IMPROVVISO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                                 Poesie
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                          IMPROVVISO
 
 
 
 
 
 
 
Improvviso
Un frullare d’ali -
Come battito di ciglia,
O palpito di cuore -
E il volo d’un pensiero,
Mi travolge.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                          MELODIA
 
 
 
 
 
 
 
Melodia che viene da lontano
d’un dolce sogno sognato invano,
da un abisso di pianto che culla
un amore dissolto nel nulla,
 
Melodia di silenzi invadenti:
di fianchi rotondi, seni insolenti,
occhi blu - profondi, labbra scarlatte
capelli di luna, mani di latte.
 
Melodia di affannosi ricordi:
rossi tramonti, struggenti accordi;
baci d’argilla, amplessi di cera.
Poi chi fugge, chi cerca, chi spera.
 
Melodia di carezze penose,
di tante- troppe- promesse fumose;
passioni fredde; sorriso forzato
d’amore rotto, finito, spezzato.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Troppo tardi.
(inseguire il successo)
 
 
 
 
Amici
                                                                    è
Troppo tardi!
I germogli sono stati bruciati dal gelo,
e lo scirocco umido e afoso
ha appiccicato il male nero
sulle palpitanti foglioline,
intisichendoli.
Troppo tardi,
sulla mia testa vi sono ormai troppi capelli bianchi
e una marea di delusioni.
Troppo tardi,
Amici.
Adesso sono stanco.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Era l’amore
 
 
 
 
 
Era il mio amore
il mio bene, i miei occhi.
Con lei toccavo cime d’estasi:
La stringevo a me, e volavo;
L’accarezzavo, e toccavo il cielo;
La baciavo, ed era il Paradiso.
Ah, che amore!
Anima mia.
Amandola, il mio essere l’assorbiva,
La sua voce mi scioglieva,
il suo odore mi sublimava,
il suo calore mi stordiva -
e vibrava la mia passione…
Poi mi disse: è la fine.
Ed io risposi:
 Amen
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Punto e basta.
 
 
 
 
 
Ma cosa
Volete ancora?
 Ebbene
Nacqui inesorabilmente
Proletario.
E mi portai appresso rimpianti paterni
E speranze materne.
Il Caso mi dette un nome
E una dignitosa povertà.
 
Sapete?
Io e il Caso dormivamo insieme,
nella “naca” a vento.
Volli diventare borghese
E subito me ne
pentii.
 
Poi osservando e percependo
Mi avvilii:
Vidi la Bestia e la Bontà,
là, dove ci sono - in me, negli altri -
senza misericordia.
Agguantai, quindi, prima le illusioni,
dopo l’Utopia.
Ma la mia Utopia,
falla
di Artisti e di Poeti.
 
Ora
Punto e basta!
 
 
 
 
 
 
 
Lo scoppio (del cratere)
 
 
 
 
 
Eravamo lassù.
Poi,
Improvvisamente,
Il boato!
Ah, che boato:
E il mondo si invertì di colpo.
E quello che era cielo
Divenne terra!
E i massi piovevano dall’alto
E il fuoco cadeva dal cielo
E l’inferno
S’abbattè su di noi:
Pietre che rotolavano,
Pomici che rosseggiavano,
E polvere,
zolfo
fumo!
Poi
L’apocalisse
E
Morte!
 
Ora sono giù,
giù…giù…
Ma perché?
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L’Uomo.
 
 
 
 
 
 
 
Uomo, hai vinto
il tuo Destino.
Tu, con la forza del tuo umano
E razionale
Pensiero
Hai osato!
E hai rotto le
Catene!
Ed ora, libero, vaghi nell’Infinito,
Frughi nello Spazio,
Cerchi nel Gran Nulla,
Spazi nell’Eternità,
Scruti gli Abissi Ancestrali,
Miri Picchi Futuri,
Consapevole del tuo
Agognato
Arbitrio.
 
Bravo! E poi?
Poi
Nulla!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ho sognato
 
 
 
 
 
 
Ho sognato i tuoi occhi
Blu,
Che mi dicevano:
consolati, m’hai trovato.
Ed ecco, ora sei qui:
ti ho cercata,
ti ho attesa, sei venuta:
dal sogno alla realtà.
Ed io lo sapevo da prima
Da sempre
Dall’Eternità
Da oggi
Da quest’attimo.
E ciò è il Miracolo
Lungamente atteso.
Non perderti,
per favore,
non perderti.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Amore sano.
 
 
 
 
 
Amore sano
Amore infinito.
Tu
Quando non potrai più amarmi
Mi avrai tanto amato
Che mi basterà per il resto della vita.
Il tuo poco
Per me sarà
il tanto,
il tutto.
Io, avevo solo
il nulla,
tristezza e morte.
Ora vivere senza il tuo amore
È pazzia!
E’ vero! Te lo giuro!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Campanellini
 
 
 
 
 
 
Quando mi abbracci
odo campanellini suonare,
canti angelici,
profumi di fiori di campo.
e lampi di luce.
Poi con una vampa sul viso
la mia anima si smarrisce,
mentre il corpo freme.
Io, ora sono la
corolla di un fiore
che si schiude
che chiama
che brama.
 
Oddio, ti sento!
ti trovo
in me.
E la tua anima si fonde con la mia
E si incontrano in infiniti Universi
Che frullano il mio languore
Mentre nei miei pensieri di carne
scorre la Vita:
che con gratitudine
l’accolgo.
E ti immortalo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La vedovanza.
 
 
 
 
 
Lo sai?
La mia vita si è fermata a quel giorno.
Ora vivo per inerzia.
Questa casa, i mobili, gli oggetti,
Anche le minute cose,
Mi ricordano te,
Continuamente,
Ossessivamente.
E non riesco più a tollerare questa vita
Vuota
Senza te.
E vorrei finirla.
 
Cara, cara,
Dolce cara,
Tu non sai cos’è
La vedovanza,
-non la banalità della solitudine, del sesso-
Ma quel vuoto che ti comprime
L’anima
Che ti squarcia il petto,
Che ti toglie il fiato.
Quel vuoto che ti fa ondeggiare la testa,
Come una barca nel mare di
Scirocco;
Che ti fa illanguidire, ogni attimo, al ricordo
Struggente
Dell’amata che non hai più con
Te.
Capisci ora?
 
 
 
 
 
                                                         
                                                       Cuore di pietra.
 
 
Lo sapete, no?
Conoscete la veglia mattutina,
quella che attanaglia i vecchi
al ricordo
della propria vita
vissuta?
Ebbene, io la posseggo.
 
E’ la vita,
anzi parte di essa,
che mi passa in rassegna
regolarmente,
notte dopo notte.
 
E mi rivedo ragazzo,
di borgata,
oppure giovincello,
alle prese col primo amore,
o adulto che sbatte la fronte
sulle colpe sue e della
Società.
 
E poi vengono - non rimpianti, ma ricordi
Amari.
Purtroppo veri!
E le vecchie vene tremano nei polsi,
per quel che fu,
che poteva essere,
che non è stato.
Ma nessun attimo del passato
Mi serra l’anima!
Forse Cuore di
Pietra?
 
Ma che brutta Retorica!
 Puah!
 
 
 
 
 
 
 
 
Ma che anni sono questi?
 
 
 
 
 
Ma che anni sono questi
Che mi aggrovigliano l’Animo
E m’incatenano lo Spirito?
Che anni sono, dunque?
Anni assassini,
 o
Anni Luce di delusioni?
 
E se fossero
- Semplicemente-
Gli anni miei?
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Capisco e passo
 
 
 
 
 
 
Quando vedo l’imbrunire
Travolgere il sole,
capisco
e
passo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                 
 
 
 
 
 
 
Gesù della speranza.
 
                                             
 Ma di cosa parlate?
di Gesù
dell’amore,
della speranza?
Ma ci vedete?
Sapete dove siamo?
Siamo in un lazzaretto!
-ricovero per vecchi-
abbandonati da tutti,
lasciati in mezzo alla sofferenza,
alla disperazione e, qualche volta,
alla pazzia dei compagni più sfortunati
- e neanche il pianto
più ci dà conforto.
 
Qui c’è solo amarezza- ineluttabile!
Qui è patimento,
giorno dopo giorno,
monotono, martellante, incessante
- senza scampo!
Con la sola visone della
libertà attraverso la morte,
che, per noi, arriva sempre di notte, discreta, veloce,
per non disturbare.
 
E voi ci parlate di
Gesù
della speranza.
Ma qui c’è solo disperazione,
Qui la speranza non esiste!
 
 
 
                                                 
                                               
 
 
 
 
                                           .
                                                               E già.
                                                occhi di vecchio, cos'altro
devi vedere ancora?
 
