvirenti, tirchiu  e miserabili, chinu di corni russi contr’a jettatura: picchì pensa ca li so cari amici e parenti, ci ana fattu la massima “fattura”. Beh, ‘nzumma, in cunfirenza, p’a so granni priccheria, vulissinu ca stirazzi i peri - allura allura, p’a ammuccarisi finalmente a so’ robba e i so’ dinari.

Iddu gira li mani in circunfirenza, facennu li corna a pattri Cuntornu e cumpagnia. ( sono citati, ma non presenti in scena)

Intantu arrivaru la maistra Onorati, cu lu Maresciallu Bastianazzi. E s’accoffularu...fini e dilicati, comu a chiddu ca si cala l’asu i mazzi! ( i due entrano in scena: la Onorati è una quarantenne già appassita, ma non rassegnata; il maresciallo è piccoletto, dignitoso, indossa un vestito unica tinta, camicia bianca,  cravatta nera. Essi salutano col capo e si mettono a sedere). 

Quann’arrivò ddu gran toccu da infirmera Bonagola, tutti i prisenti sbalancaru l'occhi, picchì sculittava comu na cagnola, s’annacava di na sorti di manera, d'arrusbigghiari vicchiazzi e puppi - osia finocchi. (la ragazza belloccia, ancheggiando si siede vicino agli altri)

Appena arrivau Turiddu Pullara` detto “ciaccaligna” ( entra in scena dondolandosi, un giovane trentennete: capelli lisci, corvini, che quasi partono dalle foltissime sopracciglie), a maistra Onorati tutt’avvampo': tantu lu sapemu tutti ca pi Turi, idda si cattigghia tutta c'o popo'. Ma ddu carussazzu avi occhi sulu p’a 'nfirmera e d'a maistra, pari, ca sinni futti; pi' cui, la midesima, cangia bannera, e pi' 'mpignu fa taliati a tutti.  

Appressu trasiu u capu de Capuletti, Laganà jammasicca. ( entra un piccolo ometto, porta i baffetti a spazzolino, si muove a scatti e con la gamba sinistra ha una piccola difficoltà di deambulazione ) Iddu taliò di ccà, vardò di ddà, desi la manu a tutti li signuri, poi  s'assittau a sinistra, in funnu, vicinu ai so’ prutetti, senza  addinnari  l'amministraturi. O quali ci satau la musca al nasu! Desi na tagliata allu raloggiu, si susiu, s’assittau a casu, si sciusciau la nasca comu nu scurreggiu, osia di trummuni ormai stunatu, poi, rassegnato si rimisi a leggiri u giunnali ( i detti fanno la scena descritta).

E u Capuletti satau all’aria arraggiatu:

Laganà -  Rraggiuneri! E cchi si leggi u giunnali? Ma varda cchi cosi. (da uno sguardo in giro per cercare l’approvazione dei presenti) E quannu accuminzamu lu dibattitu? Sono già passati esattamente (guarda l’orologio) tre minuti dall’orario stabilitu e si leggi ancora u giunnali? L'assemblea 'n'e` pi' casu fatta sulamenti p'a Ditta appoggiu? Ccà sempre e sulu i fissa semu puntuali, comu si a genti n’ avissi cchi fari; mentri certi " arrucati" armali, stilanu comu giusta cosa arritardari. Annunca, 'n si voli convocalla? Nun ci damu 'na taliata ai cunti? O si cerca a scasciuni p'invalidalla, ca cumpricità di li “cumpari” assenti, in combutta cu tutti li cunsunti, ondi fari arristari allu so' postu stu sciavuni d’Amministraturi tintu e tostu, ca sta a capu di tuttu stu cunsorziu: Lattru, mariolu, e omu loscu!(scatto d'impazienza) Ahu Vitu e ju nun ci a fazzu a diri tutti sti parulazzi a na bedda carusa comu a chidda. 

Vitu – E cchi voi di mia? arrivorditi a regola prima do tiatru: Facemu finta di nenti. Abbozza e cuntinua!

Laganà – E facili a dirisi...mammaggia, mannaggia...dunchi dicevu: lattru, mariolu e omu loscu (fa cenno come dire: e pazienza), cu la cumpricita` di ssi farabutti ( e fa cenno al Muntecchi Saru Mafai, uno spilungone vestito a festa, che entra proprio in quel momento) ddocu, (come schifato) cu certi Muntecchi babbalecchi assai- cu 'ntesta ddu beccu tintu e cunsuntu, ca rispunni al nome di Saru Mafai! ( Sarino ha un soprassalto, non aspettandosi così presto l’invettiva).

Mafai -  Ahò, mancu trasii e sunu gia` guai? Chi avi ssu giannusu e sciarrinu, tintu Capuletti senza sustanza, ca veni cca, a fari u malandrinu, sparannu  a bruciapilu nta la panza, palori di focu degni di … di…di suburbiu osia suburru…

Infermiera – Mamma mia, cchi parulazzi, signor Mafai… (equivocando la parola “Suburra” e facendo la timida) 

Mafai – E cchi capiu chissa? (sbalordito, guardandosi in giro)

Onorati – …accura c’a carusa si scannalia (con marcata ironia).

Infermiera – Ma nun dissi…

Mafai – Signorina, siti bedda, ma non lesta: ju dissi Suburra, e nun chiddu ca vi passau pi la testa! (seccato)

Infermiera – Baddamatri, e cchi voli diri? (risentita)

Maresciallu – Signorina, calma, c’è un equivoco, ora ce lo spiego io: allura: il qui presente signor Mafai, voleva significare che (confondendosi) che… voleva dire…insomma, il suburbio era il quartiere periferico della Roma antica, comu per esempiu, pi Catania: Canalicchiu, Nesima o Santu Nuddu. Mentri, inveci, la Suburra, era il postribolo…

Turi – Ecco! (trionfante) Lo volevo dire io. Inzumma Signorina Bonagola, in paroli poveri, chiddu ca ssu cristianu ammuntuau, fussi a significari du sordi di corda e nu chiaccu, osia na furca, unni s’affucunu i cristiani. Per esempio, putacasu, macari oggi, in America...

Maresciallo- (seccato, bassa voce) Ju ci affocassi a tia.(poi ad alta voce) Ma insomma signor Pullarà si voli stari zittu? Chiddu unni, secunnu vui, affucuvunu i cristiani si chiama patibolo. Il postribolo, inveci è un posto dove… ossia un luogo…inzumma…

Vitu – ( a bassa voce) …Unni si ‘ntrumma…

Infermiera – Ah, ora capiu… è …è na cosa… come nu…come nu…

Vitu - (ancora trionfante)…nu burdellu…

Onorati (indicando l’infermiera) … ergo, a casa sò!

Infermiera -(pizzicata) …Ju a chista la pinnu, maresciallu!

Maresciallo- Boni, boni…semu civili o no?

Laganà – E ci vosi l’interpriti e nu sciavuni, pi capiri stu mariuolu. (indicando Mafai). 

Mafai – ( all’infermiera e alla Onorati cerimonioso) … Ju parru cu la dovuta creanza, (poi a Laganà) non comu certi vastasi e scarricaturi di molu.

Laganà – (sarcastico) Parrau lu barunellu cu setti baddi e nu castellu.(rabbioso) Vattinni, vah, lattru, tintu e ‘mbrugghiuni.

Mafai -  (Bilioso, poi guardandosi in giro per avere appoggio) Ahu, e a cu ci u cunti stu sturnellu? E cchi portu scrittu nta la frunti sta matina? Fissa? o priccasu sugnu orbu e sordu? (poi a Laganà direttamente) Nunca, vegnu e mi spiegu pezzu di crastuni: Pozzu pozzu, vulissi ca t'accordu nu vastuni di chiuppuru nta la schina? 

Laganà – Ata sintitu tutti a stu cajordu? Ma cchi m’aiu cunprumettiri sta sira!

Marasciallu - Calma, signori, calma e cchi è?  Comu? ancora  e` nenti e gia` vi sciarriati? Ju dicissi: facemu u presidenti, e senza fari sti facci d’incazzati, contrullamu i millesimi e cu c’è, e discurremu di st’ordine del giornu.

Vitu - U me aumentu! - Scascio` lu purteri.

        - L'ascinsori!- Prijo` patri Cuntornu.

        - A luci nte scali...- Dissi lu varveri.

        - Facemu u prifissuri prisidenti.- Prupuniu ddu pagghiolu di Marinu.

        - Accittamu.- Dissi l'espunenti di tutti i Capuletti, don Sarinu.

Laganà – U prifissuri? Nu mumentu, senza offesa pi nuddu, ma s'aviss'a vutari a maggiuranza...-

Mafai – Parrau iddu, Puddu Lagana` "Jammatisa", de' Muntecchi voci e sustanza.

Laganà – U to’ pattruni si ci primmetti, (sarcastico) Saru “ ca nun ci attisa” de’ Capuleti primu ruffianu!(eventuale gesto dimostrativo, l’altro fa cenno d’alzarsi).

Mafai –Cchi mi voi mettiri alla prova, macari cu la manu?

Laganà – Vaia Sarinu, ca fai mala comparsa…

Vitu – Ahu e cchi è stu schifiu? Cca ci sunu fimmini - malarrucati!

Dunchi, dicevu: E doppu tri vutazioni a vuotu, alla quarta fu fattu lu Maresciallu, ca cu 'na vuciata di civitotu, misi fini a tuttu ssu burdellu.

Maresciallu – Ahu!!! Signore e signori avemu tutti primura! Allura, i millesimi ci su, il quorum è raggiunto, e cunziquetamenti passamu subbutu all'ordini d'o jornu, ca si nun m'ingannu, recita: Primo: S'ha spurgari a fugnatura.-

Laganà - Ma comu? nun si fici passannaieri?-

Amministratori - E si vidi ca siti granni…’ntasatori, e ci voli a pompa de' pumperi...

Onorati - Pattri, Figghiu e Spiritu Santu, ( segniandosi), nun’ e`picchissu lu gran fetu ca sentu?-

Laganà – (sottovoce) Forsi sunu li so' pedi squarati ca fetunu di fumeri...

Infermiera - Ju vulissi u specchiu nell'ascinsuri (facendo la vezzeggiata e, contemporaneamente guardando con occhi di triglia Turi, che corrisponde con uno sguardo maliardo, d’assassino).

Vitu - Ahò l’accuntintaru subbutu la pupa, l'appruvanu a granni a maggiuranza, a prima vutazioni  e ci vut’a favuri pur’a scupa, annunca ci abballavunu nta panza.

A stu puntu a sirata si quario`: T'arriva, comu ‘n toru 'nfuriatu, Santu Pigna (presentatore truccato da…), ca senza schi`, ne` sco`, ‘mbriacu comu na signa, si chiama li so’ diritti di sfrattatu. Poi fici c’un’itu na minazza attonnu, cullittiva, e dissi:

Santu Pigna –  Nun mi futtiti stativi accura! cu rispettu parrannu, portu i mutanni di lanna, su misura!

Vitu - Fattu st'attu di malandrineria, viro` di bordu comu nu tuppettu, lassannisi appressu 'na scia, na puzza di vinuzzu do Malettu.

Onorati – Mattrisantissima cchi puzza.-

Infermiera – Vih, malanova cche dilicata…-

Onorati – Muta tu, sprurenti e malarucata.

Turi – Avaia signura, mi si l’accuzza…

Maresciallu – Finiamola, signori, pi’ cortesia, e unni semu forsi ‘a pischeria? 

Amministratori – Presidenti, vogghiu la parola.

Laganà – Voglio? L’erba voglio non cresce…

Infermiera (tutta giuliva) … nemmeno nel giardino del re.-

Laganà – Brava! (poi rivolto all’amministratore, con fare da popolano eccessivamente cerimonioso) Casumai … vulissi… putacasu…

Mafai – Casomai, vulissi. putacasu? Ahu ma cchi si in sensi, tintu cursotu?

Laganà- Megghiu cursotu ca zaurdu cifalotu. (sentenzioso)

Maresciallo – Signori, vi prego, semo onorati di sintiri le vostre provenienze. Ma cca si tratta di conduminiu, perbacco. Ragiuneri a voi la parola. 

Amministraturi -  Grazie signor presidente. (pausa teatrale) Signori condomini,  mi pari ca cca` nun semu a scola, vardati, s’avissi appruvari stu rendicuntu: Sunu esattamenti …precisi precisi…  avissaru a essiri…videmu…(suspance) eccu: un milioni, puntu! 

Maresciallu -In tuttu? -

Amministratore- No a testa!-

Vitu – Minchiuni!

Laganà – Quantu dissi ssu cunsuntu?

Maresciallu – Un milioni! E cchi su’ vampugghi?

Laganà – Nta carina ci dugnu un miliuni di vastunati!

Onorati – Ma cchi m’aia fari u mutuu, o m’aia mettiri nte mbrogghi?

Infermera – Varda comu ni stamu pinnannu tutti, dispirati…

Onorati – Ahu, bedda, ju sugnu na lavorattrici! e mi uscu a vita onestamente, mentri cert’autri prissuni (indicando col mento l’infermiera) alli voti…fannu puru li…massaggiatrici. (fa il gesto).

Infermiera – Vih, chi fimmina, vilinusa! È’ na serpi, nu scussuni!

Turi – Signora Onorati, la signorina qui prisenti, nun vuleva…

Onorati – Mutu tu, beccu cuntentu e cca prova!!

Maresciallu – Raggiuneri, a propositu di prova: siti sicuru di ssa somma? ci aviti la prova pruvata?

Amministraturi- Gnursì! Ora, si pozzu…Allura, dicevu: e s'hann'a pavari senza scasciuni! Ccà c’è immancabilmente infallibilmente, inesorabilmente tutta la comprova...-

Vitu - Impallideru l'infimmera, Capuletti, Pullara`, u dutturi,  Cuntornu, Montecchi, don  Vinirannu e u prifissuri. U maresciallu ci vinni a tussi; Marinu lu varveri 'n capiu nenti. Don Vicenzu dissi: Ma cchi ccosi...;e alla maistra manco` lu rispiru. S'intisi puru qualcunu ca lastimo`; Lagana` nun ci la fici a diri: piu… e l'aumentu lu purteri si lu juco`; e a mia, parranno cu creanza,  mi si sciugghiu lu stomacu  nta la panza.

'N ci criditi? ma nta ddu mumentu ci fu un gran silenziu, e mi paria di star’addinucchiatu nta cunventu, unni la genti si pinna, prija e sciuscia incenziu. E si 'n bastassi, passatu u lampu, pi nui puvirazzi, 'n vinni puru u tronu, senza scampu.

Amministratori - … ( con ferocia) Ora s’appassari al secondo argomento. Ata sapiri, ca oltri a li spisi previsti dill’ascensuri, e di l’autoclavi e di l’androni, c'e` la tirrazza cunduminiali ca di bonu a bonu, spanni  sutta la casa dell'assessuri. Pi cumidità e accellerari i cosi, cca` c'e lu privintivu dei travagghi bell'e` fattu: Mattunelli, pici e cumprissuri, iva, e manudopera a strasattu. Il tutto ammonta a... videmu un po'... Eccu: Sunu cinquanta miliuni!"

Laganà - Alla facciazza tò! E cchi nni pigghiasti pi minchiuni? Ca ora mi vinnu l’appartamentu pi aggiustari la terrazza? Vaja, siamo seri. Allura, in primis propongo di rifari u privintivu,

macari circannu autri Ditti, e pi' vidiri magari se nta stu condominiu  e` mortu, ossia s'e` vivu, lu bon sensu di prissuni adutti. In secundis a m’a mammari via st’amministraturi; pozzu, pozzu, eppoi…

Mafai (sfottente)  … cchi nnicchi nnacchi abballari cu vui?

Laganà – Nutu, sceccu vistutu pulitu. 

Mafai – Viddanu arrinisciutu.

Maresciallu – Bboni, bboni, cca si parra di piccioli beddi pisanti. Damuni na calmata e arraggiunamu.

Infirmera – Benissimo, palori santi!

Turi – Appoggiu tuttu, macari lu quesitu.

Onorati – C’appoggi tu, sciaccaligna! zittu e mutu!

Turi – Signora appattegnu ai sciaccaligna e mi ni vantu. Pirò appoggiu chiddu ca dissi idda - dda carusa….

Onorati- Vih cchi granni onuri sta vostra appartenenza…Ma v’o cuccati omu pi cumparsa!

Infirmera – Cchi dissi ssa vicchiazza vavusa?

Onorati – Ca ti pinnu - vuccuzza di stummu scaffitutu!

Laganà – Ahò, ora l’avissiru a finiri cu sta farsa. Cca i picciuli sunu in crescenza, si ‘n na sapemu quartieri, ni scavamu pi sicuru na bella fossa.

Turi – (sottovoce all’infemiera, facendo lo spiritoso) Unni? Ai tri canceddi? Nun c’è cchiù postu…

Maresciallu – (a Laganà) Ben detto! Sentitimi un momentu…-Turi mutu!- Zitti e bboni. N’amicu di me cuscinu canusci un’Impresa seria e non caravigghiara, ca, forsi forsi, pi mità, osia pi sicuru, a terrazza e l’androni ci arripara. Ora ci apprisento la questioni e videmu cchi cosa si po fari. Nto frattempo, si Turi Pullarà finalmente ci primmetti (vedendo che fa ancora gli occhi morti all’infermiera), comu dissi l’amicu Laganà, invitu tutti i signori condomini di ricercare qualche altra impresa- nun si sa mai- ca ci fa il preventivu cchiu favorevole pi tuttu ssu travagghiu, unni verificari se è si o no, s’è mortu o s’è vivu, si nun sbagghiu, chiddu ca si spera, cioè arrisparmiari un pugnu di milioni ed eventuali possibili maneggi di lestofanti e di ‘mbrugghiuni. Cu è daccordu isa la manu dritta, cu nun è, isa la manu manca ( i presenti alzano le mani, ma si fa confusione) Un mumento: facemu accussì: cu è d’accordo alza la manu, cu non è, si sta soru soru.

Infermiera- Signor mirisciallu, non capii se debbo isari la mano picchì vogghiu la tirrazza, oppure l’impresa…

Turi – Signorina, vardassi ci lu spiegu ju: Se voli a mia isa la manu destra…(mormorio dei presenti) volevo dire: se voli la terrazza si sta fremma fremma…

Amministratori – Ma quali terrazza e tirrazza! Ca si parra di l’imprisa.

Maresciallu- E mi pari di si, gran tistazza ( a Turi).

Onorati – E chi centra Turi sciaccaligna, amprisa c’ambrugghiamu?

Turi – Amprisa c’ambrogghiu ju? Bedda chista! E cchi c’entru ju cu l’impresa e ca tirrazza? E quannu mai. Io volevo solo spiegari alla qui presenti signorina Bonagola, che si deve alzari la mano sulu, asempiu, a manca p’a terrazza, e la dritta pi l’amministratori, si nun sbagghiu la quistioni.-

Laganà - Ma chi sta dicennu stu minchiuni? mi cunfirmate macari l’amministraturi?Azzu! A ssu pezzu di lattru e scarafuni? Ma cchi siti Giufà o pazzu? Ju vi addinunzio ai carrabbineri-

Amministratori – Ju addinunzu a vui. Calunniatori e minzugnaru!

Mafai – Bravu! Appoggiu tuttu. E ju sugnu u vostru testimoni, cavaleri.

Amministratori – Grazzie assai, signor Mafai, qua la manu.

Laganà – Comu, a so’ favori fai u testimuni? Sanguedigiudalattroeassassinu! Si sapeva già ca eri compari di ssu sciavuni, ma ora ci fai macari u licchinu! Signori, ecco la prova provata se stu dilinquentuni, n’ è culu e cammisa di ssu pezzu di lattruni!

Onorati- Ahu vui, parrati pulitu!

Infermiera – …Annunca s’affrunta…

Onorati – A sintiti sta cajorda?

Mafai- (alzandosi e impugnando il bastone a mo’ di sciabola) Signor amministraturi, nonché cavalieri, ju sugnu prontu pi la tistimoniata! quannu l’accattati a carta bullata?

Laganà – Avanti Savoja! Cu ssa carta, chiddu ca sapiti vui vi ci putiti stuiari. Cca ci sunu provi provati che siti na banda di scippatori autorizzati, pi delinquere e p’a arrubbari, noncchè, si capita, magari p’astruppiari: tu, iddu e cu vi teni lu burduni.

Maresciallu – Mi pari, signor Laganà, ca ora stati scasciannu assaiuni.

Laganà – A vui chiedu scusa, signor maresciallu ma ccà, ccà ci sunu scarafoni di fossu, ca si mangianu stu condominiu sanu sanu cu tuttu l’ossu.

Turi – Fora i nnomi!

Onorati – Bravu Turi Pullarà!

Infirmera – Varda sta vecchia ruffiana…

Onotati (sottovoce) Muta, sorti di buttana.

Lagana – I nnomi e macari li cognomi, e comu siti ‘ntisi, ve li faccio al momentu opportunu. Intantu vi cuntrollu comu siti misi.

Mafai- Controlla a to soru! Ca semu genti onesta.

Turi - … e a robba manca.

Mafai- Cosa avete detto?

Tuti – Ca…ca…manca

Infermiera – Dissi a manu manca, ‘nzumma ca sa isari a manu manca.

Maresciallu – Bedda matri sta fimmina avi l’oru nta vucca: avi raggiuni, si deve votare, signori miei diamoci da fare.

Amministratori – E finalmente finiu sta farsa. Parliamo ora col sale in zucca.

Mafai – Approvu!

Laganà - …(tra i denti) Ruffianu da testa ai piedi.

Maresciallu – Allura, accuzzamu, cu è daccordu alzi la manu.

Infermiera – D’accordo a cchi cosa?

Maresciallu – (guardando ammirato la donna e confondendosi) Gentili signorina, a fari la terrazza… anzi i lavori… no cchi dicu… u privintivu…

Laganà – (paziente) La ricerca dei preventivi… se nun mi sbagghiu e se u maresciallu ci arritonna a vista di l’occhi.

Maresciallu – Bravo! Ben detto! A vista di… ma cchi dicu…i privintivi per i lavori.

Amministratore – Non sono d’accordo, ma mi conformo. Si arraggiuna finalmenti! Ora ju, d’amicu e da vostru amministratori, vi dicu la prisenti: circati di fare in prescia prescia, picchì sennò la vostra casa si la mangiano l’avvucati, liscia liscia…

Laganà – Cchi sintiti diri? 

Amministratori – Sentu dire ca se non vi sbrigati a fare riparare per bene la terrazza, pagherete i danni all’assessuri, a tunnillati, e badati nun è na minazza! Eppoi appressu c’è il quartierino del signor Cipolla lo quali è confinanti con quello che ha il difetto. E se nun si interviene veloci, a molla, a ta pavari li danni al sopradetto, o quali, v’avvisu, avi a carta bullata a teni nto cassettu. Poi, appressu ci sarebbe…

Maresciallu – Raggiuneri, l’avemu capito l’effettu. E cchi semu scemumiti granni? Il danno c’è e sa a da riparari… ma non luvannici macari li mutanni.

Laganà – Arrivuddatici do 15 pi centu.-

Onorati – Chi dici? U quindici pi centu? E chi veni a diri? Avanti!

Laganà – Veni a diri ca su un’ammontare di centu liri di travagghiu, stu gran lattruni d’amministraturi, di straforu, si mangia quindici liri, si nun sbagghiu.

Maresciallu – A che titolo, perbaccu?

Laganà – Di pizzu, pi chiamallu cu nnomu e cugnomu.

Amministratori – Ju u pizzu? Santu diavuluni a mia ssu smaccu? Ma cchi su cosi ca si diconu…

Laganà - … ma ca si fanu…

Amministratori – Tinitimi sinnò lu sbranu.

Maresciallu – Signor Laganà, per gentilezza, finitela cu ssu tonu. E voi ragiuneri datevi na calmata.

Amministratori- Mi calmu picchì sugnu un galantuomo e picchì cca prisenti ci sunu nu pugnu d’amici di vecchia data. Avanti va beni, sugnu calmu. (poi ci ripensa) 

Pirò voglio dire forti e chiaru: Ju sugnu pulitu. Forsi u signor Laganà (ironico) si riferisce a qualchi autra prissuna … ca macari fa l’opposizioni, lu fintu controlluri, chiddu ca s’adduna…ma prontu ad abbuddari li manu all’occasioni.

Laganà – Ahu messere e sbirru e che intendete dire?

Amministratori – Intendu diri ca cu si cattigghia ammatula, qualchecosa, pi sicuru, si l’ammuccia.

Laganà – Minchia chi prissuna trubbula. Chiffà, mi minaccia? Aora v’abbessu ju.-

Maresciallu- Fremmi vi dissi! Signori miei e cchi cosi… cca si deve discutere e non passare ai fatti, da mafiosi. Allura, si ci primmettunu sti… signori, direi ca si semu tutti d’accordo sui privintivi, io proporrei di votare e d’aggiornare la seduta.( escono tutti, tranne il presentatore e lo zu Vitu) 

Vitu - Fu un interventu ca comu un salvagenti ni salvau a tutti pari pari. Si vutau e all’unanimità – dico all’unanimità-… prittantu ‘n fu appruvatu nenti, a scunnu d’amministraturi, naturalmenti.

Prisintatori – (rientrando) Benissinu. Ma, intanto, a terrazza spanni…-

Vitu.- E lassila spanniri…cappoi… bisogna vidiri se è proprio prubrema granni…-

Prisintatori – Cchi sentiti diri? Ca è sulu tanticchia?

Vitu – Sentu diri…anzi mi scisciaru nta na ricchia, ca l’umidità n’è strabilianni, nta l’appartamento di l’assissuri. E chi aviss’a diri ju ca c’iaiu na macchia, quantu ‘n linzolu, nta pareti di fronti all’ascensuri?

Prisintaturi- E fatilu prisenti ca ci pensa iddu, l’amministraturi…( fa cenno verso le quinte)

Vitu – …a futtirisi i nostri piccioli - a sicchia…

Prisintatori –Vaia, ma siti suspittusu, su l’onuri…. 

Vitu – Cui ju? Ma se sugnu tuttu na nnocenza. U fattu è ca nun sacciu di precisu se spammi lu tubu d’o muru d’arreri a credenza, o chiddu d’a colonna muntanti ch’è lisu. E comunque sempri pili sunu, senza ardenza, osia ‘mpurtanza. Eppoi, tornando alla terrazza: tu sei ignuranti picchì, devi sapiri, ca se putacaso non chiovi pi sei misi, tuttu si risolve da se: ossia il calcio contenuto nell’acqua, sculannu, sculannu, chianu chianu ti fa na sorti di crosta ca è forte cchiù do cimentuarmatu. E nel giro di pochi mesi tappa a tappu qualsiasi spannitura. Ma babbaleccu, penza e grutti calcarei, ca fannu certi sorti di cannili nto tettu e in terra, ca pari mammuru di Carrara. Annunca u sai o nun u sai? E sunu chiamati stallittiti, tantu priffetti, ca parunu fatti do ciraru, u zu Jachinu Bellassai, E allura, nta grutta si e nta terrazza no? Ahò, a liggi e uguali pi tutti, si nun mi sbagghiu! E’ logicu? E cu chissu ti salutai!

Prisintaturi – Mizzica cchi prescia, e nu mumentu. E dicitimi, comu finiu l’assimbrea?

Vitu – Comu finiu? Finìu ca po' prisenti, l’amministraturi abbuzzau! Tutti pigghiammu sciatu e sentimenti, e l'assemblea fu sciolta e u virbali si stilau: Picchi` quannu s'a na nesciri dinari, i condomini su’ tutti d’accordu, e nuddu s’arrisica cchiù a pipiari: Po', dissi lu maresciallu: tutti a bordu! piriculu scampatu, finalmenti. Cappoi, forsi forsi, fra se' misi, sinni po' puru parrari… cusà, pri casu, macari … sulamenti.”

E chissu è tuttu: nettu, pulitu, senz’ossa e senza spini: piffittamenenti, osia: tali e quali!

Prisintaturi – Zu Vitu, aspettati; a verità, comu finiu cu Turi Pullarà e a ‘nfirmera do spitali?

Vitu – Quannu nta dda stissa siritina?

Prisintaturi – Annunca quannu, dumanimatina?

Vitu – E comu voi ca finiu… finiu… finiu…can nun ti lu dicu: tintu quaquaraquà e sparritteri.

Prisintatori- Mizzica sempri vui siti, e cchi razza d’amicu… Ju sugnu sulu curiusu e a curiosità è sintomu d’intelligenza. 

Vitu – A curiosità è sintumu ‘ntricanza, picchì tu si ntricaloru comu na fimmina cuttigghiara. (sornione) Cappoi chissa è n’autra storia…

Prisintatori – Bonu, và, ama finutu. A ci nni voli cu vui di pascienza…

Vitu –  Lu capisti ora, babbasunazzu. (poi confidenzialmente) Ahu e uora doppu stu scantazzu, mi vinnu st’appartamentu e cu chiddu ca pigghiu  m'accattu na cusidda di strapazzu,  macari nfunnu a nu curtigghiu.

Prisintaturi – Ma quannu mai, cchi diciti, ‘n faciti stu passu. Tra Muntecchi e Capuletti, niuri e janchi, sti riunioni su sempri nu spassu, picchì su’ na farsa, veru tiatru ciaccascianchi.

Avaja nun diciti minchiati: si vinni iti po’ v’abbattiti lu pettu: a unn’u truvati cchiù u sbaddu di ssi sirati, senza pavari u prezzu d'o bigliettu? 

Attacca banna! (rullo di tamburi, poi musica adatta)

I due, prendendosi sottobraccio, lasciano la scena, ma esce solamente il presentatore. Carmelo va verso il proscenio. 

Car.- Basta accussì carusi, pi sta sira ama spirdutu, itavinni a casa.-

Quindi Carmelo (Vitu) va a sedersi, stancamente, nel proscenio. Entra Rosario. Il giovane lo sta a guardare, poi, quando la musica cessa e si accendono le luci di servizio, si avvicina al capocomico.

Ros.- Maestro, siete stanco e insoddisfatto, vi capisco. Le prove di stasera non sono andate troppo bene, vero?-

Car.- Ma no. Ma no. Non mi pozzu lamintari. A sufficienza va dugnu a tutti.-

Ros.- Speriamo bene per dopo... col pubblico presente in sala...-

Car.- Co pubblicu andrà a meravigghia. S'avemu ricitaru beninu stasira, che seggi vacanti,     immagina comu reciteremu dumanisira, quannu, dda sutta, ci sarannu assittati ducentu cristiani.

Ducentu animi vivi ca co so ciatu ci darannu tutta dda sacra forza ca ci servi, a nuatri, modesti attori, pi rapprisintari i nostri personaggi, ai quali pristamu, si, lu nostru corpu, ma ci arrialamu, pi junta, la nostra anima. 

Picchì, vidi, oggi semu afflitti e stanchi, ma dumani sira, appena calerà u sipariu, la nostra fatica svanirà, subbissata da un mari di applausi -speriamu.(si alza a fatica) Eh, caru miu, chissu è u bellu do nostru misteri: si varda d'avanti e mai d'arreri.-

Finita la tirata, si alza e va al centro della scena, dove lo raggiungono gli altri attori per l'applauso finale e il ringraziamento al pubblico. 

                        

 

 

 

   

Nr 3- Contiene:

 

Li cunti do zu Vitu Spiciali

L’appuntamentu fantasima

La prova d’insieme

 

              

 

                               LI  “CUNTI”  DI  LU  ZU  VITU  SPICIALI

                                  (cuntaturi di cunti a villa comunali)

 

                                           

                                                         due atti 

                                   epici-maccheronici-siculu-picareschi

 

 

2009 -due atti – personaggi tre (uno potrebbe essere femminile). 

Lu zu Vitu Spiciali, cunta quattro cunti: Lu sbarcu in Sicilia di l’Alliati; A storia dell’unità d’Italia; A cavalleria rusticana e Archimedi contro li rumani. Quattro storie in siculo- maccheronico -epico – picaresco.

 

 

                                                      

 

                                                     

Marzo 2009

 

 

                                                       

 

 

 

Personaggi:

 

 

 

 

Vitu Speciali…………………………………puparu;

 

 

 

 

Presentatore…………………………………suo assistente;

 

 

 

Voce dal pubblico…………………………..dissenziente.

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                    Atto  I

 

Sulla nuda scena verrà posto un leggio a sinistra del palco, Le luci illumineranno il predetto, a seconda delle fasi dello spettacolo. Musiche adatte.

Quando si aprirà il sipario, entrerà in scena il presentatore, smilzo (o presentatrice). Indosserà un frac sui generis, di due misure più grande. Al contrario lo zu Vitu, un omaccione,  indosserà un frac due misure più piccolo.

La Voce, il terzo attore o attrice, proverrà dalle prime file di posti in sala. 

 

Presentatore-  Spittabbile pubblico presenti in sala e pubblico che ci segue da casa sui teleschermi…-

Voce – A vo cuccati beddu…i teleschermi, ccà, nta nu tintu tiatrinu dill’opira de pupi? Ma cchi minchiati vai dicennu!-

Presentatore – A scusari, beddu arrucatu, ma è l’abitudine a presentare grandi eventi che mi induce…-

Voce – Ma cchi ci ancucchi! A vo’ finiri o no? Tantu u sapemu ca siti morti di fami e pupari di strapazzu!-

Presentatore- Ma ju dicu, ju dicu! Ma cu ci lu purtò a chistu beddu spicchiu di mennula amara nta stu tiatri, ammenza a genti arrucata? 

Scusate signore e signori, scusate il piccolo insignificante incidenti e passiamo oltre…-

Voce – Passiamo oltre (imitando il presentatore)  E cchi è? Aora passasti all’italianu?-

Presentatore – Ci vuoi fari travagghiari o no? Picchì, sai, ci voli nenti a ritirarimi e appoi co pubbricu pavanti, t’a vidi tu!-

Voce – Avanti va’ pi stavolta parra, ma accura a chiddu ca dici.-

Prisintatore – Grazia assai (ironico) Allora stavumu dicennu ca oggi v’apprisintamu quattru cunti di lu zu Vitu, composti passannuaeri, di notti e pi puntigliu.

E sunu:

“Lu sbarcu in Sicilia di l’Alliati” e “A storia dell’unità d’Italia.”, “A vallaria rusticana” e “Archimedi contru li rumani”. 

Vi raccumannu ascutati con attenzioni e co cori in manu…-

Voce – E ca fari co cori? Pi vuattri ci voli a quarumi!-

Prisintatori – E attorna! Ecco a voi lu zu Vitu Spicialiiii!!!!-

 

Entra Vito, lentamente, dondolandosi, dando occhiate di fuoco alla platea in cerca del disturbatore. Si pone al centro della scena, si aggiusta i pantaloni, si soffia il naso e attacca:

 

Vito – Amici mei carissimi, affezzionatu pubblicu, macari a chiddu ca parra ammatula dda giusu, vi vogghiu cuntari stasera quattru storii frischi frischi, quasi di jiurnata. 

I titoli vi dissi ddu tintu presentaturi, provucaturi, spacciaturi- osia millantatori - scunghiurutu e sparrinu!-

Voce – Bravo!-

Vito – Grazie!-

Voce – Prego.

Vito -  Pi primu accuminzu cuntannivi la storia di lu sbarcu in Sicilia di l’Alliati. Accura ca nun’è tutt’oru chiddu ca luci, no sensu ca è chiddu ca sacciu, chiddu ca m’arrivordu, chiddu ca scrissi e chiddu ca vi cuntu. 

Ora attenzioni: pi cu avi u sbaddu e pi cu voli sentiri p’allianarsi, siti pregati di starivi muti, zitti e sori.

Un minuto pi cuncintrarimi… (Entra il presentatore)

Dunchi attacca banna: rullo di tamburi.

 

Presentatore -  LU  SBARCU  IN  SICILIA  DI  L’ALLIATI.

                       ( comu lu cunta lu zu Vitu, a pattruni e criati)  

 

 

 

 

Vito -

Quannu nta l’annu ’43 a verra

pi l’Itali’addivintò ‘n pocu fitusa,

na nu certu postu di l’Inghilterra,

l’Alliati s’assittarunu a tavulinu

cu ‘n mazz’i carti e ‘n quart’i vinu,

 

pi decidiri si passari da Sarausa,

p’accuminzari na bella invasiuni,

o fari nu sbarcu a Lampedusa

“Fremmi tutti!” diss’u Yanck’e so’ cuscini,  

“E si ci scangiunu pi clandestini?”

 

“Cchi minchi dici!” ci dissi l’albiuni,

“Cerchi forsi scusi pe to parenti?

Cangia sunata, pezzu di sciavuni.

Orbene, il dato è tratto, oramai,

e parra picca annunca tinni vai!”

 

“Ma vo’ cuccati.” Ci dissi lu tinenti,

“A sapiri, beddu, si ci primmetti,

ca nui pigghiamu l’isula comu nenti:

N’abbastunu du’ o tri corazzati,

pi rumpiri l’ossa a ssi sfissati!”

 

Voce – A cui sfissatu?, a mia? Ahu zu Vitu e cchi ssu sti cosi?-

Vitu – Mutu e rispetta a puisia. Comu ti primmetti, e comu osi?-

Voci – Bonu va, stasira è nirvusu, megghiu ca m’aggiuccu, comu d’usu.-

Vitu – E bbonu pinzasti, beddu carusu. Allura m’arripigghiu immantenenti:    

 

A stu puntu si misuru l’elmetti

e si pigghiarunu a vastunati.

Si stavunu facennu a pulpetti,

quann’unu dissi: “ Ahò e i fascisti?

Prestu priparamu piani e listi!”

 

Alfin, tutti bedd’e prufumati,

‘mbaccarunu supr’i turpidineri,

facennu rotta, tutti arruffati,

versu la Sicilia, terra civili, 

ca l’aspittava cu surdat’e fucili;

 

e cu tri batterie di cannuneri

(tri cannon’i lignu e unu veru),

all’Isula, contr’aerei straneri;

e ‘n cannoni a Santa Banascia,

contro la flotta e così sia.

 

Appena sbarcanu nta l’Imperu,

cu ddu gran caudu ca si squagghiava,

si ficiuru u bagnu, po’ si suseru

e conquistaru na garitta, di gettu,

unni tri surdati jucavan’o mazzettu.

 

Nto mentri nto portu di Sarausa,

nun ci capeva mancu na paranza,

tantu eranu li navi alla rinfusa.

Italiani? No! di l’Alliati,

Comu? E li cannoni? E li surdati?

 

I surdati svignaru senza creanza;

co’grandi cannoni finiu a fetu;

lu Cumandu d’Austa persi sustanza,

e li sarausani, menzi affamati,

mangiavan’i galletti di l’Alliati.

 

Voce- Murtizzi di fami e ruffiani!-

Vito – Abbasta ca  ‘n affenn’i cristiani…-

 

Quannu arrivarunu allu Simetu,

ssi “liberatori”, pigghiati a mazzu, 

attruvaru ‘n plotoni beddu quietu,

ca ci fici vidiri succi viddi  

a ss’Armata a strisci e stiddi.

 

Voci – Accussì si faceva la verra! E li mannaumu dritti dritti a Gibilterra!-

Vito – U sintiti a stu sprudenti? Parra com’uno ca n’avi nenti in menti! Ahu babbazunazzu e sciavuni, lu vo’ capiri ca si sparaunu cu na batteria, macari na sula salva di cannuni - a navi, ni facevano fari a fini di Zaccaria, ca la pigghiò nto panaru ammenza a via! Allura:

     

Poi na muschitteria a Randazzu,

qualchi cannunata a mezza via,

e appò tuttu finì a pruvulazzu.

Ammentri c’era unu ca vanniava:

“Jittatili a mari!” e s’ancazzava.

 

“A cui? Eccellenza, dici a mia?”

- rispusi l’Esercitu talianu -

“picch’annunca sta fagghiannu vossia”.

E ddu papavuru, a gran vuci:

“Ve lo comando, io sono il duci!”

 

 

“A cchi cumanni, santu cristianu,

‘n vidi ca semu comu lazzaruni,

cche pedi scausi e ca cavetta ‘n manu,

ammentri ca cercamu travestimenti,

ammucciannici macari nte conventi?”

 

Voce – A vistu? Ci fu lu tradimentu!-

Vitu – Fremmi tutti nu mumentu! Ahò si mi vo’fari cuntari, statti zittu e nun parrari. Annunca, si nun ti piaci lu me cuntu, pigghia susiti e tinni vai, dd’accantu.-

Voce – Ho pagato e ju ccà restu!

Vitu – E allura fai lu spittaturi onestu. Dunchi, arricupigghiu beddu lestu:

 

“U capii” ci rispunnì “siti filluni,

aoura ci mannu i germanisi,

ca jiettunu a mari a ssi cugghiuni!”

“Bravu!” - Ci dissi u Re, so’ majistà –

“e t’elogiu pi la to’ capacità!”  

 

E ‘ntantu passau cchiu di ‘n misi,

e l’arma sigreta nun ci arrivò,

o duci ci giravanu i pampanisi;

nto mentri lu gran Re si la svignava

e l’Italia, puvurazza singhiuzzava!

 

A stu punto l’invasioni arrisultò

n’affari di picciriddi juculani,

e a Sicilia a “libertà” attruvò.

(Ma, cridu, si  nu sbagghiu questioni,

ca chissa ‘n fu l’urtima invasioni…).   

 

E pe strati si sentiva, pi jiorna sani,

Sta canzona ca accussì faceva:

 

“Ah, nun fazzu cchiù u cuccheri,

Ma fazzu lu cavalieri,

Co’ “’ntrallazzu” di me muggheri,

Cu surdat’e priggiuneri. 

Spicialmenti cu sti ‘nglisi

In casa nostra ca ci su’:

Tutti li sira portanu fiddata,

viscotti e marmillata, 

puru zuccuru e cafè.” 

 

E passanu i misi e i simani,

(‘ntantu ni luvanu cimici, pirocchi,

e, cusà, macari tister’e paraocchi).  

   

Ma, pi fortuna nostra n’assuccideva

ca si parrava, magar’ammatula,

senz’a cinsura ca ti curriggeva.

(E pi finiri si fici a… Riggioni,

unni s’ammuccun’i sord’a vagoni).

 

Fine della storia.-  

 

Il pubblico non applaude.

 

Vito - Grazi, grazi assai pi l’applausu calorosu (ironico)

 

Esce Vito, entra il presentatore.