 
 
Questo:
 
 
Ho visto due grandi torri innalzarsi verso
il cielo.
Nuova Babele.
E gli uomini- ape, costruttori di idoli,
che vibravano
attorno, attorno, attorno,
alzando, alzando alzando.
E il chiasso, i rumori,
la musica ossessiva,
la cacofonia di suoni acuti, come di chi si
chiama,
vuole,
pretende.
Poi ho sentito tra quelle voci…
tante tante, tante
voci,
voci di folla…folla…folla,
e di uomini, uomini, uomini.
Uomini incupititi, ma uomini!
E di bambini, passeri implumi.
Poi…oddio…
poi…poi…poi,
udii un sibilo lacerare l’aria,
…erano…erano…erano
aerei,
come mostri di latta,
che sorvolavano il cielo.
E uno schianto!
Uno di essi,
come gabbiano ferito,
con un ultimo colpo d’ala,
s’abbatte su una delle due torri!
resto esterrefatto:
di fronte a quella linea
impazzita.
 
No! No! no!
Grido
Perché un altro aereo,
falco predatore,
determinato!
sfonda il cielo e la torre accanto!
Ed è tutto una fiamma.
Spariscono le api costruttrici,
fugge la folla formicolante,
impazzita dal terrore.
Fugge, corre, inciampa,
cerca salvezza!
Salvezza, salvezza, salvezza,
mentre dagli edifici urla di aiuto, sventolio di camicie, tovaglie bianche di resa,
chiedono disperatamente:
salvateci dall’inferno!
E un riso beffardo lordò l’aria!
Chi si è sostituito a te!
Gridai al cielo.
Ma il cielo rimase muto e fumoso.
Gridai, gridai, gridai
Impotente gridai,
dalla visione paralizzato,
non dalla paura,
ma dallo sbigottimento!
Poi il grottesco crollo delle torri
che si inginocchiavano
vinti:
prima l’una, poi l’altra!
Collassando,
sedendosi su se stesse,
in un rumore assordante,
in una nuvola di polvere,
in una Apocalisse annunciata.
E fu il Caos che venne a visitare
gli uomini!
E fu morte, strazio, orrore, pazzia per una moltitudine di essi.
E fu Erode - con la sua strage!!!
E fu l’inizio di nuovi massacri!
 
Ecco: Vidi la guerra e il rumore di guerra
appressarsi.
Udii la tempesta dei caccia,
il ringhiare dei carri armati,
il singhiozzo dei razzi!
E il sangue
scorreva, scorreva, scorreva
a fiumi lungo strade, deserti, montagne.
E sulla cima di una montagna c’era seduta una
figura in mero,
mentre un’altra, bianca, le stava al fianco,
in piedi.
Una impugnava
una falce,
l’altra reggeva
una clessidra.
Mute, mute, mute.
 
Ed io, ritornato bambino,
gridavo a valle:
Badate! Badate… badate.
Ma, in quel rumore assordante
di guerra
e di sapore di guerra,
nessuno mi  - ascoltava.
 
Allora decisi di tracciare
un cerchio
per terra,
di sedermi al centro di esso,
e di  escludermi dal quel mondo
assassino.-
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                        L’ ERUZIONE
 
 
Cielo turchino, sapore di zolfo,
una nuvola indugia sulla vetta,
l’aria è triste.
Silenzio!
Consapevolezza  o presagio?
 
Un boato.
Spacca la Montagna!
Ecco, in alto, s’alza un fumoso fungo scuro.
E’ segnale, è principio dell’eruttata.
E irrompe una fontana di sanguigni barbagli,
e un fiume di fuoco cola dalla nuova bocca.
Rosso nella notte,
traballa e scende, riluce e ronfa,
sbuffa e brucia.
E’ l’inizio.
 
Dio ci aiuti!
Rassegnato, dice un vecchio
 
Cola e si rivolta
La colata     
Sulla vecchia sciara!
E scendendo s’incarognisce:
e va’ veloce, al volger della tramontana,
già lascia l’antenata
e punta in basso - travolgente tuffo.
E trema il bosco,
trema la ficara!
 
Angoscia!
Del vecchio.
 
Zitti gli uccelli, mute le foglie, tace il vento.
Silenzio attorno.
 
Brucia.
E avvampa
alberi e visi;
Incenerisce
vigne e cuori;
Inzolfa contrade e
Pensieri.
 
Paura!
Di gente
 
 
Passano i giorni,
passano le nottate,
il cielo cambia spesso
connotati.
Po’, all’improvviso, la lava si rivolta la camicia:
cerca riposo:
E s’affievolisce, si contrae, si raffredda, si rassoda.
Si rinsecca!
 
E in cima, come ebbe inizio, tutto finisce:
si rimette il tappo e
tace – il Vulcano!
 
                                                     Si sgravano i cuori.
                                                             Mentre, giù,
il vecchio,
affacciandosi all’uscio,
scrutando la Montagna con occhi stracchi,
scoppolandosi,
mormora - segnandosi :
Per me c’è
la Mano Divina.
                                                               
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Scendo
 
 
E scendo un altro gradino
Della vita.
Il ginocchio cede,
Non
Per l’usura,
Ma per il tremore
Dell’anima,
Che percepisce
L’inizio
Di una nuova
Fine.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                               “   Vai  Pensiero”
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                         Pensieri miei
 
 
 
 
 
Porto a spasso i miei pensieri.
Li accudisco, li accontento,
Li accarezzo, li accolgo
Dentro la mia mente;
In mezzo alla bambagia
Li faccio riposare,
Decantare,
Imputridire,
Dissolvere.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Piove.
   
Piove sulla città
Squallida.
Acqua  monotona
Inzuppa uomini tegole e asfalto
E la via si muta in fiumana.
 
La fanciulla guada il torrente;
L'automobilista sfreccia
Incurante:
Doccia di fango a lei e
Su tutti gli sventurati che s'apprestano alla via
 
E dall’auto s’ode un ghigno,
Una risata.
Ti meravigli?
E’ come nella vita:
C’è chi, vergine, s’affanna
E chi, diabolico, l’infanga.
 
 


Da stamani...

Da stamani c'è` freddo in me:
Dentro di me,
Nel cuore, nel cervello,
Nell'intimo.
Da stamani c'è il vuoto in me:
Nel petto,
Nella bocca dello stomaco,
Nell'anima.
Da stamani c'è buio in me:
Negli occhi,
Nella mente,
Nello spirito.
Da stamani c'è il silenzio in me:
Nelle orecchie,
Nel pensiero,
Nella fantasia.
E queste parole:
Menzogne?
 


                                                               ... Poi
Circondato
Da certezze salate, umori viscidi,
Sensazioni fangose;

Avvinto
Da vizi atavici, abitudini secolari,
Pigrizia cosmica;

Percorso
Da cime d'inerzia, serpeggianti dolori,
Ondulati rimorsi;

Immobile
Tra sussurri acidi, voci scolorite,
Melodie puzzolenti;

Abbandono
Delicate cicute, luminose nausee,
Vacui bordelli;

Lascio
Saporite scorie, odorose maledizioni,
Soavi vaffanculo!

Tormentato
Da bassezza congenita, sublime sciupio,
Grigia inesistenza;

Invoco
Giusti sentori, caldo splendore,
Sincere sinfonie;

Cerco
Palpitanti illusioni, effimero desiderio,
Lieve speranza;

Trovo
Un pensiero,
Un sepolcro di luce, poi
Il Nulla!




                                                     Ma voi ci pensate?


  Ma, voi, ci pensate?
Se ciò che scrivo non fosse:
Retorica, grossolanità, ingenuità,
Plagio, grettezza, superficialità;
  Ma...
Libero flusso dell'anima?
Ma ci pensate?
Se la mia regia non fosse:
Fatua, uggiosa, ripetitiva,
Pacchiana, inconsistente, dilettantesca;
Ma...
Sintesi guizzante, simboliche immagini,
Stilettate ai sentimenti?
Ci pensate?
Se i miei dipinti non fossero:
Lividi al gusto estetico, violenza ai sensi,
Tele imbrattate per lo altrui patire;
croste!
Ma...
Illusioni, fantasia pura,
Luce,
Sofferenza,
Immensità?
Pensate:
E se non fossero
Tenui sberleffi all'arte,
Ma...
Lievi, impalpabili, umane
Speranze?
 



Vento!

 
Un vento impetuoso
Scuote le imposte.
Implacabile!
 
Sibila tra i fili sospesi,
Sui pali scheletrici:
 
E sveglia un vecchio comatoso...
 
Cade l'ultima foglia dalla quercia
Mescolandosi
Alle mille già
Marce;
 
Cade il vaso di gerani,
Gialli di freddo;
Cade una verga appoggiata al muro,
Rumorosamente:
 
E sobbalza il vecchio rugoso.
Vola la cartaccia,
Fa mulinelli;
Rotola un paniere,
Dimenticato;
 
Garriscono i panni stesi sul filo,
Secchi;
Si stacca una tegola
Dal tetto.
 