 

Presentatore- E doppu tutti ssi applausi po’ zu Vitu, ca vi ringrazia di cori, di panza e di quarumi, ora a ta scutare lu secunnu cuntu. E’ la storia di l’unità d’Italia, e u zu Vito è prontu pi cuntarla…laria laria…scanzatini… Ecco a voi lu zu Vitu Spiciali, cuntaturi di cunti a villa comunali!-

 

Niente applausi, entra Vito.

 

Vito - Spittabbile pubblico fatto di amici, amatori appassionati, e (pernacchia dal pubblico)…zaurdi  e affini, sabbuturia vi dissi ca stasera vi cuntavu A Storia di l’unità d’Italia, ma non comu vu’a ta sintutu finu a ora, nun  comu si svulgiu p’accamora, ma comu l’ha percepita il mio sentire, ( pernacchia) …bbonu va’, ci risemu, oggi nun s’attravagghia… dicevo ca sta storia mi vinni nto sonnu, stanotti, ammentri Ciuzza  mi faceva cunnotti, cu ‘n cataplasma nta carina, picchì mi finiu a miricina. (pernacchia super) Botta di vilenu a tia! E dissi a li mei aiutanti: accura carusi ca sta cuntata s’a da fari pi cuntanti! (pernacchia) …e cchi vi dicevu? E va beni, quannu si dici ca è a sirata…accusì, valenti, ci misi manu, e videmu com’ u risultatu (licenza poetica).

Attacca banna.

Rullo di tamburi. 

 

Presentatore -     A  STORIA  DI  L’UNITA’  D’ITALIA

                     (Comu ci la cuntau lu zu Vitu all’amici d’a villa Solaria)

 

 

 

Vito -

Ata sapiri tutti, picciotti mei,

ca tantu tempu fa, forsi cent’anni

e passa, c’era nu Re che so’ farisei,

ca nun si vuleva arrassignari, 

d’aviri nu regnu quantu du’ sanari.

 

Nu jornu, stuffu, appizzò sti banni:

“Lauta e munifica ricumpenza,

a cu’ mi dici comu fari cchiù granni,

lu me riami e li so citatini,

magari chissacciù finu a Carlintini”.

 

S’apprisintanu in tanti alla residenza:

cu ‘n libbru, cu na palla, cu n’ampolla,

vantannu cu la forza e l’ardenza,

li so rimedi, contro ssa mavaria,

longhi longhi comu na litania. 

 

“Ijstà”- diss’unu ca parev’a molla-

“Cu tri lir’e se’ sanari ca mi dati,

vi dugnu a formula di na gran colla,

pi teniri attaccati o vostru regnu,

cità e paisi di cui vui siti degnu”.   

 

Lu Re, siddiatu di li minchiati

ca ijeva sintennu, da cchiù di tri misi,

posi fine all’udienzi annunciati

e si misi a chiangiri su lu distinu

ca ci dava un regno quant’a ‘n cufinu.

 

Ma lu so’ ciambillanu, ca lu ‘ntisi,

ci dissi: “Maijstà, c’è un galantonu

ccà fora, ‘n certu Turi, catanisi,

e dici ca si ci dati udienza,

poni fini ai vai di voscenza.”

 

Lu Re stancu e afflittu, senza tonu,

ci dissi: “Apprezzu l’interessamentu,

ma a stu puntu di bonu a bonu, 

fussi megghiu darici na tagghiata,

a ssu pinzeri - ch’è forsi na minchiata”.

 

U ciambillanu ci pinzò ‘n mumentu,

poi ci dissi: “ La Maijstà vostra

l’ha fari pi mia, c’aiu sintimentu.

Sintenu cchi ni dici ssu cristianu

appoi videmu si ci livamu namu.”

 

Lu Re si misi davanti a finestra

E disse: “ Fati trasir’u furasteru,

ma accura, c’è ‘n tavul’a minestra.”

Sentenziato ciò, si misi in posa,

comu quannu aspettava la so tosa.

 

Voce – Zu Vitu e cu è ss’amicu catanisi? Chiffà u canuscemu?-

Vitu – Senti beddu, mi fai travagghiari, mi fai buscari u pani, o mi fai lastimari finu a dumani? Picchì, si continui accussì, ju ci appizzu a libbertà!-

Voce – Ahu, e chi è? Arrivamu a tantu? Annunca chi pinzati ca m’arritiru? Avajia va’ videmu cchi cosi…-

Vitu – Ascuta beddu arrucatu, ju aia travaghiari e basta. E si tu ci primmitti, naturalmente…-

Voci – S’è pi chissu, travagghiati zu Vitu.-

Vito – Alla bonora. Dunchi:

 

Fu introdotto Turi nto ministeru,

ca senza preamboli vinni al dunque,

comu ‘n senzali chinu di misteru:

“Maijestà granni, vinni da Sicilia, 

pi dirivi ca siti alla vigilia,

 

d’addivintari sovranu ovunque,

nta l’Italia e ne so paraggi,

abbasta ca diciti sulu: Dunque?,

e lu vostru regnu e bellu e fattu,

malnov’a mia se ‘n mantegn’u pattu.”

 

Voce – Minchia, è forti ssu carusu! (occhiataccia di Vito e attimo di suspence, poi con calma attacca):

 

Sentennu ssi palori e ssi messaggi,

lu Re arrestò comu attrunzatu,

appoi dissi: “ Tu dici cosi saggi,

ma quest’affare comu si cummina,

senza fari di l’omini tunnina?”

 

“A quali” ci arrispusi Turidduzzu, 

“ il piano è semplici e giniali,

e chi criditi ca ju parru ammuzzu?

Datimi na simana di cartabianca,

e… pi mia ci a nesciri na chianca”.

 

“Vada p’a chianca, macari… spiciali;

e ora cchi ‘nvintasti, quali scusa,    

pi rializzari s’idea originali?”

“Maijestà, assettativi ‘n mumentu

ca vi dicu qual è lu so strumentu:

 

Ci fussi nte paraggi di Sarausa,

‘n certo Caribaddi - assà valurusu,

ca pi ‘n’isula, ‘n quart’i vin’e na cazzusa,

vi consegna subutu, manu cu manu,

nu Regnu - da Pachinu a Milanu”.

 

Voce – Cala zu Vitu! (idem c.s.)

 

 

“ Viramenti” - ci dissi u Re dubbiusu-

“ mi dissiru ca c’è nu certu Bossi,

ca travagghia na l’Italia di susu,

dispostu a pighiarisi a stagghiata,

comu se facissi na sirinata.”

 

“’Mbari, a chissu facitici far’i cussi,

sintiti a mia - chiuttostu pigghiativi

u Ginirali de cammisi russi -

picchì a schifiu finisci sta bega,

si vi mettiti cu chiddu e a lega!”

 

Voce – Minchiuni è spertu ssu carusu! Zu Vitu facitammillu accanusciri, ci vogghiu offriri na vippita nta putia di Puddu u fitusu.-

Vitu – Appoi ni parramu, curnutu e sbirru!-

Voce – Cui a mia?-

Vito - No, a me soru! (idem c.s.)

 

U Re pinzò a squaghiata da nivi,

fici finta di ‘n poc’i resistenza,

e appoi decisi: “Fat’i priparativi!

E tu mio Ciambillanu Camillu,

vidi chi po’ fari pi chiamarammillu.”

 

Camillu chiamò alla residenza,

il Generale; e Turi garantiva,

da tistimoniu, con la so presenza,

ca tuttu filassi lisciu comu l’ogghiu

senza ca si pinzass’a qualche ‘mbrogghiu!

 

L’accordu fu stilatu e prividiva:

Du’ navi, milli surdati e na bannera,

e appoi ancuntrannisi a mezza riva,

quannu finiti tutte le ostilità,

ci cunsignassi u Regnu a so’ Maijstà!

 

A lampu e stampu parteru a primavera,

u Ginirali cu li so belli navi,

ma na burrasca di na sort’i manera,

scuncittau mozzi e vuluntari,

e ‘n si finiva cchiù di vumitari.

 

Arrivatu nta la terra de so avi,

Turi s’intisi emozionatu,

era turnatu, ma cu fatti gravi,

ca manc’u rasolu puteva luvari.

(A facci d’a chianca e di li dinari).

 

Voce – Ca certu, mischineddu, si sentiva tradituri…(idem c.s.)

Vito – Lu vidi can nun capisci nenti? Almenu statti mutu, ci fai cchiù cumparsa.-

Voce – Cchi sintiti diri? Nun tradiu a Sicilia?-

Vito – Chissu ti lu dissi alla vigilia. Ma su cosi ca tu nun poi capiri. Allura, dicevu: 

 

Sbarcanu, valenti, nel suolo amatu:

s’acchiappanu co’ fitusi de’ borboni;

coi fascisti, comunisti e clericatu,

cunfiscannu chiesi e conventi,

accussì, di bon’a bonu, comu nenti.

 

Passanu nta Calabria zitti e boni -

tutt’assiemi, senz’avant’e cu arreri -                                                                                                            e co curriu pi na mal’azioni:

Infatti, ci sciuscianu nta na ricchia,

c’o Re co’ ciambellanu…tramicchia.

 

Voce – Ah, u vidisti? allura arriva u tradituri? Forza, dacci na jiancata Turi e ‘n cauciu nto panaru pi punizioni, e a ssi pulintun’amparici l’arrucazioni.-

Vito – Si nun fussi ca semu nta ‘n tiatru, minchiuni, ti dicissi: Ci stai rumpennu i pampasciuni! Ma siccome siamo in scena, ti dicu sulamenti: Accura ca mi fai pena, cu ssu parrari ammatula, e senza sentimenti. Accuzza e taci, beddu valenti, annunca ci sunu tumbulati a sgrusciri e a furriari.-

Voci – Pi cui, pi mia?-

Vito – No, cchi dici? (ironico, poi deciso) Ci sunu pi tia e p’e beati paoli! Oh! E cchicosa! Dunque:

 

E, cosa fatta! Ci sparanu nte peri -

o Generali, ca cascau in terra

feritu - ssi scunghiuruti bersaglieri,

apparati comu tanti jadduffi,

e armati di fucili a stuntuffi! 

 

“Tradimentu! Cca finisci a scerra!”

- Dissi u Ginirali a li so surdati - 

“ E tu catanisi, la scupetta afferra,

e nun fujiri, cumbatti con onori, 

ca ccà si fa l’Italia o si mori!”

 

Voci – Lu dicevu ju! Sparari nte jammi o Ginirali e cosa ti traditori e criminali. E Turi cchi fa? ‘n s’arruffau?-

Vito – A quali! Turi, calmu, ci vanniau:

 

“A quali onori e mori, vardati”-

- ci arrispunniu Turi da luntanu-

Ccà semu d’acchianata e sudati,

ma u tempu di pigghiari la calata,

ca o Papa ci facemu a sirinata!”

 

Voci – Minchia è forti ssu carusu!-

Vitu – Chistu u dicisti già!-

Voce – Repetita aggiuvatti.-

Vitu – Aggiuva a…to soru!-

 

Ma ddu vulpuni di ciambellanu,

pigghiau co bbonu o Generali,

si desuru ‘n vasuni e la manu,

e lu misi nto saccu bell’e bbonu,

ammentr’u Re s’assittava nto tronu.

 

Accussì Caribaddi c’appi l’isula,

Turi si pigghiau la so chianca,

Bossi si maritau cu na sicula,

e li studenti facivanu calia,

p’a scasciuni ca si fici l’Italia.   

 

Ccà, aviss’a finiri lu me cuntu,

cuntentu; si ‘n pinzass’a li Taliani,

- ca doppu centucinquant’anni, appuntu-

comu citatini – e stativi muti!-  

nun sunu tantu bboni arrinisciuti.

 

Fine d’e cunti, pi grazia di Diu, da Nazioni e di ddu rumpiscatuli di dda giusu. 

Voce- Salutamu a vossia, re d’e cuntaturi…(ironico)-

Vito – Grazi assai, troppu bbonu… scocciaturi. E vastasunazzu, ca facci laria cchiù di mia.(minaccia benevola con la mano)-

 

Esce di scena di corsa, saltellando.

 

Rullo di tamburi.

 

Sipario 

 

 

 

 

 

                                                 Atto  II

 

 

Stessa scenografia dell’atto precedente.

All’apertura del sipario entra il presentatore.

 

Presentatore - Spittabbile pubblico fatto di amici, amatori appassionati, e (pernacchia dal pubblico)…zaurdi  e affini, sabbuturia vi parramu da Verra di Troia, e ho visto che tanti di voi l’hanno imparata a memoria, e stasera doppo lu Sbarcu in Sicilia e la storia dell’Unità d’Italia, stasera, dicevu pi cu ‘n senti bbonu e se si sta mutu fussi megghiu…stasira cuntinuamu cuntumivi a storia da Cavallaria rusticana, non comu vu’a ta sintutu cu l’aricchi, cu cummari Lola gran buttana e Santuzza tutta casa e stinnicchi, ma comu l’ha percepita il suo sentire, ( pernacchia) …bbonu va’ oggi nun s’attravagghia… dicevo:  comu l’ha sintutu lu zu Vitu e cosa ca non tutti ponno dire. Osia, sta cosa ci vinni sta matina, ammentri ca si pigghiava a miricina. E mi dissi: accura a comu veni, picchì pi tia ponnu essiri vileni! (pernacchia) …e cchi vi dicevu? E va beni, calati juncu ca passa a china…accusì, valenti, ci misi manu, e videmu com’ u risultatu (licenza poetica).

Signore e signori ecco lu zu Vitu Spiciali, u primu, u cchiù granni, u cchiù virili  cuntaturi di cunti di la villa Billini. 

Attacca banna.

Rullo di tamburi. Entra Vito. Si concentra poi attacca. 

 

Presentatore-  A Cavallaria  rusticana, lu zu Vitu va cunta tutta, sana sana.:

 

Vito -

E or vi cuntu un fattu successu,

a occhiu e cruci, tant’anni avanti,

nta ‘n paisi ammenz’a li muntagni persu,

unni u Signuruzzu ci lassò li scappi-

terra di malandrini e di vappi.

 

E, sapennu ca li scecchi siti tanti,

- e stativi muti! ‘n faciti vuci -

vi dicu di cchi tratta, all’istanti:

Si parra di corna! e si ‘n mi sbagghiu,

siti tutti cumpitenti – e ccà v’ancagghiu!

 

Ondi pi cui attaccu duci duci: 

Ordunque ata sapiri immantementi,

ca nta ssu jornu di suli e di luci

- picchì era Pasqua dda matina… 

o forsi era la so tridicina –

 

nta chiazza s’apprisentò malamenti

- Coppula storta, menzu malandrinu -

‘n Marcantoniu, ca senza comprimenti, 

Fici na tagliata longa un misi,

e dissi: “Sugnu Alfi’u licurdisi.  

 

Cercu ‘n fitusu di merda chinu chinu 

C’arrispunni o nnomu di Turiddu Macca!

Unn’è? sutt’a tonaca d’o parrinu?

Veni ccà, ca t’aiu a dari na prighera,

gran pezzu di sceccu senza tistera”.

 

“Cu è ca metti u me nnomu nt’a vucca,

sbraitannu comu ‘n porcu o maceddu,

senza vidiri cu c’è ca t’allucca?

Avanti va’, videmu ssa calata,

s’è vinu bbonu o s’è limulata!”

 

“Minchia.” dissi Alfiu “ssu riturneddu

mi pari ca si ‘n sbagghiu custijuni,

ca po’ finiri a copp’i cuteddu!

O cerchi na scasciuni pi fuiri

comu ‘n saittuni, e nun ti tiri?” 

 

“A v’o cuccati pezzu di sciavuni”

arrispunniu Turiddu beddu valenti,

“Dammi ‘n minutu a disposiziuni, 

vogghiu salutari me mattri, ccà allatu

comu quannu partii pi surdatu. 

 

E doppu ti abballu, comu nenti,

supra la panza. pezzu di caijordu, 

omu pi comparsa, tint’e fitenti.

Intanto ammira st’alliccasapuni

ca t’allippu tra la panza e li cugghiuni!” 

 

“Ah, ah, ah, varda ca sugnu tuttu lurdu,

picchì mi la fici ‘ncoddu p’o scantazzu.”

Scattiò a ridiri Alfiu u zavurdu. 

“Avanti veni mecu a cunzaria,

e ditti l’ultima Avemaria!” 

 

“Pass’avanti pezzu di babbasunazzu,

ammentri ca fazzu lu me duviri,

c’appoi t’abbessu varba e mustazzu”.

Indi, a pass’i bersaglieri senza posa,

salutò a mattr’e la futura sposa.

 

Ci dissi senza fari tanti giri:

“Vi salutu e vi baciu, mattri mia,

fazzu na passiata p’addiggiriri,

v’arraccumannu assissì Santuzza,

e accura se… s’allord’a cammisuzza.”

 

Dettu fattu, s’avviò pi la via,

tutta di scinnuta e pettri pettri,

ca lu porta dda ‘n funn’a Cunzaria.

E ‘ntantu pinzava a li gran minni

di Lola: beddi, janchi e citrinni.

 

Alfiu ca l’aspittav’a menu di tri mettri,

e co cuteddu si nittava l’ugni,

ci dissi “A salutasti a to mattri?

Si? E allura parati sta cutiddata!”

E nto mentri si calò pi l’infilata.

 

Turiddu si scansò e strinsi i pugni.  

“Alla facciazza! E cchi ‘n’ai abbentu? 

‘N sugnu arrivatu e già incugni?

Senza fari u cerimoniali, 

comu si stila? Pezzu di armali!”

 

Ma Alfiu ca pinzava o tradimentu,

lu ‘mpruvulazzò da testa e pedi…

 

Voce - Zu Vitu, ma pricchì Alfiu ci l’aveva cu Turiddu?  a mia mi pari ca u cuntu fagghia…-

Vito - E c’aviti raggiuni, ‘mbari, ca prescia mi passò pa menti…pirò se stavi attentu, nto principiu dissi ca era na storia di corna, mi pari. E comunque, vegnu e m’arricupigghiu: Ata sapiri ca Turiddu si la faceva cu Lola, a muggheri di Alfiu u licuddisi. Chiaritu u misteru? E ora arricupigghiu veramenti:

 

Ma Alfiu, veloci, nta ‘n mumentu

lu ‘mpruvulazzò di latu a latu.

Turiddu gridò: “ P’iddiu, tradimentu!”

E s’assuppò ‘n fendenti nta panza

ca arrisurtò di vera sustanza.

 

Cascò in terra ddu figghiusciatu 

 stringennusi i vuredda cu li mani,

ca pareva ‘n caprettu sacrificatu.

“ Vili e mischinu” ci dissi debolmenti,

“ tu accussì stili d’ammazzar’a genti?”

 

E chiddu c’arrispinniu: “Comu e cani

ana moriri chiddi comu a tia,

ca ‘nzurtanu le mogli de cristiani.

‘N t’abbastava cchiù a manza Santuzza,

ca ti vulev’ammuccari puru a Luluzza?

 

E ora mori taliannu a mia,

e ‘n circari lu me pirdunu, beddu,

pi tutti i santi veri, e così sia!”

Appoi supra na petra s’assittò,

aspittannu a Turiddu ca esalò.

 

“Ah! An’ammazzatu compari Turiddu!”

Vanniau qualcuna nte vicinanzi,

picchì ci l’avia susciatu n’ariddu.

Or sapiti la sunata sana sana

da me cavallaria rusticana.  

 

  Voce - Comu e accussì finiu? E nun ci fu vinnitta?-

Vito - E cchi vulevi a verra di Troia? Di chidda vi la cuntai già tutta la storia.-

Voce - E ju senza vinnitta ‘n sacciu stari, mi pari mali.-

Vito - Ahu beddu, e a voi finiri botta di …sali!-

Voce - No ca ‘n’a finisciu. Accussì ci arrestu di trunzu.-

Vito - ‘Mbari, cunzoliti, ci nascisti. Pirò, hai raggiuni, ci voli la vinnitta! E ora la ‘mprovvisu:

 

Nun appena si sappi la nutizia,

tuttu lu paisi arrestò stuccatu:

“Comu”, si dissi, “e cch’è cosa fattizia

ca ‘n tintu licuddiotu spigna 

a uno do paisi e si la svigna?”

 

E allura u primu, menzu sciancatu

s’apprisintò e dissi: “Ju ci penzu 

a ‘nzignari a ssu malarucatu,

l’arrucazioni ca ci voli,

quann’è vera la luci del soli!”

 

Ma Santa circò cu l’occhi l’assenzu

di Lola, la quali, prima avvampò,

poi di bottu detti il cunsenzu.

E allura i du fimmini servaggi

circanu Alfiu nte paraggi.

 

Lu truvarunu ca faciva a popò.

Subbutu Santuzza cu fari dicisu,

a terra, di spaddi, l’arruzzulò,

ammentri Lola l’acchiappò pe cugghiuni,

e c’un sulu colpu  lu fici cappuni!

 

E cu stu trufeu appena recisu,

s’apprisintarunu nta ddi signuri,

e dissiru, pi essiri precisu:

“Chist’è lu cosu d’o sbirr’e cunnutu 

ca u nostru masculu misi nto tabbutu,

 

Vinnitta è fatta, salvato l’anuri,

di li fimmini di Turiddu Macca,

ca pi iddu morivano d’amuri”.         

E vi cuntai, sta vota tutta sana,

a storia da cavallaria rrusticana!

 

Voce - Minchia, zu Vitu e cchi cosi su’ chissi? Du fimmini vann’a fari sta valentia? E senza pinnarisi pa  gilusia? Cca semu ‘n pugnu d’amici -fissi, ma ‘n semu, pi certu, ammuccalapuni.-

Vito - Ahu vastasi di dura cervice, e cchi cridi tu ca l’ispirazioni, e pi junta cu l’improvvizasioni, arriva e cala do cielu e dice: sta attent’a l’amici rumpicugghiuni? T’abbasta sapiri c’a cavalleria, magari pe fimmini è valentia, (specia quannu certi cosi fitusi, ci levanu l’amuri a ddi carusi).  

E ora tutti a casa, beddi valenti, ca finiu a cuntata p’accamora, ni videmu a dumani, si Ddiu cunsenti, pi n’autra cuntata …‘ntricalora.

Bonanotti a tutta a compagnia, e na panzata di sonnu a mia!- 

Voce- E a storia di Acchimedi contru li romani, comu finiu, forsi a schifiu?-

Vito – Morti subbitania, m’ava scurdatu.-

Voci – E si sapeva ca stati antrunannu…-

Vito – Mutu ti dissi, specie di ottomannu! Ju sacciu priffittamenti chiddu ca s’a fari; macari u pulici oggi ava parrari. Vegnu e mi spiegu:

A ta sapiri ca mill’anni e passa, nta na cità di nnomu Sarausa, c’era nu scienziatu ca si la spassa, cu na bedda e ricca carusa. 

Ma ‘n jornu lu nimicu minazzò la so cittati, e iddu ca era baldu e forti, in veritati, si misi a disposizioni di lu so’ Re, pi commattiri contr’i romani e i so’ lacchè.

Allura aspettati ca mi cuncentru, du minutu, forsi unu, ora rammentu.-

 

Entra il presentatore.

 

Presentatore – Ecco giunto il mio momento. Oggi u zu Vitu scatasciau da sulu senza il mio interventu. Stativi sori e ascutati lo scontro titanico tra li romani e il nostro eroico scienziato…-

Voce – Ahu, ma nun era sarausanu?-

Presentatore – E sempri sicilianu fu e pe’ so’ manu, purtau alla nostra terra tantu onori e gloria, ca u zu Vitu ci vosi scriviri tutta la storia.   

 

Allura:                     ACCHIMEDI  CONTRU  LI  RUMANI

                           (comu la cunta lu zu Vitu, oggi e puru dumani)

 

Vito -

All’ebbrica a lu Re di Sarausa

 - ca cusà picchì si chimava Tirannu -

ammentri ca si biveva na gazzusa,

qualcunu ci sciusciò sta notizia rara:

“A fariti verra, Roma s’appripara”.

 

Allur’u Re, pinzirusu, dissi: “Tannu

a stari friscu cu mi voli futtiri”.

E pigghiati tutti i citadini nto sonnu,

li fici armari di lanci e fucili,

pi combattiri contru ssi incivili!

 

Appoi chiamò lu ciambillanu pi diri

ad Acchimedi ca c’aviss’a parrari.

“Ccà sugnu! Eccellenza, mio Siri.”

Ci dissi lu grandi scienziatu,

ca era scuntentu e menzu ‘ncazzatu. 

 

Lu Re pigghiatulu co bonu “ ‘Mbari,”

-ci dissi- “ tu arraggiuni ca testa,

e non cche pedi, comu a tutti pari,

e allura ‘nventa qualcosa, comu usi

pi frimmari a ssi cusazzi fitusi!”      

 

 

 

 

“ ‘Ccillenza, ccu sarissi ssa genti lesta?”

“ Ma i rumani, mortisubbitania,

genti senza abbentu e assà mulesta.

Ca s’ammuccanu Cattagin’e i so’ cuscini,

e tutta l’Africa - senza cunfini!”

 

“Minchia!” - diss’u scinziat’a litania-

“Ssi cosi fanu girar’i pampasciuni,

ora ‘nventu na cusuzza ca l’annia.

Varda, a ssi gran minchiuni e vastasazzi,

ci fazzu varba capiddi e mustazzi!”

 

Penza ca t’arripenza a ogni gnuni,

di jornu di notti e di matina,

infin’anvintava com’un gran cannoni,

ca’ nto Castell’Uriulu lu piazzava

e cu  ‘n friscalett’i luntan’u camannava;   

 

‘o Casteddu ci ammucciò na mina;

alla marina ci muntò li so’ specchi;

appoi, si fici  veniri da Cina,

na para di razzi e ‘n cani mastinu,

e i mis’a va venitu, o dda vicinu. 

 

E comu si prisintanu ssi beddi spicchi,

mittiu in motu lu raggiu di la motti,

ca ci ‘mpristò Gugliemmu di Scandicchi.

Ma sbagghiò mira, e, tirati li summi,

fici minnitta di muletti e stummi.

 

(E subbutu nto telegiunnali d’a notti,

si ‘ntisi la prutesta arraggiata,

di l’animalisti e de so’ picciotti,

picchì s’ammazzavanu comu cani,

li pisci, allocu di li cristiani!)

 

Voce – Chissa è na pallunata granni comu na casa. A cchi n’ancucchiati zu Vitu, ‘n funnu, all’ebbrica chi c’era u telegiunnali?-

Vito – U teleggiunnali forsi ‘n c’era attunnu, ma di ddi scassa baddi ci n’erunu a quintali. Dunchi:

 

Ma Acchimedi dannisi na manata,

nta frunti, puntò li specchi da marina,

contro li primi navi di l’armata,

c’abbruciaru di na sorti di manera,

partennu da chiglia finu alla bannera.

 

L’ammiragliu dalla so cabina,

tiligrafò a tutt’i corazzati:

“Vardativi da chiddu ca vi cummina,

ss’Archimedi, babbu sarausanu.

Servi na lezione di prima manu:

 

Cu tutti i grossi calibri sparati,

po’ dati l’assaltu a l’arma bianca,

cu du milla e cincucentu surdati!”

Accussì tutti li navi armarunu

lu gran pavesi e attraccarunu.

 

Ma na burdata d’o Re, a manu manca,

cintrò nto cori la Caiu Duiliu,

ca affunnò nto mari, da testa all’anca.

E tutt’i comandanti de corazzati,

s’arrunghiarunu bedd’ancazzati!

 

Voce – Grossa zu Vitu! Tannu chi c’eranu i cannoni?-

Vito – Ma c’eranu, sicuramenti, li sciavuni! Comu a tia!-

Voci – E cchi sentiti diri ca ci l’aviti cu mia? Ju li minchiati nun’i suppottu!-

Vito E allura pigghiati lu cappottu e fatti quattro passi di caminata, senti a mia!-

Voce – Ca ora ju dassi ardenza a vossia…-

Vito – E allura ascuta in silente silenzio, camurria! Dunchi:  

 

E appoi, pi scornu di l’Ammiragliu,

calò da l’alti  muri cittadini,

na speci i parancu cu nu firmagliu,

agganciò la so navi da vilera -

scunquassannula di na sort’i manera - 

 

 

po’ la isò  nta l’aria pi li curdini,

‘nfini la mullò di prua, e l’affunnò

assemi a li surdati e a li parrini.

“Basta”, dissi allura u Cumannanti,

“ca ci voli n’idea assà brillanti!”

 

Si tinni gran cunsigghiu ca decretò:

“Acchiamati Marcellu cu primura!”

Lo quali Cunsulu, d’attaccari pinzò

dalla masseria di massaru Turi,

sbirru, cunnutu e gran tradituri!

 

Accussì vosi la sorti e la vintura,

ca no giru di mancu na simana,

li romani satarunu li mura.

E scannarunu l’abitanti, mischinetti,

come se usa fari co’ capretti.

 

Acchimedi ca s’a visti d’a luntana,

pigghiò l’amara strada di l’esiliu,

pi cuppa di ssi figghi di buttana!

Mentri Marcell’u circav’ in tutt’i lati,

pi darici na fraccata di vastunati.

 

Ma nu marinaru di lu Duiliu,

scampatu d’a morti, u vist’i luntanu,

l’affruntò e ci dissi: “Pi Sant’Ersiliu,

tu affunnasti la me navi, ti rammenti?

e ora scappi senza pagari nenti?”

 

E pigghiata la daga cu ddu manu,

e furriat’all’aria, com’u ventu,

lu fiddiò tuttu, beddu e sanu.

Ma Acchimedi dissi, taliannulu stortu:

“Vili, tu ammazzi n’omu già mortu!”  

 

Accussì finiu lu commattimentu,

cu cchiù di decimila morti ammazzati, 

e cu rovini, chianti e tradimentu.

Po’ Marcellu, scunzulatu, po’ maceddu, 

misi u pedi supr’a mina ddo Casteddu! 

 

(E satau all’aria, finicchiu e beddu.)

 

Vito – Grazie, nun vi scomodati cu tutti sti applausi…sennò v’abbruciunu i manu e…i corna, specialmenti a tia, testa di chiuppuru (guarda lo spettatore che fa la Voce) da vicaria.

Voce – Cchi dici a mia?-

Vito – No, a me soru o a me zia!-

Voce – Mi pareva…sintiti zu Vitu, u prossimu cuntu quali sarà?-

Vito – U prossimu? U prossimu sarà a storia di un puparu ca ci duna na passata di vastunati a un tizio cchiù unicu ca raru…ca tra ‘n centinare di spittaturi, s’armali, rumpi l’anima e i pampasciuni, comu ‘n tintu cacaturi, ca ‘n voli riturnari intr’o… cantru di Cattaggiruni. O ora ca mi pigghiai stu lussu, pi sta sira stujiativi lu mussu.-   

 

Fischi e pernacchie.   

   

Presentatore – (entrando frettolosamente) Boni, boni. Calma gessu e ghiacciu unto panaru! E ora, doppu sta eleganti tiritera, finiu viramenti la sirata, pi stasera. Allura v’annunciu e dicu solennamenti: bbona notti a cu si va a fari  na runfata; e, ai cchiù valenti ci dicu: alle zite facitici na… sirinata.

Bona notti a tutti.-

 

Escono di scena, al rullo di tamburi, saltellando.

 

Sipario.

 

Fine.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

     

 

 

 

 

 

                                   L’APPUNTAMENTU  FANTASIMA 

 

 

 

 

 

 

 

                                              Commedia in due atti

 

                  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ una commedia senza una vera trama. Gli attori in scena debbono recitare una commedia - il cui fine sarebbe un fantomatico appuntamento non si bene con chi o per che cosa- mettendo così a nudo uno squarcio variegato di rapporti umani fatti di piccoli egoismi, ripicche, malintesi e slanci di generosità. 

 

 

 

 

Turri Lifo, ottobre 2013

 

 

 

 

 

 

 

 

Personaggi:

 

 

 

Mariotto ....................... Capocomico;

 

 

Angela........................attrice, moglie di Carmelo;

 

 

Tella.............................. prima attrice;

 

 

Peppe ........................ primo attore;

 

 

Nuccia  .........................attrice giovane;

 

 

Milo .............................scenografo;

 

 

Roberto..........................aiuto regista intellettuale;

 

 

Ciccino………………………..giovane attore.

 

 

 

Nel secondo atto i personaggi, per comodità, manterranno gli stessi nomi.

 

 

 

 

 

Sul palco è stato predisposto tutto il materiale occorrente per montare una scena. Massimo disordine e confusione di materiale di scena: costumi, copioni, fari, posacenere pieni di cicche, ecc.

La scena è buia.

Lo spettacolo inizia con il sipario aperto e con le luci che pian piano riprendono. Musica adatta.

In scena c’è Milo, lo scenografo che lavoricchia e bofonchia.  E entra Mariotto.

 

Milo- ...e a  mia m'a ta purtari rispettu picchi` sugnu un artista come voi. Sugnu scenografo, un artista della …sega…

Mariot.- (sottovoce, facendo un gesto lequente) …chissu u sapemu già…-                    Milo-… (sdegnato) non  ra… raccoglio… e, quindi, ma ta metteri na locandina con gli artisti no che tecnici. Appoi, voialtri...artisti ( ironico) pi miraculu cunusciti sulu a  vostra parti...Mentri ju, ca v'ascutu cu santa pascienza quannu pruvati e ripruvati, sacciu a memoria tutti i vostri parti pi puntu e  virgula.  Capito?-

Mariot.- Ma varda cchi cosi (ironico). Accuzzamu:  cchi razza di scenografo si? Tu a sistemari la scena  e faramilla  truvari già muntata. Invece, ora, pirdemu  minimu minimu  mezz'ura  p’annacarini, menz'ura pi  abbissari; menz'ura pi muntari, e accussì, fra tira e molla, si sperdi tutta a sirata ammatula! Bedda matri s'appoi un cristianu nun s’a mettiri a lastimari...-

Mil.- E sacunnu tia, quannu a vo muntari? Di notti?- (ironico)

Mariot.- E quannu a vo muntari di notti? (sfottente)  Ahu sciavuni! Vinevi cu Roberto, dui uri prima, e muntauru la scena. Semplice, no?-

Rob.- ( entrando in scena) Semplice per voi, ma a me non mi obbedisce nessuno. Se avessi detto a Milo: vediamoci due ore prima degli altri, m'avrebbe risposto: Non mi rompere…ho da fare! m'avrebbe girato le spalle e se ne sarebbe andato via...(tono permaloso-lamentoso) Anzi, giacche` ci siamo, vorrei esternarvi le mie  lamentele.-

Mariot.- Senti beddu, lastimi e lamenti ci n’aiu pi mia, pi tia pi tutti i to parenti, amici e mi ni avanza macari n’unza e triquarti. ( per cambiare discorso) Ecco, u vidi? U vidi? Lassasturu tuttu comu aierisira : un casino! E a curpa è da to!-

Rob. – Mi assumo tutte la responsabilità del caso. E ora, Maestro, mi perdoni, nell’attesa che arrivino gli altri, mi permette di farle leggere il testo di una commedia che ho scritto pensando proprio a lei?-

Mariot.- Macari tu? E ‘n abbastunu tutti i scecchi d’o vicinatu ca scarapocchiunu?-

Rob – Maestro, non scherzi, ci ho fatto le nottate per poterglielo far visionare stasera…-

Mariot.- Accussì? “Ex ammuzzu”!  Senti, tempu nun ci ‘nun aiu, portamillu a prossima simana… (per cambiare discorso) Cchi fai Milu? T’annachi? ( gli gira le spalle e si reca nella quinta come per prendere qualcosa)-

Milu – Va be… beni, m’anna… cu, m’annacu… (bofonchiando, indicando Mariotto con la mano, ma guardando Robby)  “accussì e ammuzzu”? matelicu! ma picchì nun va’… ma va’  a  ca... a ca…- 

Rob.- Muto! Zitto! Vuoi rovinare tutto? ( facendogli anche disperatamente cenno di zittirsi, quindi a Mariotto che rientra)  Maestro, mi scusi se glielo richiesto così, all’improvviso, ma la prego… legga qualcosa, magari solo qualche paginetta…( quasi piagniucolando porge il manoscritto).-

Mariot.- (sbuffando) Dammi ccà (legge e fa smorfie col viso d’approvazione e di raccapriccio) Bunazzu, bunazzu… c’è materiali…forsi si po’ fari…lassala ccà, poi videmu.-

Rob – Maestro, dice d’avvero? Lei non può sapere come mi fa felice. Maestro, per favore una piccola lettura qui…(mostra il punto del copione), sembra scritta proprio per lei. Guardi…-

Mariot.- (pavoneggiandosi) Va’ bene, dicunu tutti accussì…Avanti va’ fammi leggiri sta parti.  ( scorre qualche rigo, poi si ferma a riflettere un po’) Va beni leggiu chista… Ahu, ma nun ti muntari a testa? E’ na piccola prova e basta.-

Rob. – Per me è la felicità. Ma, se la recitasse?-

Mariot.- Comu accussì “ex abbruzzi”?-

Rob.- Meglio! Farà vedere la sua immensa arte.-

Mariot.- Beh, modestamenti. Dunchi: Ju fazzu l’avvucatu ca sta murennu pi ‘n ictus e n’angina pectoris… Mi, ma st’avvucatu i cosi li fa in grandi…-

Milo.- Ca comu!-

Mariot.  ( scorrendo il testo) Allura, l’avvucatu Cornabucci quannu arrivau o spitali era quasi l’ex avvucatu Cornabucci. Poi doppu a tirapia intensiva, si arripigghiò nu pocu, su putarunu a casa, unni attruvau parenti e amici ca dicevanu- c’a vucca: “ Avvocato, vedrà, presto si alzerà dal letto” ma nte facci c’era scrittu “che bello vederti conciato così, e quando crepi?”  Beni. Allura mentri ju fazzo ‘avvucatu, tu Robby mi dici i battuti d’o diritturi d’a banca, i sai a memoria, speru?-

Rob. – A memorissima, maestro.-

Mariot.- Allura d’accordo?-

Rob. – E come non essere d’accordo? D’accordissimo! Io sono tanto felice che l’abbraccerei.-

Mariot. – Tu statti suru!  ( leggendo) Accuminciamu. Dunchi…  ah, si: “Vinissi dirittori s’assitassi ccà a tagghiu d’o lettu.-

Rob – Grazie, preferisco restare seduto qui. ( tra se, facendosi vento con la mano) … da come ti puzza  l‘alito…-   

Mariot.-“ Extra omnes”, osia: Tutti fora dde baddi! ( segno a ipotetici visitatori, poi al direttore) Lei no, Dirittori. E s’assittassi! (il direttore a malincuore esegue) Dunchi, u sacciu che staiu lassannu questa valle di lacrime...oddio ho paura, ho paura della morte… quindi, nel lasciare questo mondo…no, no che non voglio lasciarlo. Voghiu vidiri ancora u mari, iu suli, i beddi carusidde ovvero le fanciulle… lo so, è quasi finita per me…i fiori, il tramonto…ma sto morendo dalla paura di morire…-

Rob - Ma no, che dice avvocato…- 

Mariot.- Dirittori, sacciu chiddu ca dicu. Ora, se m’ascuta, m’aiu sgravare a cuscienza. (solennemente) Ho un debito con lei.-

Rob - Un debito con me? E quando mai.- 

Mariot.- Ci l’aju, ci l’aiu: Dirittori, ju ci vulevo appioppare la Rosa…-

Rob - La rosa? Che rosa? Quale rosa?-

Mariot.- A Rosa ca lettera maiuscola, ‘n ciuri di carusa! ( tra se) minchia ma chistu è scemunitu. Oh, scusassi, sbagghiaiu, m’arricupigghiu: La Rosa con la “R” maiuscola, la Anastasi Rosa, a vigilessa. E ora nun m’antirumpissi cchiù annunca perdu u filu! Dunchi:  ( con tono sognante) Volevo per lei un matrimonio adeguato con una persona colta e di buona posizione. ( poi accoratamente) Io! Io ho ardentemente sperato che il miracolo si avverasse attrqaverso la sua persona. Desideravo, volevo che lei, frequentandola quasi giornalmente, trovasse in essa quella bellezza astratta che solo io conosco in quella splendida figura di donna virtuosa, casalinga, buona cuoca, affettuosa come solo lei sa essere. Purtroppo, l’amore è cieco e lei, dottore, non è stato punto dalla freccia di Cupido per interposta persona: cioè io, il sottoscritto, allora la incalzavo, volevo abbattere la sua probabile timidezza, volevo farla cadere nella rete magica della mia Rosa. Ma è stato tutto inutile. E allora, deluso e, diciamolo pure, ferito e assetato di vendetta, ho fomentato le accuse sulla sua persona come fedifrago della presunta promessa di matrimonio…io! Io! Tutte le voci  messe in giro, io, io. La rabbia della signora La Torre, la presidentessa della protezione delle femmine nubili? Io, io! Fomentavo, congiuravo. Minacciavo. Mai sazio! E lei ha pagato a caro prezzo la mia…la mia…E i pomodori che le lanciarono addosso durante la protesta della donne del paese? Io! Sempre io congiuravo, tramavo, cospiravo... oddio è mia figlia…è una creaturina indifesa … sugnu mortu! Anzi no. Voglio dirle tutto: l’ho avuta in gioventù da una relazione adulterina con la mia serva…l’ho protetta, le ho dato un avvenire nei vigili urbani, ma non l’ho potuta sistemare con un buon marito e una bella famiglia... purtroppo… mattri santissima moru, staiu murennu, muriu! Muoio! Mi sento mancare…fermo, non si muova! Non chiami nessuno, prima mi perdoni.-

Rob - Avvocato… stia calmo, chiamo qualcuno…calma, calma eh? –

Mariot.- Ma statti mutu scunchiurutu! Doppo ca m’amparai a memoria tutta la parti, ora m’a fa scurdari u finali.-

Rob – A memoria? La parte?-

Mariot.- Sissignori, a memoria! Pi nun scurdarimi nenti: comu ‘n to cunfissionali. Allura, pozzu cuntinuari?-

Rob – Se vuole…- 

Mariot. – Allora ( come se facesse uno sforzo per ricordare): Un momento ancora: mi dia il suo perdono...appoi se è u casu, macari  l’estrema unzione.-                                          Rob.- Quella non posso. Per il mio perdono, ecco fatto: la perdono.                                                                                 Mariot.- Comu accussì sbrigativu? E chi razza di pirdunu è mai codesto? Lei m’a pirdunari signannumi nta frunti e facennumi diri i prighieri di rito. E che? è lei nun sapi nenti di pirdonu?

Rob - No, mi dispiace. –

Mariot.- ( quasi bofonchiando) Minchia, picciotti, chistu macari mentri moru mi cuntraddici.- 

Rob – ( guardandolo preoccupato, tra se)  Questo schiatta da vanti a me.-

Mariot.- La benedizione, almeno. Non me la neghi, la supplico.-

Rob - Va bene, la benedico. – ( esce di corsa)

Mariot.- Fremmu! Unni va’! Ma vafanculu minchiuni! Calogiru, Santinu, viniti ccà: scippatici a peddi a ssu specia di diritturi, mortu di fami; abbruciatici tuttu, casa, machina e macari a ciniri d’o fucularu; lassatulu pi mortu, comu se mortu fussi viramenti: Mortu di fami! Morti buttana! Morti subbitania! Bedda mattri, mortu sugnu! ( si accascia sui cuscini)-

Calogiru – Tranquillu ziu, tranquillu, vossia pinzassi sulu a moriri in paci… (fra se, poi sospirando)  Minchia chi camurria…( poi a Santino che stava obiettando qualcosa, a bassa voce) Lassulu sbattiri, ‘n vidi che sta sdilliriannu? sa sta quagghiannu ( facendo il segno con le dita)- futtatinni!“

Minchia Robby, ma tu co dialettu ci vai forti. Comu mai?-

Rob – Veramente la commedia è stata scritta a quattro mani. Per la parte dialettale ci ha pensato Milo.-

Mariot.- Milo? Beddamattri sant’Alfiu, abbissati semu.-

Milo – (piccato) Mariottu, pricchì, c’è cosa? Ci a sputari l’ossa de’ ficurinia? Avanti va’ videmu.-

Mariot.- Ahu, bonu, calma e ghiacciu nto panaru! Staiu sghizzannu, nun si po’?-

Rob – Calma Milo, il Maestro con noi principianti, scherza sempre. (per calmare la acque) Avanti, ti aiuto a terminare la scena.-  

Milo – (tentennando la testa) E aiutami. (occhiataccia a Mariotto)-     

Mariot. – Oh, finalmenti s’arraggiuna! A eccu, arrivunu l’autri. Ora pruvamu a cummedia in programma. (posa sulla sedia il copione della commedia di Roberto) –

Rob. – Grazie Maestro per averci regalato parte del suo tempo prezioso.-

 

Entrano in scena Angela e Tella.

 

Mariot.- Ahu basta cu sta camurria d’o “grazie maestro” e st’arruffianamento. Oh! (imitandolo, poi a Angila)  Ah arrivasti…-

Ang.- Arrivaiu, e allura?-

Mariot. – No, nenti, nenti e cchi ci a essiri?  Chiffà ancuminciamu… Milu, a isamu sta scena?-

Milo- Ca…cu stu bell’imbustu di Saru, fa…fa… facimu notti. Ma  si m’aiutati… vuattri granni artisti.-

Mariot.- U scenografu si tu.-

Milo- No, ju sugnu… ju sugnu…u  sc…u sc…

Pepp. – (entrando) … u sceccu!-

Melu- Mi…mi…a ta sintutu… tu…tu…-

Pepp.- …occupato.-

Milo – Ora…ora m’anca…m’anca…

Mariot. – Sta tranquillu nun manca nenti! Finimula e travagghiamu. Avanti carusi datici ma manu a Melu.- 

Pepp.- Ju sugnu u primu attori e nun mi sporcu i manu.-

Milo – Alla bo…bo…-

Pepp.- Alla bo?alla bo?  Eppoi? Ahu, alla bo- ttarisangu! sbrigati ca cca si fa notti.-

Ang.- E lassatulu parrari u sapiti ca ci ampingi a lingua quannu e` nirvusu.-

Mariot.- Uora e` nirvusu e semu, abbissati - semu...-

Ang.- Parra Milu.-

Mil.- Gra…gra…grazzi, Angi…Angila.-

Pepp.- Ahu, stamu aspittannu, ti decidi? (agli altri) N’ama avutu pascienza, no?-

Mil.- Ora...lassatimi pa...parrari, annu...annu...annunca minni, minni...-

Pepp.- Macari i minni? Ma e` tosto.-

Mil.-...vaiu!-

Mariot.- E parra, e accuzza ...-

Mil.- Accu...accuzzu. Io di...dichiaro che sono stuffu di pigghiari ordini. Poi ho letto la locandina appinnuta fuori e sono  inca...inca...-

Pepp.- Un'incas?- ( Milo con la testa fa cenno di no).

Ang.- Incantatu?- ( Milo dinem)

Mariot.- Incasinatu?- ( Milo idem)

Mil.- Inca... incazzatu...-

Ang.- Nun essiri vastasi, Milo.-

Tella- Concordo!-

Mil.- ...e a  mia m'a ta purtari rispettu picchi` sugnu un artista come voi. Sugnu scenografo, un artista della …sega…

Pepp.- (sottovoce, facendo un gesto lequente) …chissu u sapemu già…-                    Melo-… (sdegnato) Macari tu? non  ra… raccoglio… e,  mi dovete mettere in locandina con gli artisti non con i tecnici…

Mariot.- … e attorna…-

Mil.- … poi, voialtri...artisti ( ironico) pi miraculu conoscete solo le vostre singole parti...Mentri ju…-

Mariot.- Senti beddu, da chi munnu e` munnu i locandini si fanno accussì. U capisti, babbaleccu?-

Tella- E non l’offendere, poverino. -

Milo – Priffettamenti accu… accusì, nun offendiri. Chi ti …chi ti…cridi picchì ssi capocomicu po’ fari chiddu ca …ca voi.-

Pepp.- Minchia chi forza: caca macari i voi!-

Ang.- Pippinu, contegno, ci siamo delle signore.-

Milo.- Ca… ca…comu. Allura?-

Mariot.- Allura chi cosa? Minchiuni! A vo travagghia va`. ( fra se) Scenografo...  pi mia si nu tintu mastrurascia...Scenografo, casumai scemografo. Senti sai nenti di Ciccinu?-                                                                                                                            Milo- Cicci…Cicci…Ciccinu c’avi a frevi a quaranta.-                                                         Mariot.- E a so parti comu la fa?-

Ang.- Pi currispunnenza forsi ‘nta funnu di lettu! Avaja Mariotto…-

Mariot.- Ma se pi dumani nun ci passa a frevi e veni cca a travagghiari, mortu o nun mortu, ci abballu nta panza.-

Ang. –Ma vo cuccati!-

Milu – Forsi pi dumani … forsi ci… ci… passa a frevi.-

Mariot.- E chi è na frevi a cumannu? Ahu non è ca sta recitannu cu qualchi autro? Se è accussì ci tagghiu facci e ci abballu nta panza.-

Ang. - Mariotto, ti dissi di dariti na calmata. Ciccinu è nu bonu caruso, appena s’arripigghia veni in tiatru. Tranquillu, tranquillu.-

Mariot.- Sugnu tranquillu, non mi vidi comu signu tranquillu… (intanto è scossa da tremori vari)-

Pepp.- (Vedendo il copione lo prende e sbircia il contenuto)  E cchi è stu cosu? Priccasu cangiamu prugramma? (agita il copione)-

Angi.- (preoccupata)  Comu, comu? Scangiamu programma?-

Tella – Oddio, io non sono preparata…-

Mariot.- (guardandoli attonito) Ma cchi minchia stati dicennu?-

Pepp.- Comu? E nun u dici a nuattri? E chistu chi è? A divina commedia?-

Rob. – No, quella è la mia commedia.-

Ang.- Quali commedia?-

Milo – A nostra.-

Pepp.- Allura aiu raggiuni!-

Mariot.- No, siti pazzi da legare, e ju ci addivento appresso a vuattri. Il programma è quello che sappiamo gia:  La commedia “L’appuntamentu fantasima”, puntu e basta!-

Ang.- E chidda ca sventula comun a bannera Peppi cchi cosa è?-

Mariot. - Na minchiata!-

Rob. – Ma maestro…-

Milo-  Ti lu di…di..dicevu ju! Chissu è carni di porcu!-

Mariot.- Accura a comu parri, babbaleccu!-

Angi.- Attorna? Ti dissi di nun l’affenniri, mischinu.-

Pepp.- ( che nel frattempo sfogliava la commedia di Roberto) Ma taliati cca. Taliati chi scrivi ssu figghiu di bbona mattri: “ Quando Petru riprese uno sprazzo di conoscenza, vide coi suoi occhi appannati dal brandy, che Cesare e Nadia sedevano vicino al tavolo. Ma non si capacitava come diavolo fossero seduti. Lui stava su una sedia, mentre lei era seduta…sedeva… stava ””accidenti, diceva, non capisco come sta seduta…quella grande gonna copre tutto. Allora, ricapitoliamo, - si chiedeva Petru, con la lingua o il pensiero impastato di brandy, sfregandosi la tigna, sforzandosi di capire- Cazzarola! Dunque: lui sta seduto e parla.…che dice? Ah, ecco, dice: Sant’Agostino…castità…San Francesco…astinenza…Santa Chiara …amore fraterno. Mentre lei, pur stando seduta, beccheggia e rolla, come un bastimento in mezzo alla marosi, e mormora: si…si…si… poi grida Sii!!!...si!…poi incalza si… si… si… quindi sospira  siiiii… poi sussurra si…si…si. Ma che caz…, dicono””- pensò Petru Tigna, mentre si girava sull’altro fianco e riprendeva gagliardamente  a russare. “

 A ta capitu tutti? Chistu a descritto na gran futtuta in piena regola.-

Ang.- ( a Robby) Ahu, porcu ammucciatu.-

Rob – Chi io?-

Ang.- No me nanna! Ma varda cchi cosi. A uora facemu macari commedie porno. (a Mariotto) Pepp ci abbagna u pani e tu ci tiene bordone! Capucomicu corrotto, perverso e… e sfasulatu!-

Mariot.- Oh, oh, fremmu tutti! Ju nun tegnu burduni a nuddu…-

Ang.- …paraninfo…-

Mariot.- Mortibuttana! A vuliti finiri e m’ascutati? Oh, dunchi: Stu carusu a scrittu na cummedia…-

Milo - …ssi carusi ana scrittu, picchì ci sugnu macari ju!-

Ang.- Ah, nautru porcu!- 

Mariot.- (guardando Milo storto) Ssi carusi… e m’ana fattu leggiri ‘n pizzuddu. E devu diri ca era bidduzza. Ma non l’ho letta tutta! E di ssa parti ca a liggiu Peppe, nun ni sacciu nenti. Va bene? E ora basta. Travagghiamu. Milu, si prontu?-

Milo – Calma e ge…ge…gessu.-

 

Entra in scena  Nuccia, attrice giovane  debuttante.

 

Nuc.- Buonasera a tutti...-

 

Gli altri salutano Nuccia a soggetto.  Durante tutto l'atto, gli attori non impegnati nelle varie battute, usciranno e entreranno di scena a soggetto, simulando la sistemazione del palcoscenico. Nel montare le scene si verificheranno varie gaffe che comporteranno piccoli incidenti e lievi ritardi. Mariotto si lamenterà e inveirà contro la sua sorte.

 

Mariot.- E puteva essiri diversu? E mi pareva! E puteva filari tuttu lisciu? Malanova a mia e alla mia sorti, sorti buttana! Appoi cu stu …scenografu…-

Nuc.- Via maestro, sia fiducioso... ( leziosa).

Ang.- A chista un jornu o l'autru, ma jocu in tempu unu e dui.( fra se).-

Mariot.- Milu, attento a quella vite, e` lenta...ccà casca tuttu.-

Mil.- E attorna…Ju sugnu sce... sce…-

Mariot.- …Scemu...no? Scemunitu? no? Sceiccu, sceccu?-

Mil.- ( torvo in viso) Sce...scenografo non ma...ma...-

Mariot.- Mattu? no? macchetta? no? Ma cchi malanova si? ( e torna a lavorare).-

Mil.- Macchi… macchini…. se volete un macchinista, ve lo pagate! E ora finitila o minni... minni… -

Angi.- … e attorna che vastasati…-

Milu- … (guardando storto Angila) …Minni …minni vaju!-

Mariot.- Avanti Milu, calmati, stavu sghizzannu, travagghiamu ca u tempu squagghia. E dumani c'e` u debuttu.-

Pepp.- ( sottovoce, ma Tella sente) Si, cu ssa prima attrici, finirà a frisca e pirita.- 

Tel.- Ma come ti permetti? Mariotto, esigo le sue scuse!-

Mariot.- Peppe, o frati, nun accuminciari... avaja semu gia` in ritardo. ( poi autoritario) Ahu, si nun spirdemu la prova, si po fari macari mezzanotti, ma di cca nun esci nuddu.-

Pep.- Pi mia...-

Tel.- Gia`, per lui.  Io non so proprio come posso resistere ancora qui, con voi...-

Mariot.- Picchi`, facciamo forse schifo?-

Ang.- Avemu forsi a sgabbia?-

Tel.- Senza offesa, ma io prima di venire qui con voi, ho recitato con ben altre compagnie, con vere personalita` dello spettacolo.  Io ho fatto Pirandello, ho fatto teatro impegnato...-

Pep.- Certamenti, la grande “Creta Cabbu” ,attrice... guitta! Ma u sapiti comu fa di nomu la nostra grande star: Fa Zita, osia:  Zitella, detta Tella, pi carità di pattria.-

Tel.- A me queste insinuazioni? Io zitella? Guitta a me? Questa poi...Mariotto, provvedi o me ne vado via.-

Mariotto.- Nzumma, mi vuliti ruvinari bottadivilenu amaru, mittitivi i custumi e accuminciamu la prova. Vaja Tella, vatti a truccari. (Tella si mette in disparte imbronciata)-

Nuc.- Un minutino maestro, vorrei ripassarmi la mia parte..-

Ang.-( imitandola) Un minutino Maestro vorrei ripassarmi la parte... Culumbrina e tappinara, tu a to parti ava sapiri gia` a memoria.-

Mariot..- Nuccia a canusci già a memoria. Forsi la vuole provare sulle tavole prima di fare la prova generale, infine è debuttante.-

Ang.- Debutta sulu na cummedia veru? ( allusiva)-

Mariot.- E unni senno'?-

Ang.- Chissacciu ( fa la misteriosa) Forsi... pri casu... no lettu cu tia... Attentu a chiddu ca fai. Picchi ju ti  rumpu...-

Mariot.- ...li corna! Sta tranquilla, tranquilla. Cca si travagghia seriamenti. Qua niente sesso, siamo...-

Ang.- ...taliati a vista! Macari di dda banna, intantu ca mi mettu u custumi… accura, sai?

Mariot.- E accura sto!-

Rob.- Chi e` di scena?-

Mil.- Ahu, e nu mumentu, quannu chiantu sta lapazza!-

Mariot.- Bedda matri, mi stavu scurdannu i luci. Mi facisturu perdiri la testa...( rivolto verso lo operatore delle luci) Tanu, si prontu? ( come se sentisse la voce ) Molto bene. Grazie.-

Mariot.- Peppe e cchi fai a bella statuina? Vatti a cangiari.-

Pepp.- Eseguo ” badrone”. (esce con un sorriso beffardo) –

Mariot.-  Spiritusazzu… Allura, semu prunti?

Rob.- Prontissimi. Manca per voi, Maestro, vi dovreste cambiare...-

Mariot.- Ju stai bonu accussì. (s’avvicina a Milo e tenta d’aiutarlo)-

Nuc. – E io cosa faccio?-

Mariot.- Vatti a truccari, dai bella.-

 

Nuccia esegue tutta contenta.Mariotto da un ultimo sguardo in giro, fischietta, controlla la scena, le quinte, i fari, butta un po d'acqua sulle tavole del palco.

 

Mil.- Ju su... sugnu pro...prontu.-

Mariot.- Benissimu.-

Tel.- Un momento! Io ancora aspetto le scuse.-

Mariot.- E santa pascienza...Milu, va’ a chiamari a Peppe. ( Milo, a malincuore, esce)-

 

Entra Angela.

 

Ang.- Chi tinni pari do me custumi?-

Mariot.- Bello, ti sta a priffizioni, ti sfila, t’affina, t’app…-

Pepp.- ( da fuori scena) T’appi…nara.-

Ang.- Tappinara? A mia?-

Mariot.- Tappinara? Ccu  u dissi ca ci rumpu li corna!-

Ang.- E rumpatilli! U dicisti tu!-

Mariot.- Ju? (riflette, poi fa cenno verso la quinta) Ah, u capì… (tentanna il capo, poi a bassa voce)  ddu strammajocu di Peppe . ( poi a Angela) Ma tu, a muggheri,  se mi facevi finiri… ju volevu diru: “ t’appilla”, inzumma  ti dona. E basta.-

Ang.- Allura, forsi…(anche lei guarda versa la quinta) …forsi…u capì. Ma prima o doppu ci rumpu i corna a chissu. (fa il gesto verso le quinte) –

Tella- Ben detto: ssu cornutazzo!-

Mariot.- Ahu, benissimu, macari tu tinni niscisti al naturale … (occhiatacce delle donne) volevo dire: ‘nzumma cca parrat’i fora?-

Ang.- Ma cchi stai dicennu?-

Mariot.- Nenti, mi cassariaiu, va beni.

Ang.- Va beni, ma quannu ci voli, ci voli!-

 

Rientra Milo.

 

Milo – Mariottto, Peppe  vi manna…mannau…a fari in culu… pi procura…-

Tel.- Ora basta! La misura e` colma! Io me ne vado!-

Mariot.- Ma no, Tellina, unni vai, Peppinu scherza l’hai visto anche con me…-

Ang.- E cu mia …Tappinara mi dissi… iddu scherza sempri cu tutti... macari cco focu sta sghizzannu- uora!-

Tel.- Mi dispiace per voi, ma sono irremovibile. Addio!- ( Tella esce di corsa dalla parte della sala.)

Pepp.- ( sempre dalle quinte)  ...Ora torna...( sicuro di se).-

Mariot.- Si nun torna sugnu ruvinatu... –

Pepp.- (c.s.) Torna, torna...-

Rob.- Maestro, mancano anche le comparse Turi e Giacomo...-

Car.- Ahu, basta! Basta! E cchi mi vuliti mortu? Cca ognunu fa i cavoli so', e u spittaculu cu u fa? A jatta? Nenti, ho deciso: se ssi due sciavuni nun arrivanu a tempo, voli diri ca trasiti in scena tu, l'elettricista, e si servi, puru u bottegninu – e macari a scupa! Ma stasira a prava s'a fari! E ora vidi unn'e` Tellina. ( Roberto esegue)-

Mil.- Io so...so sono  se… sempre pronto.-

Mariot.- ( guardando la scena, terrorizzato) E chista sarebbe la scena?-

Mil.- Lib… libera…  inter…                                                                                      Pepp.- ( dalle quinte)… E carzaratu u Milan!-

Mil.- …libbera interpretazione di na piazza nazional-popolare!-

 

Sul fondo scena, intanto che Carmelo parlava con gli altri, Milo ha montato una specie di arcata, con festoni vari e ha posto sulla scena due panche di sgimbescio.

 

Mariot.- ( a Peppe) Mutu tu! ( a Milo) Ah, Nazional-popolare? Gran figghiu di tappinara, e cchi mi voi rovinari macari tu? Nun ci abbasta Peppe, Tella, i dui sciavuni assenteisti, Roberto che so lastimi, me muggheri ca sua gilusia, ti ci metti macari tu che to minchiati? Ma ju mi pigghiu a scupetta e fazzo na carneficina collettiva: Vi fucilu, poi v'affucu, poi v'anniu, vi tagghiu a panza e mi mangiu a quarumi!-

Milu – Va beni, nun ti piaci…Basta chiedere.-

Mariot.- (minaccioso) Milu,accura ca  oggi nun è juarnata, sai?

Rob.- (rientrando)  Maestro, Tella è andata via dal teatro.-

Milo -  E ora chi la fa la sua parte?-

Mariot.-  A so parti a fa cu sapi a cummedia a memoria…Cioè tu! Veni cca beddu...soru soru...-

Milo.- Ehi, non sghizzamu.-

Ang.- Statti fremmu Miluzzu...fatti acchiappari.-

Pep.- ( rientrando) Avaja, fatti vestiri...-

Nuc.- ( rientrando) Ci vuole così poco...per essere femmina...( allusiva).-

Rob.- Coraggio salvatore della patria!-

Milo- Anche tu Robby! (tono drammatico)  Aiuto!-

Mariot- A curpa è da to! Tu sai tutte le parti, quindi farai la prima attrice. Ho deciso!- 

Pepp.- … effettivamenti… tu sai tuttu. E allura, c’aspittamu?  forza carusi!  ( li incita ad afferrare Milo)-

Milo - ( agli altri che affermano col capo e si avvicinano per vestirlo da donna) Fremmi picciotti a mia ‘npingi a lingua … fremmi tutti! Morti subbitania, Mariuzzu, fremmili tu!-

Mariot.- ( a tutti) Ju?  E comu no! Intervengo:  'Ncoddu carusi!(Tutti gli vanno addosso e immobilizzano Milo che si dibatte furiosamente)  Chiuditi u sipario, accuminzamu a prova.-

 

Il sipario lentamente si chiude.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                     Atto  II

 

Quasi stessa scenografia dell’atto precedente, ma con più ordine e con una quinta che rappresenta una facciata di palazzo con uno sfondo alberato, una panchina. Gli attori, se è possibile, vestiranno in modo ricercato ma pacchiano; altrimenti calzeranno un cappello secondo i loro gusti personali. 

 

All’apertura del sipario in scena ci sarà Mariotto che legge un giornale. Musica adatta. Dopo mezzo minuto entra Peppe.

 

Pepp.- Oh, ‘Mbari siti, si già ccà?-

Mariot.- ( senza smettere di leggere)  Chiffà si vidi?-

Pepp.- U capì, siti incazzateddu…-

Mariot.- (ironico) No, quannu mai, ju arrivi sempri primu all’appuntamenti picchì nun pozzu durmiri, picchì mi fa mali a panza, picchì me muggheri mi jetta fora da casa…-

Pepp.- Ahu ‘mbari, ju sugnu quasi in oraiu.-

Mariot.- … pi sta vota. Comunque, ju sugnu u principali e arrivu primu, mentri l’autri sa pigghiunu cu comudu. (strapazza il giornale)-

Pepp.- E va beni, nun v’a pigghiari tantu a cori sta puntualità.-

Mariot.- Cui ju? Mariottu se mai!-

Pepp.- Sentiti ‘mbari, a mia nun mi veni di chiamarivi Mariotto, mi sa di…(si tocca l’orecchio, come per dire gay).

Mariot.- A parti ca s’arricchia a putiti lassari ‘n paci, all’anagrafi ju nesciu Mario, me mettri mi chiamò Mariuzzu, Angila, quannu ni ficiumu ziti, mi vosi chiamari …Mariotto.  Siti suddisfattu?-

Pepp.- Avaja, ‘mpari, era sulu curiosità, tantu pi passare tempu (guarda l’ora) –

Mariot.- (che se ne accorge) Si fici l’ura veru?-

Pepp.- … e ancora nun si vidi nuddu. –

 

Mariotto si alza dalla panchina con una certa fatica, toccandosi la schiena.

 

Pepp.- ‘mbari c’aviti i duluri “romantici”.-

Mariot.- Romantici? Chisti sunu duluri carogna! E mi venunu sempri quannu haiu cchi fari. Viditi, partunu di ccà…giranu di ccà e…( si tocca la parte destra dell’anca, poi và serso il collo e ridiscende)-

Pepp.- …e arrivanu ccà… (si tocca la parte sinistra) comu a circumetnea, ‘mbari stu riturnellu u sapemu già tutti a memoria.-

Mariot.- E si lu sapiti picchì m’addumannati? Pi pigghiarimi pi fissa?-

Pepp.- Vaja, ‘mbari, u sapiti ca v’arrispetto, picchì u Sangiuvanni s’arrispetta!-

Mariot..-E ci aviti raggiuni. Ahu, cumpari,  ( impacciatissimo) … parrannu ccu vui, inzumma, comu si dici? (breve  pausa) Vardati cchi fazzu: marricupigghiu e dicu…-                                                   Pepp.-  ‘mbari  nun mi faciti scantari: Chi fu? C’è cosa?-                                               Mariot-  ‘Na cosa sula?  ‘mbari, è… è … na sorti di cosa…-                                           Pepp.-  E allura c’aspittiti, parrati!-                                                                                   Mariot-  Ma no, lassamu perdiri…-                                                                                              Pepp.- E no! Uora parrati. Chi fu?-                                                                                                                       Mariot.- Chi fu? Chi fu? Fu ca dda paci de sensi ca vi dissi, parrannu cu vui, …sinni pintiu… -                                                                                                                              Pepp-   Chi diciti? E comu fu?-                                                                                                          Mariot.- Fu ca doppu tri misi,  passannu aieri…’nzumma,   comu si dici… riturnau la                                                                       forza e la valia.-                                                                                                                                              Pepp.- ( allusivo) U capì turnau…a forza  e… bonanotti a tia!-                                                                               Mariot-   No, no, si ci primmittiti:    Bongionnu a mia!-                                                Pepp.- ( fa cenno come per dire bene, bene) ‘Mbari, comu semu  a travagghi tiatrali?-                                                                                                                                              Mariot.- E cchi vaja diri cumpari miu, senza vantarimi sugnu circatu nte megghiu piazzi…-                                                                                                                                 Pepp.- A esempiu?-                                                                                                                           Mariot.- A esempiu, chissacciu a San Grigoriu, Ficarazzi, Calascibetta, a Valguarnera…-                                                                                                            Pepp.- ‘ Mbari magari a Carrapipi? Ma siti ‘n cannuni! (ironico) come dire: furoreggiati ‘nte megghiu piazzi tiatrali. Ma sunu cosi di pazzi!-                                                                            Mariot.-  Fremmu ‘mbari : vegnu e mi spiegu:   Sugnu  o nun sugnu supra a nu scalinu,  unni c’è scrittu chiaru e tunnu:  attori, regista e commediografu?  ca, tantu pi’ sapillu,chistu sarissi  dd’autori ca scrivi opiri tiatrali  “per la quale”, ‘nzumma: tanti e bunazzi.  ‘Nnunca, cumpà, ora cchi vinni pari? –                                                                  Pepp.-  ‘Mbari mi cassariai e p’accuntu vi dicu: Ad majora… -                                                                                               Mariot.-   …e saluti c’è ccà!  (poi sottovoce) intantu, pi ssi e po no, mi toccu i baddi ( poi guardando l’orologio) E ancora nun si vidi nuddu…-                                                                          Pepp.- (guardandosi attorno) E se cangianu idea?-                                                                 Mariot.- Canginu idea?… Cui iddi? Picchì v’arrisutta ca anu idee. -                                                                                                                      Pepp.- ‘Nzamai… Comunque e se l’autri nun s’avissuru a fari vidiri?-                                            Mariot.- Si nun venunu pruvvidemu…-  

Pepp.- (guardando ancora l’orologio) Ca certu. Tempo mi pari ca n’avemu.-

Mariot.- Si, ma finu a certu puntu…-

Pepp.- Naturali.-

 

Tra un argomento e l’altro, gli attori fanno movimenti scenici alternati, per ingannare l’attesa.

 

Pepp.-  Cumpari u sapiti ca passann’aieri fici trent’anni …-                                                             Mariot. - (soprappensiero interrompendolo) Trent’anni?   Mih, cumpari miu li purtati mali st’anni.-                                                                                                                           Pepp.- (piccato) Ma cchi cosa capisturu stunatu!  Trent’anni di matrimoniu,  li fici passann’aieri.-                                                                                                                        Mariot.- E spiegativi megghiu, senza quadiari. Allura: Auguri e figghi masculi.-                 Pepp.- Mih, a st’età? ‘mbari siti in sensi, oppuru abbabbiati!-                                              Mariot.-  Avaia cumpari stavu sghizzannu.-                                                                               Pepp.- E sghizzati cu vostra soru!-                                                                                             Mariot.-Va beni: allura sulu auguri …-                                                                                     Pepp.-  Priffettu.-                                                                                                                                      Mariot.- Si priffettu. Ma l’auguri nun sunu pi vui, ma pi dda povira muggheri vostra, ca v’ha suppurtatu pi tutti t’ann senza spararisi nte cirivedda o senza mannarivi a…-                                                                                                                         Pepp.- … a?-                                                                                                                                    Mariot.-  …Affanculu! Cumpari miu. (pausa)  Cangiamu sunata: Ascutati e dicitimi cchi vinni pari:  M’arrivau na littra scritta da un’Università, la quale mi dici: “Fatti u mantellu e a scurzetta ca ti facemu dottore in lettere  o quali tu ti meriti c’aviss’a essiri.  Segue programma:   P.s. Investitura e pranzu di gala… Cu menu di milli euru… Fine. Avanti, cchi diciti?-                                                                                                               Pepp.- Lauria in lettere? E pi quali meritu? Pi ‘ncazzaturi, travagghiu efami nazziunali  o internazziunali?-                                                                                                              Mariot.-  Ahu, chi fa, sbintati?-                                                                                                Pepp.- Cui ju? –                                                                                                                      Mariot.- No, me soru!-                                                                                                                 Pepp.-  Ah, mi pareva…-                                                                                                     Mariot.- E nun faciti u Nofriu! ‘Nzumma a lauria in lettere m’a vonu dari pe i me meriti letterali. Tantu pi sapillu, ju scrivu cummedii, pi cui, pulitu e nettu, sugnu  un letterato!-                                                                                                                              Pepp.- (tra se)… scanzatini… -                                                                                                                    Mariot.- E allura cchi ni diciti?-                                                                                                    Pepp.-  Mah, chissacciu.-                                                                                                           Mariot.- E macari ju dissi accussì: Mah chissacciu …e lassai perdiri.-                                                                   Pepp.- ‘Mbari, inveci  a mia mi vulevunu fari cavaleri.-                                                                    Mariot.- Vaja cchi diciti su seriu?-                                                                                              Pepp.- Susserissimu!  Mi scrissuru accussì :  “Si statu signalatu o quali tu fussi                                           degnu e ridegnu di addivintari Cavaleri di Malta.  Segue programma.  Firmatu  S.A.R.  Principe ecc. ecc. Ora ju ci aviss’arrispunnutu a tutta sta Sua Altezza Reali principesca:  “Ma ‘o pigghiatala a …Matta! –                                                                                                           Mariot.- E cchi ci arrispunnisturu allura?-                                                                                         Pepp.-  U sapiti ca sugnu na prissina arucata, ci arrispunniu:  “Grazie molto onorato                                                       Ma nun mi sentu per la quali. Circatavinni n’autru, macari nu tintu tistranti. (e intanto si allontana da Carmelo che lo minaccia benevolmente, poi guardandosi attorno e consultando un orologio da polso) E ancora nun venunu.-                                                                                                  Mariot.- Sapiti cchi facemu? Facenu ca l’affari u cumminamu sulu nuattri dui.- 

 

Angela, entrando alle loro spalle.

 

Ange.- Ca comu!-                                                                                                                       Mariot.- (soprassaltando) Cu jè?-                                                                                               Ange.- A to pattruna! (ironica) L’affari u cumminamu sulu nuattri dui… e l’autri chi su urfaneddi?-                                                                                                                                    Pepp.- Ahu Iangila e cchi ssi carricata ‘nt’avanti?-                                                             Ange.- E cchi è sta cunfirenza? Parra cu rispetto ad una signora, sceccu vistutu pulitu!-                                                                                                                                              Mariot.- Vaja, carusi, ci manca ca n’acchiappanu tra nuattri. Angila, u vidi che to occhi ca Robertu nun c’è? E l’auttri? Unni sunu? E allura cchi facemu, l’aspittamu? E intantu va in fumu di fruscagghi u nostru affari. Bisogna decidersi!-                                                                Ange.- ( guardando attentamente Peppe) Peppi, chi c’hai ‘nto nasu?-                                                                                                                           Pepp. -  Quali nasu?-                                                                                                                      Mariot.-  Comu quali nasu? E quantu n’aviti dui, tri?-                                                                 Pepp.-  Ah, u me?-                                                                                                             Mariot.- No chiddu di me soru.-

Ange.-   Allura, chi c’hai?-                                                                                                             Pepp.-  Cheratosi Attinica.-                                                                                                        Mariot.- ( guardando Peppino e poi Angilina)  Ca significa?-                                                   Angi.- Già, cchi significa?-                                                                                                                                     Pepp.-  (piccato)  Ca vat’affari l’affariceddi vostri!-

Angi.-  Arrucatu l’amicu. Ah, eccu Robby!-

 

Entra Roberto, detto Robby, vestito goffamente da donna. Egli ha ascoltato il dialogo, quindi si avvicina ai tre e, con la sua aria saccente dice:

 

Rob. - Buongiorno a tutti. Se non lo sapete, cheratosi attinica significa che il nostro primo attore ha preso troppo sole, per cui si è scottata il nasino, ma niente di grave, con la crema solare giusta, tutto s’accomoda e il suo bel nasino tornerà  più bello di prima.- 

Angi.- (schermendosi) Ma come sei bravo Robertino…

Mariot.- (schifato) Mattri che lariu!-

Pepp.- ( facendole il verso) Ma come sei bravu Robbertinu…-                                                   Mariot. – Parramu di cosi serie: ( a Roberto) Ahu, e Milu? ‘n ava essiri iddu  vistutu di fimmina? –

Rob.- Lo sostiuisco io, volontariamente.-

Angi.- E comu mai?-

Mariot.- Già, comu mai?-

Rob.- Gli è venuta una crisi e tartagliava furiosamente : Ju vistitu di fimmina? Perdu u decoru e a dignità. Mai! megghiu moriri. Disse proprio così. Ed io sono di cuore tenero…- 

Mariot.- Tu poi essiri teneru macari di quarumi, ma i parti l’assegnu ju!-

Ang.- E va beni, pi stavota…-

Pepp.- … passatici supra…-

Mariot.- … a vostra panza, e ci abballu macari. Oh!... va beni, pi stavota. Allura cumpari Peppe, cchi fa ni muvemu?-                                                                                                                                 Pepp.- E comu vuliti vui.- 

Mariot.- E allura annacamini!-                                                                                                                 Angi .-  E all’autri cumpagni cchi fa? Nun l’aspittamu?-                                                       Mariot.- E cchi ci ama ghiri in comitiva? Abbastamu nuattri quattru.-                                    Pepp.- Mariotto c’avi raggiuni!  Ci abbastamu nuattri!-                                                              Angi.- Ju nun sugnu d’accordo! Semu setti e setti a ma ‘ssiri. Ciccinu è giustificatu.-                                           Rob. - Ben detto signora!-                                                                                                           Mariot.- Mutu tu!-                                                                                                                           Pepp. –… e parra quannu piscia a jaddina!-                                                                            Angi.- Sempri volgare tu. Nun ci fari casu Robbynu, sunu vastasi.-  

Pepp.- … Aora c’avemu macari a Robbinudd! Abbissati semu!-                                                                   Mariot.- ( a Angila) Va beni, aspittamu, ma tu almeno li avvisasti all’autri?-                                                                           Angi.- Cui ju? E cchi sugnu u principali ju! –                                                                                       Mariot.- Ah si? Quannu vi fa comudu sugnu u principali. Comunque ju avvisai sulu a Milu…-                                                                                                                               Pipp.- E ju ci u dissi a Tella.-                                                                                               Ang.- E a Nuccia? ( a Mariotto) Nun ci u dicisti tu alla… cara Nuccia? (smaccosa) -                                          Mariot.- Ju nun dissi nenti.-                                                                                                     Angi.- A si? E allura ti l’a sburigghiari tu, vuccazzaru!-                                                        Mariot.- Vuccazzatru? E chi c’entra?-                                                                                       Angi.- C’entra, c’entra… comu c’entra a laurea in lettere! Ma vo fatti quattru pass’i camminata, va!-                                                                                                                             Pepp.- Ma si pizzuta oggi!-                                                                                                         Angi.- Mutu tu, cavaleri…( con marcata ironia)-                                                                                         Mariot.- ‘Mbari lassanu perdiri a quistioni, chiuttostu… ( entrano Tella e Nuccia) Ah, benvenute madamigelle, megghiu tardi ca mai!-

Pepp.- (sottovoce a Carmelo) Chi ti dissi: Veni.-

Tella – ( che ha sentito) Non raccolgo. –                                                                                                                   Nuccia – Nemmeno io raccolgo...-                                                                                                                  Pepp.- … pipi e mulingiani! Varda cchi cosi! Parrunu ca lingua di fora. Mateliche!-                                               Mariot.- Signorinelle, poco arie, cca ci voli picca pi pigghiarivi a giacca e jravinni. E tu… Robby, ora ca c’è Tella, vatti a luvari ssa specie di tonaca, farai a parti di Ciccinu ca è moribondu- scanzatini. ( Roberto esce velocemente ed altrettanto velocemente rientra vestito normalmente)-                                                                                                                         Angi.- Bonu, bonu…e cchi è?  pigghitivi a giacca e vo itavinni! Poi ssu tonu cu Robbynu…e cchi ssi fremmu ‘o novicentu? Ahu, arruspigghiti beddu! Le ragazze avrann’ avutu i so boni nutivi p’arridardari, veru bedde?-  

Nuccia – Certamente, noi donne…-

Tella – …eppoi nessuno ci ha detto l’importanza di questo appuntamento. E, noi abbiamo le nostre esigenze.-                                                                                                                                       Pepp.- ( ironico) Erano… indisposte le madamigelle. Avaja cchi stamu sghizzannu? Appoi ju tu dissi.-

Tella – E quando, s’è lecito?-

Pepp.- Quannu stavumu … quannu erumu… dda banna a…( fa il festo di scopare)-

Tella – Sei un facchino!-

Pepp.- E a tia piaci u … marruggiu.-

Tella- Villanzone!-

Mariot.- Ora basta! U sapemu ca futtiti, vulevu dire, ca jti a lettu insieme, nun c’è bisognu ca nu riuddati ognu mumentu! Allura chi facemu?-

Pepp.- Andiamo, march!-

Tella – Ehi, bada che non siamo ai tuoi ordini Sultano del cavolo. E neppure siamo  agli ordini di vossignoria ( a Mariotto) Tanto per saperlo! Poi, per pensare abbiamo il nostro cervello...-

Mariot.- … vidi cchi cosi…

Pepp.- …D’avveru? ( scandalizzato)-

Nuccia – Maschilista!-

Tella – E assatanato!-   

Pepp.- Picchì, ti diaspiaci forsi? non me lo dire…cara.-

Tella – Facchino!-

Mariot.- Basta!!! Io esigo, pretendo e voglio ( dalle quinte arriva una solenne pernacchia e nel frattempo entra Milo) Vastasi!-

Milo – (sorpreso) Cui ju?-

Mariot.- No, me nanna! E ssu gran piritu cu mu fici to soru?-

Milo – Ju nun …sa …sacciu…ne…nenti. Quali …pi…pi…piritu carusi? (rivolto agli altri)-

Tella – Io non ho sentito nulla e tu Nuccia?-

Nuccia- Nemmenu ju.-

Pepp.- Ca comu: fu nu colpu di cannuni e nuddu ‘ntisi nenti? Lassati perdiri cumpari nun sunu cosa.-

Angi.- Si’ cosa tu! ( guardando l’ora) Avanti Mariotto cchi facemu?-      

Mariot.-  ( a Angilina) Tu aspetta! ( a Milo) E tu a prossima vota se t’arrisichi di fari di testa to’ e di scangiari i parti c’assegnu, ti mangiu u cori, sempri si ci l’hai. Ora,   piritu a parti, ora vogghiu sapiri picchi ritardasti. E nenti scusi scunghiuruti, picchì tu ci l’hai pi viziu. Allura?-                                                                                                      Pepp.- Forza Milu, unni ‘ncarrammasti sta vota?-                                                                        Milo- ‘Ncarra… ncarrammai davanti… all’edicola di don…di don…-                                                Pepp.- … campanaru!-                                                                                                                 Milo – (guardando storto Peppe) … di don… di don Serafinu.-                                                                                                                                                     Mariot.- … u cajordu?-                                                                                                                 Pepp.- … u ìngrasciatu?-                                                                                                             Angi.- … u porcu!-                                                                                                                       Nuccia - … u fitusu?-                                                                                                                                          Tella - … lo sporcaccione!-                                                                                                                                Milo- … Chiddu, si… si… ci… primmittiti… è cchiù pulitu … di tutti vuattri misi assemi! Ah.-                                                                                                                                                           Angi.- Iddu sarà pulitu, ma i giunnalazzi ca vinni, diminiscanzi!-                                        Nuccia – ( a Melo) Guardone!-                                                                                                     Tella – Depravato!-                                                                                                                  Pepp.- Falegname!-                                                                                                                        Rob. – Ma che paragoni…il falegname… ma guarda…-                                                             Pepp. – Sapurtello, dimmi na cosa varvasapiu: u mastrudascia pi tagghiari na faddacca, chi cosa fa?-                                                                                                           Rob.- Oh bella, la sega-                                                                                                                Pepp. – E puru Milo!                                                                                                              Tella.- Basta sporcaccioni!-                                                                                                         Angi.- ( a Peppe) Vastasunazzu! ( poi a Mariotto ) Mariotto, cchi fu? ti passau a primura?-

Pepp.- ( rimurginando) Varda cchi farsa…pi nu scherzu?-                                                               Mariotto.- ( come se si fosse svegliato) Avaja semu seri. ( poi più deciso) Ora basta. Avanti forza annacamini carusi. ( si avvia verso la quinta di destra)-

Angi.- Finalmenti! ( tra se, poi a Peppe) Sgherzi? Malasurtati! (quindi esplodendo) E tu  si u capu de’… de’  screanzati debosciati!-

Mariot.- (fermandosi) Angila, ma che modi sunu chisti? A Peppe debosciato? Pi na parola di sghezzu…-

Pepp.-  Grazi ‘mbari.-

Mariot.- Pregu, cumpari.-

Angi.- Bonu, va! A finemo cu i cumplimenti tra cumpari?-

Mariot- Signora moglie di me cumpari, tantu pi sapillo, u cumparatu è na cosa seria! Angi.- Si, tanta seria ca fino a jeri vi davuru u tu, e ora vi dati u vui. Bedda serietà.-

Mariot.- Cumpari ci arrispunnu ju o vui?-

Pepp.- Ci arrispunnissi ju, col vostro primmessu.-

Mariot.- ( smaccoso) Permesso accordato!-

Pepp.- Senti biddazza, si ci primmetti e nun lu sai, chiddu ca dissi macare u parrinu? ora voi sarete d’aiuto a questo pattri, chi sarebbi ju, e a questa mattri - me muggheri pi l’occasioni - nell’educare il figghio alla vera religioni, ossia a cattolica. Voi mettiri in dubbiu i paroli d’o parrinu signora sciarrina?-

Angi.- A’ vistu Mariotto, mi dissi sciarrina cu tuttu u cori, comu se nun facissimu tiatru!  Ma ju a chistu l’affucu!-

Mariot.- Bona Angila, e cchi fu? A Peppi ci scappau na parola.-

Angi.- No! Chistu mi lu dissi cu tuttu u cori!-

Mariot.- Vaja Peppe, diccilli tu.-

Pepp.- Forse, senza vulerlu…-

Angi. – U vidisti? L’ha ammesso!-

Mariot.- ( disperandosi) Santa Lucia, Santa Barbara e Sant’Aita…-                               Nuccia- San Domenicu, san Binirittu e san Cristofuru…-  

Angi.- … sant’Alfiu, Cirinu e Filibettu…-

Pepp.-… San Berillo, San Nullu e San Giuvanni - Li cuti…-

Rob.- …  San Placido, no forse san Giorgio, San…santo…Librino? Mannaggia non mi ricordo più la battuta…scusatemi Maestro.-

Mariot.- Robby, quannu sbagghi a ‘iri avanti u stissu, tantu in sala nuddu sinn’adduna.-

Rob. – Grazie maestro.-

Mariot.- Mutu cretinu! Milu dille tu le battute di Ciccinu. Avanti arripigghiamu-

Milu – Subbutu! ( si concentra) Ahu, e l’appu…l’appunta…-

Pepp.- …l’appuntatu? De carrabbineri?-

Milu – No, dissi: e l’appunta…mentu?