Vola un'anima;
E un vecchio, su un letto,
Immobile,
Giace.
 
 

                                            Un sonetto per me.
 
 
                                    Chissà s'esiste il bisturi giusto
                                    per recidere dalla vita mia
                                    le chimere del mi' animo frusto:
                                    La creatività, la fantasia...
 
                                   La prima, rubacchia, serafica,
                                   nel Gran Nulla, l'idea fluttuante.
                                   La vaglia, la scruta, la verifica:
                                  Sara` stramba, forse sarà brillante...
 
                                  La seconda, vaga nell'infinito:
                                  Fruga il futuro e l'ancestrale;
                                  torna con un pizzico, striminzito,
 
                                  d'estro, o...una ventata geniale.
                                  E li donano a me, che inadeguato,
                                  l’appassisco, retorico e banale.



Il  Tunnel.
 
L'epitaffio
""  Come glicine s'aggrappo` alla vita,
Che come gramigna lo soffoco`. ""
 
Acuto fu il suo vagito!
Ed ecco il buio:
Poi una luce incerta frugo`
Le tenebre.
 
Lui si mosse,
Deciso, passo elastico, incurante:
 
Era la`, e più oltre,
La sua Meta.
 
Ma quel passo, nel tempo,
S’inceppò;
E la Meta divenne sempre più
Lontana.
 
Allora protese il braccio,
Ma ghermì l'oscurità.
 
Ora fu lento passo il suo,
E la luce sempre più distante.
 
Po' cedette alla precoce stanchezza,
E al chiarore divenuto
Flebile.
Infine l'impresa lo prostrò:
La luce svanì,
E fu ancora
Buio!










Solo puff!
 
Grido!
  Grido al vento.
Ma nessuno ascolta!
Mi guardo allo specchio
E mi confondo.
Sto in attesa di quello che non so`.
 
Scruto!
Scruto il futuro e il passato,
(ma il presente no!)
E lacero il cielo:
Basterà?
 
Penso,
Penso il vuoto e m'addormento:
Sogno la vita che mi manca.
 
Pungo,
Pungo il mio cuore
E odo solo:
Puff!












Prima Intifadah.
 
Piccolo, scuro, scarno,
lacero, sanguinante, indomabile!
scaglia le sue pietre.
 
Ragazzo senza futuro,
fra donne in lutto,
tra sassi bianchi di sole,
e neri di tritolo,
morde il freno dell'impazienza
degli uomini liberi.
(o batterti contro i cannoni.)
 
Insanguinato Testimone di
Bibliche Stragi,
nel Mondo rinnovi
l'Orrore.
 
E la Giustizia?
E  Dio?
Sono forse con te?
 
 








La faccia.




Mi sussurra sarcastica,
passandomi accanto, veloce:
- Non te la prendere..-

Rispondo risentito:
- Prendere? Cosa?-
Ma lei, già lontana, fa spallucce.

Monto in collera:
La ricorro,
ho il fiatone,
la raggiungo, l'afferro, la giro con
violenza e grido:

- Ma chi sei, battona!-
... E vedo specchiato nel suo,
il mio viso da cavallo.

- Allora, imbecille?-
Mi sibila, gelida, in faccia la mia
faccia!

















Occhi che non sono occhi.
 

Occhi che non sono occhi,
ma abissi marini;
 
labbra che non sono labbra,
ma spicchi sanguigni;
 
seni che non sono seni,
ma bianche grosse  perle;
 
corpo che non e` corpo,
ma acqua d'arsura;
 
Voglia che non e` voglia,
Ma brama di te!
 
 










                                                        La  Sorte

    
La Sorte sferza, percuote, scompiglia.
 
             L’Uomo s’accascia
 
          - Filo d’erba reciso -
 
                  Immiserito,
 
                    Vinto;
 
             Mentre un grido
 
              So leva al cielo:
 
                   Perché!
 
 
 
 
Preghiera.                               
Il Fato, 
Il Caso, 
La Stella dell’astrologia, 
Mi vollero per amico 
  Il Fu, 
L’Ero, 
Il Sono, 
E il Sarò 
Mi stanno accanto. 
L’Arte, 
La Poesia, 
La Creatività 
-             - Vampate di gelo – 
                Mi furono donate. 
L’amore, 
L’Armonia, 
La serenità 
-          - Timide e discrete – 
-      Non mi negano il Profumo. 
  
Il Dolore, 
L’Inimicizia, 
L’Incomprensione, 
La Mortificazione 
Vanno verso l’oblio. 
  
La Colpa, 
Il Rimorso, 
L’Espiazione 
Con la sofferenza 
Corrono verso il Tempo. 
  
Mio Dio, 
Fa 
                - Se è un sogno – 
            Che Nessuno mi svegli 
                       E mi dica: 
                   Ridammi tutto! 
                    Non era per te. 
   E se dovesse accadere 

Amen

  
   
 
 
 
 
 
E io passo…
 
 
 
 
 
Affastellati lungo i sentieri della vita
Stanno i miei ricordi.
Appesi sulle staccionate, come panni al sole,
Guardano mute le mie ore.
E io passo.
 
Da un ricordo d’innamorato,
O da un tramonto dimenticato
       -  tra cadenti ciglia attempate  -
                  Occhi stracchi
         Fiutano cime mai raggiunte
            ( Ma, raggiungibili?),
   Fatti di sogni logorati – delusioni…
                     E io passo.
 
                                Miagolando, stridule, su carrucole arrugginite
  - Come sipario di velluto rosso,
                      Stinto,
                      Sdrucito,
                      Polveroso,
        Strapieno d’anni e di parole –
          Calano palpebre scarlatte;
   Mentre una gocciolina di vecchiezza
             Disseta zolle di riposo.
                     E io passo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Come faccio a capirti, Borges.
 
 
Come faccio a capirti, Borges
Quando parli di condottieri, di guerre,
Di spade e tamburi.
Come faccio a capirti
Quando parli d’Israele, d’Inghilterra,
Di Junin
E della Buenos Aires di Juan Murana.
Come faccio a capirti
Quando parli dei valorosi guerrieri
Di Plaza de Mayo
( Quelli con lo scannatore al seguito).
Come faccio a capirti
Quando erri nel passato carico
Di rimpianti,
Di ricordi,
Di Tenute.
Di Avi.
Come faccio a capirti…
 
Poi, il Gaucho mi fa sobbalzare:
Il coltello è mio fratello;
La chitarra mia sorella.
E il tuo buio mi è amico;
La cenere della cenere la capisco;
Lo specchio ricorrente non mi sorprende;
Il tuo sogno – incubo, lo intuisco;
Il tuo fiume lo conosco,
E così le tue stelle.
 
Ma…ma, quell’innocenza della belva
Mi commuove.
E qui mi smarrisco.
 
 
 
 
 
 
        
Muro di gomma.
 
 
Vaga è la notte.
I sogni svaniti;
Spenti gli sguardi
Negli occhi appassiti.
Logora è la vita, piatta l’ora
E i momenti infiniti
Marciscono
-                - desolati e stanchi.
 
Sirene e non solo sirene;
Chimere e non solo chimere;
Parole e solo parole:
Voglio la Verità
 
Ma un Muro di gomma
Mi circonda:
E un Rumore s’avanza;
La Notte è più buia;
La luce non brilla;
La Vita s’imbrutta.
Non resisto più!
Voglio la Verità.
 
Muro di gomma
E distrutti i sentimenti;
La Gioia
Di quei momenti;
Mistero e delitti,
E gli ideali trafitti.
Poi parole, parole, parole,
E soltanto parole
Vuote.
Voglio la Verità!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Com’è dolce…
 
 
 
 
 
Com’è dolce, com’è morbida e carezzevole,
Com’è profonda, com’è accogliente,
Come brucia!
Com’è avvincente, com’è inebriante e sublime
- La Donna!
 
E il Creatore, stupito,
La colmò di tutti i Beni;
E all’uomo dette solo
- Scarti.
 
E’ Lei la prima Creatura
( Il compagno Le fu tratto, chiaro!)
Lei Principio e Fine di ogni uomo nato
- Maschio.
 
Lei, che t’avvolge;
Lei, che ti travolge,
E’ sempre Lei, che con un
- Sorriso
Ti sconvolge.
 
Chi non è Morto fra le Sue Braccia
Alzi la mano!
E chi non l’alza,
Ahimè, è Povero
Sfortunato.
 
 
 
 
 
 
 
Sentiero-natura.
 
Bevo aria fresca e silenzio
mentre vuoto di pensieri,
vago sulle costole della Montagna.
   -  Ma, che strano azzurro è mai
             quello che avvolge
quel cratere fumoso,
che riposa molle e sonnolento,
come un vecchio fumatore d’oppio -
E, intanto, arrancando sul sentiero
ripido come la mia vita,
calpesto i ciottoli e le mie ore.
 