Mariot.- Certu, ma cu calma e pi favuri. Ora ci semu tutti ci jemu all’appuntamentu.-

Tella – Ma a fari chi cosa?-

Pepp.- Na briscula in  quattru! Ma pi parrari scunghiuruta.-

Tella – Bada a come parli, zaurdu!-

Pepp.- Zaurdu a mia? Tinta zoccola!-

Tella- A me questo! E no, stavolta me ne vado sul serio. Addio.( si avvia per uscire)-

Mariot.- Fremma, fremma. (Tella si ferma, restando di spalle e a braccia conserte)   Peppe pi favuri e finemula...-

Pipp.- …’Na Minchia! Ssa buttanazza ca fa a pulita ccà, inveci dda banna è na bagascia assatanata.-

Tella – Porco!-

Angi.- Ben detto!-

Nuccia- T’appruvu!-

Pipp.- Me ne sbatto.-

Mariotto.- E lo spettacolo?-

Pepp.- Sinni va a fare… a fari a… matta!-

Tella- Avete visto tutti? Avete visto tutti? E’ un bruto irresponsabile.-

Pepp.- Frimmatimi sennò l’affucu! ( scena di guapparia con trattenuta)-  

Rob. – E’ finita a curtigghio?- 

Mariot.- ( interrompendo la prova) E no, e no!!! E unni semu a pischeria? Cammamuci tutti tutti! (si calmano) Ah. Carusi, u cupiuni s’arrispittari. E cchi cosi? A mintiti sul personale? E cchi semu dilettanti, picciriddi, muvvusi?-

Tella – La colpa è sua! (indica Peppe)-

Pepp.- Mia? Tinta cajorda, nun sacciu cu mi fremma…-

Tella – Nun fari u malandrinu ccu mia! Picchì ce qualcunu ca t’abbessa a cajella!-

Pepp.- E cu è chistu? Mi staju scantannu tuttu, sai?-

Tella – Lassa perdiri, ca è megghiu pi tia.-

Pepp.- Chi mi fai i corna?-

Milu- ( a Mariotto) Varda ca Peppe  arrisuttau curnutu.-

Pepp.- Mutu tu! O t’astruppiu!-

Mariot.- Basta! Basta! Eh che cavolo… (breve pausa)  Sapiti cchi vi dicu? Ah?-

Angi- Chi ni dici?-                                                                                                                     Mariot.- Dicu ca sospendiamo! – 

Rob. – Sospendiamo la prova?-

Mariot. – Eattamenti! Basta così... basta così.-

Pipp.- E chi fu, pi curpa mia?-                                                                                                Mariot. - Nun è cuppa to e curpa di nuddu in particolari. (sospiro)  A curpa è di tutti. Tutti stamu ammiscannu a farsa ca realtà. E st’appuntamentu fantasima, u stamu facennu addivintari veramente n’appuntamentu fantasmissimu: inafferrabile, luntanu, impossibile… ( sconsolato) Ora, ognunu, ( fa cenno a tutti i presenti) ognunu pi fari falliri sta prova, ci sta mittennu do so’. N’acchiappamu pi nenti, come tanti carusiddi permalosi… e, accussì nun s’attravagghia e addiu prova; c’appoi, parrannu ccu vui, sta vinennu di nu schifu, ma di nu schifu… Nenti, pi stasira ninni jemu e casi e spiramu che a notti porti cunsigghiu- a tutti! Po’ dumani facemu u spittaculu e…ca u Signori n’aiuti! ( poi alterandosi)   E, se appoi Ciccinu nun è sfibratu, u pigghiamu  pisulu pisulu, u 'ncupinamu bonu bonu, e u purtamu  cca a recitari a so parti, accussì libiramu a Milu e finalmenti facemu seriamenti stu binirittu Appuntamentu fantasima, ca cchiù fantasima nun si po’. (calmandosi) E ora carusi, vinni putiti iri. Bonanotti a tutti. Astuta i luci,Tanu.-

 

Si siede su uno scranno, lentamente, visibilmente affaticato, e si accende una sigaretta.

 

Luci di servizio.

 

Pepp.- ( conciliante) Beh, doppututtu, vinni bunazza sta prova, nevveru?-

Mariot.- ( sconsolato) Bunazza? Pe jatti Pippinu.-

Pepp.- (indugia un poco) Se u dici tu…Allura, a dumani, bona notti a tutti. (esce lentamente di scena, poi si ferma per aspettare Nella)-

Tella.- Da schifo, vero? –

Mariot.- Già.-

Roberto.- ( fa il Pierino) Prova generale da schifo, successo assicurato...( occhiataccia di Mariotto) ‘notte maestro. (esce precipitosamente per fermarsi vicino a Peppe)-

Mariot.- Bonanotti… bonanotti.-

Tella - Buonanotte...( esce con Peppe e Roberto)-

Mariot.- ...’notte...-

Milo.- Bonanotti Mariuzzu...-

Mariot.- Bonanotti. Ah, Milu, fammi na cortesia ci duni nu passaggiu a me muggheri e a Nuccia? Unni si parchiggiatu luntanu?-

Milo.- No, cca sutta. Nuccia, Angila, chi fa ninni jemu?( si allontana, seguito da Nuccia, quindi si ferma per aspettare Angela ) -

Nuccia- Buonanotte Maestro...-

Mariot.- Ciau bedda...-

Ang.- Ciau ... Mariotto... ni videmu a casa... ti priparu  qualchiccosa di spiciali?-

Mariot.- A muggheri, di spiciali ci haiu a tia, e mi basta! Fammi sulu na ‘nzalata di partualli e cipudduzza nuva, nun haiu tanta fami.-

Ang.- Ti fazzu truvari macari  ‘n pocu di parmiggianu, ah?-

Mariot.- Comu voi tu, a muggheri. Ciau.( Angela s'abbassa e Mariotto la bacia teneramente).-

Ang.- T'aspettu, nun dimurari assai...( esce con Milo e Nuccia)-

Mariot.- U tempo d'abbissari i cosi. ( fa un largo gesto col braccio)-

 

Gli attori usciranno parlottando a soggetto tra di loro. Mariotto resta seduto  in silenzio, guardandosi attorno attonito - restando illuminato dalla sola luce di servizio- a rimuginare la scena appena provata e a fare gesti come per dare ordine agli attori. Musica adatta. 

 

Dalla sala entra Ciccino affannato. Egli indossa un cappottaccio abbottonato fino al mento, un passamontagna e una sciarpa avvolta attorno al collo, e parlerà con voce nasale.

 

Cicc.- Mariottu! sì sulu stasira!( in modo perentorio, come se dicesse: mani in alto, questa è una Rapina)-

Mariot.- (soprappensiero, non lo riconosce, quindi alzandosi repentinamente e mettendo le mani in alto) Na rapina!! Macari ccà?!-

Cicc.- (girandosi allarmato) Nu rapinatori? Mariottu aiutu!-

Mariot.- (realizzando che l’uomo incappucciato è Ciccino) Ciccinu! Morti subbitania! E cchi t’apprisenti accussì! Mi facisti satari l’anima.- 

Cicc.- E tu a mia!-

Mariot.- Bistiuni, ma chi ti passau p’a testa di cumminariti accussì?-

Cicc.- Fu me mattri. Mi fici ‘ncapunari pi nun pigghiari nu corpu d’aria.-

Mariot.- A quali corpu d’aria. Pi tia ci vulissi ‘n corpu…di marruggiu, ma na ssa tistazza di sceccu.-   

Cicc. – Avaja ti piaci sempri  schizzari. Mariuzzu, e chiffà finisturu già di pruvari? –

Mariot.- (con calma) Mih, ti n’addunasti? Nun si orbu? ( breve pausa) Ssssi, Ca ora aspittavumu a tia…( poi, vedendo che Ciccino si preme l’addome) Ciccinu chi fu? Ti  fa mali a panza?-

Cicc.- No picchi?-

Mariot.- E annunca picchì ti stringi a panza? (poi guardandolo meglio vede il pastrano bagnato e quindi il pavimento) Bedda matri ti pisciasti ‘ncoddu?-

Cicc.- Cui ju?-                                                                                                                                         Mariot.- No me nanna! A taliati ‘ngrasciatu.-                                                                       Cicc.- (guardandosi meravigliato e, poi, tirando fuori dal pastrano, e mostrando a Mariotto una borsa per l’acqua calda) No, è pi chista… m’a desi me mattri pi tinirimi accautilatu, ma si vidi ca perdi…(tentando di pulirsi il pastrano).-

Mariot.- (mettendosi le mani ai capelli) Madunnuzza aiutami tu! Ma picchì u signuruzzu mi mannau sta cunnanna? Un collaboratore scemunitu?-

Cicc.- ( sorridendo da ebete) Sempri sghizzusu è me cumpari Mariuzzu. Tu m’a scusari si nun vinni prima, ma fu picchì, antrasatta, mi pigghau sta ‘nfruenza stagionali ca mi lassau menzu cunsuntu…-

Mariot.- L’influenza a tia ti lassau menzu cunsuntu?-

Cicc. – ( senza cogliere l’ironia) Esattamenti.-

Mariot. - Ciccinu, tu si statu sempri - no menzu, ma tuttu cunsuntu! Comunque apprezzu u to senso del dovere. Bravu! Ma ora, o frati, vattinni a casa, curcati nto letto cauru, fatti nu “profumu” e dumani torna beddu valenti a fari a to parti.-

Cicc.- A fazzu senza prova ginirali?-

Mariot. – A fai senza prova ginirale ne culunnellu. Tu penza sulu a guariri e …macari a ripassari a to parti, po’ resto ci sarà cu vidi e pruvvidi – speriamu.-

Cicc.- Mariuzzu, a virità, come ivu a prova sta sira?-

Mariot.- Come l’autri siri: menza da schifu, menza così così. ( tra se) Eppuru l’attu stava vinennu bunazzu… st’Appuntamentu fantasima stava incuriusennu… Ci mancava pocu pi quagghiari… (poi forte) Miseriazza buttana! appoi successi u finimunnu.-                                                                                                                           Cicc.- S’acchiapparunu Peppe e Tella…tantu pi cambiari.-                                                                          Carm.- Suli iddi? Me muggheri era nta siritina do no. Milu fici na scenografia bona p’e caddi, appoi si misi a babbaliccari cumu ‘n saracinu; Robby ca ti sostituiva, si scurdava i battuti. Ju eru di ‘n nirvuso, ma di ‘n nirvusu…-                                                 Cicc.- Aia capitu tutto: finiu a schifiu!-                                                                             Mariot.- Già. E vabbè, pascienza, dumani videmu cchi succedi.(  si pulisce i pantaloni, poi si rivolge al datore delle luci) Tanu, astuta tutto e votinni a casa macari tu. Jamuninni Ciccinu.-

Cicc.- ( rivolto all’operatore delleluci) Ciau Tanu. (poi a Carmelo) ‘Mbari Mariuzzu, chiffà ti dugnu ‘n passaggiu finu a casa?-

Mariot.- (allontanando il fiato di Ciccino sul viso) Pi ammiscarimi a ‘nfrienza?-

Cicc.- No, pi cuntariti u nzonnu ca mi ‘nzunnai.-

Mariot.- Varda cchi cosi! E chi ti ‘nzunnasti?-

Cicc.- Ca facevu u primu attori…-

Mariot.- ( tra se) Sonnu Caterina…oppuru fu n’ incubu! ( a Ciccino) C’appoi fu davveru ‘n zonnu u to sonnu Ciccinu, senti a mia.-                                                                                                                                           Cicc.-  Mariuzzu, ju sugnu priparatu.-                                                                                  Mariot.- Tu? a vo cucchiti e peri! Tu si ancora nt’anzalata! ( a Ciccino incupito) Iamuninni sciavuni! Ti volevo dire ca ancora a studiari, ma assai. ( Ciccino c.s., Mariotto prima gli da una pacca sulla spalla, poi lo prende bonariamente sottobraccio)…Avaja Ciccinu, dai, nun t’arruffari. C’appoi  i cosi d’a vita nun si sanu;  poi - spicialmenti po tiatru – tuttu po succediri… cu u sapi un domani…-                                                                                                            Cicc.- … un domani…(speranzoso)-                                                                                                                    Mariot.-… un domani… magari un dopodomani …spiramu luntanu… anzi lunatanissimu… cusà.  Tu intantu aspetta – fiducioso, eh? (poi cambia discorso) Ti salutai Tanu a domani.- 

Cicc.- E ju aspettu!-

Mariot.- … e aspetta, aspetta. Jamuninni, va.-

 

I due attori, a braccetto escono di scena. Ciccino starnutisce vigorosamente e ripetutamente, Mariotto, schifato, lo allontana da se. 

 

Buio e musica adatta, poi il sipario lentamente si chiude.         

 

 

 

                                                  

 

 

 

 

 

La Prova d’insieme.

                                             

 

 

 

 

Personaggi:                                                                                                   Interpreti:

 

Peppina ‘ manza ………………………………………………Assunta, ex grande attrice (dice lei);

Mela ‘a vavusa………………………………………………   Anna, amica di Gnaziu;

Mastru Cola u tabbutaru…………………………………….. .Gnaziu, autore teatrale;

Mara ‘a parrucchera……………………………………………Amica di Assunta;

Plazzitu manulesta……………………………………………..Ninu, il regista;

Turi  ammuccalapuni…………………………………………  Taninu, amico di Gnaziu.

Aitina (solo in voce)…………………………………………..  Pina, quasi mecenate.

 

 

 

 

- commedia in un atto in dialetto – anno 1986 – personaggi: 3 m. 3 f.                                              

Una compagnia amatoriale deve mettere in scena una commedia dialettale scritta da un suo componente. Durante le prove, un intoppo imprevisto, fa emergere divergenze e contrasti tra gli attori della Compagnia, che alla fine portano al fallimento della messa in scena.

 

 Marzo ‘86

 

La vicenda si svolge in un teatrino di una cittadina siciliana, ai nostri giorni, durante la prova d’insieme di una commedia.

 

 

 

 

 

 

 

All’apertura del sipario, a scena vuota, con pizzicata di chiatarra e canto in lontananza , entrera’ in scena Ninu il Regista che sistemera’  su di un trespolo, un cartello con la scritta: Curtigghiu da Ragala: poi ne affiggera’ uno sul fondo con la scritta: Casa di Plazzitu Manolesta e di Peppina a manza: un altro cartello lo piazzera’ a destra con la scritta: Casa di Mela a Vavusa e di Turi Ammuccalapuni: un altro ancora lo mettera’ a sinistra con la scritta: Fabbrica di casse da morto di Mastru Cola u tabbutaru. Quindi si rechera’ nelle quinte di sinistra e prendera’ una sedia sgangherata e una panchetta, sulla quale c’e’ un mattone d’argilla, che piazzera’ a sinistra della scena, vicino alla casa di Peppina. Quando avra’ finito di sistemare tutto, fara’ un gesto di richiamo ed entrera’ in scena Peppina a Manza, popolana sui cinquant’anni. Ella, elegantemente, si siedera’ sulla sedia, appoggera’ i piedi , con grazia, nella panchetta e tendera’ il grembiule sul quale il regista versera’ una manciata di fave secche che teneva in tasca e una pietra liscia, da fiume. Il tutto avverra’ con la massima serieta’. Quando la donna ricevera’ le fave, prendera’ il mattone se lo porra’ sulle ginocchia e con la pietra levigata in mano fara’ cenno al regista che e’ pronta. L’uomo annuira’ e fara’ cenno verso le quinte che tutto e’ pronto per la prova, quindi, dando un’ultima occhiata al copione che teneva nella tasca posteriore dei pantaloni, dara’ un’altra occhiata alla messa in scena ed uscira’ di scena indietraggiando.

Allora parte una musica popolare, chiocciare di galline e rumore di attrezzi da falegname. La donna, intanto che sguscia le fave, canticchia il motivo popolare. 

Da destra, entra a precipizio, facendo un semicerchio nella scena, donna Mela a Vavusa, trentacinque-quantant’anni, formosa, pimpante, aggressiva, che chiama le sue galline per il pasto.

Mel.- Curriti, curriti, curriti. ( gesto di richiamo per le galline) Avanti beddi, curriti, curriti, curriti.-

Pep.- (continuando la sua occupazione) Donne Mela, n’aviti uova?-

Mel.- (risentita) N’haiu due pi vostra soru!-

Pep.- Maria (esclamazione) cchi siti caura stamatina, donna Mela mia. Ju vi vulevu addummannari due uviceddi mi me figghia Aitina, ca e’ sciupata, sicca e janca comu nu linzolu. Nun si ricanusci cchiu’.-

Mel.- Salaratu ddiu, fussi veru…-

Pep.- Chi dicistruru?-

Mel.- Nenti, nenti. Dissi: ora m’addugnu, forsi ci sunu, forsi li stanu facennu, aspittati, cun primmessu. (esce frettolosamente verso la quinta di destra.)-

Pep.- (che ha sentito il commento di Mela) Fussi beddu so’ figghiu, scansatini e’ lariu come a fami.(riprende a canticchiare, intanto dalla quinta di sinistra, si ode martellare energicamente, e la donna si volta verso la scritta: putia di mastru cola e commenta ) U mastru tabbutaru oggi si purtau a testa. (infastidita) Mastru Cola, o mastru Cola!- 

Col.- ( Dalle quinte) Oh donna Pippina, ci sunu cumanni?-

Pep.- (facendo gli scongiuri) No, po mumenti, salaratuddiu, nenti cumanni, propriu nenti. Inveci vi vulevu diri: Quanni finisci sta mattiddiata? Sunu dui uri ca vi putati a testa.-

Co.- (affacciando la testa) Ancora un pocu di pascienza, fazzu stu cuperchiu e stu tabbutu e bell’e allistitu. Doppu vu fazzu vidiri, e’ un capolavoro. Parrannu cu vui, vinni un tabutu di lussu cu quattru sordi di spisa. Eh, si nun sugnu scemunito ju, scemuniti nun ci nni sunu na sta terra.-

Pep.- Singeramenti pri chissu aviti raggiuni, propriu raggiuni.(riprende a sgusciare e a canticchiare)-

Entra in scena Mara a parrucchera, e’ una giovane donna vestita con una grossolana ricercatezza, e si guarda attorno meravigliata.

Mar.- Buongiorno donna Peppina. Ma come? Ma come? Nun c’e’ nuddu? E quanno mai il cortigghio Ragala e’ stato cosi’ addeserto? Cchi fu, n’altra ritata?-

Pep.- Vi salutai Mara. No, nenti ritata…pi stu mumentu…No, semu solamenti ju, donna Mara e mastru Cola.-

Mar.- E gli altri?-

Pep.- Santu u sciancatu e’ cruciatu…-

Mar.- Bonu va’, crociato in Terra santa, ma che dite?-

Pep.- “Nzumma e’ ‘ncrociatore.-

Mar.- Bum!  Portaerei, macari, a mentri ca ci semu…Ma forsi voleti dire che e’ in crociera?- 

Pep.- Vogghiu diri ca u attaccanu! ( fa cenno all’arresto incrociando le braccia) Inveci Mariu a bistiazza e’ in montagna, a …ossidarsi ( vorrebbe fare ironia)

Mar.- A ossigenarsi, forse?-

Pep.- Come diciti vui: dda in muntagna ( fa cenno come per dire: molto lontano)-

Mar.- Forsi e’ latitante?-

Pep.- A quali lattanti…-

Mar.-…ricercato?-

Pep.- …ammucciatu!-

Mar.- E gli altri?-

Pep.- Nta na bedda casa…A piazza Lanza.-

Mar.- Invitati?-

Pep.- No, carzarati.-

Mar.- E vosatro marito?-

Pep.- Ahu, e cchi e’ nu nterrogatoriu?-

Mar.- Non vi quadiati, per carita’, io chiedevo perche’ sono meravigghiata della assenza di tutti gli abitatori di questo curtigghiu cosi’ ammuntuatu.-

Pep.- ( riprendendo la sua attivita’) Fa nenti. Comunque me marito e’ a travagghiari. Oggi fa u 29 a chianari e u 36 a scinniri.-

Mar.- (sbalordita) Lo hanno assunto ai trasporti urbani?-

Pep.- Ca quali. Iddu e’ libbero profissionista ( fa cenno con le mani come a dire: ladro) ed e’ singeramenti u primu e u migghiori manulesta da cita’ e da pruvincia, e forsi forsi…-

Mar.- …d’Italia. (pausa) E donna Mela che e’ sula? Suo matito e suo figlio cosa fanno?-

Pep.- So maritu sciuscia muschi e so figghiu l’aiuta. (guarda con astio verso la casa di Mela)-

Mar.- (che capisce l’antifona) Ho capito. E ditemi, fostra figlia e’ in casa?-

Pep.- Cui, Aitina?-

Mar.- E chi allura? Pi casu aviti n’autra figghia?-

Pep.- Vih, scanzatini, a me eta’?-

Mar.- E chi lo po’ diri. Sara di Abrami l’ebbe a novant’anni.-

Pep.- (alzando il capo interessata) a chissa nun a canusciu, ma av’essiri, senza offisa, na vicchiazza ca mangisciumi. (accenna con la mano la sua casa) Brevi, aitina e’ intra.-

Mar.- Posso parlarci?-

Pep.- Siti a pattruna, accomodatevi.-

Mar.- Grazie assa. Con permesso… (esce dal fondo, a destra) -   

Pep.- ( riprendendo a lavorare) Bedda matri, a novant’anni…(pausa) malanova, certa genti nun s’arrassegna mai…(pausa) c’appoi u dutturi Pampinedda parra di partu a fischiu pi na fimmina di quarant’anni, e pi una di novanta com’e’ partu a cannunata?-

Rientra Mara che sente la battuta.

Mar.- Parto a riscio, donna Peppina, a ri-schi-o.-

Pep.- A rischiu  arrusicu, chi sacciu ju, cchi ni capisciu? Eh, figghia, l’ebbrica cangiavu. U jancu addivintau niuru e u niuru jancu… e na vicchiania si sgravanu figghi…-

Mar.- E’ la modernita’, cara donna Peppina.-

Pep.- Ca certu, a modernita’ e vui siti moderna, ora parrati talianu…-

Mar.- Cosa volete, con la clientela. A proposito, mi fareste la cortesia di dire a vostra figlia che l’ho cercata io?-

Pep.- Picchi’ nun e’ intra? (alzando gli occhi dal lavoro)-

Mat.- No, non c’e’. Ho chiamato e nessuno risponde: arguisco: e’ fuori.-

Pep.- a ssautru nun u canusciu, ma Aitina a essiri pu fozza intre. Aspittati ca m’addugnu.  ( lascia tutto per terra, faticosamente si alza e si avvia verso casa)-

Mar.- Fate con comodo.( gironzola per il cortile)-

Pep.- ( dall’interno) Aitina… oh Aitina…unni si’ figghia, nesci c’e’ donna mara ca d’a parrari (poi piano) forsi ti pigghia pi aiutanti…E arrispunni, figghia di bona mattri! Vilenu amaru unni si’?(pausa, quindi entra in scena spaventata) Beddamattrisantalfiu, nun c’e’. Aiu taliatu na tutti i banni, magari – cu rispettu parrannu – intro o cessu, ma nun c’e’…nun c’e’. Marunnuzza bedda nun mi fari pinzari mali…nun mi fari pinzari…(risoluta) Ma unni po’ essiri…Donna Mara, pi favuti addunativi se e’ na strata vicina…pi l’animuzza do priatoriu iti. (vedendo Mara esterefatta) Au, e annacativi!-

Mar.- Vado, vado… (Mara esce frastornata e incredula)-

Pep.- Mastru cola, o mastru Cola! (allarmata)-

Col.- (affacciandosi) Chi fu? Spaccau a Muntagna?- 

Pep.- Peggiu. Come punzu ju: peggiu! Sintiti, aviti visto Aitina?-

Col.- Ju no. Picchi’?-

Pep.- Nenti, nenti…sulu ca nun e’ intra…-

Col.- Na disgrazia?-

Pep.- (facendo scongiuri) Toh, jettaturi!-

Col.- (rientrando) Gentaccia. Uno s’interessa de so’ disgrazii…disinteressatamenti, e iddi…-

Pep.- Donna Mela, oh donna Mela! Affacciativi.-

Mel.- (affacciandosi) E quanta prescia di dui uova!-

Pep.- ca quali du’ uova. Cca si fici a frittata! Nun si trova me figghia Aitina.-

Mel.- E a mia chi mi cuntati? Amprisa ca nun vuliti cchiu’ l’ova?-

Pep.- E dalle! Vi dissi ca l’ova nun c’entranu: c’entra forsi, forsi, vostru figghiu Tanu.-

Mel.- (uscendo, risentita) Me figghiu Tanu? E chi avi a spartiri me figghiu cu vostra figghia?-

Pep.- Comu chi avi a spartiri? E tutti i passiati, e tutti i taliati, e tutti i smargiassati, quannu me figghia e’ davanti a porta?   (si avvicina intanto a Mela)-

Mel.- (canzonatoria) Picchi’, pi casu fussi pruibitu passiari?-

Pep.- (avvicinandosi minacciosa) Pozzu pozzu u ulissiru nigari?-

Mar. (entrando e distogliandole dal probabile litigio) Donna Peppina. Mi dispiace, ma vostra figlia nessuno l’ha vista.-

Pep.- (disperandosi) Bedda Matri, bedda matri, me figghia sinni fujiu, me figghia sinni fujiu. ( a Mela) avete sentito? Me figghia sinni fujiu!-

Mel.- E a ci la cuntati? Cu figghi fimminu avi da marutari, o prima o doppu si l’avi aspittari. (sentenziosa e smaccosa)

Pep.- (di rimando, minacciosa) Cu figghi masculi avi, e sinni futti, perdi lu vinu cu tutta la butti!-

Col.- ( uomo sulla sessantina, dinoccolato e claudicante, entrando ed evitando ancora una volta lo scontro) Chi fu? Tutto a posto pi aitina, donna peppina?-

Pep.- Lassatimi stari, sugnu morta, me figghia, lu me sangu, a me vita, sinni fujiu. (alzando la voce) E ora cchi fazzu? Cu ci u dici a so pattri? (guardando verso Mela) Chiddu ammazza prima a idda eppoi a iddu. (sottolineato)-

Mel.- (sfottente) Ca comu. Ora semu tutti scantati. Ora vaiu a fari a pipi’.-

Col.- E chi mi pareva. Tanta farsa pi na fuitina.-

Pep.- Ca certu, pi vui se nun si sunu morti…-

Mar.- Donna Peppina, ma con chi immaginate che…(accenna alla fuga)-

Pep.- Pi mia cu Tanu u vavusu! So figghiu! (indica perentoria Mela)-

Mel.- E pi mia, signora donna Pippina a manza, vi sbagghiati assai. Mio figlio, mio figlio (marca la parola), non si sarebbe mai mettuto con una cosa come a vui…-

Pep.- (equivocando) E chi mi pigghio’ pi Sara Adamu, a vecchia ca mangiasciumi?-

Mel.- (decisa) Chista sta dannu i nummeri! Accuzzamu, vaia, me figghiu cu vostra figghia non si saresse sporcato il becco...-

Pep.- …di vostru maritu! (con forzata cerimoniosita’) Donna Mela vavusa nobilissima cu pezzi nto panaru (poi minacciosa) stati accura a comu parrati, picchi’ ca stannu vulannu jancati a sgrusciri e a furriari! ( si sbraccia)-

Mel.- (imitandola e avvicinandosi minacciosa) Vih, malanova chi scantu! ( a Mara) Vardati, sugnu tutta scantata, gianna nta facci e ca trimaredda ncoddu! ( a Peppina) Aho’, aho’, a mia nuddu mi fa scantari. Pozzu pozzu ca vi vulissiru pruvari vui?-

Pep.- E vi servo subbitu!-

Si scaglia sulla donna. Mara, sorpresa, cerca di dividerle e li busca da tutte e due, quindi scappa via. Cola, prima ci tenta, poi desiste. L’accapigliamento dura un minuto o due. A scelta della regia, la lite potrebbe avvenire con “Fermo di Scena”: cioe’, con Mara che prende per i capelli Peppina e rimane nella posa plastica: mentre Peppina che raccoglie una scopa, tenta di percuoterla col manico, ma anche lei rimane in posa plastica. Cola, invece, gira attorno ad esse, quasi ballando e gioiendo, gridanto: scerra! scerra! s’accapigghiaru,  megghiu chista ca u puparu. Luci adatte,-

Entra Plazzitu manolesta, marito di Peppina, un tipo magro e smilzo, vestito quasi con decoro, aria furbesca e canzonatoria.

Col.- Plazzitu, spartemili…spartitili. (mettendosi dietro a lui)-

Pla.- Spartilli? E picchi’? –

Col.- Comu picchi’ Stannu capuliannu vostra mugghera…-

Pla.- Mastru Cola ( sentenzioso), na stu curtigghiu si dici: cu sparti avi a megghiu parti …de coppa.-

Mar – (rientrando timidamente)  Beddu maritu. (Alle donne) Avanti signore, su’ smettetela. Decoro, decoro…(si prende un calcione nmegli stinchu, fa un santo indietro)Ammazzativi! (incrocia le braccia e resta impassibile a guardare)-

Pla.- (finalmente si decide d’intervenire da uomo di polso) Bastaaaa! Stop! Finisch! Rauss! Avaia e finitila e dicitimi cchi successi.-

Le due donne come se non aspettassero altro si bloccano, se facevano la lite, mentre si sboccano se c’era il fermo di scena)

Pep.- (allontanandosi e poi riavvicinandosi) Nun ti fari pizzicari sula ca ti mangiu a mirudda.-

Mel.- L’ossa co sali t’ammangiari! L’ossa co sali, pigghi a me figghiu tu po’ scurdari! Ma taliatili, taliatili ( accenna Peppina e Plazzutu a  Mara) cchi su beddi. Avevunu misu l’occhi su me figghiuzzu. Ma cca’ v’arresta! (fa cenno al gargarozzo) cca’, cca’, e cca’! Ah. ( come se si fosse liberata di un rospo)-

Pla.-( a Peppina e a Mara) Ma cchi dici sta scunghiuruta? Quali figghiu?-

Pep.- (feroce) So figghiu Tanu! (poi provocatoria) Tanu u valusu, u sciancatu, l’orbu e immurutu.-

Mel.- Ah, ah, ah (si dispera) A me figghiu sti cosi? Certu ora siti dui contru una. C’e’ cu t’addifenni ngrasciata. Ma ora v’abbessu ju! ( a Cola ) Zu Cola, chiamati a me maritu, chiamatuli, e a sti cusazzi fitusi ci fazzu mangiari i paroli e i denti!-

Mastru Cola annuisce, e faticosamente, esegue ed esce.

Pep.- Senu tutti scantati, arriva Turi ammuccalapuni, mih cchi trimaredda.-

Pla.- Muta. Muta. (le da’ una gomitata)-

Mel.- Ora na videmu tutta ( baldanzosa)-

Pep.- L’opira e pupi. E to maritu fa Peppi Nappa.-

Pla.- E ti voi stati muta ( quasi sottovoce)-

Mel.- E u to’ fa Giufa’! ( le esce la lingua)

Pla.- Sanguedigiuda ladro. (poi ci ripensa) anzi: assassinu, e finitila!-

Entra Turi, un omone grande e grosso, seguito da Cola. Mara si allontana a destra ed esce di scena.

Tur.- Chi fu? C’e’ d’ammazzari a qualcunu?-

Mel.- (facendo la vittima) Turi, Turidduzzu miu, sti cosi tinti mi hanno offiso, hanno sporcato il mio onore e infangato quello di to figghiu, (alludendo e provocatoria) e anche il tuo. Laviamo st’offisa col sangue!-

Pep.- Megghiu ca liscivia…( smaccosa)-

Pla.- ( a Peppina) muta tu. ( agli altri) Ma quali sangu e sangu. A cchi nnicchi nnacchi. Su cosi di nenti, cosi di fimmineddi…-

Mel.- Ca quali fimmineddi! Chissi ssu cosi di masculuni (rafforza la parola alludendo a Plazzitu mingherlino) cu tantu di …( accenna ai testicoli) Nzumma, pigghianu a to figghiu pi sciancatu…-

Pla.-…claudicante.(per minimizzare)-

Mel.- …pi orbu…-

Pla.- (idem) pi non vedente…-

Mel.- …pi immurutu…-

Pla.- …scoliotico. ( intanto Peppina, con le braccia incrociate, disgustata, assiste alla scena)-

Tur.- (che aveva seguito il dialogo girando la testa ora da una parte, ora dall’altra) Abbasta, aiu capitu! Zu Cola, priparati nu tabbutu, oggi ci scappa u mortu!-

Col.- Subbito. ( accenna a prendere le misure di Plazzitu)-

Pla.- (fermandolo con noncuranza) Aspittati, e aspittati, mizzica cchi primura. (a Turi) Don Turi rispettabbbilissimu, pozzu pozzu ci avissiru a diri cosa?-

Tur.- Vogghiu cuntu e soddisfazione, senno’ u sangu scurri a ciumi nta stu curtigghiu.-

Pep.- Attorna? A curriri acqua e sapuni, liscivia e varicchina pi luvari sta puzza di buriddu ca veni di ssi parti…(indiva la sinistra e si tura il naso)-

 Pla.- (trattenendo di nuoco Cola, a Mara) Muta tu. (poi a Turi) E dicitimi, gentiluomo, soddisfazione…come?-

Tur.- All’usu nostru, co i cincu ita! (tira fuori il coltello)-

I presenti, a soggetto, mormorano e si scansano. Plazzito resta immobile, poi con  studiata calma e aria di sufficienza, mette la mano nella tasca interna della giacca e, di scatto, invece del coltello che Turi s’aspettava facendo un passo indietro, tira fuori un mazzo di banconote di grosso taglio. Ne sfila una, la fa vedere ai presenti, girandola verso di essi e mostrandola abbondantemente, poi la porge a Cola.

Pla.- Mastru Cola, facitimi il favore di accattarimi…(guarda il coltello di Turi) nu cincu ita co manicu di madreperla. Eccovi, diciamo, centomila lire e tenete pure il resto. ( a Cola che lo guarda con aria imbambolata) E andate su’ (fa cenno come per dire: scio’!)-

Tur.- ( abbagliato dalle banconote) Un momento, un momento, nun c’è prescia ( ferma Cola), arraggiunanu. Dunchi voi non avete disponibile in questo momento…l’attrezzu (indica il suo coltello, poi lo chiude e se lo mette in tasca), nnunca, allura vi dicu: rimanniamu il chiarimentu, e…(in fretta) dicitimi unni l’affirrasturu ssi picciuli.-

Pla.- (facendo il sostenuto) Cose mie, cose mie, ognuno sapi  l’affariceddi so.-

Tur.- Avaia Plazzitu, quannu mai na sti curtigghiu amma fattu i fatti nostri. Allura, unni l’arraffasti sti biglittuni?-

Pla.- (gironzolando e giocherellando col bigliettone) Affari…affari…-

Mel.- Fici na rapina!- (Plazzitu fa cennu di no a tutte le domande dei presenti)-

Pep.- Nu tridici a sisalla?-

Col.- Nu lassitu?-

Tur.- Ca quali. Fici nu scippu!-

Mel.- (sfottente) Comu si ci la facissi…-

Pep.- Ci la fa, ci la fa! Mio matiru e snello, agile e vigurusu, a cchi vi cridiri, ddocu!-

Mel.- e facimini ssa risata ( sarcastica.)-

Pep.- E fattilla davanti a sta facciazza!-

Col.- (tra se e se, ripensando alle parole di Peppina) Ma s;abbola cu ‘n sciusciuni.-

Pep.- (che ha sentito) Mutu vui, tabbutaru! (Cola si stringe le spalle)- 

Mel.- (pimpante) Ci sono, ci sono: fici nu furtu cu destrezza!-

Pep.- Nun po’ essiri: e' mancarusu.-

Pla.- (degnandosi, finalmente) Avanti, ora vu dicu. Anzi no! Prima vogghiu riunita tutta a me famigghia qua, al mio cospetto, immanente. Unn’e’ Aitina?-

Col.- E ddocu casca u sceccu…-

Pla.- Tabbutari tintu, quali sceccu, chi fu?- 

Col.- (riprendendosi e gonfiando il petto) Sinni fujiu!-

Pla.- Comu? Chi discisti (prende Cola per il bavvero)-

Tur.- (intervenendo) E lassulu stari stu vicchiareddu. Ti dissi ca to figghia sinni fujiu, u capisti ora?-

Pla.- (impallidendo, come puo’ fare un attore) Sangue di Giuda la…anzi assassinu! A mia sti cosi?-

Mel.- (ironica) a sua maesta’ st’affronto?-

Pla.- Peppina, la colpa e’ tua!-

Pep.- (rassegnata) E quannu mai.-

Pla.- Ca certu. In casa, donna, chi deve badare alle figlie femmine? Tu! Allora, ergo, la colpa e’ tua.-

Mar.- (entrando trafelata) Aitina e’ in casa, donna Peppina. ( agli altri) S’era nascosta sotto il letto per protestare contro di voi (fa cennu a Peppina e Plazzitu) che non la fate uscire da sola…-

Pep.- Ah,  u Signuri sia lodatu. Picchi’ c’eranu coppa macari pi tia (a Plazzitu) ca ora parri cca lingua di fora. In quantu a vui (indica Turi e Mela) poi ni parramu. Aitina veni cca’!-

L’attrice, Pina, che deve rappresentare Aitina non entra. Peppina ripete la battuta due volte, ma quella non entra. Allora Peppina (Assunta nella realta’) guarda perplessa Plazzitu, che e’ il regista della commedia e si chiama Ninu.

Nin.- Aitina! Aitina! (aspetta un pochetto, poi sbuffa) Pina, vo’ nesciri o no!-

Ann.- ( Mela nella finzione) Nun c’e’, veru? (sconsolata a Teresa)-

Ter.- ( nella finzione Mara) Non e’ ancora arrivata…-

Nin.- Ma se dicisti ca e’ sotta o lettu?-

Ter.- Era la mia battuta, intelligentone! (piccata)-

Nin.- Bonu va’, u sapevu ca finiva a schifiu.-

Col.- ( apprensivo) Comu nun c’e?-

Nin.- Nun c’e’ e basta. ( si allontana arrabbiato)-

Ass.- Ma come si puo’ lavorare seriamente con voi?  Che tipi! Oggi manca una, domani un’altra, ieri non c’era lui (indica Turi): l’altroieri non c’era nessuno: (ironica) pioveva. E’ assurdo, e’ pazzesco. Mannaggia a quel giorno che accettai di recitare con voi: guitti!-

Tur.- Io avevo la filippina, una febbre da cavallo…-

Ass.- …d’asino vorresti dire. No, non si puo’ continuare cosi’. Io me ne vado!-

Ann.- Ma dai Assunta, sono cose che succedono, hai pazientato tanto…-

Ter.- Su cara, pazienza…(ma senza convinzione)-

Gna.- (autore del testo e nella finzione Mastru Cola) Non drammatizziamo…-

Nin.- Ma comu po’ essiri, comu po’ essiri, dicu ju. (pausa e si avvcina al gruppo) Sunu tri misi ca pruvamu e strapruvamu. Cu l’acqua, co ventu, ca filippina, co trafficu strdali, cu l’impegnu urgenti, ca malanova a mia! e quannu semu alla fase finale, alla prova d’insieme, e finalmente avemu a disposizioni un veru tiatru, ecco la sorpresa, na prova “ginirali” mancanu i surdati! Avaia, mittemici nu puntu e dicemu basta e nun ni parramu cchiu’! Oh, finalmenti!-

Gna.- E no! Truppo facili diri sti cosi. Io ho sputato sangue per cinque mesi per scrivere questa commedia – che  mi avete richiesto - dico richiesto, e ora si butta tutto all’aria a causa di una sucasimmula? No, nenache per sogno. Sostituiamola e continuiamo, berbacco!-

Nin.- No Gnaziu, e’ proprio finita.-

Gna.- Ninu, non puoi fari questo a me.-

Nin.- (insofferente) Ma Gnaziu, arraggiuna: a Pina non la puoi sostituire, gli unici abbonamenti che abbiamo venduto, li ha piazzati tutti lei.-

Gna.- Non ti preoccupare, vuol dire che sbiglietteremo!-

Ass.- E se piove non viene neanche un cane, sentite a me. (pausa dolorosa per tutti) Comunque io sono gia’ stufa: io ho recitato con Albertazzi, con compagnie serie, con veri attori…e se ho accettato di recitare con voi, e’ stato solamente per fare un piacere a Teresa (indica Mara). Ma ora, mi dispiace anche per te Teresa, io me ne vado! Addio e buona fortuna. ( a passi svelti ma studiati, esce da destra. Nino finge di leggere il copione, mentre Gnazio resta incredulo)-   

Ter.- (sorridendo impacciata e andando dietro Assunta) Aspettami Assunta, vengo con te, mi dai uno strappo con la tua macchia. Avrei…avrei un impegno urgente. Se decidete qualcosa fatemelo sapere. Bacioni a tutti. (esce appresso a Assunta)-

Ann.- (sarcastica) Ha recitato con veri artisti, con albertazzi. Ma se ci tineva a scupa!-

Nin. – non esageriamo, era la prima generica della Compagnia…-

Ann. – …era u spassu d’a cumpagnia. Ascuta a mia ca sacciu cchiu’ di tia.-

Tan.- ( nome di Turi) E ci fici varva e capiddi e macari ca puisia.- 

Intanto Gnaziu si siedi su una sedia in disparte e si mette la testa tra le mani.

Nin.- (avvicinandoglisi) Gnaziu, non te la prendere: vuol dire che piu’ in la’, puo’ darsi che la riprenderemo. Forse troveremo altre occasioni, persone piu’ serie…qualcuno che si potra’ aiutare…( fa cenno con le dita ai soldi)… e magari riprenderemo questo stesso lavoro, chissa’…(risoluto, agli altri) allura carusi, io vi saluto, si e’ fatto anche tardi (guarda l’orologio), avanti, buonasera a tutti.(esce quasi di corsa e lascia cadere a terra il copione)-

Anna (Mela) si portera’ a sinistra della scena e si siedera’ sulla panchetta, mentre Tanino (Turi), prendera’ una sedia nelle quinte a destra, e vi si siedera’ a cavalcioni. Gnaziu, lentamente, come svegliandosi da un sogno-incubo, alza la testa e si guarda attorno smarrito.

Gna.- (scuotendo la testa) Ca certo, qualche altra occasione (si alza) quelli aspettano proprio me: (mimica adatta) S’accomosi signore…da questa parte professore…cosa le serve Maestro? (pausa) Vedete, eh, vedete? Le occasioni mi aspettano nude, sensuali, frementi di desiderio… vogliose di soddisfarsi. ( esaltandosi) Sapete? il loro osceno, torbido, segreto scopo innaturale, e’ quello di accoppiarsi con me! Ovvero di mettersi a mia disposizione. (pausa, si passa le mani tra i capelli, si spompa) Ma finiamola, amici miei, finiamola! (pausa, poi come se avesse trovato una soluzione e si rivolge verso il pubblico, per lui presente nella finzione sua) 

E adesso, vi prego tutti di prestarmi un po’ della vostra cortese attenzione, perche’ ho da presentarvi un importante personaggio che influisce totalmente sulla mia vita: Signori, vi presento Lorenzo! (indica una ipotetica persona poi pausa, come se si aspettasse degli applausi) Chi e’ Lorenzo?  Capisco, certo voi non potete conoscerlo. Vuol presentarsi signor Lorenzo? Non vorrebbe dire due parole a questi rispettabili signori? Non le direbbe chi veramente e’? No? Parlo io? E va bene (come se facesse uno sforzo) parlero’ io! (inferocendo) Lorenzo e’ l’animella, il mediocre, l’ironico cretino, persecutore della mia esistenza!

No, non  temete, non ho nessuna intenzione di rattristarvi, parlandovi della mia vita, dei miei guai. No, proprio no. I vostri gia’ vi bastano e pure vi avanzano. No, per carita’, nenti lastimi con voi. (pausa) Vi parlero’ invece di Lorenzo teatrante, oppure di Lorenzo editore? D’accordo?

Dunque Lorenzo teatrante e’ quel Direttore di teatro sovvenzionato, finto progressista, azzimato e annoiato, che non si cura di leggere i manoscritti che riceve in visione. Oppure e’ quel Capocomico ipocrita e venale, che amabilmente ti dice: Ma bravo, bravo, lei scrive? Bene, bene, mi faccia avere qualcosa di suo, chissa se non potremmo mettere in scena. Ma la prego, niente imitazioni di grandi autori del passato. Sa, noi, all’imitazione preferiamo sempre l’originale. Ah, lei non imita? Ma benissimo allora, benissimo. Vediamoci, sentiamoci, chissa’ se in lei non ci sia nascosto un novello Pirandello. A proposito, lei, nel suo ambiente, quanti abbonamenti potrebbe piazzare? Sa, noi con duecento…si potrebbe…certamente. Si faccia sentire, eh d’accordo! (pausa) Volete sapere di Lorenzo editore? Brevemente? Eccovi accontentati: Lorenzo e’ quell’editore che se non sei prima morto, non ti potra’ inserire nella sua collana editoriale; perche’ se sei vivo, quella collana ha sempre un piano editoriale differente rispetto al manoscritto che invii.

Lorenzo, l’umanoide, che sempre si frappone, arbitrariamente, tre te e il tuo cammino. (pausa)

Vedete, vedete, ( guardando i suoi amici in scena) questa la mia rabbia e la mia frustrazione! (mostra il copione che teneva nella tasca posteriore dei pantaloni) Ho scritto piu’ di sessanta opere teatrali – drammi, commedie, farse – ma mai una, dico una, mi e’ stata messa in scena. Ora che finalmente era giunta la mia grande occasione, ora che assaporavo il piacere di vedere realizzata una mia opera, ora arriva una mocciosa sculettante, e mi manda tutto all’aria (lancia in aria il copione che si sfoglia e ricade in tutta la scena). E va bene, lo riconosco, non e’ stata tutta colpa sua…sono successi tanti intoppi, anche troppi. (pausa) La verita’ e’ che, forse, avete scelto la commedia sbagliata. Volevate essere sicuri che il pubblico ridesse, si divertisse, s’arricriassi. Volevate andare a colpo sicuro! Ma si - lo so, lo so, non negatelo- questo lavoro non vi piaceva, non vi e’ mai piaciuto: Nino ci ha provato, ma, come avete visto, non ci credeva piu’. Voi la recitevate solo per amicizia. (ai due che accennano a negare) Zitti, zitti, lo so e vi sono molto grato. (pausa)  In quanto a quelle zitellone, le si leggeva in faccia il fastidio e l’insoddisfazione…No, niente, questa fine era nell’aria. Ma botta di vilenu amaru, giusto proprio quando si era alla fine delle prove? E’ dolorosa, credetemi, e’ crudele…e’ brutto! (pausa, accasciandosi sulla sedia) A pensare che ce l’avevo fatta…ce l’avevo fatta…-

Dalle quinte si odono dei runori, un certo trambusto, poi di ode una voce femminile, e’ Pina.

Pin.- Buonasera a tutti, scusate il ritardo…ah, vedo che ancora non avete iniziato, meglio cosi’. Mi preparo in un minuto e sono da voi. (minica di Gnazio che guarda sbalordito i suoi amici) Sapete? c’era un traffico pazzesco. Per fare cento metri ho bruciato una frizione…ma dove sono gli altri? Si saranno persi nel traffico che oggi, tanto per cambiare, e’ caotico…(la voce sfumera’)

Gnazio indicando le quinte da dove proveniva la voce, alzandosi, gridera’:

Gna.- Ju a chissa…ju a chissa…ci mangiu u cori!-

E si avventa verso le quinte trattenuto da Anna e Tanino che formeranno una scena plastica con Gnazio, proteso in avanti col braccio teso in segno di aggressione, Tanino che lo cinge alla cintola con tutte e due la braccia, e Anna che lo frena ponendosi davanti e poggiandogli le mani sul petto. Luci e musica adatti.

 

Secondo finale.

Effetti di luce appropriata. Musica adeguata.

Dopo che Gnazio avra’ gridato: Ju a chissa.. ju a chissa…, come se fosse illuminata da un’idea improvvisa, indica ai suoi due amici d’andare a prelevare la ragazza ritardataria. I due, mimando i barellieri, si avviano verso la quinta di destra. Si udra’ un ululato di sirena, poi i barellieri rientreranno trasportando un’immaginaria paziente, che “scarricheranno” su un presunto tavolo  operatorio. Silenzio. Gnazio prepara la vestizione, come un chirurgo, a fare un’operazione. Gesti adeguati. Quando e’ pronto, fara’ segno ai due presunti collaboratori, d’iniziare le operazione per l’intervento al cuore della paziente. Uno dei due, anestesista, fatica per farla addormentare, allora gnazio prende una mazza, la colpisce in testa, e completa l’opera di anestesia. Poi prende degli attrezzi da falegnale che l’assistente gli passa e inizia l’intervento. Delicatamente sbottona una presunta camicetta ed emette un fischio d’ammirazione per il bel petto della paziente, quindi,  preme prima l’uno, poi l’altro seno, mentre si udra’ il suono di trombetta. Quindi prende una squadra e un compasso ed esegue minuziose operazioni di misurazione sul petto della presunta paziente, e con una grossa matita traccia dei segni. Poi si sposta indietro per osservare meglio e ammirare il suo lavoro, infine prende dei coltellacci e li affila a mo’ di macellaio (Anna si copre gli occhi per non vedere, Tanino si gira dall’altra parte) Ma Gnazio cambia idea, getta per terra i coltelli e prende una trinciatrice per polli e, dopo aver riflettuto, infine conficca nel petto le forbici e taglia. Quando ha terminato, con molta delicatezza allarga lo spacco, immerge le mani nel petto, traffica un poco e infine tira fuori il cuore della paziente. Egli lo osserva, lo accarezza, quasi lo asciuga, se lo porta all’orecchio (si udranno i battiti del cuore) e, poi con uno scatto repentino lo addenta! Durante questa fase, i due amici l’avranno assecondato. Chi ponendogli un piatto sotto il mento, chi mettendogli un tovagliolino al collo, ecc. Terminato il pasto, Gnazio, diligentemente si lava le mani, ripone gli attrezzi e riavvolge quello che e’ rimasto della presunta paziente, come se dovesse fare una “truscia”, un fagotto, che appena fatto, egli, lo scaraventa nella presunta pattumiera.

Fine degli effetti di luce.

Si ode nuovamente la voce della ragazza:

Pin.-  Eccomi, sono pronta, iniziamo?-

Gna.-(torvo grida) Ju a chissa…jua a chissa, ci mangiu u cori.-

Stessa scena del primo finale.

Fine.  
   

    

   

Nr 5 – Contiene:

 

Il consenso

Era a notti do Santu Natali

Due tonache e un puparu

 

 

 

 

 

 

 

  IL  CONSENSO

 

                              

                                                     Commedia in un atto

 

 

 

 

 

 

Personaggi:

 

Don Calogero Buscemi………………………..vecchio arzillo, quasi filosofo:

Donna Carmela……………………………….. vicina di casa che…non si arrende:

Vitu…………………………………………….colpito nella virilita’;

Una comare…………………………………….vicina di casa di Calogero;

Giovinetta in bianco……………………………che se ne va’;

Donna in nero…………………………………..che viene.

 

 

 

 

 

 

 

 

commedia in un atto - anno  1987 – ital.e sicil. personaggi: 3 m. 3 f.

Un vecchio di settant’anni, quando sta per godersi, finalmente, la vita con una vecchiaia sana e tranquilla, viene visitato dalla Morte che gli chiede di seguirla. Ma l’uomo non ci sta, e intavola con lei una discussione, negoziando il giorno della sua dipartita.

 

 

 

La vicenda si svolge in una borgata di Sicilia negli anni 80.

 

Sulla scena e’ stato ricostruito un orticello di una casupola  di  periferia. A sinistra, vicino all’ingresso della casa, vi e’ un piccolo tavolo con sopra degli attrezzi da lavoro. Dalla parte opposta vi e’ un frondoso albero di fichi, con attorno al tronco, delle grosse pietre. Al centro, in fondo, vi e’ uno steccato in legno con un cancelletto pure in legno. All’apertura del sipario, da una radiolina posta sul tavolinetto, viene emesso un brano di musica classica. (possibilmente 1815  di Cijajkoscky). Qualche minuto ed entra in scena un vecchio sui settant’anni, si chiama Calogero Buscemi, veste da popolano e porta in mano un sacchetto di plastica che poggia sul tavolo. Udendo la musica, istintivamente si atteggia a Direttore d’Orchestra. La musica, frattanto si alza e viene  emessa da uno stereo, mentre le luci illuminano l’uomo come se fosse un grande direttore sul podio che dirige una grande orchestra. Pochi minuti, poi la musica gradatamente cessa e tutto ritorna normale, con la radiolina che annuncia la fine del brano musicale e inizia dei messaggi pubblicitari. Calogero abbassa il volume della radiolina e, intanto prende il contenuto del sacchettino e lo poggia sul tavolino: sono verdure. Intanto dalla radio vengono date alcune notizie:

Radio: - …ed ora vi diamo le ultime notizie sulla nube radioattiva ( Calogero interessato, alza il volume): le rilevazioni effettuate in tutto il territorio nazionale, fanno pensare ad un aumento della soglia di attenzione fissata dal ministro della protezione civile. Pertanto, il ministro della sanita’ raccomanda prudenza nel consumare verdura , ortaggi  e latte. (intanto Calogero sta pulendo la verdura, e’ una lattuga.) La verdura a foglia larga e’ sconsigliabile…( Calogero continua a pulire) Ripeto : la verdura a foglia larga e’ sconsigliabile…( Calogero continua a pulire, assorto nei suoi pensieri) Ahu! Vi dissi ca a lattughedda nun si po’ mangiari! ( Calogero accenna alla lattuga) Propriu chissa. Ittatila! Oh! ( Calogero esegua malinconicamente) Ed e’ pure sconsigliabile consumare carciofi, peperoni e broccoli (Calogero che aveva preso dei broccoli, li lascia cadere sconsolato per terra.) Bravo! Per il latte sono vigenti ancora le restrizioni di ieri: cioe’ e’ vietato il consumo del latte fresco ( Calogero aveva preso del formaggio) …e del formaggio! Avete capito? Testone? Formaggio!-

Cal.- Ma questo vale per le gestanti e per i bambini sotto i dieci anni.-

Radio- E macari pe vecchi di sittant’anni, comu a vui! Per quanto riguarda la problematica che suscita l’incidente nucleare…( Calogero, con stizza, spegna la radio).-

Cal.- Na vota, l’unica cosa fastidiusa che n’arruava ‘ncoddu, do cielu, era u sciroccu. Ora ca nova ebbrica, arriva l’asiatica, l’Aids, -a malattia dei – ( fa cenno alle orecchie), i missili di Gheddafi, e ora a nube tossica. ‘Nsumma, nun ni lassunu cchiu’ p’abbentu. E ora cchi mangiu?-

Voce dalla quinte: E facitivi ‘n piattu di maccherruni!-

Cal.- Grazie.-

Voce:- Prego.-

Intanto entra in scena e giocherella con delle cianfrusaglie, una fanciulla vestita di bianco. Calogero non la scorge e entra in casa per prepararsi da mangiare. Intanto una voce dalla quinte canta, accompagnandosi con la chitarra: “ Vitti na crozza supra a nu cannuni…”, subito dopo entra in scena, dietro la staccionata, una popolana che regge in mano un sacchetto di plastica e una sedia sgangherata. Dietro di lei entra il chitarrista che attraversa tutta la scena, cantando e suonando.

Vic.- (ironica, girata di spalle, verso il pubblico, fa cenno con le mani alle corna) Gente allegra, Dio l’aiuta…( il chitarrista, noncurante, esce dalla parte opposta, intanto la vicina apre il cancelletto ed entra nell’orto) C’e’ permesso? (esita) c’e’ permesso? Don Calogero, disturbo? (intanto si avvicina al tavole senza scorgere la fanciulla).-

Ca.- (si affaccia dalla soglie indossando un grembiulino da donna e tenendo in mano un cucchiaio di legno) Buongiorno comari, ca quali disturbu, accomodatevi, accomodatevi ( intanto si toglie il grembiule e poggia sul tavolo il cucchiaio).

Vic.- don Calogero, ma voi stavate cucinando, mi dispiace, vuol dire che ripasso dopo, semmai…-

Cal.- Ma no, ma no. Ormai che ci siete, parlate pure. Di cosa avete bisogno?-

Vic.- Nenti, nenti…quasi nenti. Avevu purtatu sta seggia scavigghiata. Me maritu vuleva abbiarla nto furnu, ma ju dissi: videnu se Don Calogero ci po’ fari cosa, magari ma fa viniri nattra vota nova. Ddu cristianu avi i manu fatati, dissi. Accussi’ v’a purtai.-

Cal.- E avete fatto bene. Lasciatela li’, doppu mangiatu vidu cosa si po’ fari.-

Vic.- (posando la sedia) Grazie, grazie assai. ( sta per andarsene, poi si ferma ) Bedda matri che testa pazza ca ci haiu ( prende dalla borsa di plastica un barottolo e lo mette sul tavolo) Viditi, mu stavu scurdannu…chistu vu manna donna Cuncetta, mi dissi di dirivi ca u furnellinu funziona priffittamenti.-

Cal.- ( prendendo il barattolo ed esaminandolo) Mih, pumarori sicchi. ( apre il barattolo e annusa) Uhmm, cchi ciauru, che buon odore. Si nun mi sbagghiu cca c’e’ agghiu, ogghiu e basilico’…e (riannusa) addauru. Veru?-

Vic.- Veru, veru. Mi ni desi unu macari amia. E donna Cuncetta avi i manu d’oru. Avanti vi salutu…quannu ripassu? (accenna alla sedia mentre si dirige verso il cancelletto)-

Cal.- Magari oggi pomeriggiu, prima di sira e’ pronta. Salutanu cummari, e pi favuri chiuditi u cancellu. Ah, ringraziatimi a donna Cuncetta. ( accenna al barattolo)-

Vic.- (fermandosi e accennando alla radiolina) Chi nutizi ci sunu da nubi tossica?-

Cal.- Ddi malanova n’anguaiarunu. Nun si po’ mangiari cchi nenti, poi, a mia prissunalmenti…( Come a dire: che guaio)-

Vic.- Picchi’, a vui chi cosa?-

Cal.- E cchi vaia a diri, cummari mia. Ju mangiu sulu virdura, latti e fummaggiu, si mi livati ssi cosi… ju sugnu persu.-

Vic.- E nun esagirati, e’ quistioni di pocu, al massimu na chinnicina di jorna.-

Cal.- E vi pari nenti? Ju, parrannu cu vui, si nun mi mangiu un piattu di virdura a sira e nu bicchieri di latti a matina, non riesco a fari i miei bisogni personali. Ora mu diciti comu pozzu stati chinnici jorna  senza…senza, ‘nzumma, m’a ta capitu!-

Vic.- Vi capi’, vi capi’. Sintiti, picchi’ nun pruvati ca mammillata? Ntisi diri ca fa miraculi pi certi…casi. ( gesto eloquente)-

Cal.- Ca quali mammillata e mammillata. Ju senza virdura e’ comu si m’avissi mangiatu dieci chila di ficudinia bastarduni: antuppu! Autru ca mammillata, ca ci voli a pompa d’o Municipiu. Statevi beni cummari, vi vogghiu ca saluti.-

Vic.- Allura auguri…e vi salutai…ah e buon appetito.-

Cal.- Salutamu, salutamu . ( si ricorda del pranzo) A pasta! A pasta. ( entra in casa a precipizio).

 Entra in scena una vicina di casa, si chiama Carmela, ed e’ una popolana di mezz’eta’, vestita a festa.

Car.- Don Calogero, ah don Calogero! Affacciativi ca va parrari. Ahu, mi sintiti? ( sempre piu’ accalorata)-

Cal.- (affacciandosi) Chi fu? Spaccau a Muntagna? Scuppiau a verrra? Sta sgravannu a scecca?-

Car.- Ca quali! Macari Diu, chissu fussi nenti…-

Cal.- A fini d’o munnu, u capii (ironico e rassegnato).-

Car.- Peggiu, peggiu! Don Calogero amabilissimo, voi avete commesso un assassinio (sentenziosa) Un assassinio a sangue freddo, pinzatu e priparatu diabolicamente. Ma cchi dicu: voi avete fatto di peggio…-

Cal.- …e sintemu…-

Car.- …avete ucciso un uomo morto!.-

Cal.- (segnandosi) Patri, figghiu e spiritu di Diu. Ma cchi siti in sensi?-

Car.- Raggiuni aviti, nun sugnu in sensi, picchi sugnu pazza, pazza furiusa!-

Cal.- Pazza criminali! Ma cchi fu? Dicitimi cchi fu e facitila finita!-

Car.- Ma taliatilu cche friscu! Cchi fu, facitila finita…(ironica) Chi fu? E mu dici a mia? Vui m’ata diri chi cumminastruru, assassinu!-

Cal.- Attorna! Vuliti parrarii chiaru o no?-

Car.- (piagniucolando) M’ata rovinatu, m’avere rovinata, sugnu persa, sono perduta e crocifissa, sugnu Maddalena, Sammastianu martire…-

Cal.- …Sant’Alfiu, Cirinu e Filibertu. Avaia, ora sto perdendo la pazienza!-

Car.- Voi perdete la pazienza, iu persi…(vergognandosi) l’onori.-

Cal.- L’onori? Vui, a o finitila donna Carmela.-

Car.- Picchi’ v’a risulta ca nun sugno na fimmina onorata, pri casu?-

Cal.- Lo siete, per carita’, lo siete. Ma siete , come dire? usata. Insomma non siete di primo volo. Insumma: siti ca prova.-

Car.- Don Calogero, accura a comu parrati, picchi’ vi lassu curriri na scarpa nto battisimu.-

Cal.- (allarmato) Per carita’, cosa avete capito? Forse mi sono confuso. Volevo dire che siete matura, ‘nzumma, siete vedova o no?-

Car.- E chi voli diri? Una vedova non si puo’ disonorare?-

 Cal.- Ma non nel senso che dite voi…-

Car.- …e mancu nel senso che dite voi, don Calogero sapiintuni. Ora sfurzatevi di capire: io sono stata disonorata nell’inversamente proporzionale, come dire nel contrario di me stessa medesima, nzumma sono stata oltraggiata, umiliata, abbandonata e offesa. (si copre il viso con le mani)-

Cal.- (ironico) Sedotta e abbandanata, a figghia…-

Car.- Sbintati a n’autra, pezzu di vecchiu fausu e ‘nfami. (poi si volge verso la quinta di destra) Vitu, oh Vitu, veni cca’! Vitu, trasi e fatti vidiri da stu (ironica) prifissuri, lampiunariu illustratu.-

Cal.- …illuminato e illustre, ca ora. (riprendendo l’ironia)-

Car.- Appuntu! Chinu di scienza e di scimenza! Veni Vituzzu miu, veni…(sdolcinata)-

Entra in scena Vitu a piccoli passi e a testa bassa. E’ in uomo di mezz’eta’, vestito dimessamente, timido e spaventato che si pone tra Carmela e Calogero)

Car.- V’apprisentu il vostro capolavoro, dutturi papocchiu. Ecco come avete ridotto un uomo che era vinilico e forzato: lo avere arreso imponente!-

Cal.- Chista scattio’ tutta para para para.-

Car.- Aspettiti e vedrete: Vitu, dici a questo individuo comu t’arridducisti pi cuppa so’!-

Vit.- Ju m’affruntu.-

Cal.- Ahu basta! Pe pazzi c’e’ u manicomiu! E com’e’ ca ci aiu a cummattiri ju cu vuattri?-

Car.- E parra Vitu, senno’ parru ju.-

Cal.- cu parra parra, abbasta ca parrati.-

Car.- Allura parru ju...-

Cal.- …Salaratu…-

Car .- …Dunchi a noi…-

Cal.- …alala’…-

Car.-…(assumendo l’aria di un grande avvocato in tribunale) Potete voi forsi negari che aviti dato a qui presente Vitu Ricotta una medicina p’a tirolese? E’ veru o non e’ veru?-

Cal.- Bonu va’…(rassegnato) a tirolese…-

Car.- Rispondete solamente: si o no!-

Vit.- Pa tira.. tira…-

Cal.-…c’allonga. Avanti forse ho capito: volete dire par la tiroide?-

Car.- Propriu pri chissa.-

Cal.- e allora? Non capisco ancora…-

Car.- Vui fati i Nofriu pi nun pavari u daziu. ( riprendendo il tono avvocatesco) Allora palero’ chiaramenti. Da questo istante chiamero’ le cose  col loro vero nome…-

Cal.-… allura, vui vi chiamati camurria, iddu cretinu e ju santu pacinziusu.-

Car.- ( a Vitu) U sintisti? Ti  dissi cretinu.-

Vit.- U ntisi, u ntisi.-

Car.- E tu nun ci dici nenti?-

Vit.- (affemminato) Cattivone.-

Car.- Ecco la prova! Questa e’ la prova pratica e lampeggiante del vostro delitto! Avete reso questo poverazzo impossidente a seguto della vostra medicina comemalanovasichiama..Cosa avete da dire in vostra discoppanza?-

Cal.- Io non ho niente da discoppammanzi Io a questo specie di…cretinu ci ho dato solo  nu poco di tintura di jodio e basta. Pinzai che si fosse ferito e gli ho dato del disinfettante.-

Car.- E u ‘nfittastru! Comunque, Vitu e’ veru chiddu ca dici costui?-

Cal.- E’ veru?-

Vit.- E’ veru, viruni. Ma ju ‘ntisi diri da tilivisioni ca contru a radiografia s’avanna a fari cappati di tintura di jodio, na tiroicomusichiama. Anzi no, forsi dissiru ca era megghiu sciacquari, ‘nzumma sguazzariari no cannarozzu sta miricina, e ju… e ju..’nzumma…-

Cal.- ‘Nzumma tu?-

Vit.- … m’a vipp e addivintai ipunenti e addiu  matrimoniu!-

Cal.- addiu matrimoniu? E cchi c’entra co jodiu?-

Car.- (persuasiva e velatamente minacciosa) C’entra, c’entra. Anzi nun c’entra. Ci ava c’intrari, ma nun c’intro’!-

Cal.- Vitu, spiagati, malanova!-

Vit.-  Essa, lei, ella, izumma idda ( indica Carmela con timore) mi aveva chieduto la grande prova d’amore prima del matrimonio, s’abbiau a tramuntana, e ju…m’affruntu, m’affruntu.-

Cal.- E tu nun ci a…’nzumma a vuoto? (gesto eloquente)-

Car.- proprio accussi’: a vuoto, morta!-

Vit.- Matri m’affruntu, m’affruntu…-

Cal.- Aiu capitu: sciroccu completu! Ma sintiti a mia: u jodiu ddocu  nun c’entra.-

Car.- Malanova a chiddi: cintrali nucliali, radiocattivita’, nubbe tossica e vilenu amaru, inquietamentu d’o munnu. E a Vitu ci sicco’!-

Cal.- (incredulo) nun po’ essiri, ca comu…avaia, nun diciti fisserii, lu jodiu nun li fa ssi cosi. Piuttosto…(riflette)… aspetta…aspetta: Vitu, senti na cosa, ju ti desi u jodiu e macari a boccettina di miricinali ca ti lasso’ nni mia u farmacista passannaieri, mi sbagghiu?-

Vit.- No, mi dastiru u jodiu e macari a boccettina di mericina pi daraccilla o me sceccu ca e’ sempri in…amuri. M’arrivordu, certu ca m’arrivordu, m’arrivordu benissimu. (soddisfatto)-

Cal.- (insinuante) E senti Vituzzu, quali miricina ci dasti o sceccu: a midicina da buccetta russa, oppuru chidda da boccettina janca?-

Vit.- Chidda da russa, picchi’ a midicina janca m’a pigghiai ju. ( tronfio)-

Cal.- E bravu sceccu! Ca certu picchi’ si’ tu u vero sceccu! Donna Carmela, tutto a posto. Stu pezzu armali servaggiu si pigghiu a dosi di bromuru priparata po so sceccu. Sirviva pi…cammallu nu pocu, mi capite?-

Car.- Ma allura sara’ sempri iddu in calore? (piena di speranze, quasi esultante)-

Cal.- No, ca quali. Iddu sara’ normali…almeno pi certi cosi ( fa allusione alla testa) mentre per altre…-

Car.- Piccatu…-

Cal.- Certu a dosi era pi nu sceccu, ma vedrete, fra qualche giorno…(allude alla virilita’) potra, potra’ fari il suo proprio doveri…insumma, vi dara’…la prova.-

Car.- Pozzu stati tranquilla?-

Cal.- Tranquilla, tranquilla. Avanti va’, ora itavinni ca m’aiu a priparari u mangiari.-

Car.- Semu sicuri, nevveru?-

Cal.- Sicuri, sicuri. Mizzica cchi pene…ca si voli pigghiari (allusivo)-

Car.- Ahu, ognunu si piggia i peni soi. Andiamo Vito!-

Vit.- Avviandosi verso iul cancelletto) Salutamu don Calogero ( a Carmela) mizzica cchi scantu ca mi pigghiai.-

Car.- E figurai ju! Salutamu don varvasapiu. (escono)- 

Cal.- (perplesso) Mah, chissacciu! ( poi ricordandosi ) a salsa, a salsa. ( entra precipitosamente in casa ed esce poi sconsolato) S’abbrucio’, s’abbrucio’! Mortibuttana s’abbrucio’. Pari ca u fannu apposta: appena mi priparu du fila di pastasciutta, s’arrizzoluno nti mia picchi’ hannu qualchi problema urgenti. Certu doppu ca a na mangiatu, si capisce…Sono tutte brave persone, ma spesso sono invadenti. Pero’ io li scuso e li perdono, in fondo mi fanno passare il tempo e non mi fanno sentire solo. E allora pazienza don Calogero Buscemi, vuol dire che mangi asciutto: pani e cipudduzza nova – senza pecorino, contenti?-

S’appresta ad apparecchiare il tavolino.

Con musica appropriata entra in scena una donna vestita di nero che si dirige verso Calogero, ma vede la fanciulla in bianco e s’arresta a guardarla severamente, quindi le fa cenno d’uscire. La fanciulla, che durante tutte le scene precedenti e’ rimasta in scena a gironzolare e a giocherellare, esita, ma la donna in nero insiste, allora la fanciulla raccoglie le sue cianfrusaglie e, malinconicamente, esce di scena dando un’ultima occhiata affettuosa a Calogero. Fine musica.

Calogero ha finito d’apparecchiare e si appresta a desinare, quando s’avvede della donna.

 Cal.- (impacciato) Buon…buongiorno signora, scusate, non vi avevo sentita entrare. Cosa posso fare per voi? (la donna fa cenno di no col capo) Niente? E allora? Scusate… ( la donna apre il mantello e si mostra) Ma voi chi siete? Io non vi conosco…cosa volete? (intanto, guardandola meglio la riconosce) Ma voi…ma voi siete…sareste…(la donna annuisce) Che stupido! Avrei dovuto riconoscervi subito. ( la donna gli fa cenno di seguirla) Andiamo? (la donna annuisce) dobbiamo andare? (la donna fa cenno di si) Dovremmo, semmai. (la donna fa cenno che e’ ineluttabile) Un momento, un momento. Calma. Ragioniamo (scandisce le parole). Suvvia sedetevi (quasi supplichevole e la donna si siede) Ecco, cosi’ va bene. State comoda? (la donna fa cenno di si) Sono contento. Vuol dire che io mi arrangio con questa. (prende la sedia sgangherata e si siede. Durante il proseguo del monologo, l’attore avra’ la possibilita’ di fare dei movimenti scenici a soggetto) Dunque, a noi! (poi concialiante) Sentite, cara signora, voi dovete aver pazienza, ma la questione e’ da discutere, eccome! Perche’, quando c’e’ in ballo la vita, il parere degli interessati e’ importante, anzi, importantissimo; e voi non potete non tenerne conto. Perche’, se  cosi’ fosse, il vostro che mestiere sarebbe? Tutti potremmo dire:” Beh, oggi faccio la Morte, tanto vado, prendo il primo che mi capita e buonanotte!” Evvero? Ma invece la cosa non e’ cosi’ semplice – ca certu . 

Vedete, per me il vecchio detto popolare secondo cui la Morte e’ capricciusa ca lassa a vecchia e pigghia la carusa, e’ bagliato. Sbagliatissimo!

Capricciusa – ca ora …Pi mia vossia e’ di una serieta’, di una compostezza, di una dignita’, direi unica. No! E’ tutto sbagliato. I proverbi non ci azzeccano – ca quali. Fare la Morte…ssi…e cchi ci pare? (accenna a ipotetici ascoltatori) 

Fare la morte…Ma fare la morte e’ assumersi grandi responsabilita’, e’ prendere gravi decisioni – in fondo e’ giustizia! E questo, parrannu cu vui, non e’ di tutti, nevvero?(pausa e intanto la guarda per vedere un cenno d’assenso) Ed ecco, quindi, perche’ nell’espletamento del vostro gravoso compito, per una questione di correttezza, oserei dire – professionale, voi avete il dovere di sentire gli interessati. Nevvero? (la donna resta impassibile) E allora sentite me!

In primisi in primisi, quando nacqui, ero settimino, quindi avevate tutto il diritto di venirmi a prendere. Invece non lo faceste. Perche’? eh, qui mi dovete una chiara risposta!

Secondo: Ho fatto due guerre, di cui una mondiale: sono stato due anni al fronte, fui ferito, per poco non congelai – laggiu’ in Russia, e voi niente!

Terzo: Ritorno a casa, trovo mia moglie buonanima a letto con l’amante, il quale, per paura mi spara, mancandomi, e voi niente! (la donna resta impassibile) Continuiamo? (la donna fa cenno come per dire: come vuoi).

Quarto: Ebbi la peritonite, fui nelle vostre mani per vari giorni. Vi attendevo di ora in ora, ma voi niente! “nisba” ! nein! – non c’eravate!

Ora che mi sto godendo la vita con una vecchiaia serena, senza problemi, in pace col mondo e con me stesso, ora venite voi e mi dite: “Calogero Buscemi, andiamo!”

E no, cara signora, mi dispiace, ma non ci siamo. Questo non sono discorsi degni della morte- ca quali! Questi sono ragionamenti da uomini, perche’ noi uomini siamo frivoli, vanitosi, stolti e scunghiuruti: mentre voi siete seria, austera, solenne!

Ma, insomma, abbiate pazienza, mi volete spiegare perche’ dovrei lasciate tutto e venire con voi? Per gli anni? Ma quelli non sono poi tanti. Per la salute? Eh, mia cara, quella e’ ottima. Perche’ e’ giunta la mia ora? Ma quale ora? Chi l’ha detto? Perche’? Abbiate pazienza: dico io, se quest’ora fu segnata fin dalla nascita, che senso avrebbe allora l’istinto di conservazione? Se la pallottola che mi fu sparata non era quella giusta per morire, perche’ me la feci addosso? E mi dite, di grazia, perche’ se un automobile mi sfiora, dall’interno mi salgono milioni di spilli sulla pelle? Infine, perbacco, perche’ gli uomini vi temono? Ecco, se mi dite perche’, fine della discussione, prendo la mia “truscia” e vi seguo. (aspetta pazientemente una risposta che non arriva)

Non mi rispondete? E allora vuol dire che ho ragione io: Ci vuole il consenso degli interessati!

E’ naturale – dico io. (breve pausa) Voi venite, si discute la faccenda, si vagliano le situazioni, si danno i pareri, e dopo le necessarie valutazioni, si procede, con prudenza, verso un giudizio decisionale – meglio se non vincolante. (attende una risposta)

Non siete d’accordo? No? Beh, allora che posso dirvi? Mi dispiace, avete fatto un viaggio a vuoto, perche’, cara signora, io non sono, diciamo cosi’, disponibile per il momento. Pazienza, che volete farci? ( sia avvia verso il cancello, per accompagnarla fuori) Vuol dire che ve ne ritornerete senza di me – da sola. Certo, un giorno o l’altro ci rivedremo – sicuro, sicuro – ma quel momento arrivera’ quando avro’ dato (breve pausa) il mio consenso!

Statevi bene, signora, e…senza rancore. (apre il cancelletto).-

La donna dopo essersi alzata, fa un leggero inchino, e si avvicina al fico. (musica adatta) Quindi si siede sulle pietre poste sotto il tronco, assumendo una posizione d’attesa. Calogero la guarda sottecchi, per controllarne le mosse, poi, quando si assicura che la donna se ne sta tranquillamente seduta, entra in casa, prende un fiasco di vino e dei bicchieri e li dispone sulla tovaglietta del tavolo, apparecchiandosi la mensa. Appena terminata l’operazione, si siede con la faccia verso la donna seduta.

Cal.- Scusatemi signora, ma se non vi dispiace, io vorrei consumare il mio modesto e frugale pasto, qui, all’aperto. Vi do’ fastidio? (la donna fa cenno di no) Grazie, grazie assai, siete veramente gentile. (la donna fa un leggerissimo inchino) Vedete signora, noi uomini abbiamo grossi difetti e tante piccolissime debolezze. Io. Per esempio, con una bella giornata di primavera, come questa, non resisto alla tentazione di pranzare all’aperto. Faccio male a qualcuno? No evvero? (la donna annuisce, Calogero fa una breve pausa) Volete accomodarvi alla mia modesta tavola? Senza complimenti, favorite. Vi prendo una sedia anche per voi? Eh, ve la prendo? (la donna fa cenno di no) E a me dispiace. Veramente mi dispiace vedervi seduta su quei sassi. Cosa direbbe la gente di me? Calogero Buscemi quando venne a trovarlo la Morte, non le dette neanche una sedia per sedersi comodamente. Passere per villano! Non accettate? (cenno negativo della donna) proprio no? Come volete voi. Allora buon appetito.-

Calogero inizia a mangiare, mentre la donna si alza e gironzola per l’orto, curiosando qua e la’, sempre tenuta d’occhio da Calogero. Musica adatta. Il vecchio tenta anche di offrirle del vino che la donna rifiuta con un garbato gesto. Quando Calogero avra’ terminato il suo pasto, si alzera’ e si siedera’ sotto il fico, appoggiato al tronco.

Cal.- Col vostro permesso, signora, vorrei  distendermi sotto il mio fico. Sapete, i vicini credono che io dorma, invece io medito, penso, rifletto e, perche’ no? anche fantastico.-

La donna gli sorride e si dirige, lentamente, verso il cancelletto. Li’ giunta, fa un gesto di scatto, come se volesse avvolgere nel mantello nero e Calogero, che si stava assopendo, fa uno scatto e urla.

Cal.- Ahi! Botta di sangu! Mi ha punto una vespa! (dimena le gambe) In questa stagione sti “lapuni” sunu veramente ‘ncutti, molesti! Poi questo doveva essere quanto o “ Liotru”; mi e’ sembrato di sentire le sue zanne entrare nella mia carne. Bonu va’, spirdiu di pinzari…finiu di meditari…mi sta calannu un sonnu duci duci…mi sentu l’occhi a pampinedda…e va’ beni, Calogero Buscemi, fatti stta panzata di sonnu e futtatinni!-

Calogero si assopisce, piega la testa e lascia andare le braccia lungo il corpo. La donna resta immobile vicino al cancelletto. Luci che cambiano. Entrano dei vicini.

Primo vicino: Don Calo’, oh don Calo’, alla facci della meditazione, sono sei ore che dormite.-

Secondovic.:  Don Calogero, svegliatevi, il sole e’ tramontato, prenderete freddo.-

Terza vicina:  A seggia e’ ancora sfasciata, beddu scansafatiche…-

Primo vicino: Don Calo’, vi ho portato questa bottiglia di cerasuolo che e’ la fine del mondo, assaggiatela e ditemi se non e’ vero. (intanto si china sul vecchio e lo scuote) Don Calo’…ma…ma bedda matri…chistu e’ mortu!-

Seconda vic.: Matri santissima, morsi durmennu…-

Terza vicina: Mischinu. Pero’, vulennu, fici a megghiu morti.-

Primo vicino: Carusi chiamati Pattrapparucu. (si segna)-

Secondo vic.: Guardate, chi e’ sta cosa? (indica qualcosa ai piedi del vecchio)-

Primo vicino: Videmu? Ma cos’e’? Sembra nu scussuni…(le donne indietreggiano) no, non vi spaventate, e’ mortu.-

Secondo vic.: (guardando meglio) Ma quali scussuni, chista è na vipera!-

Terza vicina: Veru e’.Taliati chi purtusu ci fici ne jammi.-

Primo vicino: Pero’ s’a purtau cu iddu. Avete visto ci schiacciavu la testa.-

Seconda vici.- Ma comu ci arrivau cca’ sta vipira?-

Primo vicino: Mah, chissacciu…-

Terza vici.- Chi fa , u purtamu in casa?-

Primo vicino: Ca certu. Pigghiatilu di dda. ( i tre si premurano a portare il corpo di Calogero in casa, simulando uno sforzo, perche’ in effetti non portano nulla, perche’ il vecchio rimane seduto sotto il fico, anzi dopo pochi secondi si alzera’ e, con un sorriso ironico, guardando i tre, si avviera’ verso il cancelletto.

Primo vicino: Mih, e’ beddu pisanti…-

Secondo vic.: Salaratu! Chi ci cunzamu u lettu?-

Primo vicino: Annunca…-

Terza vicina:  Ahu, annacamini ca pisa…-

Secondo vic.: penzu ca l’avissimu a vestiri. ( entrano in casa )

Calogero, intanto che i tre mimavano il trasporto del suo corpo, si sara’ divertito a mimare le frasi dei tre. Quando, infine saranno entrati in casa, egli si avvicinera’ alla signora in nero e con un cenno della mano invitera’ la donna a precederlo. La donna fa complimenti, e allora Calogero, minacciandola affettuosamente col gesto della mano, le apre il cancelletto e insiste nel farla passare per prima. La donna accetta divertita, e passa. Calogero, dando un’ultima occhiata all’orto e alla casa, allarga le braccia e seguira’ la donna. Poi i due, gesticolando come se continuassero una conversassione precedente, usciranno lentamente di scena. Musica.

Fine.

Secondo finale ( a discrezione della regia).

Quando Calogero si assopisce sotto l’albero, con cambiamento di luci, entrano in scena dei vicini, uno dei quali e’ il chitarrista, cantando e suonando. Calogero si sveglia intorpidito. I giovani lo invitano alla loro festa. Il vecchio guarda la donna in nero, interrogativamente, ella, vedendo l’affettuosita’ dei giovani verso il vecchio, fa cenno di acconsentire e di fargli sapere che tornera’ dopo. Il vecchio fa cenno, come per dire: dopo, dopo, assai. La donna sorride e se ne va da sola.