Bevo aria fresca e silenzio,
quando i miei occhi abbacinati,
fuggono la luce, dolenti,
e si placano solo tra ciuffi,
rughe,
e rotondità  renose,
che le mie scarpe calcano,
simile ad una carezza audace,
- come a volerla penetrare -
col mio corpo che conosce il piacere,
con la mia mente che lo ricorda,
col mio ricordo che l’affievolisce.
 
Bevo aria fresca e silenzio
sfiorando il fugace riposo
del cratere che conosce
il sublime turgore;
i boati della smania;
le scosse dell’orgasmo;
l’eruzione del viscerale magma,
che cola dai neri lombi,
abbruciatore.
 
Bevo aria fresca e silenzio,
mentre m’avvolge,
col timido sapore di ginestra,
una folata di Libeccio
che sa di zolfo rovente
e frulla la mia vertigine
- un attimo -
poi il suolo m’accoglie,
paziente amico,
e mi consola.
        
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                    Disperatamente
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                   Ma cosa mi succede?
 
 
 
 
Cosa mi succede, ora, oggi, in questo tempo?
Cosa succede alla mia anima?
Questo corpo già lo sa:
Si sta decomponendo
Con lentezza
Con pietà
Inesorabilmente.
Ma l’anima?
Perché non vuol rassegnarsi
Alla decomposizione
Perché vuole
Vivere?
A che scopo!
Ditemelo,
se lo sapete.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                       Giorno  di  notte
 
 
 
 
Giorno di notte,
le ore sono lente,
i fatti riemergono,
i ricordi s’incendiano,
i rimorsi pungono,
gli occhi si spalancano,
il sonno s’imbosca,
e i sogni finiti.
Ma, che notti sono mai queste?
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                           
 
 
 
 
 
 
 
                                                       Che faccio ora?
 
 
 
 
Che faccio ora?
Ora che non so più nulla
Di ciò che accade
Attorno a me.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                         Contemplare 
 
 
 
 
 
 
 
 
Com’è dolce
Contemplare
Il fluttuare
Dell’Anima
Quando diventa
Bello al giorno finire
E al di ricominciare.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                             
 
 
 
                                                          L’ Amore
 
 
 
 
 
 
Sappi che nella mia vita trovo più pozzanghere di melma
che scorci di erba verde e di fresche acque.
Troppo tempo è trascorso
e miseramente è andato perduto.
I giorni grigi si sono succeduti inesorabilmente,
cadendo come foglie secche al vento.
E adesso anche quei prati e quelle acque
stanno ingiallendo, inaridendo
e dissolvendo…nel nulla...
 
…Ma sappi anche che la mia pellaccia era dura,
la scorza fu temprata dai giorni.
Solo tu avresti potuto intaccarla,
ma mi sei sfuggito dalle mani
e senza un tremito - dissolto.
Ma che Amore!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                    Che ne sapevo io
 
Che ne sapevo io, povera bomba da 900 libbre, di ciò che fanno gli uomini.
Che ne sapevo io se quella notte del ’43 mi sganciarono sul cielo della Sicilia.
Che ne sapevo io di questo Mario Mazza –
della sua casa
del suo mestiere
dei suoi lunghi mesi di guerra al fronte
della licenza speciale, per la morte della madre?
Che ne sapevo se, dopo aver pianto e seppellito la madre, per il resto della licenza voleva dimenticare
i disagi del soldato
le pulci della divisa
le cimici della branda
i pidocchi nei capelli
le piattole nei genitali
il fango della trincea
il freddo nelle ossa
le latrine puzzolenti
la dissenteria cronica
gli attacchi giornalieri
le incursioni notturne
i morti, i morti, nostri e dei nemici.
Che ne sapevo io del suo bisogno del sole
del profumo della sua terra
della biancheria pulita
di un letto morbido
della pastasciutta
delle arance
della pace?
E che ne sapevo io, se quella notte, l’ultima della licenza
–quando suonò la sirena dell’allarme aereo-
egli non volle alzarsi dal letto per andare al rifugio.
Che ne sapevo se dal rumore dei motori, suo padre credette che i grossi bombardieri andassero a sganciarmi sugli obiettivi militari.
Che ne sapevo io di obiettivi militari…… poi il … Liberator...
- il “Liberatore”, che ironia vero? -
da diecimila feets, mi sganciò ed io fischiando …
disperatamente...
caddi!
 
…Poi se scoppiai, o meno è un altro discorso.
 
Scendo
 
 
 
E scendo un altro gradino
Della vita.
Il ginocchio cede,
Non 
Per l’usura,
Ma per il tremore
Dell’anima,
Che percepisce
L’inizio
Di una nuova
Fine. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
“ TEATRALMENTE”
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Poesie inserite in opere teatrali 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  
 
 
 
 
                           
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L'attesa.
 
 
 
 
Ero solo.
Aspettai a lungo la vita.
Ma, quando giunse,
era in compagnia
della morte.
 
 
( da " Astro " )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                            
Prologo alla profezia di Maria.
 
 
 
 
- " Maria, dov'e` Gesu`? " -
- " L'hanno assassinato!
Insultato, frustato e appeso alla croce.
Come un agnello fu portato al macello..
Denunziato con false accuse,
con falsa pieta` frustato,
con falsa giustizia crocifisso.
Sanguinante,
da tutti abbandonato,
fu solo nell'angustia..
Soltanto un soldato ha avuto pieta`.
 
Poi il tetano l'ha logorato,
ha tremato la terra,
si e` squarciato il velo,
ma natura ha preso il lutto,
quando,
perdonato i carnefici,
e` spirato!
 
Caifa, sacerdoti!
perche` non strappate le vesti?
 
 
 
( dal " Gesu` " )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          
Profezia di Maria.
 
 
 
Mio figlio ritornera`!
 
Pero` dopo che l'uomo
con rivoluzioni e guerre,
avra` fatto molte vittime innocenti;
 
dopo che avra` inventato
le armi piu` micidiali,
e ad esse rinunziato;
 
quando non dira` piu`:
" Questo e` mio! "
quando amera` l'altro;
 
Dopo che in pace
si sara` lanciato
nello spazio:
 
Proprio in quei giorni,
nell'armonia del Cosmo, leggera`:
" Io sono la Parola! E tu chi sei? "
 
Solo allora sara` abbattuto
l'ultimo ostacolo che separa
l'uomo dal Cristo: La superbia!
 
Solo allora Egli tornera`,
e trovera` la fede
sulla Terra!
 
 
( dal " Gesu` " )
 
 
            
 
Pilato.
 
 
 
 
 
Sei cieco!
 
Non puoi vedere...
Cavalchi la storia,
il tuo nome immortali
sigillando un voler non tuo!
 
Sprazzi d'intuito t'abbagliano,
sei tormentato da dubbi,
dal profondo salgono ansie...
 
Ma queste e quelle
saranno fugate in Gallia,
dove placherai il tuo spirito.
 
E, meditando sui fatti di Giudea,
capirai:
Cos'e` la Verita`!
 
 
 
( dal " Gesu` " )
 
 
 
 
 
 
          
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Scribi e Farisei.
 
 
 
 
 
L'orgoglio, la superbia,
la cupidigia,
l'invidia vi accompagnano!
 
Pastori di greggi,
a Dio consacrati,
mutati in lupi affamati,
 
Suggete il latte alle pecore,
tosate i montoni,
sgozzate l'Agnello!
 
Stolti!
Il fuoco della giustizia
gia` arde:
 
Grande e` il crogiolo,
eterna la pena!
.. I tempi gia` sono!
 
 
 
( dal " Gesu` " )
 
 
 
 
 
                          
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La voce che grida nel deserto.
 
 
 
 
Era prima di me!
 
Esultai nel seno di mia madre
quando lo riconobbi nel seno della sua.
Sentii vicina la salvezza degli uomini!
 
Il mio mandato mi pressava:
 
Purificai nel deserto
il corpo e lo spirito:
divennero sano l'uno, forte l'altro!
 
Poi ho gridato,
per la certezza che v'era in me,
l'approssimarsi del suo Regno!
 
E` venuto dopo, era prima!
Io con l'acqua calero`,
Lui, col fuoco, crescera`!
 
 
( dal " Gesu` " )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Getsemani!
 
 
 
Ha manifestato il Padre,
ardentemente ha predicato il Regno..
 
le strade di Giudea, di Samaria,
di Galilea bevvero il suo sudore.
 
Povero tra poveri,
temuto dai sacerdoti,
tollerato dai potenti,
i ricchi ha sferzato!
 
Solo d'amore parlo` alle mutevoli folle..
 
Il tempo e` concluso:
Morire e` duro,
saper di morire atroce,
morire giovane, assurdo!
 
L'angoscia s'appressa,
suda sangue,
agonizza!
 
Uomini!
Deboli uomini, svegliatevi,
confortatelo, aiutatelo..
 