Balli e canti e fine. 
 :   

 

     

                           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                  “ Era a notti d’o Santu Natali.”

            

                                       

 

 

 

                                                            Favola  natalizia

 

                                                                 In due atti 

 

                                                                                 

                                                  

 

 

 

                                                                             

 

 

 

 

 

 

– anno 2009 – versione in dialetto siciliano.

 

 

 

 

 

Gennaio 2009

 

 

 

 

 

Personaggi:

 

 

 

 

 

 

 

Vito Spitali………………………. puparu:

 

 

Pina………………………………moglie di Vito;

 

 

Enrico…………………………….rapinatore;

 

 

Nicola……………………………figlio del rapinatore;

 

 

Maresciallo Cucurullo…………..sbirro con il cuore grande così. 

 

 

 

E, inoltre delle voci dal telefono.

 

 

 

 

 

 

La vicenda si svolge tra le ore 21,00 e le 23,00 del 24 dicembre.

 

                                                          Atto primo

 

 

Sulla scena è stato ricostruito l’interno di un tinello di una casa piccolo-borghese.

A sinistra vi è l’uscio d’ingresso, a destra un altro uscio che porta nelle altre camere della casa. Al centro una finestra con tenda. A destra della tenda vi è un tavolino dove è stato preparato il Presepe; mentre a sinistra vi è un bell’albero di Natale illuminato, con doni e ceste di dolciumi.  

Al centro della stanza c’è un tavolo apparecchiato per il cenone di mezzanotte. Un grosso pendolo è sulla parete sopra lo sparecchia tavola.

All’apertura del sipario, con una musica natalizia, in scena c’è Vito Speciale, sessantenne, puparu, vestito di grigio, con la giacca da camera, che sta armeggiando vicino al presepe. Appunto per questa attività di puparu, egli parlerà, a volte, con toni tronfi, altosonanti, che usa durante le rappresentazioni dei suoi “cunti” epici. Dopo un minuto entra Pina, quasi coetanea del marito, vestita dignitosamente, ma indossa ancora un grembiule. Ella porta dei bicchieri che dispone sul tavolo. Fine della musica. 

 

Pina – Vitu, varda ca u Presepi è bonu d’accussì; nun è ca ora lu manii ogni mumentu…li statuetti sunu di crita e non di lignu, comu li to pupi, e si ponnu rumpiri, sai…-

Vito – Ascuta Pianuzza, moglie temeraria, u sottoscrittu sta sulamenti abbissannu qualche personaggiu. Talia questa, a mo’ d’esempiu - fimmina vecchia ammatula: ti pari possibbili ca l’acquarolu sta accussì luntanu da tutti l’altre statuetti che cumponguno la scena? Mi vuoi spiegare, moglie temeraria e di bassa forza, comu facissi a dar da bere alle assetati, stantosene a quattro miglia nautiche di luntananza?-

Pina – Ma chiddu è tuttu metaforicu, aora nun mi veni a cuntari della tua “verosimiglianza” di puparu. Se fussi accussì, addiu Presepi, u facissuru solu gli artisti… mancati come a tia.-

Vito – Senti, donna sprudenti e vana, a mia piace farlu accussì, più realisticu do Re! e nun mi importa dell’altrui giudiziu d’omini vili sanza… gnegnu. Pi cuntu miu dev’essere più verosimile possibile, pi arrivurdarini  nta mente chiddu ca presumibilmente, anzi sicuramente, accadde in quella notte buia e fridda e senza stiddi.

E ora nun mi tidiari invanu cchiù, donna pia e sanza pinzeru, ca sono in un momento delicato di sistemazioni criativa.-

Pina – Ju aiu u me momentu di delicata sistemazione…creativa, cu tutti sti bicchieri e pusati ca mi annegghiunu tutta a tavula e ca mi lassanu mancu un palnu di spaziu pi li purtati.-

Vito – (sempre girato di spalle) E tu fanne di meno portate, fimmina scialacquona: ti l’aia dittu sempri: la cena di Natale dev’essere sobria! Ma ju parru ammatula.-

Pina – E sobria sarà. (sistema nervosamente la tavola) Pirò, na vota ca i carusi finalmenti venunu, (imitando il dire del marito) affrontando i disagi del  viaggio, pi passari i festi cu nuattri rimbambiti…-

Vitu - …pigghia bonu pi tia…-

Pina … nun penzi ca fussuru cuntenti si attruvassiru a tavola i nostri piatti tradizionali?-

Vito – Ehi, fimmina invan vissuta (girandosi), ehi, varda ca venunu da Roma, nzamai penzi ca arrivano di l’Australia, terra servaggia di giusu, comu a diri: dall’altro emisfero.-

Pina – Va beni, venunu di Roma, ma dda nun ci sunu i nostri specialità. (imitando c.s.) Ogni posto ha le sue usanze, compari puparu. Eppoi a mia, si nun  ti accattigghi troppu, ( imitandolo c.s.) fa piacere preparar loro i miei vecchi manicaretti...-

Vito – …e passi tuttu lu santu jornu in cucina…-

Pina- … con vero piacere, caro signor marito.-

Vito – E pircchì sto veru piaciri, nun ti lu fai veniri tutti li santi jorna?-

Pina – (imitandolo c.s.) Perché il Santo Natale viene una volta l’anno, caro il mio puparu.-

Vito – E ju, na vota l’annu mangiu di cristianu cioè bene…anzi aviss’amangiari beni, ma datosi che sta sira si cena tardissimu, e appoi nun addiggirisciu beni – e mi fa velenu.-

Pina – Sta vota pinzau pure pi tia: (c.s.)  c’è il pesce freschissimo e te l’ho fatto bollito con un pizzico di maionese. Così lo digerisci facilmente. Sei contento maritino?

Vito – Grazi assai. Ma taliatimi tutti, gente di tutti i continenti, guarda femmina azzardosa: più che contento, sono felicissimo! E cchi cosa, beddamatri,…pesce squaratu con un pizzico di maionese…roba da Nababbi! Altro che un insignificante cocktail di scampi, cozze gratinate, spaghettini con sugo di astici…-

Pina – Ma a voi finiri cu sta lagna? Rassegnati beddu! (c.s.) Tu non puoi fare più quello che facevi da giovane, è una cosa naturale, è la vita, bello mio.-

Vito – E c’hai raggiuni…Ma tu varda nu pocu l’ironia: da carusu, quannu avissa pututu mangiare finu a abbuffarimi, senza prubblemi digestivi, a casa mia nun avevamu nenti da masticari – a causa da verra e do dopuguerra; poi, quannu putevu primmittirimi u lussu di farimi qualchi bedda mangiata, si ci misi stu vaju: lu colesterolo! Ma cchi schifiu è?  Poi ddu jornu…E’ una vera e vile disdetta, oserei dire: congiura!-     

Pina – E, bonu, nun passari da ‘n capu all’altru. C’appoi, da quannu semu maritati – c’avevi appena trent’anni - e fino a ora ca passasti a sissantina, ti n’hai fattu di beddi mangiati... (c.s.) Dai non fare la vittima, uomo lagnoso.-

Vito – E ‘n puteva durari stu statu di grazia, per qualche altro lustru de’ lustri e oltre?-

Pina – Nun ti lamentare, Vitu…c’è genti ca sta peggiu di tia.-

Vito – (rassegnato) Amen.

Pina – Avaia, dai, aiutami, cuntinua tu ad apparicchiari, ju cuntrollu i scacciati.(esce)-

Vito – (lentamente, cantando sottovoce e poi fischiettando un motivo natalizio, si appresta ad eseguire) Comandi signora…il cavalier servente serve i so’ desiderata…-

“Era la notti d’o Santu Natali,

nta li casi si mangiava e biveva,

e Gesuzzu nta la grutta chiangeva,

senza nenti di putiri mangiar…”

 

Pausa, come se si ricordasse qualcosa.

 

“…Era a notti d’o Santu Natali…”

Quannu fu c'a 'ntisi 'a prima vota?

“Era 'a notti d'o Santu Natali...”:

C'er'a verra? ... Putiss' arrivurdari

quannu 'ntisi ssa nenia natalizia...

forsi quann'i luci fici astutari,

dda sira, l'appuntatu d'a Milizia?

Poi, quann 'a sintii ricantari? 

" Era 'a notti d'o Santu Natali,  

nta li casi si mangiava e si biveva..."

Mah, cusa`, forsi doppu dda nuttata 

c'a Madonna changiu a Sarausa, 

nta 'na casa di genti di burgata... 

tannu suspiravu pi 'na carusa...

Eppoi, quannu fu n'autra vota? 

" Era 'a notti d'o Santu Natali,  

nta li casi si mangiava e si biveva,

e Gesuzzu nta grutta chiangeva...” 

Aspittati, fu quannu me muggheri, 

ch'era primalora, si turciniava

nto lettu pe' dogghi e po' pinzeri  

pi' l'addevu ca gia` s'apprisintava.

-E l'ultima vota? 

 

-E, ci voli 'nu pocu di pascienza, 

p’arrivurdari.

 

Allura, videmu si m'o rammentu:

Dunchi, fu ddu jornu, si nun mi sbagghiu,  

c'o sangu mi quadio` nta 'nmumentu, 

e ci appizzai lu pani e lu travagghiu!

" Era 'a notti d,o Santu Natali, 

nta li casi si mangiava e si biveva,  

e Gesuzzu nta grutta chiangeva,

senza nenti di putiri mangia`..."

Ma chissa ‘n fu l'ultima , lu sentu! 

E 'ntantu penzu: Cu st'ebbrica sfatata, 

ch'i canta cchiu` pe' strati ssi lamenti?  

Ora n'arristo` sulu l'abbuffata: 

Alla facciazza di cu n'avi nenti!

 

-M’allura, st'ultima, quannu po' ssiri?  

Mah! Forsi quannu dormu 'n santa paci 

e mi 'nzonnu di 'n'essiri crisciutu. 

O macari, e ni sugnu capaci, 

ca m'a sentu lu jornu ca m'astutu.

 

E stavota assemi 'o Bammineddu!-

 

" Era 'a notti d,o Santu Natali..."

 

Pina – (da fuori scena) Chissa chi è l’utimu cumpunimento to? (ironica)-

Vito – No, nobbilissima matrona mangiaossa co Sali, questa è la penultima. L’ultima, si lu voi sapiri è “La verra di Troia”…-

Pina – (c.s.) Ahu accura comu parri cu to mugghieri!-

Vito – (sbalordito) Picchì, cchi dissi?-

Pina – Na palora ca assumigghia a sgualtrina, ingrasciatu!-

Vito – (comprendendo l’equivoco) Chi, troia? Ma no, avaia Pinuzza, a muggheri, e quannu mai t’aviss’a dittu sti paroli sconci. Ju stavu dicennu u titulu della mia nuova opira: La guerra di Troia. U capisti?-

Pina – U capì, sciatu miu.-

Vito – E allura passa ca banna, ca ti la declamo.-

Pina – Aspetta, picchì tu declami e a scacciata s’abbrucia.-

Vito – La panza veni prima di l’arti…scanzatini.-

Pina – (affacciandosi) E ai to figgi cchi ci fazzu manciari pi cena la tua…arti?-

Vito – Parlavo in generale, picchì na fedda di scacciata, si ci primmetti, mi la vulissi manciari macari ju. Fai cu comodo moglie vigile e solerti.-

 

Fischietta il motivetto, aggiusta qualche oggetto, trova dei fogli. Intanto entra Pina.

 

Pina – Avanti, cunta, sugnu tutta orecchi.-

Vito – E ju sugnu tuttu prontu, e senza salamallecchi.-

Pina – Allura attacca.-

 



Vitu - A VERRA DI TROIA. Puntu.

 

Assa’ prima de canonici di lignu,

quannu i pospiri ancora ‘n s’avvintanu,

mentri in Grecia Leda jucava co cignu,

li Dei scialavanu, ammazzann’ u tempu,

supr’a lu munti chiamatu Olimpu,

 

Giovi, tuonò: “ E luvatici manu

cu sta caciara e stu curtigghiu!

mi scassa’i baddri di lu munnu sanu:

m’annoiu di taliarivi nta facci,

annunca ‘nvintu i scarpi co’ tacci,

 

tantu pi fari qualcosa di megghiu

ca rattarimi a panza tutt’u jornu.”

“Caru maritu – ci dissi nto sogghiu

di lu so tronu, Giunoni: fimminuna

di lettu si, ma di lingua tagghintuna-

 

Tu si’ signori, diu e pattrieternu,

nunca, chiddu ca t’aggiuva cumanna;

e nuattri jemu macari nto ‘nfernu,

pa truvari chiddu ca t’alliena-

abbasta ca ‘n ti videmu cchiù in pena.”

 

Pattri Giovi arrispunniu: “Dda banna,

‘n sacciu chi cosa truvati di bbonu.

Inveci, a tutt’i to’ figghi addumanna

si c’anu nto ciriveddu un’idiuzza

chi sacciu: ‘n jocu, macari na cusuzza,

 

pi farmi arriturnari lu bon tonu”.

Minerva c’ascutava attentamenti

addrizzau aricchi e vinni o tronu.

“ Pattri divinu, diu de’ fummini,

aiu fattu na pinzata pi l’ommini”.

 

“Dicci, divina figghia intelligenti,

se si tratta di l’omini sciavuni,

stavolta n’addivettu viramenti”.

“Aviss’a pinzatu, si tu si d’accordu, 

di fari sciarriari a ddu caiordu

 

di Re Minilau cu ddru Priamuni

Re di Troia, videmu, chissacciu,

macari pi na partita di palluni...”

Ma Marti ca pristava aricchia

spiranzusu, dissi: “Ma cchi c’ancucchia!   

      

Ju sugnu spissu mutu, zittu e tacciu, 

ma unn’è a Juvi? unn’è u Milanu?

Chissi ancora sunu ammenz’o ghiacciu.

Nenti palla, mbari, ma na bella verra

ci facemu fari a chissi nta terra”.

 

Giovi appruvò e ci desi la manu:

“ Bravu me figghiu, si nu cannuni.

Mirculi, veni ccà, finu viddanu,

organizzami tu sta bedda scerra,

ma c’apparir’a tutti na vera verra.”

 

Dalla finestra si ode la partenza frettolosa di un automobile - sgommando

 

Vito – (infastidito dallo stridore delle gomme) Nte corna! E cchi cosi…e cchi è tutta sta prescia? C’appoi dicunu ca ci sunu troppi incidenti stradali – macari in città.-

 

L’orologio a pendolo batte le 21,00.

 

Pina – Già i novi?-

Vito – Annunca. (vedendo la moglie guardare l’orologio ed esitare) Chi fazzu ci a tagghiu?-

Pina – ‘N’affenniriti o maritu, ma sugnu agitata, emozionata…ma ti l’immaggini? Tra n’ura arrivano i carusi.-

Vito – (piegando i fogli) E anche i figli precedono l’arti…-

Pina – Mutu scunghiuruto, chi dici?-

Vito – Ca i figgi su pezzi di cori. Va beni accussì…Comu se ju nun fussi agitatu quantu a tia…bedda matri, alli voti…-

Pina – Bonu bonu, avaia, sugnu tutta spilli e strantisi…e ssi capisci ca macari tu nun vidi l’ura.-

Vito – Miracolo a Catania!(incrocia le braccia)-

Pina – E cchi fai u sustinutu? Veni ccà ca ti dugnu ‘n vasuneddu e facemu paci. Appò lu to travagghiu n’u leggi a tutti, a tavula.(esegue, mentre Vito, prima sostenuto, poi l’abbraccia) Fremmu…bbonu…lassami ora, ca u fassumauru s’abbrucia.-

Vito – Certo u fassumauru veni prima…(si ferma di colpo, vedendo Pina che sulla soglia della porta lo guarda severa, poi quando entra, continua la frase) di l’Arti, con l’A maiuscola.- 

 

Suonano alla porta.

 

Pina – (dalla quinte) U sentisti? Hanno suonato…cchi sunu i carusi?-

Vito – (andando ad aprire) Ma no, (un’occhiata all’orologio appeso alla parete) sunu ancora i novi scarsi. Chiddi, a st’ura,  sicuramente, sunu ancora in volo. (risuonano con insistenza) Vengo, vengo, e cchi prescialori… chi è?(apre)-

 

Vito fa appena in tempo a togliere la chiusura che la porta viene spalancata ed entra un giovane col capo coperto da un passamontagna e con una pistola in pugno. –

 

Rapinatore- (puntandogli l’arma sul volto e chiudendo subito la porta) Zitto o se morto!-

Vito – (frastornato) Ma…cchi cosa?…cchi santu diavuluni…-

Pina – ( affacciandosi) Cu è?-

Rapin – Tu veni ccà, a tagghiu so! (afferrandola per un braccio e mettendola affianco di Vito) E muta, o si morta!-

Pina- Gesù, Giuseppe e Maria, nu mariuolu! Oddiu, attorna…-

Rapin - Ho detto zitti! (li minaccia con l’arma, mentre si pone in ascolto dietro la porta, poi guarda attraverso le tende della finestra) Zitti o vi ficco in testa una pallottola!-

Pina – Madunnuzza bedda, n’autra vota. (parlando a bassa voce)-

Vito – Ma no…(idem)-

Pina – Chistu, stavota, n’ammazza.-

Vito – Buona Pina, statti sora, eh? ‘Nun l’innervosiamu.-

Pina – Ma Vitu…-

Vito – Calma…cridu ca nun ce l’avi cu nuatri.-

Pina – Ma ju mi scantu u stissu.-

Vito – Va beni, va beni, ma cammati e fai gestire la situazione a me. D’accordo?-

Pina – Comu voi, ma mi raccumannu…-

Vito – Nun ti preoccupare, tu penza a stati tranquilla…-

Rapin.- Ho detto muti! e non fiatate!-

 

I due, uno vicino all’altra, si zittiscono, mentre il rapinatore lasciata la finestra, va verso la porta  e poggia l’orecchio, in ascolto. Suona il telefono.

 

Rapin.- (a Vito che si era mosso) Tu fremmu! nun ti moviri, ‘n ‘arrispunniri.-

Vito – (vedendo che il telefono continua a suonare e parlando con calma) Varda che forse è me figghiu ca chiama… e se ‘n’arrispunnu, chiddu avvisa carrabbineri…sapi ca senu intra, ca l’aspittau.-

Rapin.- ( indeciso) Va bene, rispondi, ma guai a te se ti lasci sfuggire menza parola. Anzi metti il viva voce, voglio sentire!-

Vito – (avvicinandosi all’apparecchio e eseguendo) D’accordo. (poi al telefono) Pronto?-

Voce- Papà, sono Gino, siamo ancora in aeroporto, il volo è stato annullato.-

Vito – Come annullato? E come fate a veniri? Non ci sono altre possibilità?-

Voce – Papà, stiamo cercando…vediamo con qualche altra compagnia…ma è difficile. Qui siamo centinaia i passeggeri che sono rimasti a terra, è un caos.-

Vito – Ma con quale schifiu di cumpagnia prenotasti?-

Voce- Non è colpa della compagnia. E’ il personale di terra dell’aeroporto, che ha fatto uno sciopero improvviso, e questa volta sono stati i tacchinari.-

Vito – Ddi tappinari  di l’hostess, veru?-

Voce – Ma no papà. Quali hostess, non ho detto tappianari, ma tacchinari, cioè il personale  che mette i tacchi nelle ruote degli aerei, quando stanno fermi, nelle piazzole.-

Vito – Ah, i tacchi? E per du miserabili tacchi non si può cchiù partiri? E nun c’è nuddu ddocu ca i sapi luvari? E si lascia la gente a terra pi nenti? se fussi ddocu ju i luvassi cche me manu!-

Voce – Papà, ci sono regole sindacali…la sicurezza, insomma, dobbiamo aspettare. Te l’ho detto, ci provo con un’altra compagnia. Speriamo di farcela. Comunque ti terrò informato. Adesso ciao, vado a raggiungere Giulia e Vituccio. –

Vito- (posando lentamente l’apparecchio) Ciao…ciao…(a Pina) U sintisti?-

Pina- U ‘ntisi, u ‘ntisi, bella robba (guardando fosca il rapinatore)… ma tantu u Natali era già arrovinatu.-

Rapin. – Ma statti muta, và! Ca nun si tu sula ad avere u Natali rovinatu…ci sono quei lavoratori lì, in aeroporto, che non  hanno solo il Natale rovinato, ma tutto l’anno  - intero, perché saranno licenziati!-

Vito – A scusari, amicu, e tu comu u sai?-

Rapin. – Ma nun leggi i giunnali? Chiddi scioperanu per conservare il posto di lavoro che è in serio pericolo!-

Vito – (con aria solenne, tutte le volte che affronta argomenti, per lui, difficili) E nun potevanu, chissacciu,  proclamare lo sciopero in anticipo? Inveci di lassari a terra i passeggeri? con tutti i disagi immaginabili? O nun ci sunu cchù regole sindacali? Comu, pi esempiu, la proclamazione dello sciopero con almeno quindici giorni di anticipo, e la pace sindacale per i periodi dell’anno più significativi: tipo Natale, Pasqua…-

Rapin. –… Santo Stefano e capodanno. Ma statti mutu macari tu, vecchio oscurantista! Ai padroni bisogna colpirli sul collo, altrimenti non  mollano…-

Vito - …e ci vanno di mezzu i poveri ‘nnuccenti de passeggeri, che macari dopo misi di travagghiu, ca si vonu goderi qualchi jornu di vacanza, magari, chissacciu, ‘nzemi ai famigliari…cche vecchi genitori, ecco; nveci passanu a festa assettati supra e baliggi, all’aeroportu. A sti puvirazzi, tu e tutti i toi lavoratori dello sciopero selvaggio, nun ci pinzati?-

Rapin. – Ci pinziamu…o perlomeno ci penzanu, e forse macari s’affruntunu, ma questi sono i periodi ca pigghi  i pattruni pe corna.-

Vito – Chiedo scusa, forsi staiu veramenti rimbambennu e certi cosi nun i capisciu. Ma comu? Sbagghi a cu visti e anzetti a cu nun visti? Senti, pi mia chisti sunu azioni infami.-

Rapin. -  Sono tue opinioni. (gesto di indifferenza, poi rivolto a Pina) E l’elenco non è finito: a causa della crisi, ci sono anche i lavoratori precari che saranno lasciati a casa senza stipendio, quelli che sono già disoccupati da prima…e i poveracci di sempre. Pi iddi, e pe so famigghi, sia u Natale, sia l’autri 364 giorni, sunu sempri tutti arrovinati. E alcuni di loro saranno fortunati se potranno mantenere ancora la casa. E ti lamenti tu che hai (si guarda attorno) una comoda casa, l’albero di Natale riccamente addobbato, il Presepe (guarda meglio) con le statuine in terracotta,  la tavola apparecchiata per una ricca cena natalizia, e di là avrai preparato, certamente, il ben di Dio. 

Ma tutti quei sfortunati lavoratori, tutto questo tuo benessere non possono vederlo neppure col cannocchiale, anzi moltissimi non sanno neppure cosa sia stare bene; non sanno neanche se esiste davvero un tale benessere o se è soltanto illusoria pubblicità televisiva.-

Pina- Nun sugnu cieca né surda! Certo ca u sacciu. Nun scupristi tu l’America!-

Rapin.- E annunca nun fari lastimi!-

Pina – Ju nun fazzu lastimi, si lu voi sapiri. E mi dispiaci pi tutti ddi puvirazzi, ma se nuattri avemu chiddu ca tu chiami benessere, è pe quarant’anni di travagghiu di quel signore (accenna a Vito) ca si ha luvatu a vita a travaghiari jornu e notti, e ci ha rimesso macari a salute per…per…un incosciente - come a tia, eccu!-

Rapin.- Va bene, ma u travagghiu, beni o mali, l’aveva, e ne ha avutu pi quarantanni.-

Pina – No caro il mio signor vittima del sistema (a imitazione della parlata di Vito), iddu u travagghiu se l’è creato dal nulla. Infatti si armau  una sua attività commerciale ca era ancora carusu, e di jornu travagghiava nto magazzinu e di sira faceva u puparu, caro il mio signor sentenzioso, c’appoi, comu ti dissi, lassau tutto a causa… a causa…beh, lasciamu perdiri ca è megghiu!-

Rapin.- E lassa perderi, ma abbassa la voce!-

Pina – L’abbassu, l’abbassu. E ora mo dici cchi cosa c’entranu tutti sti beddi discursi cu tia e cu nuattri?-

Vito- (rivolto al rapinatore) Oh, finalmente. Menu mali. Fine delle divagazioni socio-sindacali e andiamo al sodo: cchi cosa c’entra tuttu stu comiziu, cu nuattri?-

Rapin.- Con voi sicuramente nenti. Ma per certe organizzazioni, si.-

Vito -  Ahu, nun ficiuru pri casu u sindacatu de rapinatori?–

Rapin.- Spiritoso. Va bene, ca faciti u puparu… ma tutti e due siete dalla parte dei padroni e non comprendete nulla! Vuol dire che ve lo spiegherò in altri termini (mostra l’arma) – dopo magari, se sarete ancora vivi. E ora zitti e buoni. (torna ad ascoltare alla porta, poi va di nuovo alla finestra)-

Vito – Grazie assai obbricatissimu. E già ca ci semu, visto cca semu poveri di comprendonio, nell’attesa di spiegarci le tue teorie sindacali, saresti così gentile da dirci, almeno, cchi cosa voi?-

Pina – Ma i nostri soldi, cchi po vuliri nu rapinatore?-

Vito – (fa cenno a Pina di calmarsi) Pina…-

Rapin.- Calmati, eh? Voglio per prima cosa che ve ne stiate zitti e muti! che non mi facciate perdere la pazienza provocandomi! ( a Pina) Sareste voi i primi a rimetterci, statene sicuri. (a Vito) Io prendo le parti dei poveracci…come me, capito? (a Pina) e dei tuoi pochi spiccioli che tieni in casa, non me ne faccio nulla. (quasi tra se) Sta a vedere che ora faccio una rapina solo per comprarmi le caramelle.-

Vito – E c’anzittasti! in casa avemu si e no centu euro. Li voi? Sunu picca? Voi macari u bancomat? Ti dugnu u codici, poi prilevari finu a duecentocinquanta euru e ti facisti a jurnata...-

Rapin.- (interrompendolo bruscamente) Ma finitila và, pi ccu mi pigghiati?-

Vito – Beh, allura, nzumma, in definitiva, se nun cerchi i nostri soldi, picchì trasisti nta me casa, armatu e mascheratu? si pò sapiri cchi voi di nuattri?-

Rapin.- ( sempre in ascolto, poi ironico) Pi sentiri a storia d’Orlando, va bene? E ascutatimi beni: desidero, anzi voglio, soltanto passare in vostra simpatica compagnia qualche ora, e poi, me ne andrò. (deciso) Ma nel frattempo, badate a voi!-

Vito – Ma picchi? Beddamatri a chistu nun u capisciu.-

Pina –Sto tiziu nun mi scunfifera…-

Rapin.- Voi non dovete ne capire ne convincervi, dovete solamente stare zitti!-

Vito – Ma…-

 

Suona il citofono. Vito, istintivamente, sta per muoversi per rispondere.

 

Rapin. – Non rispondere! (quasi isterico)-

Vito – (facendo ampi gesti di calma) Come dici tu, ma stai calmu, ah? Pirò, chissaccio, se iddu sapi ca semu intra, vidi? – e a luce è addumata (fa cenno al lampadario)- e  si vidi da strada…-

Rapin.- Non m’importa!-

Vito – Comu voi tu, si tu ca cummanni. Ma pi mia stai sbagghiannu. Si nun arrispunnu, cu mi cerca, chissacciu - forse un parente, un vicinu, macari si putissi preoccupari e acchianari ccà supra…- 

Rapin.- E’ vero, havi maledettamente ragione. Allora rispondete e…attento a chiddu ca diciti! E soprattutto non fatilu acchianari cca supra, avete capito? (gli mette l’arma dietro la nuca).-

Vito – (prende il citofono e risponde con calma) Chi è? Si sugnu Spiciali…ah è vossia maresciallu Cucurullo…( il rapinatore, sobbalzando, gli punta fra gli occhi) Si, dicitimi…se ho visto dalla finestra, qualcuno acchianari nta machina e partire velocemente?  No, mi dispiace, ‘ntisi sulu sgommare per strada, ma non mi sono affacciato. Ah, va bene…certo… ah, se visti qualche estraneo nelle scale del condominio?  No…non ho…nun visti…nuddu… va bene, sto in campana… naturale: se vedo qualche estraneo al condominio, o sento qualcosa di sospetto vi avviserò immediatamente.  Certamente. Ma, scusatemi, chi cercate?...(pochi secondi di ascolto) Ho capito, allora in bocca al lupo. (poggia il citofono, poi si rivolge ai presenti) Cercanu du rapinatori armati, che hanno tentato di rapinare la cassa do supermercato cca sutta…ma nun ficiru in tempu a fari a rapina, picchì una cassiera si misi a vanniari a vuci di testa…accussì si scantarunu e scapparunu comu du saittuni- a manu vacanti - in machina; almeno uno sicuramente…ma li prenderemo, dice Cucurullo. (poi al rapinatore) Pri casu, e nun pi sapiri i fatticeddi to, chi si tu l’autru lestofanti?-

Rapin. – A voi nun v’interessa.-

Vito – (sornione) U to complice s’a filau, veru?-

Rapin. – Era nervoso…-

Vito – E tu?-

Rapin.- Io? Sono calmissimo, e se state anche voi calmi, fra qualche ora, quando quelli lì sotto ( indica la finestra) se ne saranno andati, me ne andrò pure io, e tutto sarà finito… senza che nessuno si faccia male (calca la parola come minaccia, poi si avvicina alla finestra e sbircia fuori, attraverso le tende)-

Vito – Nun ti preoccupare, u maresciallo Cucurullo è amicu me, vecchiu amicu di tant’anni, ‘n’acchiana ccà. A mia mi cridi.-

Rapin. – Non è iddu ca mi preoccupa, na stu momentu.-

Vito – U to complici?-

Rapin.- No, quello è già lontano.-

Vito – Scusa, e allora?-

Rapin.- E allora, fattevi i fatti vostri…pi fauri. (scruta fuori)-

 Vito – Va beni, va beni, mi fazzu l’affariceddi me…ma tu nun mi pari…inzumma nun si’…nu veru mariuolu, un malvivente… o mi sbaghiu?-

Rapin. – (allontanandosi dalla finestra) Bisogna vedere che cosa intendete per malvivente: se pensate a uno che vive male, allora avete ragione: sono un malvivente, molto malvivente.(passa al voi)-

Vito – Mariuolu, malviventi, chissacciu, spatajiolu, unu ca fa mali all’autri prissuni…-

Rapin. – Ah, vi riferite hai padroni? Beh, quelli sono tutti spatajioli, malviventi - delinquenziali!-

Pina – Ma varda a chistu…-

Vito – Ahu, giovanottu nun fare u Nofriu, ca tu mi capisti, eccomu! ‘Nzumma, tu…tu sei , come rapinatore, alle prime armi, evvero?-

Rapin. – Ma dove avete fatto esperienza in fatto di rapinatori? Certo, infatti, avete indovinato. Ma non perché sono un rapinatore novellino, come voi pensate, sarò meno determinato a non farmi prendere. E voi siete responsabili, di tutto ciò che potrà succedere qui - di spiacevole, se mi fate scoprire…e quindi anche della vostra…salute. Uomo avvisato…-

Pina- Ma cchi ta ma fattu?-

Rapin.- A me? Nulla! Bisogna vedere cosa avete fatto agli altri.-

Vito – ( tono pomposo) Senti non sentenziare su ciò che non conosci, non è prudente e potresti prendere giganteschi e pericolosi abbagli. A scusari sai? (duro, poi conciliante) E dimmi, giovanotto, tu, da chiddu ca capiscio, fino ad ora  ‘n’ hai mai rapinatu a nuddu – nancu u supermercatu di cca sutta. Ecco, come malvivente delinquenziale si ‘n principianti e pure al primo colpo…o sbaglio?-

Rapin. – Non sbagliate. Ma come malvivente di una vita da cani, si, sono anziano, molto anziano.-

Vito – Davvero? Interessante. E ti dispiace, se, nell’attesa di passare queste prossime ore con te, per ingannare il tempo, tu ce ne parli di questa “malvivenza”? Magari (accenna all’arma) senza ssa scupetta puntata nto l’occhi?-

Rapin.- Ma siete in voi? I fatti miei non li racconto al primo venuto. Ma varda cchi tipu…c’appoi se avissumu a passare tempo, cu c’è megghiu di vui pi farlu passari? Nu beddu cuntu è u megghiu sistema, no? -

Vito – Beh, si vulemu, p’a precisioni, in primis ju fussi u primu…attruvatu; in secundis, nun sugnu in vena di cuntari…nta stu mumentu, cu ssu cannoni sutta l’occhi…-

Rapin.- Siete spiritoso assai…Comunque, ecco, va bene, va bene, vui mi pariti na brava pprissuna e perciò non avrei nulla in contrario a parlarvi, tanto...’n sugnu sensibili comm’a certi prissuni. Però, però sempre che vi manteniate calmi e zitti. Allora, si, che potremo discorrere, e magari fare passare un’altra ora, cunti o nun cunti, altrimenti…-

Vito – Ahu, basta cche minazzi pi cortesia. E cchi è!…noi ci teniamo alla nostra pelle, non siamo così stupidi… Avaia  sta tranquillu, non tenteremo di farti scoprire, hai la mia parola. ( tono c.s.) Quindi se ti va parlaci della tua vita da cani, magari per sfogarti, ti ascolteremo con interesse. Altrimenti lasciamo perdere: vuol dire che ce ne staremo tutti zitti e buoni a meditare su tutte le cose strane che stanno accadendo, in questa santa notte, nell’attesa che passi il tempo. E che tu, come hai ripetutamente affermato, ci…privi della tua presenza. Allura? Cchi fai?-

Rapin.- Ma perché, dico io, dovrei parlarvi di me; e perché dovrei farvi delle confidenze? Perché mi dovrei fidare di voi?-

Vito – Picchi pi tia nun cangia nenti: ca ti fidi o non ti fidi, a spittari ca u tempu passa e u latti quagghia. C’appoi, nun si armatu do scupittuni?-

Rapin.- (guardando la pistola) Già, è vero.- 

 

Momento di pausa di riflessione del rapinatore. L’orologio batte le ore 22.00

 

Vito – Nunca? Cchi dici?-

Rapin. – (iniziando a parlare con difficoltà, poi decidendosi) Ma si, tanto vale… passiamolo questo tempo, così parlando, vi aiuterà a stare più buoni. Poi la mia storia, d’altronde, è uguale a quella di altre migliaia di disperati come me, e non servirà certo per farmi rintracciare. 

Ecco: Sugnu disoccupatu da se misi: licenziatu, accussì, di bonu a bonu, per riduzione di personale. Sugnu senza ‘n’euro nta sacchetta e nuddu mi fa cridenza. A me casa nun c’è cchiù nenti nto frigoriferu, ho moglie e  bambini da sfamare e una pigione da pagare, pena lo sfratto immediato…e tutto questo senza una benché minima  prospettiva di lavoro. Più malvivente di così.-

Pina- Ma u sussidiu d’a disoccupazioni tu dununu, o no?-

Rapin. – Se fossi stato ingaggiato regolarmente, si certo. Ma ero – precario, ed ho lavorato per le agenzie a tempo determinato, quindi niente diritti per quelli come me.-

Vito – E facisti ssa bedda pinzata, pigghiasti  accuzzu … e in bedda compagnia - scanzatini…-

Rapn. – Già. Chiddu ca scappò era un mio collega disoccupato macari iddu, ma non aveva i nervi saldi…si scantava…e quannu ntisi a cassiera vanniari comu nu purceddu o macellu, si fici… prendere dal panico e scappò comu ‘n saittuni - senza aspettarmi.(va di nuovo alla finestra)-

Pina – E vinisti ccà…-

Rapin. - E ca vo fari? M’a ‘o fari attaccari? No, mai! Cosicché, nella fuga, ho visto il vostro portone aperto e mi ci sono ficcato, poi ho suonato ad una porta, a caso. Naturalmente spero che nessuno mi abbia visto.-

Vito – Tombola!-

Rapin.- Picchì tombola? Nun è dettu ca qualcarunu m’avissu vistu. Ancora niente è perduto. Non sono in trappola comu un suggi! C’è solo d’aspettare zitti e buoni e non si farà male nessuno... speriamo…ma, almeno fino a ora, mi sembra che stia andando tutto abbastanza bene.-

Pina – Nun pi nuattri, cha innocentemente ni ci mittisti finu o coddu.-

Rapin.- Già, non sempre si ha fortuna.-

Pina – Che rapinatore spiritoso.-

Vito – Va bene, semu coinvolti nte to vai e speriamu ca sant’Aita c’aiuta – po mimentu. 

(pomposo c.s.) Ma ora io vorrei fare stu raggiunamentu, e correggimi se sbagghio: se hai deciso di risolvere i tuoi problemi in modo delinquenziale, cioè rapinando, la galera, prima o poi, te la dovresti aspettare. E si t’acchiappunu, putacasu, cchi arrisulvisti?-

Rapin. – Dobbiamo per forza ragionare? E ragioniamo. La galera? Beh, quella era nel conto, si; ma dopo un buon colpo andato a segno e con i soldi a casa; e non col colpo fallito e con la fame in famiglia; Cioè cornuto e mazziato! Suvvia, signor Speciali, e sforzatevi di capirmi…-

Vito – Io ti capisco…ca certu ca ti capisco. Ma sentimi, cchi facevi prima di…( fa cenno alla pistola)-

Rapin. – Prima di…facevo il tecnico di...di… insomma il tecnico.-

Vito – (fischia) Fffiu, profissioni fina. E comu mai nun trovasti n’autru impiegu, macari attraversu l’Agenzie?-

Rapin. – Perché c’è la crisi, o non leggete i giornali?-

Vito – (pensieroso) Già, la crisi… e nun putissitu truvare n’autru travagghiu, macari nta nautru ramu?-

Rapin. – E cchi fazzu u puparu? (poi vedendo che ha esagerato) Scusatimi…ju sacciu  fari beni sulu chissu… e anche ammesso che mi voglia accontentarmi del primo lavoro che mi capita, trovarne un altro, oggi, è quasi impossibile, chi è in grado di offrirtelo? Sapessi quanto ci ho provato, e sempre picche! Questi sono tempi troppo difficili, la crisi è mondiale e la manna dal cielo non cade più.-

Vito – Ma …ma, nto casu, t’adattassi?-

Rapin.- … certo che si! Mi adatterei, sicuro… ( va verso la finestra e guarda per strada, poi a Vito) Ma se mi sono adattato finanche a rapinare, figuratevi… (guarda fuori con più attenzione, poi apre la finestra e a cenni, e a fischi, disperatamente tenta di cogliere l’attenzione di qualcuno lì fuori. Quando ci riesce, gli fa cenno di salire).-

Pina – U vidisti? fa a nzinga o so cumpari. (allarmata) Stu beddu spicchiu di mennula amara ni porta n’autru mariuolu!-

Rapin.- Non è il mio complice…( a Vito) adesso aprite pian piano la porta, e non  appena scorgete un bambino, fatelo entrare.-

Vito – Ahu, è sicuru ca nun me ne porti intra, n’autru altro vaiu, veru?-

Rapin.- Zitto per favore. E’ sulu ‘n picciriddu. Apra.-

Vito – (eseguendo) ‘N picciriddu? Chista è bedda…-

Rapin.- Zitto, per piacere, e fate come vi dico.( si pone dietro la porta)-

Vito- (scorgendo il bambino) Ehi, psss, vini ccà… di sta parti.-

 

Entra un bambino di otto-nove anni. E’ Nicola, il figlio del rapinatore. Fermo di scena, musica adatta e fine primo atto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                         Secondo atto

 

Stessa scenografia dell’atto precedente. All’apertura del sipario, in scena ci saranno Vito, Pina, il rapinatore e il bambino. Fermo di scena. Con musica adatta riprende la scena.

 

Bambino- (entrando circospetto) Pa’ dove sei?-

Rapin.- (nascosto da Vito, sottovoce) Sono qui Nicola…entra e parla piano.-

Nicola – (si guarda attorno) Stai bene? Tutto a posto?-

Rapin. – Si sto bene, tutto a posto.-

Nicola – Tutto sotto controllo? sicuro?-

Rapin. - E piantala! Piuttosto, hai notizie di…-

Nicola – E’ scappato come una saetta, sgommando come Hamilton.-

Rapin.- Speriamo almeno che non s’ammazzi…-

Nicola - …perché, non sa guidare?-

Rapin.- No, pensavo ai suoi nervi, sai com’è lui quand’è agitato; già una volta è andato a sbattere.-

Nicola – Mamma mia, e se mette anche sotto qualcuno?-

Rapin.- Speriamo di no. E dimmi, i carabinieri sono ancora in strada?-

Nicola – Sono sparsi in giro, fanno domande a tutti qui intorno. (come se si accorgesse ora di Vito e Pina) waw! Questi sono tuoi ostaggi?-

Rapin.- Ostaggi? Beh, per adesso si.-

Nicola- Bello, bravo capo, preciso come nei films.-

Vito – Ma varda a stu muvvusu…-

Rapin.- ( a Nicola) Zitto e porta rispetto.-

Nicola – Okay capo.-

Vito – Si, caro, semu i so ostaggi, e speriamo ancora per poco. ( guarda il rapinatore) Nevvero?-

Rapin.- Dipende…-

Vito – Bene, dipende… ( tono c.s.) Allora, nel frattempo, mi vorresti presentare questo baldo giovanotto?-

Rapin. – Questo è Nicola, il più grande dei miei figli.-

Vito – (scandalizzato) E tu vai a rapinari col figlio al seguito?-

Nicola – (con aria d’importanza) Io faccio il palo.-

Pina- (al rapinatore ) Gesù, Giuseppe e Maria. Incoscienti, pattri snaturatu, e cchi bell’esempiu ca ci duni ai to figghi…-

Rapin. – ‘N a truvavunu unu, ca fussi uno, ca ni facissi u palu. Eppoi con Nicola abbiamo fatto un patto: quello che stavo facendo io adesso, era per un caso di estrema necessità; e lui non lo avrebbe dovuto rifare - mai. E’ vero Nicola?-

Nicola – Certo, e gliel’ho anche giurato.-

Pina – Incoscienti…portarisi ‘n picciriddu a rapinare, cu stu malutempu…(avvicinandosi al bambino) ma sta creatura sta trimannu do friddu. Vieni con me Nicola, ti do qualcosa di caldo.-

Nicola – Guardi che non sono una creatura, ma un quasi uomo…(dopo, con golosità visibile) Che, mi fa la cioccolata?-

Pina – Macari, macari…avanti, veni cu mia.- 

Rapin. – Grazie lo stesso, signora, ma lei non può allontanarsi da qui…per favore.-

Vito – Restu ju comu ostaggiu, perlamiserialattra e assassina! E lassala fari (tra l’ironico e il serio).-

Rapin. –(confuso) …se è così…-

Pina – E’ proprio accussì, sta tranquillu malomu. Veni cu mia… giovanotto. ( stanno per uscire)-  

Vito - (sempre pensieroso, passeggia per la stanza, poi, come se avesse preso una importante decisione) Senti, pri casu mìa facissi fari na tilifunata?-

Rapin.- Se vi frimmati di aggirari, picchì mi stati facennu ammaraggiari; e si mi diciti a cui vuliti tiifunari; e, soprattutto, se non mi tradite, fatila pure. (passa al lei)-  

Pina – ( fermandosi sulla soglia) Chi ti passa po ciriveddu, Vitu? -

Vito – Vogghiu tilifunari a Giannuzzi, vedemu cchi cosa si po fari pi stu giovane…-

Pina – Ma vulissitu mpignari Giannuzzi pi nu malacarni, e, pi giunta…corruttore di figli.-

Vito – Va beni, va beni. Ma ancora nun  è…tuttu malacarni. Casumai menzu, e ci putissi addivintari tuttu. Lassimi pruvari, per favore.-

Pina – Fai, ma nun sugnu  d’accordu. (sottovoce) E propriu pi iddu…(esce)-

Rapin.– Cchi c’aviti in menti? Vardassi ca nun sugnu a so disposizione. State attentu!-

Vito – Sto attentu, nun t’innancarricari. Niente di gravi nun ti scantari…m’u lassi fari stu tentativu? E’ pi dariti na manu.-

Rapin. – Chi manu? Quannu mai! Pi cchi cosa? E picchì avissura a fari? Non mi sta tendendo una trappola?-

Vito – Ma quali trappola d’Egittu. Vogghiu solu aiutariti, si m’o primmetti. Varda, co tilefonu semu ancora a viva voce, ascuta sta tilifunata, doppu ni parramu. E dai, tanticchia di fiduscia… cchi cosa dici, a fazzu? va beni?-

Rapin. – (titubante) A facissi, vedemu cchi spunta…ma pi mia…(pessimista. Intanto si pone accanto al telefono, con la mano vicino alla forcella.)- 

Vito (avvicinandosi al telefono e facendo il numero) Pronto Giannuzzi?    

Voce – Si, sono io, chi parla?-

Vito – Sono Speciali. Come va? –

Voce – Benone Speciali. A che devo?-

Vito – Per prima cosa ti vulissi fare l’ auguri di buon Natale, poi t’avissi a fari na prighera…-

Voce – Che preghiera e preghiera, per te sono sempre a disposizione: Intanto ricambio gli auguri, poi dimmi, cosa posso fare?-

Vito – Probabilmente… forse… nel caso… insomma avrei bisogno di sistemare un… bravo carusu …con un lavoro dignitoso, mi putissitu aiutari?-

Voce-  Speciali, sai benissimo che ti sono e ti sarò sempre debitore, quindi non ti resta che parlare: dimmi chi sarebbe questo giovane e cosa sa fare?-

Vito – Grazie, grazi assai, sempri gintili. Ahu, varda ca ‘n to addumannu per… non mi passa mancu pa testa…è perché ci sono delle circostanze gravi e molto, ma molto urgenti… insomma, grazie per la disponibilità. 

Ecco, questo giovane è uno specializzato, un  tecnico, ti può interessare?-

Voce- Un tecnico? Di che cosa?-

Vito – (rivolto al rapinatore) Di che cosa?-

Rapin.- Di…di…-

Vito – Avaia, e fidati.-

Rapin.- Di laboratorio chimico.-

Vito – E’ un tecnico di laboratorio chimico.- 

Voce – Tecnico di laboratorio chimico? Accidenti. Beh, certo mi sarebbe molto difficile trovare qualcosa per lui, con quella qualifica…sai siamo in crisi…abbiamo ridotto il personale tecnico e impiegatizio …però, senti, se questo giovane accettasse un posto di aiuto magazziniere, potrei accontentati, anche subito; perché l’operaio addetto, si è infortunato in questi giorni, e ne avrà per qualche mese: sai, rottura della tibia e del perone, non so se mi spiego...-

Vito – Mi dispiace per il tuo operaio. Grazie, si sempri n’amicu. Aspetta ca ci addumannu all’interessatu, c l’aiu ccà davanti: allora? (fa cenno al giovane).-

Rapin. – (sbalordito) Arrivate a tanto? Mi date un lavoro? Ma che siete benefattori? Che volete che vi dica: Se non c’è inganno…beh, forse accetterò!-

Vito – Dissi ca si n’angelu benefattore, e che forse accetta.-

Voce – Eh, calma con le parolone. Se ti sta bene, mandamelo lunedì mattina.-

Vito – Grazie assai Giannuzzi, ti darò conferma, e…a buon rendere.-

Voce- Ma che dici. Tu mi hai già reso un favore impagabile, e non lo dimenticherò mai. Ciao e buone feste.-

Vito  - Altrettanto a te. Ti saluto. (rivolto al giovane) Allura, cchi facemu, ci a damu sta cunferma? cchi dici? Accetti?-

Rapin.- (titubante) Vulissi accittari, ma pirò m’avissi a mettiri nte vostri manu; (pensieroso) ma si, se rischia vossia, picchi ‘n’avissi arrischiari macari ju?-

Vito – Benissimu. Chistu si ca è arraggiunari.-

Rapin. – Signor Speciali, vossia … ‘nzumma, supra o vostru onori, nun ci sunu trucchi, veru?-

Vito – Mih, ma pi testa! Benedettu Diu, ma si propriu diffidente. Ca certu ca no!-

Rapin. – Vossia a sapiri ca di jancati d’a vita, n’aiu pigghiatu a cufina, e allura ci vaiu chianu. Ma ora voglio cridiri a vossia. Debbo crederci!- 

Vito – Oh, salaratu Diu. Beni, e allura accuminzamu co luvariti ssu cosu…( accenna al passamontagna)-

Rapin. – (perplesso, titubante, poi eseguendo di colpo) Fatto.-

Vito – E di sta scupetta chi ni facemu? (indica la pistola)-

Rapin. – (guardandola e soppesandola) Avete un nipotino? Ci la putemu arrialari: è un giocattolo. (gliela porge)-

Vito – No, me nioputeddu è troppo nicu pi st’affari. Chi penzi? A jittamu nta minnizza?-

Rapin. – Perfetto. (entra Pina con Nicola il quale mangia una fetta di torta, e che si erano fermati sull’uscio e hanno ascoltato) Ecco signora, ci pensi lei ( intanto battendosela sul ginocchio, la rompe)-

Pina – (più sbalordita che mai dal corso degli eventi) Certu…dammilla…appoi ci penzu ju. (la prende e la poggia sulla sedia)-

Vito – Piccolo uomo, hai sentito? Sei contento? tuo padre andrà a lavorare…anzicchè…(imita con le dita la pistola).-

Nicola – (con la bocca piena) Certo, contentissimo grazie, siete troppo buono... però, a fare il palo mi divertivo.-

Rapin.- Nicola!-

Nicola – (con aria angelica) Ne vuoi papà? (offre la torta)- 

Rapin. – (con occhiataccia) No, grazie, mangiala tu.-

Vito – (osservando prima la scena divertito) E chistu è l’indirizzu di Giannuzzi (glielo scrive su un foglietto e glielo porge).-

Rapin. – Vi ringraziu, lunedì sarò lì.-

Vito – Senza ripensamenti? (il giovane annuisce) Puntuale? (idem) Posso confermare? (idem) E ora mi dica il suo nome.-

Rapin. - Non vi deluderò. Mi chiamo Enrico Traversi, e… continuate a darmi del tu, per favore.-

Vito – (Tendendo la mano) Piacere signor Traversi…questa è mia moglie Pina (Pina fa un leggero inchino, ma non da la mano)…e ora vulissi  ritelefonari a Giannuzzi, senu d’accordu? (cenno affermativo di Enrico. Vito compone il numero, Pina è leggermente contrariata) Pronto? Giannuzzi? Si sugnu ancora ju. Senti ti chiamo per confermarti quel favore che ti ho chiesto, e ti vulissi dari u nominativu di ddu carusu interessatu.-

Voce – Okkay. Dammelo, prendo un appunto.-

Vito – Si chiama Enrico Traversi.-

Voce – Benissimo, lo aspetto per lunedì. Digli di presentarsi direttamente a me. Ah, fagli portare il libretto del lavoro.-

Vito – Contaci. Si na cannunata, Giannuzzi. Grazie assai ancora e buon Natale a tutti voi.-

Voce – Anche a te…pensionato sfaccendato.-

Vito – Senti cu parra: l’imprenditore stakanovista. Ti salutai. (chiude).  

Enrico. – Santo Dio, ho un lavoro e sarò pure ingaggiato. Io…io…non ci posso credere…ma esistono ancora persone buone a questo mondo?-

Vito – (tono c.s.)  Come hai potuto constatare, qualcuna ancora c’è: Giannuzzi per esempio.-

Enrico – E vossia… e la signora Pina.-

Pina – (schermendosi) Eccu, veramenti…-

Vito – Noi? Macchè. Ti parsi a tia? Ma no! Erumu sulu in… situazione di grave necessità. (scherzoso, col gesto mima la pistola).-

Enrico – Si, ci credo, ci credo proprio (ironico)…Signor Speciale, la signora Pina, parlando di lei, ha accennato che col lavoro ha avuto seri problemi... anche per colpa di qualcuno. Sono curioso di sapere che attività svolgeva e come mai ci ha rimesso la salute. Cosa le è successo?-

Vito – Vecchie storie…-

Pina – Ca è forsi megghiu lassari dormiri…(fa cenno al bambino) Vieni ti mostro la collezioni di Presepi. (se lo porta nell’altra stanza)-

Rapin.- La prego, mi interessa - veramente.-

Vito – Se l’interessa…tantu u tempu ava a passari. (pausa, poi inizia quasi in sordina) 

Sa, facevo u commercianti di scarpe, di jornu, e a sira facevu u puparu. Lei u sapi chi cosa è un puparu?-

Enrico – U puparu mania i pupi…-

Vito – N’avota…ora ju mi limitu a recitari i storie di Orlando e de palatini di Francia all’amici appassionati di cun ti…Comunqui, brevi, comu dicevu avevu un negozietto di scarpi. L’ho gestito per tanti anni e sempri cu soddisfazioni, picchì era ‘n travagghiu ca mi piaceva e ca mi primmitteva di mantiniri bunazza a famigghia, di fari na vita più che dignitosa. Poi ‘n juornu, anzi na sira, prima da chiusura, trasiu nto lucali ‘n tipu cumminatu comu a tia – passamontagna, pistola e raggia!- e vuleva i soldi di l’incassu, minazzannumi ca scupetta – vera. Ma era nirvusu e ci partiu un colpu. Mi pigghiau nto cori, ma nun u cintrau. Mi purtarunu o spitali cchiu mortu ca vivu, mi operarono e …mi richiusiru. U proiettili era ammucciatu nto cori e nun ni vuleva sapiri di nesciri all’aria aperta. I dutturuni decisuru di lassaramillu finchè- dicevano – nun vi da fastidiu. ( tono c.s.) Conseguentemente, fui condannato a vivere… pericolosamente. Quindi, pur avendo una discreta qualità della vita, nun potevu affaticarmi troppu col lavoro e, per non lasciarci la pelle, decisi di vendere la ditta e di mettermi in pensione… e di chiudere l’opira de pupi.-

Enrico – E quando è successo il fatto?-

Vito – Quattr’anni addietru, pi l’esattizza.-

Enrico – Accidenti! Accidentaccio! Allora, quannu m’apprisintaiu nto so casa, aviti appinzatu: ca semu, ora si fa u biss? Che bello spavento v’ho procurato! Sono mortificato, ma molto mortificato sapete?-

Vito – Beh, nun mi facisti na bedda ‘mprovvisata, ma, vulennu, stavolta nun mi scantai veramenti… perché percepivo qualcosa di diverso dalla volta precedente. E’ a verità: nun mi scantai. -

Enrico – Ma sua moglie ne ha avuta!-

Vito – Si e no. Anzi penzu ca n’appi sulu un pocu, quannu ti visti bardatu comu a Zorru. Nun a vidi comu  ti tratta? –

Enrico - …effettivamente, quasi a pesci in faccia…-

Vito – No, ti l’assicuru, comu a mia, nun si scantau cchiu di tantu. Sentivamo che non eri pericoloso… era solo…solo fastidio…ci stavi rovinando la notte di Natale.-

Enrico – Mi dispiace, vi chiedo scusa.-

Vito – E torna! Lassa perdiri. (pausa, riflettendo, poi tono c.s.) Ma sai, infine è stata una bella esperienza… un arricchimento umano, e speriamo senza conseguenze future. Sai Cucurullo è un tipino assai tosto.-

Enrico – (rabbuiandosi) Se vuole mi costituisco.-

Vito – No, ma cchi vai dicennu questo no!…no, nun lu primmettu. P’o me cuntu è capitolu chiusu!-   

Enrico – E mi dica, insomma, come dire…ecco: quell’altro…rapinatore, l’hanno arrestato?-

Vito – Si.-

Enrico – Ed è in carcere, suppongo?-

Vito – No, nun è stato mai carzaratu.-

Enrico – E come mai?-

Vito - Era un carusu incensurato e dda sira era puru drogato; e…e ju nun mi costituii parti civili. Pi cui si pigghiò du anni ca condizionali e u ricoviru nta na struttura di recupero per tossicodipendenti.-

Enrico – (riflettendo) Forsi forsi u sacciu u numu di quel giovane…per caso fa …Giannuzzi?-

Vito – Sei perspicace, mio caro giovanotto. Si fa Giannuzzi, Sergio Giannuzzi.-

Enrico – Che è il figlio del vostro amico.-

Vito – Già.

Enrico – Ma, per la miseria, perché la mia felicità è passata attraverso la sua sofferenza?-

Vito – Bella domanda: per favore, girala alla vita.-

 

Suona il telefono. Enrico fa cenno a Vito che può rispondere. Ringraziamenti ironici mimati da parte di Vito

 

Vito – Pronto?-

Voce – Pronto papà, abbiamo risolto il problema, siamo già a bordo dell’aereo, tra un’ora saremo a casa.-

Vito – Sia lodato Dio. Ti pigghiu  all’aeroporto?-

Voce – No, data l’ora, preferisco prendere un taxi. E ora scusami, debbo chiudere, stiamo decollando, a presto.-

Vito – A presto…(posando l’apparecchio) avranno annullato lo sciopero?-

Enrico – Può darsi. Intanto li avrete a casa, fra breve…Natale salvo!-

Vito – Già.-

 

Rientra  Pina e Nicola. Pina porta un paniere.

 

Vito – Hai sentito? I carusi sunu già sull’aereo, fra un’ora sunu  a casa.-

Pina – Sia lodato il Signore. Finalmenti na bona nutizia.-

Enrico – (affacciandosi dalla finestra e guardando in basso) Nessuno in vista. Signor Speciali, penso che sarebbe ora che noi ce ne andassimo…-

Vito – (guardando l’orologio) Mi pari macari a mia. Vada a tranquillizzare sua moglie.-

Enrico – Lei non sapeva nulla della…della…insomma della faccenda.-

Vito – E menu mali. -

Enrico – Si, meno male. (tergiversa, poi quasi con fatica parla) Sa, quando mi licenziarono, mi cadde il mondo addosso, improvvisamente, e mi colpì come una gran mazzata in testa che mi stordì. E nel cuore mi venne come un sussulto: il mio animo si spezzò. Mi sembrò di provare quello che provai quando la mia prima ragazza, della quale ero innamorato pazzo, mi lasciò: mi sentii mancare, le forze vitali mi abbandonarono: galleggiavo nel nulla, quasi inebetito. Poi, pian piano presi coscienza della gravità della situazione. E se prima ero incredulo, e non capivo quello che mi era veramente accaduto, coi giorni venne la rabbia! Una rabbia violenta: volevo fare saltare in aria il mondo, volevo picchiare il mio prossimo, che mi passava accanto indifferente alla mia tragedia (quasi vergognandosi)…la violenza si era impossessata di me.

Infine mia moglie mi fece tornare alla ragione. Incominciai a pensare, a ritrovare l’equilibrio. E, spinto dalla contingenza, tentai di trovare un altro lavoro: Ma, a parte qualche millantatore e qualche tronfio chiacchierone - come le ho già detto - nessuno, tra quelli a cui mi rivolsi, mi dette, non dico il lavoro subito, ma nemmeno la speranza d’un lavoro. Poi, parlando con un altro disperato come me; sa, una parola tira l’altra, si giunse alla conclusione che, visto che nessuno ci voleva aiutare, avremmo dovuto aiutarci da soli: Ci saremmo  procurato i quattrini, in tutti i modi possibili, a tutti i costi, anche illeciti. Pensammo, così, che la via più semplice e immediata, fosse la rapina. Cosicchè studiammo un piano per rapinare supermercati, che sono fonte di soldi facili e senza vigilantes armati. Scegliemmo come obiettivo il supermercato qui sotto, ci sembrava il più vulnerabile…ma la cassiera smentì le nostre supposizioni...-

Vito – …E propriu sta sira av’ata truvari pi rapinarlu?-

Enrico – Mah, si penzava ca l’incassu fussi beddu pisanti …eravamo due esaltati. Ebbene, adesso, a mente serena, dico: Ma come diavolo ho potuto buttarmi, senza riflettere, in quest’avventura…e se la rapina fosse riuscita? Sarei stato un delinquente. E se mi avessero preso? La galera. Come ho potuto mettere in repentaglio la mia libertà, la mia dignità, tutta la mia famiglia? A che diamine stavo pensando allora?

Accidenti che pericolo scampato...ma ora, grazie a voi, è tutto a posto, certo… a parte lo spavento che vi siete presi… -

Nicola – Papà, ma allora questi ostaggi non sono più nostri ostaggi?-

Enrico – (scompigliandogli i capelli) Non sono stati mai dei veri ostaggi.-

Nicola – Peccato…-

Enrico – E mi dispiace che…

Vito – ( A Enrico) Nun ci pinsari cchiù. (a Nicola) Peccato, eh? Ma guarda che feroce Saladino!-

Nicola – E chi è questo Salatino? Un nuovo supereroe?-

Enrico – Zitto Nicola.-

Vito -  (Prima a Nicola, poi, come riprendendo un suo filo di pensiero) Non è un salatino…ma un potente, che poteva dare la morte così, con uno schioccare delle dita, cchiù potenti di Orlando e cchiu forti di Rinaldu. (a Entrico) Galera scampata? T’a po vantari. E ringraziati macari a dda cassiera vicitara.- 

Enrico – Le manderò dei fiori in incognito...-

Vito – …Sperando che nun la inguai co maritu.- 

Enrico – Non invierò certamente rose rosse.-

Pina - ( mostrando un cestino ad Enrico e a Nicola) Pigghiati e farcitivi macari vuattri a cena di Natale.-

Enrico- Ma signora, i suoi figli stanno per arrivare, cosa mangeranno?-

Pina – Ci n’è pi tutti, (alludendo, a Vito) io abbondo quando preparo per le feste…-

Vito – Accettateli, senti a mia, vi dissi a virità; abbonda! Pi mia sventura, purtroppu è propriu accussì.(ironico)-

Enrico – (guardando il paniere) Ma…ma…avete dato la scacciata tutta a me! E anche il pesce…e la frutta secca…ma signora…-

Pina – Ahu, ti dissi ca è troppa pi nuattri. Oh, nun u dicisti macati tu, prima? Tu scurdasti? E non ti preoccupare p’a scacciata di me figghiu, in un attimo, n’infornu un’autra, aiu a pasta livitata e pronta.-    

Vito – (prendendo un cestino di dolciumi da sotto l’albero) E chistu è pi tia e pe to frati…(Nicola esita) avanti acchiappa. (Enrico gli fa cenno di prendere) U vidi quanti cosaduci ci sunu supra all’albero? Appoi me niputi avi sulu quattr’annuzzi e troppi dolci ci fannu mali. Teni, appara, pigghiti macari sti giocattoli, Vituccio n’avi tanti. Pigghiatilli, Nicola, portali ai to fratellini.-

Nicola- (subissato di doni e ancora incredulo) Grazie, signore, grazie…guarda papà, grazie ai regali dei nostri ex ostaggi, (controscena da parte degli altri) stanotte festeggeremo anche noi il Santo Natale… eppoi anche il tuo nuovo lavoro; e se lavori nuovamente, (rimprovero bonario)  mamma non si dispererà più per fare la spesa... e non piangerà. Grazie Gesù Bambino! (esultante, poi come se confidasse un segreto) Sapete, io l’ho pregato tutte le sere, prima di addormentarmi. Gli ho chiesto: aiuta papà a trovare un nuovo lavoro e non fallo diventare un vero rapinatore…tanto non ne hai la stoffa…(scappellotto da parte di Enrico) e mi ha ascoltato. Waw! –

Pina – Certu è propriu accussì, hai prifittamenti raggiuni, Gesuzzu ti sintiu e t’accuntintau (occhiata di disapprovazione verso Enrico). E accussì nun torni a fari certi vastasati cu ssu beddu spicchiu di mennula amara… (indica Enrico e fa il gesto con le dita della pistola) ca fa scantati i cristiani…-

Vito – (richiamandola dolcemente) Pina…-

Pina – Embè? Ju a vo diri. Ci l’avevu ccà, supra a vuccalamma, oh. (indica Enrico affettuosamente) Ma u figghiu prodicu turnau a casa e si è meritato l’offerta del vitello grasso.- 

Enrico – No, cara signora, l’offerta è immeritata! Siete stati troppo buoni con me e molto generosi. Pensate, grazie a voi, questa notte, sono passato in poche ore dalla disperazione più nera alla gioia immensa. E dico ciò con convinzione, senza retorica! 

(come una liberazione) Dio mio che notte del Santo Natale…(avvicinandosi al presepe) eppoi c’è qualcuno che ancora non crede ai miracoli.-

Vito – Ehi, ehi, ma di che miraculi e miraculi sta parrannu? E nun scatasciamu paruluni quando nu funnucu (finto burbero). Nuattri nun avenu fatto autru ca na para di telefonati e… regolare vecchi favori, tra amici, nulla di più.-

Enrico – Per lei è così? E io non sono persuaso. E, comunque, non voglio insistere. Diciamo allora che, per me, tutto quello che è accaduto questa notte, è una bella favola natalizia.- 

Vito – Eccu, accussì va megghiu, molto meglio. 

Senta Enrico, se giusu scinnennu, aviss’ancuntrari i carruba di Cucurullo, dica che è stato qui, da me, per gli auguri...-

Enrico – Lo farò; però credo…penso che, questa sua benevolezza, e ora anche questa protezione, nei miei confronti, la stia inducendo ad ingannare un amico, oltre che la legge.-

Vito – Cui Cucurullo? Ma quali, chiddu è no sbirru cu tantu di cori (allarga le braccia), con più umanità di tutto il pianeta, e mi approverebbe - penso. (tono c.s.) In quanto alla legge… in quanto alla leggi, mi fiuru ca n’aviti fattu nenti di gravi, sulu a ta fattu pigghiari nu scantazzu a dda povera carusa do supermercatu, e a dui vecchi anziani. (confidenziale) C’appoi nuattri ci semu abituati a pigghiarini certi sorti di scanti, si sapissi chi sauti ni fa fari Vituccio, quannu veni zittu zittu, e nostri spaddi, ci fa: Bumm!

(tono c.s.) E quindi, per tutti questi “virtuosi spaventi spaventosi” (per rendere l’atmosfera leggera), come condanna, si prenda questo scappellotto (gli da un affettuoso buffetto sulla nuca).

Ora vada.-   

Enrico – Ahi! (finto dolore) Si, andiamo…(guardando i cestini) ah, questi…già, naturalmente, dopo la  visita che vi ho fatto per gli auguri, questi sono i vostri doni - da far vedere, nel caso, a chi di competenza - magari ad un carabiniere- insomma per avvalorare...-

Vito – …forsi, macari...-

Enrico – Lei avrebbe dovuto fare il drammaturgo o il regista: apre e chiude i fatti genialmente.-

Vito – A vottini, và.- 

Pina – (a Enrico, poi accarezzando la testa di Nicola) Enrico, varda ce se semu stati busciardi è statu a fin di beni. E chistu a to figlghiu ci la spiegari beni beni. Addio, Nicola…e stai attento, figghiuzzu beddu (occhiata verso Enrico).-

Nicola- (serioso) Signora, quello che ha detto, forse, glielo saprò spiegare meglio io, a lui. (piano )E non si preoccupi, starà sotto la mia protezione, (poi forte) e lo terrò d’occhio io - a lui. (indica, col pollice, Enrico che sta dietro di lui e strizza un occhio)-

 

Suonano alla porta. Sguardo interrogativo tra i quattro. Vito va ad aprire.

 

Pina – Sarannu i carusi…-

Vito – Accussì prestu? (accingendosi ad aprire) Chi è?-

Voce- Sugnu Cucurullo, don Vitu.-

Vito – (aprendo e guardando con apprensione gli altri) Avanti maresciallo…s’accomodassi.-

Cucurullo – (indossa il cappotto ed entrando si toglie il cappello) Buona sera…(guardandosi attorno) a tutti.-

Vito – Bona sera maresciallu, comu mai a sta banni?-

Pina – Bona sera. (Enrico fa solo cenno col capo)-

Cucurullo – Ca siccome mi truvavu ccà sutta pi serviziu, pinzai di acchianari e di farivi l’auguri di buon Natale. (guarda Enrico e Nicola)-

Vito – Ma tanti grazi maresciallu, voi siti sempri gintili.-

Pina – Grazi e bon Natale anche a lei e famiglia.-

Cucurullo- Ma, forsi haiu  disturbatu? (accennando ad Enrico)-

Vito – Macchè, st’amicu miu ava acchianatu nu mumento pi farmi macari iddu l’auguri, poi na palora tira l’autra, e scuravu a sirata. Ma sinni stava jennu proprio nta stu mumentu…-

Cucurullo- Già, c’è a cena di Natali…don Vitu e chi fà nun mi prisenta… questo suo amico?-

Vito – Ca comu no: il signor Enrico Traversi e so figghiu Nicola. Questo è il maresciallo Cucurullo, pi ccu nun l’avissi ancora capitu (ironico)-

Enrico – (inchinandosi) Piacere.-

Cucurullo – (facendo un leggerissimo inchino) Suo? No, è tutto mio, sa?-

Nicola – Papà, questo è lo sbirro dal cuore grande così? (stende le braccia)-

Enrico – (intervenendo tempestivamente) Ma Nicola…-

Cucurullo – Ma bene, ccà si fa curtigghiu e si sparrunu li prissuni. (ironico guarda Vito, poi a Nicola). Certo, si, sono io lo sbirro che tu dici…ma chi te l’ha detto?-

Nicola – Lui! (indica Vito)-

Cucurullo – Ca ora era accussì difficili mmagginarlu.-

Vito - (imbarazzato) Era una carineria…-

Cucurullo – Macari vui? N’abbasta iddu (significativamente, riferendosi ad una famosa battuta di un politico) Ma varda cchi cosi…E mi dica signore (rivolto a Enrico) A che ora è salito dai signori Spiciali?-

Vito – Qualche ora fa. Ma perche?-

Cucurullo – No, niente…era per sapere se, per caso, avesse visto qualcosa di sospetto, giù in strada, oppure salendo qui. (a Enrico) Allora?-

Enrico – Veramente…io.-

Vito – Ca comu maresciallu, se stu carusu avissi vistu qualche cosa trubbula mi l’aviss’a dittu. Pi sicuru!-

Cucurullo – (guardandolo come se gli dicesse: ancora tu?) Capisco. (poi a Nicola) E tu, giovanotto?-

Nicola – Io che cosa? (masticando cioccolato)-

Vito – ( bonariamente, per distrarre) Nicola, ma cosa ci fai con la bocca piena di cioccolata, quanta ne hai mangiata? –

Pina – (che capisce) Vieni Nicola che ti pulisco la bocca di là. (lo prende per mano e se lo porta via, intanto Enrico gli fa cenno d’andare tranquillamente).

Cucurullo – (a Vito) Che tipinu piperinu, veru? E da quantu tempu canusci a stu…signore?-

Vito – (tentando d’essere generico, mentre Enrico sta sui carboni accesi) Da…da circa… quasi …inzumma, forsi…-

Cucurullo -…da picca. O mi sbagghiu?-

Vito – E cchi c’entra stu discussu? C’appoi è discussu costruttivu o distruttivu? No, oicchì se è costruttivu vi dicu che u accanusciu da pocu o forsi d’assaiu, d’assaiuni. Ma appoi, iddu è nta me casa, cu mia, ca mia famigghia, comu …comu ‘n parenti, picchì…picchì…

Cucurullo - …picchì?-

Vitu – Comu picchì? Ca picchì m’a vulutu ringraziari po travagghiu ca ci trovai. Era disoccupatu da cchiù di se misi… e ci avi famigghia supra e spaddi, u mutuu e i bulletti e bullittini vari. Inzumma, maresciallu, vinni pi farmi l’auguri…(poi riprendendosi da qualcosa che non doveva dire), ca certu, l’ auguri,oh.-

Cucurullo – Ah, era disoccupatu… e ci truvasturu ‘n postu…bene…e quannu? E unni?-

Vito – …e picch’, e cumu. Avaia Maresciallu, eh, eh…(finto rimprovero)-

Cucurullo – Lassati ca  induvinu: Ditta Giannuzzi, vero?-

Vito – Esattu.-

Cucurullo – Lo immaginavo…Dio vi fa e v’accoppia.-

Vito – Ci fa, maresciallu, ci fa…tutti e ci accoppia, a turnu, assecunnu u casu…-

Cucurullo – (annuendo) Già. E cos’è questo? (nota il passamontagna)-

Vito - (precipitosamente) E’ mio! Mu stavu mittennu, stavu jennu all’aeroporto a pigghiari a Ginu…c’è ‘n vilenu dda fora…-

Cucurullo- Capisco…e picchì nun ci iti?-

Vito – Picchì Gino nun mi voli fari nesciri cu sta mala siritina e voli pigghiarisi u taxi.-

Cucurullo – Bravo figliolo, il vostro. (facendo qualche passo e vedendo la pistola sulla sedia) E quella?-

Vito – Ah a pistola giocattulu? Già, l’ava pigghiatu pi dariccillaa Nicola, comu rialu di Natali, ma poi visti ca era rutta e la volevu ettari nto cassunettu, appena ca scinnevu.-

Cucurullo – Ho capito tutto! (sobbalzo di V. e E., poi Cucurullo con calma ) Certo, certo. Beh, sarò uno sbirro, ma non uno scemo…(guarda i due significativamente, poi da una tasca del cappotto prende le manette, ci si gingilla e li ripone nell’altra tasca, mentre Enrico, istintivamente porge i polsi, poi, girato verso Vito) Allura  vi levu u distrubbu, v’a jettu ju nto cassunettu, (ironico)macari nta differenziata p’a plastica, sempri can un vi siddiati.-

Vito – Ma cchi iti dicennu, siddiarimi, cu vui? Mai!-

Cucurullo – Allora, levu u distrubbu. Datammilla…pi favori. Ci penzu ju…sempri si nun vi dispiaci (cerimonioso, anche troppo).-

Vito – (esitante) Ma, veramenti nun vulissi approfittari da vostra gentilezza…-

Cucurullo – Approfittateni, approfittatene…ca è megghiu pi tutti. Avanti, su, coraggio.-

Enrico – (intervenendo) Ci posso pensare io…uscendo.-

 

Entra Pina e Nicola.

 

Cucurullo – Certo, certo, ma ci tengo. (duro con Enrico, poi persuasivo con Vito) Lasciate fare a me, signor Spiciali, per favore.-

Vito – Comu volli vossia. (porge la pistola rotta in due momenti differenti) Ccà è.-

Cucurullo – Oh, bene. (la intasca) Permettete? Vulissi parrari cche me picciotti, da vostra  finestra…-

Vito – Accomodatevi, faciti i vostri comodi.-

Cucurullo – Vossia è sempri troppu, ma troppu bbonu. (calca le parole) grazi. (affacciandosi dalla finestra) Cannavò, l’appostamento è finito. Quei due erano certamente dei balordi, o dilettanti e si sono dileguati. Penso che per adesso non li troveremo…e sono sicuro che non ci riproveranno più. (guarda verso Enrico che abbassa lo sguardo) Tornate in caserma e poi andatevene a casa…e Buon Natale. (chiude la finestra e, lentamente, attraversa la stanza, quindi si ferma vicino alla porta). Signori dal grande cuore, (a mo di saluto indicando Vito) si nasce.-

Vito – Proprio così (indica Cucurullo). Grazie amicu (significativamente) macari iddu è na brava prissuna, macari iddui: questo è sicuro. (accenna a Enrico)-

Cucurullo- Certo…certo…(poi piano a Vito) iddu è comu ddi dui pagghioli, ca, sicuramente nun ci proveranno cchiù. (fa cenno significativamente alla pistola) E iddu …nun perderà n’autra vota u travagghiu, veru?  E noi vedremo, col tempo…se sono rose.-

Vito – Saranno rose.-

Cucurullo – Lo spero ardentemente. Buon Natale a tutti.-

Vito e Pina – Buon Natale.-

Enrico – Grazie, e buon Natale.-

Cucurullo- A lei e famiglia. Ciao giovanottu pipirinu. Buona notte (esce)

Enrico – Ha capito tutto!-

Vito – Già.-

Enrico – E non mi ha arrestato.-

Vito - Già.-

Nicola - Ma prima se la doveva vedere con me!-

Vito – Ca certu, u fascisti scantari di bbona manera.-

Enrico – Adesso, dopo questo terno, (fa cenno coll’indice, a Vito, al telefono e alla porta, per indicare  tre uomini buoni, ) credo che dobbiamo proprio togliere il disturbo…andiamo e grazie di tutto.-

Vito – (finto burbero) Ancora ringraziamenti? Itavinni và.-       

Enrico - Siete grandi, anche se non volete saperlo. Vi posso abbracciare?-

 

Abbraccia Vito e la moglie. Pure Nicola si unisce agli abbracci.

 

Enrico – (uscendo) Dio è grande. Buon Natale.-

Vito – Buon Natale a voi.-

Pina – Buon Natale.-

Nicola – Tu scendi dalle stelle…-

 

Enrico e Nicola escono, e dalla finestra arriva la musica di una nenia natalizia suonata da uno zampognaro. L’orologio batte le 23,00, mentre il sipario, lentamente, si chiude.

Fine.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                          DUE  TONACHE  E  UN  PUPARU

 

 

 

 

 

                                          Commedia scacciapensieri in due atti 

 

 

 

 

 

- anno 2007 – commedia scacciapensieri in due atti –in siciliano. Pers. 6 m. 3 f.

Due pupari per sfuggire alle guardie, si travestono da preti. Arrivano in una masseria e sono invitati a recitare il rosario, che fanno a modo loro, maccheronicamente. Poi debbono esorcizzare una ragazza, e lo fanno sempre a modo loro, quindi, scoperti, sono “invitati”  a recitare veramente il combattimento di Orlando contro i saraceni, per ottenere il “perdono”.  

 

 

 

 

 

 

 

 

Novembre 2007

 

 

 

 

 

Personaggi:

 

Zu Vitu Spiciali………………….puparu;

 

Peppino Mangiameli ……………suo aiutante;

 

Massaru Giesu…………………..mezzadro;

 

Nunzia…………………………..sua moglie;

 

Mela…………………………….serva di Nunzia;

 

Sarina……………………………nipote di Mela, studentessa e un poco “vivace”;

 

Cicciu Scalora…………………..trattore;

 

Mario……………………………guardia;

 

Un prete.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                        Atto primo

 

 

Sulla scena è stato ricostruita una strada cittadina: una facciata di un palazzotto, un albero a destra, al centro un cartello con scritto “ Fermata AMT”, a destra un lampione. A destra del lampione ci sarà l’ingresso di una viuzza secondaria.

All’apertura del sipario, con una musica adatta che durerà circa un minuto, si vedrà spuntare dalla viuzza laterale, una testa d’uomo che scruta prima a destra, poi a sinistra; subito dopo un’altra testa si affaccerà, sopra quell’altra, e farà gli stessi movimenti. Poco dopo, uscirà dalla via il resto del corpo della prima testa, l’uomo sarà guardingo, poi inviterà l’altro ad uscire. Il primo uomo è un omaccione con una pancia prominente, indossa un abito pieno di lustrini, da scena, e in viso ha dei baffoni alla Stalin; il secondo è mingherlino e indossa un vecchio e striminzito frak. Sono u zu Vitu Spiciali, vecchio cantastorie, e Pippinu Mangiameli suo assistente.

Vitu – (guardandosi attorno) Vieni avanti cretino!-

Pipp – (impettendosi) Ccà sugnu! E t’arricordu ca nun semu cchiù in scena. Quindi modera il linguaggio, perbacco, perdinci e per la miseria!-

Vitu – Per la miseria pi sicuru! Cchiù miseria di chista. ( si rivolta le tasche) N’avemu ‘n sordu pi fari cantari a ‘n’orbu!-

Pipp- Ti sta beni! Accussì impari!-

Vitu – Chi cosa haiu amparari, scimunitu tuttu? C’appoi se semu accussì a curpa è da to!-

Pipp – Mia? Mia? Mia?-

Vitu – Tua, tua, tua!-

Pipp – Ma varda a chistu! Chista si ca è bella! Cosi da pazzi! Cosi da pazzi, cosi da pazzi…-

Vitu – …C’appoi quanuu ci la finisci di ripetiri li palori tri voti, ti vogghiu indottrinare…-

Pipp - … a mia? Ma varda cchi cosi! Ju havi tant’anni che calco le scene, e ora veni nu tintu puparu pi “indottrinari” a mia. Signuri mei chisti si ca su cosi veramenti di pazzi…-

Vitu – Ecco la vera differenza di classe tra di noi: Ti dissi ca un veru puparu dice: “Roba che impazzir quasi si puote”, e nun un volgarissimo e banalissimo: “robba da pazzi”! U capisti o nun u capisti?-

Pipp- Ju capii che da quannu mi misi a fari coppia cu tia, a fari l’aiutanti puparu, recitu nei tiattrini di quarta categoria, mangiu a quannu veni veni, e dormu nte sali d’aspetto da stazioni. E chistu già abbasta e assuperchia, senza ca ora ci si mitteva sta storia da mangiata a sbafu nta trattoria di don Cicciu Scalora…-

Vitu-  Senti beddu, mangiati a sbafu nte tratturie ne abbiamo fatto a josa in tutta a Sicilia e dintorni… appoi cu si l’aspittava ca ddu fitenti, ex sguatteru di taverna, chiamassi i sbirri?-

Pipp – O prima o dopo doveva succediri- Tantu va a gatta…-

Vitu – Mutu! Jettaturi! Quannu mai! Quannu s’a detto ca “doveva succediti”? (ironizzando) Gli altri si sono sempre comportati da signori: certu, ci carricavano di mali paroli e basta…-

Pipp- …a tia! Ma a mia spesso e volentieri m’an’a carricatu di vastunati nta carina!-

Vitu – Sciocchezze, corbenzoli, cosi di nenti, senza consiguenzi…

Pipp.- …ca certu, tantu a schina era mia…- 

Vitu – Mutu ora, e intanto che ci siamo, ascuta a prima lezioni di recitazioni ca t’impartiscu gratuitamente, pezzu di sceccu di Pantelleria. (Pippinu cerca di protestare, ma Vitu lo blocca con la mano alzata) Sentimi senza pipiari, tintu allievu di quinta categoria, aspiranti attori, e po mimentu precariu a vita...

Pipp.-…e po prisenti mortu di fami di carriera.-

Vitu – Sporco materialista. Ascuta, picciol spirto, inconsistente e nullo. Dunque: sappi che per ben recitari, a battuta a memoria s’a d’a sapiri; doppu, si stai un minutu mutu e taci, la mimica dei gesti tu l’ha seguiri; quindi la gestualità la devi ‘mparari, e i movimenti sulla scena, si nun ti dispiaci, beni o mali tu l’ha da capiri. 

E semmai t’accapitassi, macari pi sbagghiu, e di straforu o di sgalleggiu, di recitari nta veru tiatru, varda ca o collega mai devi ‘mpallari! E se ti scordi a battuta prisunta, ‘mpruvvisala tu, a comu va si cunta.-      

Pipp – (sollevato dalla fine della tirata, durante la quale, apprensivo aveva continuato a guardarsi attorno) Ricevuto, passo e chiudo! E ora, mbari, ora chi facemu?-

Vitu – Intanto a ma siminatu i sbirri, e ora aspittamu u primu autobus ca passa, lo prendiamo al volo, e na squagghiamu di stu paisi ingrato e senza cultura! Signori mei, signori mei… vuol dire: dui sirati, dui sirati, cu solu quindici spittaturi paganti. E l’incassu su futtiu pure u ‘mprisariu. Ma me lu vuliti diri comu hanno a campari gli artisti? Forsi di ventu?-

Pipp - ‘Mbari, u sapiti? forsi a ma cangiari repertoriu: sta storia dei paladini di Francia nun attacca cchiù. Specialmente coi giovani.-

Vitu – Ca certu i giovani… ca ora si fa tuttu pi iddi, tutto a loro misura, secondo i loro gusti. Talia: mettici tri scimpanzè, du’ o tri chitarri, ca fanu vuci come se i scannassuru, e iddi vanno in visibilio! Basta, la cultura non cunta cchiù nenti, da tradizioni si ni futtunu, e di l’arti nun sanu mancu unni sta di casa. Sono scoraggiato caro amicu, assai assai.-

Pipp- ‘Mbari, senti a mia, inventiamoci n’autra cosa: pi esempiu, si facissimu u cabaret? ( Vitu scuote la testa) ‘Mbari, vidi ca avi un futuru…, ora ca c’è a tivilisioni… varda è un genere che tira…-

Vitu … si, pumarora e bastardi nta testa…-

Pipp- … Avaia staiu parranno supra o seriu. Tantu, pruvari cchi ni custa?-

Vitu – Ma cchi bestialità vai dicennu! Comu si può trasfurmari ‘n puparu in cabarettista? Ma si in sensi? (accalorandosi)-

Pipp – Mizzica cchi si cauru! Picchì, secunnu tia i cabarettisti di oggi chi cosa hanno di diversu da nuautri? Fanu i buffoni forsi? No? Si? Fanu satira! E ca satira tutti arrirunu e pavunu u bigliettu.-

Vitu- Ma vo cucchiti! Cabarettista..ssst…Ju nasciu puparu e puparu moru.-

Pipp – Ju nascii miserabili e mortu di fami moru…(guardando bene a sinistra) Ammucciamuni, sentu dei passi, forsi sunu i sbirri.-

 

I due si nascondono nella viuzza. Poco dopo entra in scena un prete. Porta una grossa valigia e si ferma vicino alla fermata dell’Amt. Aspetta l’autobus.