Dio non puo`!
 
 
 
( dal " Gesu` " )
 
 
               
 
 
 
 
 
 
Crocefissione.
 
 
 
 
L'ora sesta lo trovo` crocifisso.
Un'iscrizione lo scherniva:
Re dei giudei, diceva.
Ma figlio dell'uomo fu!
 
La folla l'oltraggiava,
i sacerdoti, nel delirio del vilipendio,
gridavano:" Sei l'Eletto di Dio,
hai confidato in Lui,
hai salvato gli altri,
salva te stesso!"
 
I soldati, ciechi molossi,
nella loro sanguinaria follia,
tragicamente lo beffeggiavano:
" Scendi dalla croce Re dei giudei!"
Ma figlio dell'uomo fu,
Salvatore sara`!
 
L'ora sesta s'appressa,
la morte s'avvicina,
i tempi sono conclusi!
Figlio dell'uomo fu,
Salvatore sara`,
Dio e`!
 
 
 
( dal “Gesù”)
 
 
 
                             
 
 
 
 
Golgota.
 
 
 
 
 
 
 
Guizzi di Verita` sul Golgota,
scrosciano su uomini induriti:
Carnefici, boia impietosi,
spietati esecutori,
angosciati,
atterriti,
pentiti!
a Dio gridano:
Pieta'!
 
 
 
 
( dal " Gesu` " )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
E una spada ti trapasserà l'anima.
 
 
 
 
 
 
E una spada ti trapasserà l'anima!
E una spada… ti trapasserà... l'anima...
Ah, Simeone, Simeone,
uomo giusto e pio,
perche` aspettasti me e il mio bambino
davanti al tempio di Dio?
 
Perche` ci aspettasti?
Perche` l'hai voluto vedere
prima di ricongiungerti ai tuoi antenati?
Perche` profetasti la sua grandezza
e vi unisti la mia angoscia?
.. e una spada ti trapassera` l'anima...
 
 
 
( da " Maria di Nazareth" )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                 
Ecco, la spada viene sguainata..
 
 
 
 
Quella spada che per trentatre anni
ha minacciato la sua anima,
e` stata sguainata, affilata
ed e` gia` pronta a colpire.
 
E colpira`!
 
Inesorabilmente colpira`!
Colpira` perche` fu forgiata per tale scopo;
Colpira` perche` dopo di te
si accanira` su tante madri sventurate;
colpira` affinche` gli innocenti piangano:
colpira` per la vendetta, la potenza,
l'ambizione,
che tutti gli uomini di tutti i tempi
cercheranno attraverso le vie tortuose
del delitto!
 
Ma quella spada e` anche spada
di Giustizia,
e senza la Misericordia Divina,
colpira` tutti gli stolti
che si saranno levati contro i legittimi
diritti naturali
di tutti gli uomini della terra!
 
 
 
 
( da " Maria di Nazareth " )
 
 
 
 
                         
E la spada trafisse la sua anima!
 
 
 
 
Quella spada predettale da un vecchio saggio,
quando il suo cuore era ancora giovane,
affondo` nelle carni lenta, inesorabile,
assassina!
 
E il sangue sgorgo`
sotto forma di lacrime amare
da quegl'occhi ingenui
che videro, muti testimoni,
la piu` bella
e la piu` tragica
storia dell'umanita`.
 
E le lacrime si mescolarono
al sangue del figlio suo,
e inzupparono la terra di dolore,
di passione
e di morte!
 
E la macchia umida e rossastra
si allargo` tingendo di rosso
carnefici, soldati, sacerdoti
e il mondo intero.
 
Poi, contrito,
tutto il Creato
prese il lutto!
 
 
 
( da " Maria di Nazareth " )
 
 
 
 
 
 
 
Figlio d'amore e di spine...
 
 
 
 
... Egli non sceglie la via,
non decide il giorno, ne` l'ora.
Egli va`!
E non sa` mai dove, di notte,
poggerà il capo.
 
Il mio cuore si strugge
per le vostre afflizioni,
e vorrei...vorrei...
Oh,
 
figlio d'amore e di spine;
figlio di gioie e di sospiri;
figlio carnale e Soffio Divino,
 
ascolta questo mio povero cuore,
tirato, dall'una e dall'altra parte,
da buoi forti e sbuffanti
che lacerano l'anima mia.
 
Ascolta la mia accorata supplica;
ascolta il pianto dei sofferenti.
Io nulla posso senza di te,
e nell'impotenza, mi struggo!
 
- " Donna, cosa c'e` fra noi due? "-
Nulla, null'altro che amore!
 
 
 
( da " Maria di Nazareth " )
 
                      
 
 
 
 
Domenica Fulcon, operaia
 
.. Fui sposa e mancata madre.
Andai sposa ad un uomo buono ma povero.
Il pane era quasi sempre assente
dal nostro desco;
la miseria, sempre presente!
 
Il sopruso del malandrino,
la prevaricazione del forte,
l'ingiustizia del potente,
il tradimento dell'amico,
prostrarono il mio uomo.
 
La gravidanza ci sorprese.
Lottammo per far posto al nascituro,
ma furono fatiche vane..
Poi la decisione: Egli non verra`!
Non venne!
 
Abortii lui e la mia vita.
Quando giunsero tempi migliori,
non venne il concepimento:
Fui sterile per il resto della mia breve
esistenza!
 
- " Perche` stringi l'addome? "
 
Per calmare il bruciore delle mie viscere
tradite da me stessa;
per provocare altro bruciore
che mi ricordi il tradimento;
per la speranza vana d'attendere un atteso!
 
.. chi mi aveva costituito giudice di vita?
 
.. infine, non ho soppresso mio figlio?
Dimmi, se sai, quale altro delitto puo` essere
piu` infame del mio?  Dunque lasciami nelle
mie afflizioni
e volgiti verso altre mete.
 
( da " Il sogno " )
                                                     Giulio  Cesare
 
..Ricevetti trentadue pugnalate.
i congiurati erano otto,
gli strappi sono trentatre:
Bruto non colpi`!
 
-" Lo amavi tanto da difenderlo ancora? " -
 
Lo amavo. Ma Bruto non colpi`.
Il suo pugnale ha solo strappato il mio
mantello
.. Egli era un romano, non un barbaro;
era nobile, non assassino;
mi era figlio, non traditore.
 
..  Perche` chi emerge e` bersaglio
per i mediocri;
e i mediocri ebbero il brodo caldo
per pascersi all'ombra dei miei successi.
 
La bile era la loro bevanda quotidiana!
Dicevano...
.. certo, e` la fortuna che lo sorregge,
senza di essa sarebbe una nullita`,
un ducetto, un piccolo despota.
Despota?
Ma certo, costui e` un despota,
quindi, in nome della liberta`,
bisogna abbatterlo!
 
.. io li tolleravo,
pur disprezzandoli, li tolleravo.
Non li temevo,
non potevo temerli,
Come puo` il leone temere la jena?
 
Ma le jene astute
adularono e sedussero il leoncello
e il leone
cadde!
 
( da " Il sogno " )
 
 
Michele  Spalla, soldato.
 
Uomini fummo,
belve diventammo!
I nostri cuori furono irretiti
da parole di onore, di fedeltà e di coraggio.
 
Lottammo fra di noi
spinti da ideali
che ci inculcarono uomini
falsi e storti.
 
Uccidemmo e fummo uccisi.
Facemmo vedove e orfani,
lutti e rovine,
orrori e massacri
procurammo in nome di principi a cui
credevamo di credere.
 
Io fui Michele Spalla
e cercavo un posto al sole...
 
.. questo e` il luogo dell'incontro.
Qui tutti i soldati
di tutti i tempi
ci riuniamo, ci guardiamo in faccia,
e stupiamo del nostro stesso stupore,
 
Qui ci sta di fronte
la piu` grande idiozia degli uomini viventi:
La guerra!
Essa viene rievocata laggiu`, da noi stessi,
che siamo i protagonisti e gli spettatori.
 
In cio` e` il  pentimento
e la  purificazione.
 
( da " Il sogno " )
                              
 
 
Tako Saguni
 
( Vittima d'Hiroshima )
 
 
 
.. fui uomo sano e felice,
soldato coraggioso,
amai e fui amato.
Ma un giorno su di me cadde il sole:
 
Luce, calore, vampe
mi avvolsero.
Insieme ad altri centomila
diventammo cenere e fumo.
 
La vita ci fu tolta
d'incanto,
e di noi rimase solo
il ricordo.
 
.. in nome di questo ricordo,
vivente, io ti parlo.
Fa che si rammenti sempre quel
massacro.
 
Racconta all'umanita` cio` che adesso vedrai,
guarda attentamente il giorno
d'Hiroshima.
Inorridisci, spaventati,
vomita se vuoi,
ma ti prego,
riferisci!
 
Io riprendo il cammino.
Qui lascio e lascero` i miei uccisori
che faranno e rifaranno la loro pantomima.
Per essi sara` e verra` l'ora!
 
Ecco, la scena e` pronta:
Iniziano!
 
( da " Il sogno " )
 
Uomo triste
( C.A. Dalla Chiesa )
 
 
 
 
Fui Generale e Prefetto
e morii deluso.
- " Perche` deluso "-
Perche` in vita agii, o credetti d'agire,
in nome della legge.
 
Ma la mafia, la camorra, il terrorismo,
la politica,
in essa pascevano,
fruttificavamo e
colpivano.
 
Terra di gramigna fu`!
 
- " In nome del popolo
dovevi agire.
Di questo popolo generoso e vile;
operoso e fannullone;
gioioso e traditore:
Ma popolo nostro,
noi stessi!
 
Uomini destinati alla salvezza
smarriti nei meandri del bisogno,
dello sfruttamento,
della guerra!
 
.. popolo sovrano,
capo dei capi,
padre di tutti.
 
Gridalo con me:
In nome del popolo!
e forse ti libererai dalla
tristezza." -
( da " Il sogno " )
                             
 
Martin Luter King
 
 
.. che a causa del colore della pelle
soffrono espiando un peccato
ancestrale?
- " Non peccato vostro, ma dei vostri
moderni persecutori."-
Moderni ed antiche nello stesso tempo:
Quando deportarono i nostri padri furono
Persecutori!
quando li fecero abbrutire sulle navi furono
Persecutori!
quando li misero schiavi nei campi furono
Persecutori!
quando finsero di liberarli,nei ghetti,furono
Persecutori!
quando soffocarono il grido di giustizia
furono aguzzini, boia e
Persecutori!
quando uccidono e ammutoliscono bocche
sincere,
quando legiferano finte leggi egalitarie,
quando pregano il Dio bianco, sono
Persecutori!
Il tempo per me e` finito.
Balzo verso l'Amore Puro,
ma il rammarico per i miei simili
attenua lo slancio.
Addio uomo che torni fra i viventi,
addio e porta con te la speranza
di un domani piu` giusto
 
per tutti gli uomini di buona
volonta`!
 
(da “Il Sogno”)
 
 
 
 
Perchè io?
 
.. Francesco, piccolo grande poverello,
perche` io?
-" Perche` tu hai avuto l'ardire di
pensare;
perche` hai pensato di osare;
perche` sei illuso,
incosciente e caparbio;
perche` nell'incompletezza
fra genialita` e banalita`,
sei patetico.
Perche` alla tua vita
hai cercato di dare un senso.
conosci il bene e il male,
il coraggio e la vilta`,
e non sai andare oltre,
non sai fare di piu`.
 
Ma i tempi erano e sono
e tu eri,
ora sei,
e poi sarai."-
 
Padre, poca cosa sono io,
e di questo viaggio
daro` poco frutto.
Ai tuoi perche`, per tua bonta`,
non ne hai aggiunto un altro:
Perche` sei pazzo!
Fui pazzo d'esser io;
ero pazzo quando pensai;
sono pazzo davanti a te,
saro` pazzo perche`
spero.
-" Tu farai cio` che potrai.
Per adesso sei qui: guarda,
incantati, gioisci, canta, se vuoi,
e, quando sara` l'ora,
Saprai. " -
 
 
( da " Il sogno " )
 
Francesco d'Assisi
 
 
 
L'Altissimo mi concesse la penitenza..
Venne la chiamata.
La febbre mi prese,
mi privo` delle forze,
quasi mi spoglio` del corpo,
mi tolse le scorie,
libero` il mio spirito.
E lo spirito rispose: Amen.
 
I lebbrosi mi accolsero,
l'amaro si tramuto` in gioia.
 
Molti vennero al mio romito
ad essi dicevo:
Il Signore ti dia pace.
 
Detti regole di vita
secondo il Vangelo.
Il lavoro e l'elemosina,
insieme alla preghiera,
furono la nostra occupazione quotidiana.
Il denaro fu bandito.
 
Nostra signora fu la
Poverta`!
 
 
( da " Il sogno " )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Pensiero Amico
 
 
 
 
Uomo,
Il fu nulla ti direbbe.
Morii nella tua terra, dove giunsi dalla mia Africa.
Fui vittima del gioco:
Si divertirono a dar fuoco
Ai cartoni
Mio giaciglio.
E il gioco fu tragedia.
Mi arsero vivo.
Morii mentre li
Perdonavo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
(da Il sogno)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                     L'addio della vita.
 
 
... quante volte hai rifiutato
una giornata di sole, per chiuderti in teatro
a fare e rifare una smorfia,
a ripetere una battuta,
a perfezionare un gesto,
Eppure io ero la`!
 
Bastava che aderissi ad uno dei miei
mille inviti,
per conoscermi.
Ma tu non ascoltavi la mia voce.
La coprivi coi suoni,
anzi coi rumori,
della tua frenetica vita,
vissuta alla ricerca dell'applauso,
del consenso altrui,
del benessere economico.
 
Mi sei passato accanto
innumerevoli volte,
incurante e distratto.
Mi hai accantonata, scordata, ignorata.
Mi hai bruciata!
 
Solo ora ti ricordi di me,
al momento del tuo distacco dal mondo.
Solo ora vorresti afferrarmi, trattenermi...
 
Ma prima non hai voluto,
adesso non puoi.
Io ti lascio.
Addio!
 
 
( da “Il Sogno”)
 
          
  
 
 
 
 
 
 
        Alessandro  Magno
 
 
 
                                          Giovane fui, ma vecchio ero.
                                             Bruciai la mia vita in poco tempo.
                                             Feci velocemente il mio vissuto.
                                                           Io lo volli!    
 
                                             Fui vecchio ancor giovane.
                                                   Morivo nascendo.
                                               In viso lo porto scolpito.
    
 
 
                                                                                                        
 
 
 
                                                                  
  
(da il Sogno)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Giuda d’Iscariot
 
 
 
 
 
Fui Giuda d’Iscariot per il tuo disprezzo.
-Giuda? Ti pensavo più giovane.-
Ero giovane, forte, intelligente, istruito…
Ma commisi l’errore che mi ridusse così:
Vecchio, cadente, malandato.
Ma non sapevo di sbagliare,
nessun dubbio mi aveva mai sfiorato:
Sapevo Chi era
Ma non ero pronto alle Sue parole.
Non compresi la Carità!
Stolto che fui.
Pur sapendo, chiesi altro.
Nella certezza, chiesi l’umano.
E divenni pietra d’inciampo
E il rimorso mi rode
Dai tempi passati
Fino
All’avvenire.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
(da il Sogno)
 
 
 
 
 
Misericordia..
 
 
Mi allontano da te, donna,
come lo sconfitto
dal suo vincitore.
Il silenzio.
Solo tutto il silenzio
di questo mondo,
potrebbe colmare l'amarezza del mio
cuore!
 
Ed io vorrei chiedere..
vorrei chiedere
misericordia
per Domenica Fulcon!
 
E a voi, simili ad uomini,
vorrei gridare tutto il mio dolore;
la mia rabbia d'impotenza;
la collera che mi sale al capo,
 
perche` tra di voi, c'e`:
il ricco
il malandrino
il prevaricatore
l'ingiusto
il traditore
 
che fecero di questa donna
la parodia di se` stessa,
la larva
l'afflitta
la condannata!
 
 
 
( da " Il sogno " )
 
 
 
 
 
 
                                                         La chiamata.
 
 
 
Io sono il nulla
che cerca il tutto;
Io sono la materia
che cerca lo spirito;
Io sono la creatura
che cerca il suo Creatore.
 
Ma qual'e` la via giusta?
Quale sara` il mezzo..
la chiave,
qual'e` la chiave che mi aprira` quella porta?
Dov'e`?
 
Dimmi qual'e` la strada,
Fammi conoscere la via..
Ecco, Signore,
aspetto un Tuo segno..
Io sono pronta!
 
 
 
 
 
 
 
( da " La chiamata " )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                           Ma tu vivrai!
 
 
 
Sussulti?
Hai paura?
No, non temere tesorino,
stai tranquillo,
mamma ti proteggerà.
 
Non metteranno le loro manacce
sulle tue carni;
non violeranno il tuo diritto
ad esistere;
Non ti butteranno in una fogna come avanzo
di triviali banchetti!
 
Sai mio tesoro?
un giorno mamma ti racconterà una storia:
La storia di una ragazza chiamata
dal Signore,
e di come le fu impedito;
dei litigi e dei silenzi coi famigliari;
delle meschinità di un innamorato;
dei pettegolezzi delle amiche;
E di tutte le cattiverie che l'hanno
inniserita.
 
Ma tu vivrai
ed io vivro` in te..
Tu sarai il mio riscatto..
Il tuo cordone ombelicale unira`,
indissolubilmente,
le nostre esistenze.
 