 

Vitu – (affacciandosi) Falso allarme. E’ ‘n parrinu!-

Pipp- (sbirciando) E si fussu nu sbirru travistutu?-

Vitu – E si fussi to soru a monaca? Chiuttostu, a vidi ssa valigia? Chi dici ci po interessari?-

Pipp- E chi addivintammu lattri? Ahu, tuttu po essiri, ma lattri mai!-

Vitu- Mutu bestia! Nun ti fari sentiri… ju avissi na menza idea: Se nta dda valicia ci sunu vistiti di parrinu, nuattri semu a postu: ci trasformiamo in preti e…-

Pipp- … e n’attaccanu a tappu! E chi penzi ca i parrini su minchiuni? Chiddu da l’allarmi, arrivano i sbirri e a nostra residenza futura sarà Piazza Lanza!-

Vitu – Ma quannu mai. Inveci facemu un pianu, e se è veru ca ci sunu vistiti di parrinu nta sa valicia futtemu i sbirri e semu salvi! Avanti, senti cchi facemu: ju ci dugnu chiacchira e tu ci freghi a valigia. (accennu di protesta da parte di Pippo, subito tacitata a segni da Vitu) Teniti prontu, e vidi chi ti cumminu!-

Pipp – In galera…in galera mi fa finiri… in galera.

Vitu – (avvicinandosi al prete che intanto, impaziente, controlla l’orologio) Mi scusi monsignore, ci posso fare una preghiera?-

Prete- (prima sorpreso, poi guardandolo con sospetto) Mi dica buon uomo.-

Vitu – Eccellenza, mi hanno diagnosticato una brutta malattia, mi hanno detto che ho due giorni di vita, e voglio confessarmi, vorrei salvare l’anima, morire senza peccati, come un buon cristiano.-

Prete- (sorpreso) Confessarsi? Qui? Per strada? Non è possibile! Mi dispiace per voi, buon uomo, ma non è affatto possibile.-

Vitu – (rammaricandosi) E già eminenza…non è possibile… morire da buoni cristiani non è possibile, oggi non si può morire in grazia di Dio… che cattiveria…com’è cattivo il mondo…anche se lo sto per lasciare…mi fa pena…-

Prete- Suvvia, non vi disperate, può darsi che la vostra malattia non sia così grave… oggigiorno nessuno può morire per malattie… poi, per confessarsi può andare dal parroco, in chiesa, coi paramenti sacri. Insomma le cose fanno fatte per bene.-

Vitu – Eminenza, vorrei, ma non posso. Se il parroco mi vede scappa via come un saittuni: ho una pessima fama, sa’-

Prete- (rabbuiandosi) Pessima?

Vitu – Accussì dicono chi mi conosce…-

Prete -… nel senso?-

Vitu – Nel senso ca sugnu nu pocu testa calda, haiu u cuteddu facili, e nun mi fazzu passari na musca nto nasu, appoi…-

Prete- Basta così…buon uomo. D’accordo, la confesso.-

Vitu – (sollevato) Grazie, grazie assai… però vossia non mi deve guardare, io sono timido, mi vergogno, m’affruntu.-

Prete (coprendosi gli occhi) Va bene, come desidera. Allora parli pure.-

Vitu- (facendo segno a Pippino di prendere la valigia) Padre ho peccato: ho rubato, ho scopato con le donne d’altri, ho raggirato il mio prossimo, ho fatto falsa testimonianza, ho beffeggiato la chiesa e i suoi pastori, e ci mancava poco ca addivintassi puru n’assassinu. Mi pirdunati?

Prete- (sospirando vistosamente, intanto Peppino agguanta la valigia e scappa nella via laterale) Eh, ne avete di peccati, povero fretello…però se vi pentite sinceramente, la grazia di Dio vi perdonerà… e io, dunque, vi assolvo in nome…-

Vitu – (interrompendolo ) Grazie , grazie assai, eminenza, Dio ve ne renderà merito. (tenta di baciargli la mano)-

Prete- (Schermendosi) Ma che fate, lasciate perdere! Ora andate …in pace…(accorgendosi che manca la valigia) La mia valigia, la mia valigia, è scomparsa…me l’hanno rubata! Aiuto!-

Vitu – Zitto, zitto, cosa gridate a fari? Dda è a vostra valigia, ca scappa supra a un paru di gambe, dietro a dda vanedda!-

Prete- Dove? Dove?-

Vitu- Ddà, nun ci vedete, dietro quella stradina? Eccu, svolta a  cantunera. Se curriti u pigghiati a ssu mariuolu senza Diu, ca sa pigghia macari che parrini! (gridandolo) Lattru! Mariuolu! Scunsacratu!-

Prete- Madonna Santa, e ora come faccio? Nella valigia avevo pure la tonaca del vescovo…sono rovinato, sono scomunicato, sono perso!-

Vitu – E vui curriti ca u pigghiati!-

Prete (correndo) Fermo, al ladro!-

Vitu (beffardo) Mittitici u sali nta cura monsignori. (intanto corre verso il vicolo e sparisce)-

 

Da destra entrano in scena un uomo e una donna giovane. L’uomo è di mezza età e, dall’aspetto, sembra un “massaru”, e si chiama Giesu, mentre la ragazza, da come è vestita sembra una “passeggiatrice”, e si chiama Sarina. I due parlano concitatamente.

Giesu – Sarina statti nu pucu ferma e lassami parrari.-

Sarina – Massaru Giesu, n’ avemu nenti chi dirini. Eppoi si sta facennu tardi e aiu a turnari a casa…-

Giesu – E se mi lassi parrai, a casa ti ci accumpagnu ju.-

Sarina – (ironica) Grazie assai, nun vi distrubbati…-

Giesu. – E parra cu un pocu di serietà, na vota tantu.-

Sarina – (finta sorpresa) Vih, salaratu e chi vi paru riddicula?-

Giesu – Parri nta na manera ca mi fai sbrugghiari i nervi.-

Sarina – (sfottente) Ah, si?-

Giesu – E se o voi sapiri, quannu sugnu vicino a tia… sbrugghiu comu nu sceccu, eccu!-

Sarina – Mizzica, e lu sapevu ca finiva accussì. Siti un porcu vistuto pulitu…(poi guardandolo meglio) anzi sulu porcu e basta!-   

Giesu- Ma ‘nzumma Sarina, nun fari a santerallina, tantu u sacciu ca ta fai cu tutti. Ora dicu: cu tutti ci vai e cu mia nenti?-

Sarina- Chissi suni affariceddi mei, poi cu vui m’affruntu, mi vergogno!-

Giesu – Minchiuni, ma ce ne vuole faccia di ntagghiu, ossia di marmu, pi diri certi cosi: Vol diri:  vai cu tutti, e macari forsi cusà, anche a pagamentu e cu mia nun vi vuoi propriu veniri? Ma picchì? Picchì!-

Sarina – Picchì a vui vi canusciu di carusidda, me pattri e me mattri travagghianu nta vostra masseria, e me nonna fa a cammarera pi vostra muggheri. Insomma cu vui mi vergogno!-

Giesu- Ma quali virgogna d’egittu: tu fai a buttana! Ju ti pavu e tu a veniri cu mia in albergu.-

Sarina – Ahu parrati pulitu! Io vado con chi mi pare e, soprattutto, piace. E se accetto qualche regalino sono affari miei! E cu vui nun ci vegnu!-

Giesu – Varda ca vai contro l’etica professionale! Tu nun puoi rifiutarti, è la regola do misteri.-

Sarina- Ma quali misteri! E, vi dissi, ca mancu morta vegnu cu vui, e ora basta!-

Giesu – (conciliante) Senti Sarina, tu a sapiri ca pi tia, macari quannu eri nta masseria, ju avevu nu deboli, ma nu deboli, ca quannu ti videvu m’acchianava na calurata nta testa. ‘Nzumma mi facevi sangu! Ju pi cuccarimi cu tia avissi a pavatu  sordi… macari non tanti, ma sempri sordi avissi a pavatu. Diciamo… diecimila? Cchi dici, erunu boni? Uora, se voi, ti nni dugnu macari… macari quindici mila. Nun ti parunu bboni? Ah?-

Sarina- Vi dissi ca cu vui non vegnu.-

Giesu – Sarina! Varda ca fazzu na pazzia! Ti dugnu ventimila liri e nun si nni parra cchiù!-

Sarina – E cchi stai accattannu ‘na jumenta? Vo itavinni, va!-

Giesu – Ma allura fai finta di nun capiri? O mi voi provocari? Bada ca sugnu bonu e caru, ma se perdu a pascienza…-

Vitu (uscendo dal vicolo, dove aveva indossato la tonaca, e da dove aveva ascoltato tutto affacciandosi di tanto in  tanto) Ah la pazienza… la pazienza e la virtù dei forti… Oh, buon uomo, mi sapreste dire se è passato il 129?-

Giesu –(sorpreso e poi contrariato) Reverendu, e cchi ni sacciu! Ju sugnu forasteru, vegnu da campagna…-

Vitu – Sapete forse a che ora passa?-

Giesu – Vi dissi ca sugnu campagnolu. E ora se ci primmittiti avissi a parrare ca signorina…-

Sarina – Massaru Giesu, chistu è un monsignori, viditi i buttuni russi? Purtati rispetto almeno ai parrini si nun ni putiti puttari a mia. (A Vitu) Monsignore, u 129 si pigghia nta strata all’atu. Di cca passa u 136. –

Giesu- Eccu servitu monsignori… e arrivederci…-

Vitu – Ve ne andate già? Arrivederci buon uomo. E voi signorinella adesso potete andare a…lavorare in pace. Paci e beni. (vedento che Giesu non se ne va) Signorina, ci vorreste accompagnare, per favole.-

Sarina- Volentieri, monsignore (intanto guarda Peppino che sta per uscire)-

Giesu – (nero in viso) Va bene, ho capito, ho capito. Me ne vado… (poi piano a Sarina) Pezzu di buttanazza, ta fai macari cche parrini vero? (poi forte)  Ma nun finisci ccà!-

Pipp- (uscendo vestito da prete) Paci e beni. E inveci finisci tuttu ccà. E ‘ntantu fujtavinni currennu currennu…sapiti monsignori perdi facilmente la pascienza. (guarda Sarina, come per farsi dire: bravo!)-

Giesu – Me ne vado, minni vaju. Ti salutu tappinara, ma n’arriviremu prestu.-

Sarina- Salutatimi a vostra muggheri.-

Giesu – Lavati a vucca quannu a nomini, bedda dardascia!-

Sarina – Matri cchi siti cauru a stamattina. Mancu si può essiri gentili cu na vera signora, c’appoi (rivolta a Vitu) è na gran fimminuna tutta casa e chiesa.-

Giesu- E tu cchi nni sai? Comunque (ironico eppoi minaccioso) sarai servita, cagnola, sarai servita come si deve. (minaccioso, poi esce da destra baldanzoso).-

Sarina – Grazie per il vostro intervento monsignore, grazie assai (ma guarda Peppino) e anche a voi, reverendo siete stato un vero eroe, l’avete affrontato virilmente e qual cafone ha avuto quello che si meritava. Sapete? E’ un po’ insistente, ma in fondo, in fondo, ma proprio in fondo, è un bravuomo.-

Pipp – Luvannici u battisimu (tra se).- 

Vitu- E’ stato un piacere proteggerti picciridda bedda, ora potete andare a casa tranquilla, almeno spero. Paci e beni.-

Sarina ( uscendo da sinistra)  Lo spero anch’io Buona giornata a tutti e due.( maliziosamente, guardando Peppino).-

Pipp.- Arrivederci. (illanguidito)-

Vitu – (dandogli una gomitata) Dagli la paterna benedizione e…caccia! Parrinu!-   

 

Entrano in scena una guardia e Cicciu Scalora. Sono trafelati, si guardono attorno.

 

Guardia – Scusate monsignore, avete visto da queste parti due uomini vestiti di tiatru?-

Vitu – (nascondendo il viso sotto le falde del cappello da monsignore) Mi dispiace ma non ho visto nessuno.-

Cicciu -Si sono diretti da questa parte…( a Peppino) E voi reverendo? Avete visto nulla?-

Pipp.- (impappinandosi) Io? No, si! Forse…ma quannu?-

Cicciu- Diciamo da mezzora a pochi minutu fa?-

Pipp.- No… nenti… e cchi a vo vidimi pi forza?-

Vitu – (intervenendo in suo aiuto) Vedete agente, il mio segretario è arrivato qui appena appena, ora ora, in questo momento, osia in questo istante qui!-

Cicciu – E voi, monsignore, siete sicuro di non aver visto nulla?-

Vitu – Chi io? Ma per carità egregio signore, io non guardo, ma medito, studio e leggo.-

Cicciu – In menzu a strata?-

Vitu – Dappertutto, caro fratello, dappertutto.-

Pipp.- (sottovoce ai due) Monsignore è menzu santu, pi iddu u munnu nun esiste, esiste sulu u celu.-

Guardia – Sentite Scalora, ormai quelli s’a squaghianu, ju sugnu tuttu sudato e mi scanto che mi pigghiu ma privuliti. Chi facemu, lassamu perdiri?-

Cicciu – Ma mangianu a sbafu!-

Guardia- E che vulete ca è pi vui nu pranzo scruccatu …

Cicciu-  Nu pranzu! Nu pranzu! Chiddi si mangianu na cona di robba. Tanto p’accuminciari si futtenu na guantera sana sana d’antipasti misti, po quattro porzioni di lasagni e due di maccarruni alla Norma, porca la miseria lattra e assassina. Ora dicu: lassamu stari chiddu grossu ca era un maiali, ma chiddu siccu, unni u mitteva tuttu stu ben di Diu? (breve pausa per riprendere fiato)Appoi si sbafanu un pollu alla diavola, un cunigghiu all’agrodolce – robba bona, sapiti, a pigghiu nta na masseria unni addevunu ancora tutti l’armali nto curtigghiu – appoi si sbafanu quattro cutuletti a palermitana. E lassamu perdiri o grossu, ma u siccu unni u mitteva tutta sta grazia di Diu? Appoi contorni vari, e pi dolci si ficiru purtari quattro babà, quattro cassatelli e quattro cannoli di ricotta. E lassamu perdiri…-

Tutti - … o grossu, ma u siccu unni a mitteva tutta sta grazia di Diu?-

Cicciu – (sorpreso) A ci sghizzati supra? E se nun arrivavu ju, macari u cafè si pigghiavanu a sbafu!-

Guardia– A si? Varda cchi cosi! (ironico) E comu mai, ah?-

Cicciu – Comu mai? Stamattina nto locali c’era me muggheri ca è na pasta di fimmina, cucina ca è na cosa assai fina, (sottolineando) ma è lesa comu ma crapa! Nun avi nasu, niente malizia, nun sapi sciarari quannu c’è in vista a truffa o no. I fici assittari ddi criminali, i sirviu prissunalmenti, e ci fici i salamelecchi. Ma quannu si tratta di fari u cafè pi clienti di riguardu, come a dda scunchiuruta ci passunu chiddi ddà, idda non si ci metti nta machina- macari picchì si scanta ca ci scoppia nta facci, comu ci successi a za Sirafina, ca arristau orba di ‘n occhiu -  e allura aspetta a mia ca, modestamente, sacciu unni mettiri i manu pi fari nu riccu cafè. Accussì ci dissi: “Po cafè aspettati a me marito ca vi servirà comu di doveri. Ah, chi fimmina profetica: ci avissa data na passata di vastunati co mastru de mastri ca ci aiu d’arreri a vancuni e appoi ci avissi abballato nta panza la danza della pioggia, fatta e ripetuta – spicialmenti a ddu porcu cu tantu di panaru (controscena di Vitu) Quindi appoi, vidennumi arrivari , affacciannusi a finistra, “Ah, eccu lu vidu ca sta arrivannu e vi servirà a doveri” E ci ‘anzittava comu ‘n ternu al lottu siccu datu da bonamma di cu sacciu ju! Allura, e cchi fu n’uraganu, nu cicloni, nu tifoni, nu tornado, chiddi, appena ‘ntisuru ssa notizia, si susenu a tappu, pigghiarunu a porta e fujrunu comu a dui saittuni. Quannu arrivai ju, eranu già lontani e si videva sulu ddu gran panaru do cchiù grossu ca abballariava come na montagna di saimi. Dda menza scema ci stesi menzura pi cuntarimi u fatto. E sulu allura vi haiu chiamatu pi catturari, affirrari, ncarzarari, cundannari, affucari, ssi dui marioli approfittatori di fimmini scimuniti! E vi cuntai a passata!-

Guardia –… ammentri mi facevu a pennichella.-

Cicciu – E allura pi nun distrubbariti, i marioli a fannu franca?-

Guardia- No, di certo. A liggi è liggi!-

Vitu – Bravo!-

Guardia – Grazie.-

Vitu – prego.- 

Guardia ( a Cicciu) E dimmi,  a quantu ammonta a truffa?-

Cicciu – E cchi sacciu, videmu…pressappoco…antipasti, primi, secunni, contorni, vinu, dolci…possunu essiri…mittennici i coperti…macari quaranta- cinquanta mila…-

Guardia – Fiiiu! Cchi botta…-

Cicciu -… di vilenu amaru! 

 

Durante le tirate di Cicciu, i tre fanno le relative controscene.

 

Vitu – Ora mi viene in mente, d’aver visto due uomini che correvano verso quella stradicciola, uno era magro, l’altro più robusto. Si, si, potrebbero essere i vostri uomini. Se correte potreste raggiungerli: il grassone aveva un fiatone…-

Cicciu- (guardandolo diffidente) Ah, vi vinni a memoria? Monsignori, ora ca ci pensu sti mariuoli fisicamente erano comu a vuatri due…-

Guardia - Avaia Cicciu Scalora, nun va pigghiati macari che santi. Scusatelo monsignore. Avanti corriamo vediamo se li raggiungiamo.-

Cicciu – Curremu, curremu…( ma intanto guarda i due preti, quindi escono di scena).

Pipp- Vitu, Vitu, m’a fici ‘ncoddu.-

Vitu – Chi figghiu di bona matri, n’aveva canusciutu.-   

Pipp.- (asciugandosi il sudore) Mattri santissima cchi scantu! Cchi spaventu!-

Vitu – Pirò, pezzu di babbasunazzu, a momenti di tradivi! E tu fussi chiddu ca sapi recitari?-

Pipp.- E se mi scantu, chi ci pozzu fari? E ora cchi facemu? Ju mi senti riddiculu cu sta tonaca.-

Vitu- Tu sei stato sempri riddiculu, senti a mia! Cchi facemu? E lassami pinzari: intanto, in primis, u sbirru nun ci cridiu, in secundisi nta sacchetta da tonaca attruvaiu du mila liri e ni putemu pigghiari u cafè, ca ddu cosa tintu di Cicciu Scalora nun ni fici pigghiari, poi, pozzu pozzu…-

Pipp.- …Cchi nicchi nacchi, abballari cu vui?-

Vitu – Senti varda ca t’allisciu u cozzu cu na santa tumbulata ca ti fazzu passari u sbaddo di babbiari. Dicevu: pozzu pozzu, pi prudenza, pigghiamu i trazzeri di campagna e livamuni di ccà!-

Pipp- Finalmente paroli sensati. Eppoi? Cchi facemu?-

Vitu – Appoi penza Diu.-

Pipp.- E se pi casu ci penza ammentri è ‘ncazzatu cu nuatri, ca ci arubbammu i tonichi ai parrini?-

Vito – A parti u fattu ca l’avemu pigghiati in prestitu picchì necessità obbliga liggi, e li restituiremo a tempu debbitu, appoi u pattri eternu dì sti parrini sinni futti, senti a  mia!-

Pipp.- E se nun sinni futti?-

Vitu – Voli diri ca ni manna o ‘nfernu, si cuntentu?-  

Pipp.- Senti e se andiamo, pi esempio, appressu  a dda carusa? Diceva ca stava in campagna, o mi sbagghiu?-

Vitu – Beh, in effetti dissi ca i suoi genitori travagghiavanu nta masseria di ddu cosu fitusu, ergo in campagna…-

Pipp.- … quindi se sta in campagna. onde per cui, dui cchiù dui, è nta nostra strada, si nun sbagghiu questioni.-

Vitu – Senti beddu, parramu chiaru: Tu a questioni ‘n a sbagghi. Chiddu ca stai sbagghiannu è ca ci facisti ‘n pinzeru su ssa carusa. Statti accortu Pippinu, nuattri, po mumentu, semu parrini. E si tu scordi finemu in galera a tappu.-

Pipp.- Sarò prudenti e scaltro. Sarò una volpe…-

Vitu.- …Nto puddaru!- 

Pipp.- Sta tranquillu. Andiamo’-

Vitu – Di unni pigghiau a carusa?-

Pipp.- Di dda vanedda.-

Vitu – E unni porta?-

Pipp.- Ssa strada a canusciu, porta nta na trazzera di campagna, verso il nostro obiettivo.-

Vitu – Senti stratega, ti stai sintennu troppu sicuru. Cusà, forsi è u “pilu” ca ti chiama e di guida?-

Pepp.- Avaia nun ci abbabbiari… è che ho il senso dell’orientamento.-

Vitu – Ascuta, bussola viventi, vistu ca si accussì decisu, almenu ci l’hai l’idea di qual’è a masseria? (segno negativo con la testa di Peppino) No, evvero? E allura lassa fari a mia ca sugnu cchiù granni e sacciu u munnu com’è.-

Pipp.- E allura omu sa sapi i cosi d’o munnu, comu fai a sapiri unn’è a masseria? sintemu? Ci fai i carti? (fortemente ironico)-

Vitu – (schifatu) M’anformu, bestia di un omu, livannici u battisimu! -

Pepp.- E attorna! E cu cui t’informi? Sai quanta genti c’è campagni campagni! E appoi sai a cu a circari?-

Vitu – (pomposo) Tu metti a me ‘ntelligenza a paragoni da to. Cretinu, ju sugnu u mastru e tu u garzoni. Prissuariti na bona vota, minchiuni. E ora t’illumino, anima morta: a carusa nun chiamò a ssu zaurdu, massaru Giesu? Chiaru ed elementare: addumannu unni si trova a masseria di massaru Giesu.-

Pipp.- Bravu Totò.E se, quannu a truvamu, ce iddu cu nu vastuni in manu, prontu a lisciarini a carina? Oppure se mancu ni fa trasiri… o peggio, si magia la foglia e chiama i sbirri?-

Vitu – ( sconsolato) Si bestia senza rimediu, o frati! Ma se c’è propriu iddu noi siamo a cavallo. Avi a cuda di pagghia, lo abbiamo sorpreso quasi che pantoni abbassati, e, davanti a sso mugghieri, deve abbozzare, volente o nolente… sai…lo scandalo…insidiava la ragazza…per le vie della città.  -

Pipp.- Lu ricattiamo?-

Vitu- Bih chi paruluna! Insomma, non propriu, ma a minazza è un modu di tinillu in pugnu almeno pi na notti di ospitalità, che è quella che ci serve.

Pipp.- E, scusa na cosa: e a carusa?-

Vitu – Senti, parramini chiaru: prima veni a nostra libertà, poi, se c’è tempo e le circostanze lo permettono veni u “pilu”. E’ chiaru l’intendimento?-

Pipp.- Chiaru…chiaru…ma se trovu a scaciuni…-

Vitu – Chissi sunu affariceddi to.-

Pipp.- Ma doppu cchi facemu?-

Vitu - Doppu penza Diu.-

Pipp.- E se Diu avi chiffari?-

Vitu – Ahu, ma propriu si na mala vigilia annucciata! E penza a campari! E camina và! E pigghia a valicia! (si avvia per la stradina, seguito da Peppino che ragge la valigia. Musica adatta per il finale dell’atto. Ove fosse possibile, Vito dovrebbe procedere con un’andatura solenne, ma resa ridicola dall’abito che non sa indossare e dal volume del suo deredano. Peppino, invece, deve avere un conportamento confusionario, non riesce a mantenere il passo dell’amico, impedito in ciò dall’abito troppo lungo e dalla grossa valigia.)-

 

Tela  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                         Atto Secondo

 

Sulla scena è stato ricostruito l’interno di un soggiorno cucina di una masseria. Mobili adatti. Attrezzi alle pareti, camino al centro. Uscio a sinistra, porta interna a destra

Quando si alza il sipario in scena c’è Mela la serva, nonna di Sarina, che spazza per terra e mormora (o canticchia motivi religiosi) preghiere. Poco dopo entra in scena Nunzia, la moglie di massaru Giesu. Ella è una donna sulla quarantina, ancora integra, abbastanza formosa.

 

Nunzia- Mela, lassa perdiri di scupari, mittemini a priparari a cena, massaru Giesu sta per tornare da città. E u sapemu che appena arriva nun si lava mancu i manu ca s’assetta a tavula e voli pistiari!-

Mela – U sacciu! U sacciu! (affermativo anche con gesto) E si fussi pi mia u lassassi mortu di fami… ma siccome a pattruna si tu…-

Nunzia – Ancora ca stissa storia? Ma quannu t’arrizzetti, quando ti rassegni, mai?-

Mela- Nonzi, nun m’arrizzettu! Comu pozzu vidiri na picciuttedda bedda, ricca e fina, maritarisi cu ssu bestia luvannici u battisimu! E cchi nun ci n’erunu giovanotti assistitati? E cchi era difficili pi tia? Avaia nun mi fari sdilliriari.-

Nunzia- Mela, ti dissi ca fu pi nicissità, a causa della morte improvvisa di mio padre, e del bisogno di portare avanti la masseria. M’appoi m’affiziunai a iddu, ca tantu tintu comu dici tu, nun è!-

Mela – A nicissità…a nicissità…varda ca uomini cu tantu di baddi ci n’erunu tanti, ma tanti…e unu  era vicinu a tia e t’adorava.-

Nunzia- To figghiu Luici?-

Mela- Annunca!-

Nunzia- Ju a Luici ci vogghiu beni comu a ‘n frati. E nun turnarici cchiù su st’argumentu, Mela, pi piaceri. Avanti cchi priparasti?-

Mela – Pasta o funnu, tuma e alivi niuri.-

Nunzia – Va beni, pirò fai macari quattro uova duri e metti a tavula u salami novu. U vinu u pigghiasti?-

Mela – U pigghiai, u pigghiai. (guardando dalla finestra) Parraumu d’o sceccu e spuntau a cuda. Ddocu c’è u beddu spicchiu di mennula amara di to maritu.-

Nunzia – Finalmente…(guardando l’ora).-

 

Entra Massaru Giesu.

 

Giesu – Buonasera a tutti.-

Mela – (a bassa voce) Salutami e caccianu!-

Nunzia – T’arritirasti? Eranu accussì assai l’affari in città? Varda sunu l’ottu passati.-

Giesu- E cchi t’aia diri? U tempu vola…specialmente in città. Avanti cchi c’è di manciari?-

Nunzia- Pasta al forno e, appoi, cena fredda.-

Giesu – Megghiu di nenti. (fa per sedersi e Mela lo blocca)-

Mela -  O lavati i manu, vastasi vistutu pulitu.-

Giesu- (rabbuiandosi) Nunzia, e quann’è ca ti decidi di mannaranilla a sta vecchia ntricalora? C’appoi, ormai nun servi a nenti… varda comu ha scupatu interra…pari ‘n porcili…Senti nun fussi megghiu se ni pigghiassinu pi criata a sso niputi Sarina?-

Nunzia- (asciutta) Quella fa la studentessa in città.-

Mela - E s’a pigghiari a laura!-

Giesu- (a Nunzia) A sentisti? In chi cosa? Forsi in grammatica pilusa?-

Mela – A zittiti vastasi e malerucatu… diri sti cosi davanti a sso nanna…e, appoi si dicunu sti mali paroli davanti a dda santa di to muggheri.-

Giesu- Scusate madame, miledi e barunessine varie…chiedu pirdonu assai, assaiuni…(ironico).

Nunzia - (rassegnata) Mela lassa stari, penza a ìmpiattari a cena…-

 

Giesu esce per lavarsi le mani.

 

Mela- Tu si a pattruna e ju a criata. Pirò, pirò certi cosi, certi comportamenti, mi fannu fari u sangu acqua.(con aria sognante) Com’era beddu quannu c’era in vita to pattri bonamma: mai na parulazza, fiuramici na bestemmia, ca s’aviss’a sintutu nta sta casa. Stu porcu, inveci, bestemmia comu ìn turcu e nun va mai a missa e nu si confessa mai e mancu pigghia l’ostia santa… è n’ebbreu!-

Nunzia- Nun si dici ebbreu, chistu è razzismu.-

Mela – Ju nun sacciu cchi significa stu schifiu di parola, ma sacciu ca me nannu e me pattri, ana rittu sempre ebbreu a cu nun cridi o signuruzzu e a cu nun va a chiesa. U dissiru iddi e nun successi nenti, nuddu pipitiò, nuddu s’affinniu, nuddu diceva ssi paroli ca dicisti tu. E, allura, u dicu macari ju e muti tutti e macari pipa! ( Mela fa la burbera, ma la sua è una finzione, perché poi si illanguidisce nei ricordi). C’appoi, t’arricordi quannu a sira ni mitteumu assettati vicinu o fucularu? e to pattri faceva veniri a pattriapparucu pi diri u santu rusariu? E quannu finivanu si mittevanu a giucari a scupa, facennu vuci come porcelli scannati…E vivevano u rosolio ca facevu che me manu, e non sti schifezzi ca viviti ora…Com’eranu beddi ddi tempi…tempi tranquilli…calmi…beati… Ora semu tutti ca primura, tutti affacinnati, tutta cità (allude a Giesu) E li belli abitudini sinni vularu via! E nta sta casa sunu anni can un trasi cchiu un parrinu bi abbiniricilla almenu p’a Santa Pasqua.-

 

Si sente bussare alla porta.

 

Nunzia- Mela vidi cu è.-

Mela (aprendo la porta e restando di stucco) Bedda mattri sant’Alfiu! Ju spiriva d’aviri un parrinu e u signuruzzu minni mannò dui! Trasiti, accomodatevi… huuu c’è macari un monsignori, sabbenedica…trasiti.-

 

Entrano Vitu e Pippinu.

 

Vitu – (quasi benedicendo) Buona sera buona donna, siete la padrona di casa? (sottraendosi al baciamano di Mela)-

Nunzia- Sono io la padrona, monsignore. Accomodatevi… posso esservi utile?-

Vitu – Molto onorato, signora, questo è don Peppino, il mio segretario. (Pippino fa un inchino goffo). Signora, il buio ci ha sorpreso in viaggio pastorale tra la campagna. Vorremmo chiederle se può ospitarci per una notte…-

Pipp- …e macari manciari qualche cosa.-

Vitu – Eh, la gioventù pensa sola alla panza.-

Mela – Ca quali gioventù, macari vossignoria avi bisognu di manciari. Nunzia i pozzu fari assittari?-

Nunzia- (indecisa e imbarazzata) Certo…falli sedere…macari pi manciari, ma aspettiamo massaru Giesu, vediamo cosa dice.-

Mela – Dici: Mela priparaci a cena e sistema a stanza di l’ospiti. E si nun u dici iddu, vuol diri ca mi portu a me casa! (esce )-

Giesu (entrando asciugandosi le mani) A cu ti porti a to casa? Tu a purtari a tia a to casa e nun t’a fari cchiù vidiri, senti a mia (poi si accorge dei preti) Bih, bih, bih, varda cchi cosi…u monsignore e u so sigritariu… quali onori averivi a me casa…cu vi ci purtau u malutempu? Nunzia, pigghimi a pipa. (Nunzia esegue).-

Nunzia – Vi conoscete già? Comunque Giesu, il monsignore si trovava in visita pastorale, sopreso dalla notte ci ha chiesto ospitalità per una sera. Io non ho nulla in contrario…-

Giesu – Sta beni, intanto pigghimi a pipa. (Nunzia esce) Allura, quali malutampu? Picchi sarà statu u malu tempu a purtarivi ccà, evveru?- 

Vitu – No, vi sbagliati caru massaru, fu u Signuruzzu a mandarini ccà. Pi abbissari na pocu di cosi.-

Giesu – E di grazia, cchi cosi?-

Vitu – (aggirandosi per la casa seguito passo passo da Pippinu ) Certi cosi… come per esempiu certi incontri vicinu alla fermata dell’autobus…adescannu carusidde.-

Giesu – (avvcinandosi minaccioso) Si diciti mezza parola, parrinu o no, v’acciuncu!-

Vitu – E provaci, Orlando furiusu! (contrastandolo)-

Pepp- Fremmu Vitu!-

Giesu- (minaccioso, sottovoce)Vitu? Ah, benissimo…Vui nun siti parrinu, mi ci jocu i baddi!-

Vitu – Chissi tenatilli forti, picchì, varda cchi fazzu: ti scippu e ti mettu nta ssa vucca fitusa. E ora mutu, vulemu  sulu manciari e durmiri pi sta notti, dumani luvamu u distrubbu.-

Giesu – E vi fati l’affarazzi vostri?-

Vitu – Nei limiti del possibile!-

Giesu – (riflettendo) E sta beni… ma dumani: sciò!-

Vitu – (congiungendo le mani e guardando in cielo, vedendo che è entrata Nunzia) Domani è un altro giorno, buon uomo. (A Nunzia) Signora, vostro marito ha accondisceso con entusiasmo affinché il sottoscritto, umile servo, e il suo segretario restassero qui per questa notte. Onde per cui, cchi si mangia?-

Mela (entrando) La cammara è pronta.-

Nunzia- Servi a tavola Mela.-

Mela – Monsignore, ci vulissi fari una preghiera. Tu Nunzia ci primmetti?-

Nunzia- Cosa debbo permettere?-

Vitu – Ditemi buona donna.-

Mela – Nunzia, visto ca fu u Signuruzzu a mandarini sti parrini, doppu ca ti parrai do santu rusariu di to papà, ti vulissi addummannari se ci primmetti ca u dicemu, prima di manciari, macari non tutto…ma picca picca… e pi mia fussi na filicità.-

Nunzia (guardando Giesu, mentre Giesu guarda Vitu e Vitu fa cenno di dire no)

Giesu- (cinicamente) Ca certu! E comu no? E ccu l’avi u curaggiu d’arrifiutari na cosa accusì nnica alla nostra cara Mela? Avanti monsignore, dicemu stu rusariu.-

Vitu – (visibilmente in imbarazzo) Ma così, all’improvviso, senza adeguata preparazione spirituale non è possibile.-

Mela – Monsignore, eccellenza, vi priu comu a ‘n santu, facitilu pe murticeddi do priatoriu... pi carità cristiana…nun sapiti quann’u disidiru. Fati n’eccezzioni eminenza…-

Giesu ( sfottente) E fatela st’eccezioni…eminenza.-

Vitu – (arrendendosi) E va beni…però facciamo na cosa brevi, tantu per fare contenta questa fantesca. Forza, assettativi in circolo, attacca Peppino.-

Pipp- (preso alla sprovvista, intanto che serafico assisteva alla scena) Cui ju?-

Vitu- E chi sennò… avanti mettiamoci in circolo. Attacca Pippinu.-

Pipp- ( Peppino che non sa cosa fare, stralunando gli occhi si finge un collasso e si lascia andare tra le braccia di Nunzia) Ahhh.-

Nunzia- Bih, mischinu ci vinni ‘n colpu!-

Mela – (avvicinando una sedia e sedendo Pippinu) Puvurazzu pari ‘n cadaviru…-

Giesu – ( a Nunzia )Ahu, nun t’accucciari assai a ssu…parrineddu.-

Nunzia – Ma si senza cuscenza…(con tenerezza) vardalu com’è ‘nnuccenti…Mela prendi un bicchiere d’acqua.-

Pepp.- (mormorando con un soffio di voce) Megghiu nu cognac.- 

Mela – Cognac? Subbitu (esegue)-

Vitu – E si, è ‘nnuccenti comu nu bambinello appena svizzatu, n’addeu! Avanti, assittatulu ca ora si sentirà meglio picchì (marcandolo) u rosario lu dico io. (nell’orecchio di Peppinu) Ahu u sentisti? E allura rinveni e fammi l’assistenza dovuta. (Pippinu apre gli occhi, accenna di si e, facendosi ancora coccolare, rinviene)

Mela- (col bicchiere di cognac in mano) Chistu è ‘n santu! Nunzia stu monsignore ci dissi na parola nt’aricchia e stu sventurato stesi bonu di bottu! Miraculu! Miraculu! (intanto si beve il cognac)-

Giesu – Miraculu a to soru, ‘nbriacuna! E ora statti sora, nun t’agitari cchiù e ascutamu stu rusariu. ( tra se) mizzica minni a e fari di risatuni…- 

Vitu - Spettabile pubbricu, (Pippinu gli fa disperatamente cennu di no, non siamo in scena. Poi per tutta la durata del rosario egli farà la controscena) Volevo dire: cari fedeli, prima d’iniziare abbisogna ca mi quadiu nu pocu, per cui zitti, muti, pipa e tabaccu! Dunchi: Prologorum a com’ammisca ammisca.

 

Nel mezzo do camminu di la me vita

M’arritruvai nta na trazzera scura,

Ca, malirittu a mia, a strata bona era finita,

E quannu ci penzu m’acchiana na calura! 

 

Giesu- Ma...ma… chissa nun’è…chissa è a…-

Peppinu – Muti, per cortesia, nun distrubbati o maestro.-

 

Vitu .- (come ispirato) E cantu di l’armi do pietusu capitanu

Che il granni sipolcru di Cristu liberò,

e molto travagghiò cu gnegnu e cu la manu,

Finu a quannu, mutu mutu, nun si la svignò.

 

Mela- E quannu attacca ca litania?-

Peppinu- Aspettati, sintiti a mia. Ah, e, m’arraccumannu a tutti d’arrispunniri in coru: ora e poi.-

Mela – E picchì accussì, sintemu?-

Pepp.- Mi grazia ricevuta e ora stativi muta! -

 

Vitu – (salmodiando, rivolto a Peppinu) A facemus comus a chidda ca sai tu.-

Peppinu – ( sempre salmodiando) U capimum. Ora e sempri - si ‘n m’a scordai.- 

Vitu - Litania secunnum il vetero concordatus anteriori sed posteriorum a doppo l’avventu do conciliu avvenire vaticanorum terzero.-

Pipp.- Ora e sempri….-

Vitu –… U dicisti già…-

Pipp- …repetita aggiuvat…

Vitu -… tu ti stai prinutannum na passata di vastunatis…

Pipp- …A meco? (come se dicesse amen)

Vitu- …Sissignori, a teco e ai biati paoli. (come se dicesse: e sia signore) Allura attaccuuu...-

Pipp- …e a qu’aspetti.-

 

Vitu- (concentrandosi) Santa Maria da saletta; (i presenti risponderanno: ora e poi)

Santa Maria di Licoddia;

San Giuseppi La Rena;

San Paulu Solarinu;

San Piettru Clarenza;

San Giuvanni Li Cuti;

San Giuvanni La Punta;

San Giuvanni Galermu;

San Giuvanni decollatu;

 

Mela – Macari chissu? E cchi c’entra?-

 

Pipp.- Muta non distrubbati. Novi regoli, a cchi criditi.-

 

Vitu – Santu Stefanu di Camastra;

San Micheli di Ganzaria (fa cenno a Pippinu);

Pipp- (annuendo attacca a sua volta) San Gregoriu;

Santa Tecla;

Santa Venerina;

Santa Ninfa;

San Conu;

San Vito Lo Capo;

Santa Maria La Scala

Santa Teresa Riva ( accenna a Vitu);

San Giuvanni Rotondo;

San Vitu de normanni;

Vitu – Sant’agata Li Battiati;

Sant’Agata di Militello;

Sant’Alfiu etneo;

Sant’Alessiu siculu;

San Gregoriu;

San Berillo;

Santu Nullu;

San Cristofuru e così sia!-

 

Mela- Salaratu Diu, avevuru raggiuni, mai ava antisu nu rusariu accussì beddu!-

Nunzia- Certu…magari forse un po’, cone dire: troppo originale…-

Giesu- Ca comu! Originalissimu, quasi ‘nvintato a tappu!-

Vitu – E ora figlioli, se si mangia…-

Mela- Ccà, vossia  mi s’assitta ccà!-

Giesu- Si nun  ti dispiaci, cara criata, chissu aviss’a essiri lu me postu.-

Nunzia – E che per cortesia e buona ospitalità, cederai a monsignore. ( a Pippinu) Voi reverendo sedete accanto a me (civettuola).-

Giesu – (rabbuiandosi ) Stasera succedunu cosi turchi.-

Mela – (incominciando a servire) Certu che ca santa chiesa cinni sunu sempri novità. Pigghia, a esempiu, a missa che chitarri, l’ostia ca dununu macari i zaurdi, comu u zu Carmelu Spotu, poi ci abbattunu i manu ai morti – saluti c’è ccà – ora stu rusariu…-

Nunzia – Ma sempre novità …gradevoli. (guarda teneramente Peppino, il quale, in seguito, farà la controscena sulle battute di Vito: in particolare assumerà l’espressione serafica, raccolta, ispirata – col collo leggermente storto – ecc.).-

Vitu – E carissima, la chiesa s’aggiorna. (poi vedendo che Pippino gli fa cennu ca forse Nunzia ci sta, continua con un sospiro)  Se sapeste quale altra novità c’è nell’ari