 
( da “La Chiamata” )
 
 
 
 
 
 
 
 
La madre del drogato.
 
 
 
..Io, giorno dopo giorno vivo questa realta`
che mi consuma.
Mio figlio non e` sano, ma tarato;
non e` importante, ma disadattato;
non e` ammirato, ma disprezzato e deriso;
non e` idolatrato, ma e` insultato, sputato e
calpestato.
E morira`!
.. Morira`da miserabile..
Consumato da un mortale veleno..
Ed io, impotente, ho varcato soglie,
ho percorso strade,
ho salito scale,
ed ho trovato solo porte chiuse,
cortesi rifiuti,
e promesse mai mantenute.
E mio figlio si consuma, e agonizza, e muore!
Cosa puoi sapere tu
di sofferenza quotidiana, di dolore
e di precoce morte?
Lei, non puo` consolare una disperata
come me!
 
 
(da " Maria di Nazareth ")
 
 
 
 
 
 
 
Processo a Gesu`
 
- E` giusto, che un solo uomo muoia
per tutto il popolo! -
 
- Sei tu il figlio di Dio? -
- Tu l'hai detto.-
- Ha bestemmiato, sia messo a morte! -
- Portatelo da Pilato, che sia sputato,
battuto e lapidato.-
 
- Quest'uomo s'e` fatto Re!-
- CROCIFIGGILO ! -
 
 
- Sei tu Re? -
- Sono Re, ma non di questo mondo..-
- Di un altro mondo? Ma di cosa parli,
straccione. -
- Parlo della Verita`. -
- La verita`?
Cos'e` la verita`.. cos'e` la verita`..
cos'e` la ..verita`? -
 
- CROCIFIGGILO ! -
 
- Filosofo, non trovo colpa in te, va' via!-
- Condannalo Pilato. Egli deve morire! -
- Ma quest'uomo e` innocuo,
e` solo un visionario..-
- E` un rivoluzionario!
Ha complottato contro Cesare..
 
- CROCIFIGGILO ! -
 
- Orbene, udite le accuse,
sentito le testimonianze,
considerate le circostanze..
Condanno alla crocifissione questo
innocente.
E` vostro! -
 
- Sul Golgota, sul Golgota,
insieme ai ladroni!..-
- E' INNOCENTE ! -
 
- Spargete il suo sangue,
spezzategli le ossa, dividetevi le vesti,
nudo deve morire! -
 
- E' INNOCENTE ! -
 
- E' giusto, che un solo uomo muoia
per tutto il popolo..-
-          
-         E' INNOCENTE ! –
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
(da " Maria di Nazareth ")
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La madre del condannato a morte.
 
 
- Zitto voi!
State zitto.
Che ne sapete voi di spade puntate
sul petto?
Che ne sapete delle nostre pene?
 
Voi parlate, parlate,
mentre le nostre tragedie si consumano,
giorno dopo giorno,
a dispetto dei vostri pomposi blaterii.
La spada che dovrebbe entrare nel suo petto,
e` gia` entrata in quello di mille madri
di giovani carcerati, di condannati.
 
Mio figlio,
anch'egli primogenito.
e` da tre anni rinchiuso nella cella della
morte..
Egli muore e risorge
secondo i voleri di un Procuratore vigliacco,
come il vostro..Ponzio Pilato..
E il mio cuore muore e si risveglia..
per un'esecuzione voluta e rimandata.
 
Ecco uomo la mia spada!
La spada toccatemi in sorte
per un evento delittuoso che la societa`,
per vendetta,
fa pagare con la morte
di Stato.
Ecco signori:
La legge del taglione! -
 
 
(da " Maria di Nazareth ")
 
 
 
 
 
 
 
La madre del soldato
 
 
-... Suo figlio e` morto. -
- Morto? ma non era soldato? -
- Lo era.. Decesso in servizio armato.-
- … Forse suicidio? -
 
- Perche` ti sei ucciso?
.. perche` ti sei tolta la vita?
perche` m'hai pugnalato al cuore?
Era istruito, era appagato, era amato,
ed e` morto!
Signor Presidente, signor Ministro,
signori Generali, ditemi:
Perche` mio figlio s'e` ucciso?
 
Madre Addolorata,
tu sai chi ti ha ucciso il figlio
sai il perche`,
e ti consoleranno,
e ti daranno pace.
 
Ma a me,
chi mi consolera`,
chi mi dara` pace,
chi mi dira` perche` mio figlio
s'e` ucciso?
 
Sai dirmelo tu?
Povera Madre Sventurata,
anche tu non sai dirmi:
perche`! -
 
 
 
(da " Maria di Nazareth ")
 
 
 
 
 
 
Troppo tardi.
 
 
 
Troppo tardi mie care
I germogli sono stati bruciati dal gelo,
e lo scirocco umido e afoso
ha appiccicato il male nero
sulle palpitanti foglioline,
intisichendoli.
Troppo tardi, amiche mie,
sulla mia testa vi sono ormai troppi capelli bianchi
e una marea di delusioni.
Troppo tardi.
Adesso sono stanco.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
(da “l’Uomo d’insuccesso)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Punto e basta.
 
 
 
 
Nacqui inesorabilmente
Proletario.
E mi portai appresso rimpianti paterni
E speranze materne.
Il Caso mi dette un nome
E una dignitosa povertà
Io e il Caso dormivamo insieme,
nella naca a vento.
Volli diventare borghese
E subito me ne pentii.
Poi osservando e percependo
Mi avvilii.
Vidi la Bestia e la Bontà,
là, dove c’è, senza misericordia.
Poi prima le illusioni,
dopo l’Utopia.
Ma all’Utopia mancavano
Gli Artisti e i poeti.
Punto e basta.
 
 
 
 
 
 
( da l’Uomo d’insuccesso)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   Lo scoppio
 
 
 
Improvvisamente
Il boato!
Ah, che boato:
E il mondo si invertì di colpo.
E quello che era cielo
Divenne terra!
E i massi piovevano dall’alto
E il fuoco pioveva dal cielo
E l’inferno
S’abbattè su di noi:
Pietre che rotolavano,
Pomici che rosseggiavano,
E polvere,
zolfo
fumo!
Poi
L’apocalisse
E
Morte!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 ( da l’Uomo d’insuccesso )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Io sono.
 
 
 
 
Ed ora io sono.
Sono un uomo
Libero.
Che con la forza del suo umano
E razionale
Pensiero
Ha osato!
E ha rotto le 
catene
Ed ora spazia nell’Infinito
Vaga nello Spazio
Cerca nel Gran Nulla
Fruga l’Eternità.
Scruta gli Abissi Ancestrali
Mira Picchi Futuri
Consapevole della sua
agognata
Libertà.
 
 
 
 
 
 
 
( da l’Uomo d’insuccesso)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ho sognato
 
 
 
 
 
 
Ho sognato i tuoi occhi
Blue.
Che mi dicevano:
consolati, m’hai trovato.
Ed ecco che sei qui:
ti ho cercata,
ti ho attesa, sei venuta.
Nel sogno e nella realtà.
E lo sapevo da prima
Da sempre
Dall’Eternità
Da oggi
Da quest’attimo.
E questo è il Miracolo.
Lungamente atteso.
 
 
 
 
 
 
(da Cose da …Santi)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Amore sano.
 
 
 
 
 
Amore sano
Amore infinito.
Tu
Quando non potrai più amarmi
Mi avrai tanto amato
Che mi basterà per il resto della vita.
Il tuo poco
Per me sarà il tanto, 
il tutto.
Io, avevo solo il nulla,
tristezza e morte.
Ora vivere senza il tuo amore
È pazzia!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
( da Cose da …Santi)
 
 
 
 
 
 
Campanellini
 
 
 
Quando mi abbracci
Odo campanellini suonare,
canti angelici,
profumi di fiori di campo.
E luci
Poi una vampa sul viso
E la mia anima si smarrisce,
mentre il corpo freme.
Io, ora sono la
Corolla di un fiore
Che si schiude
Che chiama
Che brama
Oddio, ti sento!
Ti trovo
In me.
E la tua anima si fonde con la mia
E si incontrano in infiniti Universi
Che frullano il mio cuore
Mentre nei miei pensieri
Scorre la Vita:
Che con gratitudine
L’accolgo.
 
 
 
 
 
 
( da Cose da…Santi)
 
 
 
 
 
 
 
 
La vedovanza.
 
 
 
 
 
 
La mia vita si è fermata a qual giorno.
Ora vivo per inerzia.
E questa casa mi ricorda te,
continuamente.
E non riesco a tollerarlo.
Tu non sai cos’è
La vedovanza,
-non la banalità della solitudine del sesso-
ma del vuoto che ti comprime
l’anima
che ti squarcia il petto.
Quel vuoto che ti fa ondeggiare la testa,
Come un barca sul mare di
Scirocco,
che ti fa illanguidire ogni attimo al ricordo
struggente
dell’amata che non hai più con
te.
 
 
 
 
 
 
 
 
(da “La Casa Nuova)
 
 
 
 
 
 
Canzone del baleniere
 
E il baleniere và,
sul grande oceano và,
naviga su forte nave di legno
e ferro americano.
 
E una bianca scia fa,
col sole e nell’oscurità,
più chiara delle nostre grandi vele,
e l’acciaio del rampone.
 
Coro:
 
Naviga e caccia,
caccia e naviga.
Affronta tempeste,
vince burrasche,
ricolma i barili,
riempie le stive.
 
 
E il baleniere và,
sul grande oceano và.
Quando tornerò dalla mia donna,
forte forte l’abbraccerò;
 
e la ricompenserò
di tutte le notti passate da sola,
col corpo la scalderò
e poi la rallegrerò…
poi amor, amor, amor
 
Coro:
 
                                       Poi…poi…amor…amor…amor…
                                                  E il baleniere và, 
                                              sul grande oceano và…
 
 
 
 
                                      ( dal “Capitano Achab, baleniere”)
 
 
 
                                                          Era l’amore
 
 
 
 
 
 
Era il mio amore
il mio bene, i miei occhi.
Con lei toccavo cime d’estasi:
La stringevo a me, e volavo;
L’accarezzavo, e toccavo il cielo;
La baciavo, ed era il Paradiso.
Ah, che amore! 
Anima mia.
Amandola, il mio essere l’assorbiva,
La sua voce mi scioglieva,
il suo odore mi sublimava,
il suo calore mi stordiva -
e vibrava la mia passione…
Poi mi disse: è la fine.
Ed io risposi:
 Amen
 
 
 
 
( da “Cose da …santi”)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L’Uomo.
 
 
 
 
Uomo, hai vinto 
il tuo Destino.
Tu, con la forza del tuo umano
E razionale
Pensiero
Hai osato!
E hai rotto le 
Catene!
Ed ora, libero, vaghi nell’Infinito,
Frughi nello Spazio,
Cerchi nel Gran Nulla,
Spazi nell’Eternità,
Scruti gli Abissi Ancestrali,
Miri Picchi Futuri,
Consapevole del tuo
agognato
Arbitrio.
 
Bravo! E poi?
Poi
Nulla!
 
 
 
 
( da “ L’uomo d’insuccesso”)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Quando facemmo d’amore
 
 
 
Sai, quando facemmo l’amore in quella stanza del vecchio monastero,
io mi sentii un uomo che,
immeritatamente,
aveva toccato il cielo.
Tornato a casa,
sdraiato sul mio lettino,
annusavo la mia maglietta
che odorava ancora di te.
Non mi lavai le mani
perché avevano toccato te e la tua intimità.
Invidiai il mio sesso
che era entrato in te.
Non volli pensare a nulla che non fossi tu!
Mi sentivo in trasferta  - in paradiso.
E feci grandi sogni ad occhi aperti.
Molti sogni e tutti vacui, ma sempre con te.
Tu riempivi il mio Tempo,
il mio Spazio,
me stesso.
Ah, che amore
stava germogliando nel mio petto,
che felicità
sgorgava dal mio cuore.
Volevo morire in quel momento
e fermare il tempo nostro,
per sempre!
 
Eppoi, in quella tua armonica casa,
dove m’invitasti la sera
- dopo che ti rifiutai l’invito al ristorante perché squattrinato -
E tu m’apristi,
vestita di tutto e di niente;
e quell’accogliente divano,
dove ci intrecciammo:
io te e l’amore,
mentre Rachmaninoff ansimava con noi.
Che amore, poi, dopo la gustosa cena,
quando mi portasti nel tuo letto.
Che amore!
 
E che dolore,
quando, dopo aver salutato il mio “gigione”-
come tu chiamavi il mio sesso,
con quel bacino dato sulla punta delle tue dita
e poggiato dolcemente sulla virilità appassita,
per l’intrusione di Deborah-
uscisti per sempre dalla mia vita.
E fosti sempre caparbia,
non volesti sentire ragione,
irremovibile!
Fine dicesti, e fine fu!-
 
 
 
( Da “ Un uomo sbagliato” )
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Come l’amore
 
 
 
 
 
 
- Tu…tu l’ami?-
– No, ma il mio sentimento vi è molto vicino:
le voglio bene per la sua sana bellezza,
l’adoro e la sua onesta bontà,
la rispetto per il suo forte animo,
la stimo per le sofferenze patite,
l’ammiro per quella che vuole essere,
la invidio per ciò che sa fare,
la benedico per quello che farà.
 
 
 
 
( da “ Un uomo sbagliato”)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Una visione apocalittica
 
 
Una visione apocalittica – al presente!:
Ho visto due grandi torri innalzarsi verso
il cielo.
Nuova Babele.
E gli uomini- ape, costruttori di idoli,
che vibravano
attorno, attorno, attorno,
alzando, alzando alzando.
E il chiasso, i rumori,
la musica ossessiva,
la cacofonia di suoni acuti, come di chi si
chiama,
vuole,
pretende.
Poi ho sentito tra quelle voci…
tante tante, tante
voci,
voci di folla…folla…folla,
e di uomini, uomini, uomini.
Uomini incupititi, ma uomini!
E di bambini, passeri implumi.
Poi…oddio…
poi…poi…poi,
udii un sibilo lacerare l’aria,
…erano…erano…erano
aerei,
come mostri di latta,
che sorvolavano il cielo.
E uno schianto!
Uno di essi,
come gabbiano ferito,
con un ultimo colpo d’ala,
s’abbatte su una delle due torri!
resto esterrefatto:
di fronte a quella linea
impazzita.
No! No! no!
Grido
Perché un altro aereo,
falco predatore,
determinato!
sfonda il cielo e la torre accanto!
Ed è tutto una fiamma.
Spariscono le api costruttrici,
fugge la folla formicolante,
impazzita dal terrore.
Fugge, corre, inciampa,
cerca salvezza!
Salvezza, salvezza, salvezza,
mentre dagli edifici urla di aiuto, sventolio di camicie, tovaglie bianche di resa,
chiedono disperatamente:
salvateci dall’inferno!
E un riso beffardo lordò l’aria!
Chi si è sostituito a te!
Gridai al cielo.
Ma il cielo rimase muto e fumoso.
Gridai, gridai, gridai
Impotente gridai,
dalla visione paralizzato,
non dalla paura,
ma dallo sbigottimento!
Poi il grottesco crollo delle torri
che si inginocchiavano
vinti:
prima l’una, poi l’altra!
Collassando,
sedendosi su se stesse,
in un rumore assordante,
in una nuvola di polvere,
in una Apocalisse annunciata.
E fu il Caos che venne a visitare
gli uomini!
E fu morte, strazio, orrore, pazzia per una moltitudine di essi.
E fu Erode - con la sua strage!!!
E fu l’inizio di nuovi massacri!
Ecco: Vidi la guerra e il rumore di guerra
appressarsi.
Udii la tempesta dei caccia,
il ringhiare dei carri armati,
il singhiozzo dei razzi!
E il sangue
scorreva,scorreva, scorreva
a fiumi lungo strade, deserti, montagne.
E sulla cima di una montagna c’era seduta una
figura in mero,
mentre un’altra, bianca, le stava al fianco,
in piedi.
Una impugnava
una falce,
l’altra reggeva
una clessidra.
Mute, mute, mute.
Ed io, ritornato bambino,
gridavo a valle:
Badate! Badate… badate.
Ma, in quel rumore assordante
di guerra
e di sapore di guerra,
nessuno mi  - ascoltava.
Allora decisi di tracciare
un cerchio
per terra,
di sedermi al centro di esso,
e di  escludermi dal quel mondo
assassino.-
 
 
(da “Un uomo sbagliato”)
  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 La perdita del lavoro.
 
 
Quando mi licenziarono mi cadde addosso
Il mondo.
Improvvisamente, come un colpo alla testa mi
 Stordì.
E nel cuore mi venne
Un sussulto;
il mio animo si spezzò
provai ciò che mi successe
quando la mia ragazza, dalla quale ero innamorato pazzo,
mi lasciò:
mi sentii mancare;
le forze vitali mi abbandonarono
galleggiavo nel nulla,
inebetito.
 
Incredulo e costernato
cercai un altro lavoro,
ma, a parte qualche millantatore
e un tronfio chiacchierone,
nessuno mi dette lavoro
o la speranza di 
lavoro.
Passai quindi dalla costernazione 
Alla rabbia!
Volevo far saltare in aria il
Mondo;
volevo picchiare il mio prossimo
che mi passava accanto
indifferente.
Poi…
Poi la violenza si impossessò di me:
Divenni criminale.
 
 

( da “Era la notte del Santo Natale”)